Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Cult of Luna
A Dawn to Fear
Demo

Wraith (USA)
Absolute Power
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

23/09/19
IVORY TOWER
Stronger

23/09/19
JUMPSCARE
Don`t Close Your Eyes

27/09/19
FERALIA
Helios Manifesto

27/09/19
STEEL PANTHER
Heavy Metal Rules

27/09/19
DRAGONFORCE
Extreme Power Metal

27/09/19
OPETH
In Cauda Venenum

27/09/19
WEAPON UK
Ghosts of War

27/09/19
WEDNESDAY 13
Necrophaze

27/09/19
MORTEM
Ravnsvart

27/09/19
E-L-R
Mænad

CONCERTI

24/09/19
DEVILDRIVER + METHEDRAS + THAEIA (ANNULLATO!)
LEGEND CLUB - MILANO

25/09/19
DEVILDRIVER + METHEDRAS + THAEIA (ANNULLATO!)
ORION - ROMA

26/09/19
RIVERS OF NIHIL + GUESTS
CIRCOLO SVOLTA - ROZZANO (MI)

26/09/19
RATOS DE PORAO + NUCLEAR (ANNULLATO!)
SPAZIO POLIVALENTE - CARAMAGNA PIEMONTE (CN)

26/09/19
NERO DI MARTE + JUGGERNAUT
PADIGLIONE 14 - COLLEGNO (TO)

27/09/19
RATOS DE PORAO + NUCLEAR (ANNULLATO!)
TRAFFIC CLUB - ROMA

27/09/19
NERO DI MARTE + JUGGERNAUT
JOE KOALA - OSIO SOPRA (BG)

27/09/19
SOUL OF STEEL + ROBERTO TIRANTI
BLACKSMITH PUB - CRISPIANO (TA)

28/09/19
RATOS DE PORAO + NUCLEAR (ANNULLATO!)
AGRITURISMO AI DUE LAGHI - GAMBULAGA DI PORTOMAGGIORE (FE)

28/09/19
SUMMER OF THE DEAD FEST
POSTWAR CINEMA CLUB - PARMA

Algaion - Exthros
( 2267 letture )
Non basta la conoscenza del greco antico per capire gli Algaion e la loro ultima fatica, anche se sono trascorsi ben 13 anni dall'ultimo full lenght. Exthros è un insieme dei fervori musicali più maturi che una band può avere al suo interno: musica d'assalto, complicata, immensa, il raggiungimento di vette mirabilissime ricche di suoni profondi e poderosi.

Gli Algaion sono una realtà oramai consolidata del panorama estremo svedese, forte di una qualità eccelsa dei membri sia di quelli attuali, sia di coloro che hanno ruotato intorno al nucleo del gruppo durante gli anni. L'ambivalenza musicale degli Algaion la si può serenamente spiegare e mostrare dando una rapida occhiata anche alle passate esperienze dei musicisti: Bjorkman già componente degli Arditi (eh si, proprio quelli del pezzo industrial-neoclassico di Rom 5:12 dei Marduk) e il bravissimo drummer Robert Eng attivo nei rudi Satanic Slaughter. Appunto l'unione dei due aspetti sonori, quali le orchestrazioni studiate,melodie piacevolmente diverse e rapidissime parti suggestive ben prolungate e vaste, rendono questo album veramente completo sotto ogni aspetto.

L'intro Alpha svolge egregiamente la sua funzione di incipit, di fiammeggiante iniziazione e di unica preparazione per la prima traccia reale dell'album That Time is Nigh, dove subito si modellano chiaramente le coordinate stilistiche del gruppo. Perenni e piacevolissime figurazioni veloci fanno da sfondo ad ampi ma calibrati lavori tastiericistici che mettono in risalto le bellissime parti vocali, a tutto petto, dirette e di potente magnificenza. Nel Dio del Sangue (traduzione della seconda traccia Theos tou Aimatos) risiede un'oculata freschezza ritmica,che ricorda molto gli ultimi lavori di una band come i Rotting Christ,dove i riff serrati e costruiti quasi in modo seriale vengono comandati da uno splendido lavoro di cassa; una fluidità spontanea che non blocca l'aggressività che il pezzo vuole concedere. Nature Our Slave è un brano che ricorda molto gli stilemi musicali ossessivi del black metal norvegese, arricchendoli da sconvolgenti arresti sonori che subito sono rimpiazzati da una melodia continua fumosamente piacevole. L'atmosfera e l'astrattismo dei paesaggi sonori di questo album vengono esaltati in Ruach Adversi con compatti riff monocordi pregni di quell'elasticità ritmica che a volte è necessaria per soppiantare ai soliti furiosissimi blast beats, più oramai una noiosa consuetudine che una creazione originale. Il nono capitolo di Exthros è un medley di tributo alle due band black fondamentali e in vista dei territori ellenici; i brani ripresi sono rispettivamente la prima traccia del primo full lenght dei Rotting Christ e l'ultimo brano del primo lavoro dei Thou Art Lord (chiaramente grandissime influenze per il combo svedese), sapientemente unite e caricate di quel pathos che oramai è una categoria ontologica per descrivere il sound del gruppo. L'ultima effettiva traccia House of War è depositaria di un riff fluente e particolarmente emotivo che riproponendosi numerosamente durante il pezzo, chiude con grande dignità Exthros (Il Nemico, appunto).

Un ritorno veramente glorioso dopo così tanti anni di silenzio, dove tutti gli elementi riportano le credenziali necessarie per apprezzare questo lavoro. Ancora una volta la Svezia ci ha stupiti e gli Algaion hanno coraggiosamente fatto avanzare la soglia e la quantità dei grandiosi prodotti che questa splendida terra sa offrirci.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
22.94 su 17 voti [ VOTA]
Luca
Domenica 19 Dicembre 2010, 21.01.42
8
E beh.. non posso che condividere l'opinione su questo disco, veramente devastante! Non mi ricordavo gli Algaion cosi in palla dal loro esordio,sono proprio felice di questo grandioso ritorno!
FURIO
Domenica 14 Novembre 2010, 11.23.05
7
Si, i Puissance non hanno mai toppato, mentre gli Arditi stanno un po' stancando.... Effettivamente tra i rispolverati potrebbero trovare spazio ma come vedi, oltre noi due, quì non s'interessa nessuno a questa scena...
enry
Sabato 13 Novembre 2010, 7.48.06
6
Eh, lo dicevo perchè ho tutta la discografia delle bands citate...Cmq, l'ultimo Puissance è l' ottimo 'Grace of God' del 2007 uscito su Equilibrium. Gli Arditi li preferivo agli esordi, mentre i Puissance di fatto non hanno mai sbagliato un disco. Beh, si può rimediare nei 'rispolverati', soprattutto i primi tre sono davvero dischi enormi, con in testa il terzo 'Mother of Disease'. Lo so è un lavoraccio, e come detto a Giasse per il momento purtroppo non posso dare una mano...
FURIO
Sabato 13 Novembre 2010, 2.09.43
5
@enry...ho la memoria offuscata ma mi sa che hai ragione tu! Condivido la stima sui Puissance ma che io sappia non hanno prodotto più nulla negli ultimi anni... una nuova recensione mi pare insperabile! Puntiamo sugli Arditi!!
enry
Venerdì 12 Novembre 2010, 20.35.18
4
Furio, ma i Puissance non sono sempre stati Soderlund e Moller? Non mi pare che Bjorkman ne abbia mai fatto parte...Soderlund (Puissance e Parnassus), Moller (Puissance e Arditi), Bjorkman (Arditi e Algaion). Comunque quoto sui Puissance, credo sia doverosa qualche recensione...
FURIO
Venerdì 12 Novembre 2010, 18.44.41
3
Grandi musicisti, sin dai tempi dei Puissance!
enry
Venerdì 12 Novembre 2010, 12.13.11
2
Gradito ritorno, mi son sempre piaciuti sia gli Algaion che gli Arditi. Certo che Bjorkman ha una coerenza degna di un lombrico...Disco in arrivo.
Blackster
Giovedì 11 Novembre 2010, 17.05.09
1
Tò, guarda te chi ritorna a farsi sentire, non sapevo nulla di quest'album, la recensione mi ha incuriosito non poco.
INFORMAZIONI
2010
Pulverised Records
Black
Tracklist
01 'Alpha'
02 'That Time Is Nigh'
03 'Theos Tou Aimatos'
04 'We Are The Enemy'
05 'The Last Of The Cursed Days'
06 'Nature Our Slave'
07 'Ruach Adversi'
08 'This Is Our Temple'
09 'Sign Of Evil Existence/ Era Of Satan Rising'
10 'House Of War'
11 'Omega'
Line Up
Mårten Björkman (Vocals)
Mathias Kamijo (Guitar, bass, keyboards)
Robert Eng (Drums)


Link e Contatti:
Algaion @MySpace
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]