Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Iamthemorning
The Bell
Demo

Break Me Down
The Pond
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/10/19
PLATEAU SIGMA
Symbols - The Sleeping Harmony of the World Below

25/10/19
JOE BONAMASSA
Live at the Sydney Opera House

25/10/19
THE LONE MADMAN
Let the Night Come

25/10/19
VISION DIVINE
When All Heroes Are Dead

25/10/19
ZONAL
Wrecked

25/10/19
EDELLOM
Sirens

25/10/19
ANTHONY PHILLIPS
Strings of Light

25/10/19
CREST OF DARKNESS
The God Of Flesh

25/10/19
STEVE HACKETT
Genesis Revisited Band & Orchestra: Live at the Royal Festival Hal

25/10/19
EXMORTUS
Legions of the Undead

CONCERTI

19/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
RIVOLTA - VENEZIA

19/10/19
NODE + GUESTS
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

19/10/19
SKELETOON + GUESTS
DAGDA LIVE CLUB - RETORBIDO (PV)

19/10/19
FOLKSTONE
ORION - ROMA

19/10/19
PINO SCOTTO
KILL JOY - ROMA

19/10/19
DOOM OVER KARALIS
CUEVAROCK LIVE - QUARTUCCIU (CA)

19/10/19
ERESIA + GUESTS
THE FACTORY - CASTEL D'AZZANO (VERONA)

19/10/19
SHORES OF NULL + SEDNA
SCUMM - PESCARA

19/10/19
GIGANTOMACHIA + ASHENFIELDS + BRVMAK
EQUINOXEVENTS - FROSINONE

19/10/19
PEDIGREE + GUESTS
CASEIFICIO LA ROSA - POVIGLIO (RE)

Kate Bush - The Kick Inside
( 6123 letture )
Immagino le facce perplesse di molti di voi vedendo comparire nella nostra home l'icona di un disco di Kate Bush.
Quelli più giovani probabilmente avranno pensato: "Kate Bush? E chi ca... spita è?", mentre quelli con alcune primavere in più alle spalle avranno esclamato: "Kate Bush? Possibile?".
Ebbene si, per quelli più anziani dirò che si tratta proprio di quella ragazza dalla voce acuta il cui super hit mondiale Wuthering Heights monopolizzava spesso il giradischi nelle feste in cui noi 12-14enni tentavamo disperatamente di ottenere qualcosa di concreto da ragazzine coetanee che invece erano immancabilmente attratte da attempati diciassettenni, già in fase post-brufolare, mentre per quelli più giovani che avessero già letto il titolo della canzone appena richiamata e fossero andati a controllare di cosa si tratti rimanendo anche loro oltremodo perplessi, dirò di aspettare a giudicare, perchè Kate Bush è un'artista veramente interessante per numerosissimi aspetti, ma a questo punto è d'uopo qualche cenno biografico.

Kate Bush mostra da subito un precocissimo talento musicale, tanto che si dice che prima di raggiungere l'età per frequentare i pubs abbia già composto circa duecento pezzi. Roba che molti fanno in una intera carriera.
Intorno al 1975 uno dei suoi nastri capita in mano a tale David Gilmour (si, quel Gilmour) che giudica il suo materiale oltremodo interessante, tanto da farle avere un contratto con la EMI.
Kate ha appena compiuto diciotto anni, ma -al contrario del 99% dei suoi coetanei e di una percentualie simile di gente molto più esperta- opta per una scelta incredibile: dopo aver composto un paio di pezzi giusto per giustificare il suo contratto e l'anticipo versatole dalla casa discografica, invece di preparare il disco decide di investire sulla sua preparazione, e lo fa a 360°.
Comincia a frequentare i corsi di Linsday Kemp -un genio della danza contemporanea- quindi fond una sua piccola band per farsi le ossa dal vivo nei locali.
Vorrei far notare che il periodo in oggetto è compreso tra il 75 ed il 77/78, ossia durante l'esplosione punk, mentre la proposta di Kate Bush è estremamente raffinata e lontanissima dal trend dell'epoca. Avrei voluto proprio esserci per vedere le reazioni del pubblico, anche se le cronache riferiscono di un rispetto che la ragazza evidentemente ispirava in maniera innata, tanto da farla giudicare "brillante" da un tipo come Johnny Rotten, non esattamente noto per il suo rispetto verso il prossimo.

Con queste esperienze alle spalle Kate Bush registra nel 78 l'album The Kick Inside (uscito con una infinità di cover diverse dedicate ai vari mercati ed accompagnato da qualcosa come sette video, oltre ad un battage pubblicitario molto notevole) ed anche in questo frangente dimostra di sapere esattamente cosa vuole e soprattutto come ottenerlo.
Contro l'espresso volere della EMI e contro tutte le logiche di mercato imperati nel periodo punk, riesce ad ottenere che il singolo che deve far da traino al disco sia appunto Wuthering Heights, e non quello scelto dai discografici, il più rock James And The Cold Gun.
La mossa si rivela più che vincente, dato che Wuthering Heights -ispirato al romanzo di E. Bronte e soffusamente gotico- diventa un tormentone a livello globale, ed il singolo arrivò ripetutamente al numero uno delle charts Inglesi vincendo numerosi premi.

Come accaduto in altre occasioni simili, la presenza di un tale tipo di pezzo fece passar un po' in cavalleria le qualità del resto dell'album, che invece erano parecchie.
La produzione era firmata Gilmour e Powell (quest'ultimo vicino addirittura a Stockausen) ed il lotto di pezzi che lo componeva -suonato da un autentico battaglione di musicisti- era interamente connotato da una estrema raffinatezza compositiva che spaziava dal pop al rock passando per il gothic, e da una altrettanta raffinata cifra espressiva nei testi che trattavano dalla letteratura al sesso, dalla filosofia all'attualità, il tutto conservando sempre una modalità espressiva alta, veicolata dalla più che caratteristica voce di Kate tendente al soprano e sottile, ma forte allo stesso tempo.
La carriera della Bush si sviluppò sempre su buoni livelli, con collaborazioni importanti (Peter Gabriel per esempio) e con numerosi interessi da parte sua nella regia cinematografica, tanto che molti suoi video portano proprio la sua firma, ma anche alcuni film.

Che si tratti del rock aggressivo di James And The Cold Gun, della sofisticatissima tematica Sufi di Them Heavy People, del sesso esplicitamente trattato di Feel It (a saperlo prima avremmo utilizzato questa canzone nelle feste) alla delicatezza di The Man With The Child In His Eves ed a quella veleggiante sul piano di Moving o Strange Phenomena, od ancora al loop di sax di Saxophone Song, questo è un grande album da qualunque punto di vista vogliate affrontarlo, e senza questa ragazza oggi una come Bjork forse non esisterebbe. Vi basta?
Anche stavolta di metal nemmeno l'ombra, ma quando si tratta di arte le barriere non hanno senso, giusto?



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
67.35 su 42 voti [ VOTA]
LostHighway78
Domenica 3 Marzo 2019, 11.58.36
12
p.s. ovviamente il capolavoro di Kate non è questo né il sopravvalutato Hounds of Love(prima parte discotecara banalissima e seconda parte migliore ma musicalmente povera nonché troppo debitrice dei Pink Floyd di The Wall). Il DiscOne è di gran lunga l'enorme The Dreaming.
LostHighway78
Sabato 2 Marzo 2019, 19.18.38
11
Debutto memorabile, media qualitativa sorprendente, testi duri e morbosi che contraddicono spesso la musica sbarazzina(con raffinatezza e senso del bello). Prime tre tracce spettacolari, la fiaba celtica The Man With The Child In His Eyes e poi l'immortale Wuthering Heights. Qualche lieve flessione nella seconda parte, per quanto Feel It sia notevole e la title-track a chiudere coraggiosa, tristissima, poetica. Voce da soprano lirico-leggero che copre 4 ottave fino a raggiungere in basso il mezzosoprano contraltino -il tutto senza gratuito sfoggio virtuosistico.
Ice
Lunedì 26 Marzo 2018, 19.05.54
10
L'80 è un po' basso. Il voto lettori non si puo' vedere.
Vitadathrasher
Sabato 30 Gennaio 2016, 13.54.50
9
Non pensavo ci fosse questa recensione, qui. Anche se è un album fuori contesto, metal, non si può dare un 80 ad un lavoro di questo tipo, nel suo genere è un masterpiece! Non ha un calo! I soliti numeri buttati lì!
Rob Fleming
Sabato 30 Gennaio 2016, 13.42.52
8
Questo debutto è fuori da ogni classifica e voto. Il trittico iniziare annichilisce. E c'è qualcuno che gli affibbia la grave insufficienza. Ma perché esiste certa gente? (perché do per scontato che costoro non sanno nemmeno di si sta parlando, figuriamoci ascoltato l'album)
giorgio
Lunedì 4 Marzo 2013, 17.02.36
7
non mi impressiona moltissimo questo disco anche se ha tanti spunti interessanti e Kate Bush è una delle artiste più rappresentative degli ultimi 30 anni. Ci sono, ovviamente, tutte le prerogative per la splendida carriera futura, sempre anticonformista e fuori dai canoni tradizionali della musica commerciale. Dal mio punto di vista l'apice compositivo avverrà in hounds of love, disco stratosferico dove la grande Kate passa in rassegna una miriade di generi musicali e li fonde in maniera impressionante, anche in quel frangente la casa discografica cercò di boicottare il progetto ritenendolo poco commerciale ma la statura artistica della nostra signora e il coraggio nel perseguire le sue aspirazioni artistiche ci consegnarono un disco assolutamente impressionante per creatività, arrangiamenti e registrazione. Riscopritelo.
Hellion
Domenica 14 Novembre 2010, 14.05.09
6
...che grande!
Ares
Sabato 13 Novembre 2010, 20.15.54
5
Bellisima recensione e ottima riscoperta
Nikolas
Sabato 13 Novembre 2010, 19.17.12
4
Artista assolutamente da riscoprire, Wuthering Heights è da brividi!
metal4ever
Sabato 13 Novembre 2010, 19.01.56
3
senza offesa per la Bush, ma preferisco la versione degli angra
Raven
Sabato 13 Novembre 2010, 16.27.21
2
Grazie a te
zoso
Sabato 13 Novembre 2010, 13.16.28
1
quanto mi avete fatto felici a pubblicare una recensione su una delle mie cantanti preferite. kate bush è un'artista che ha fatto solo bei dischi lontanissimi dall'essere commerciali, ha una voce invidiabile da qualsiasi altra cantante femminile e un totale senso dell'arte. ringrazio lo staff di metallized per aver dedicato tempo a kate bush.
INFORMAZIONI
1978
EMI
Inclassificabile
Tracklist
01 Moving
02 The Saxophone Song
03 Strange Phenomena
04 Kite
05 The Man with the Child in His Eyes
06 Wuthering Heights
07 James and the Cold Gun
08 Feel It
09 Oh to Be in Love
10 L'Amour Looks Something Like You
11 Them Heavy People
12 Room for the Life
13 The Kick Inside
Line Up
Kate Bush - voice, piano, keys
Ian Bairnson -guitar, voice
Paddy Bush - armonica, mandolino
Barry DeSouza - drums
Stuart Elliot - drums
David Katz - violin
Paul Keogh - guitar
Bruce Lynch - bass
Duncan Mackay - synth, keys
Alan Parker - guitar
David Paton - bass, voice
Morris Pert - percussions
Andrew Powell - synth. keys
Alan Skidmore - sax
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]