Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Dark Tranquillity
Moment
Demo

Veritas
Threads of Fatality
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

27/11/20
WRECK-DEFY
Powers That Be

27/11/20
ARRAYAN PATH
The Marble Gates to Apeiron

27/11/20
SOMBRIA
Chirographon Dei

27/11/20
FULL HOUSE BREW CREW
Bare Knuckle

27/11/20
ANTHENORA
Mirrors and Screens

27/11/20
FURIOUS TRAUMA
Decade at War

27/11/20
TERRAVORE
Vortex of Perishment

27/11/20
ULTIMATIUM
Virtuality

27/11/20
JADED HEART
Stand Your Ground

27/11/20
ONDSKAPT
Grimoire Ordo Devus

CONCERTI

27/11/20
RHAPSODY OF FIRE (POSTICIPATO)
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

28/11/20
RHAPSODY OF FIRE (POSTICIPATO)
LEGEND CLUB - MILANO

28/11/20
BELPHEGOR + GUESTS
BLACK WINTER FEST - MILANO

29/11/20
ORPHANED LAND
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

29/11/20
MARDUK (RIMANDATO)
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

30/11/20
MARDUK (RIMANDATO)
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

01/12/20
ORPHANED LAND
LEGEND CLUB - MILANO

02/12/20
ORPHANED LAND
TRAFFIC CLUB - ROMA

03/12/20
ROSS THE BOSS + GUESTS (CANCELLATO!)
LEGEND CLUB - MILANO

03/12/20
NAPALM DEATH
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

Niccolò Abate - Here We Are
( 1080 letture )
Giunge al debutto discografico Niccolò Abate, giovane compositore e tastierista Milanese che, in via del tutto solitaria, ha realizzato questo primo mini-cd intitolato Here We Are, composto di tre brani inseribili in un contesto musicale difficile da descrivere con precisione (ed in poche parole), ma sicuramente inseribile all'interno dell'area del metal melodico, bagnato di progressive e power metal. Inciso presso i BiosProductions Studios e masterizzato presso i Massivearts Studio, Here We Are convince a metà: se da un lato le capacità tecniche e compositive di Niccolò impediscono alla band di cadere in quegli errori un po' banali tipici degli artisti emergenti, dall'altro una produzione eccessivamente fredda impedisce alla musica di toccare veramente nel profondo. Ma andiamo con ordine, e vediamo di capire come è fatto questo disco...

Here We Are è composto di tre brani, per un running time totale che supera di poco i venti minuti: credo quindi che qui ci sia abbastanza musica per valutare l'operato del buon Niccolò e dei suoi compagni di viaggio, che si esprimono attraverso due brani cantati ed uno strumentale; il lavoro è dal punto di vista meramente esecutivo inattaccabile, dato che i cinque musicisti coinvolti hanno suonato molto bene le proprie partiture -anche se la voce di Scream appare in alcuni punti un po' sforzata, aspetto che però descrivo a bassa voce, sia perchè si tratta di un demo (quindi di un prodotto che è stato autofinanziato, con tutto quel che ne consegue sul piano del tempo trascorso in studio), sia perchè comunque Scream è nel complesso un buon cantante. Anche sotto il profilo della bontà delle composizioni c'è ben poco da criticare, anzi, vorrei lodare l'impegno di Niccolò, che si è prodigato nel realizzare dei brani ben strutturati, fatti di sezioni tra loro diverse ed al contempo legate in maniera molto naturale: tre pezzi stratificati in linee melodiche ben arrangiate tra loro, sopra un tappeto ritmico congegnato molto intelligentemente. Ascoltare 18 Years per credere!

Come già accennato, credo però che ci sia un problema produzione: non che il disco suoni male, semplicemente suona sbagliato. Vedete, da un mini-cd così melodico mi aspetterei dei suoni caldi, una sezione ritmica compatta e potente, delle linee soliste e melodiche ben in evidenza; invece troviamo una batteria poco convincente (si sarebbe forse potuta valutare l'ipotesi di usare un banco suoni diverso?), in cui i tom tutto suonano fuorchè profondi, e che comunque mi sembra troppo piatta dal punto di vista della dinamica. Anche la chitarra è decisamente sottotono, specialmente negli assoli, il che è un gran peccato perchè Stefano Peloso in certi casi fa dei numeri veramente impressionanti (assolutamente all'altezza di quelli che fa Abate nei suoi virtuosismi). Mi viene da pensare che chi ha deciso sui suoni non abbia capito come realizzare concretamente il senso della musica della band, ma su questo -per ovvi motivi- non ho intenzione di sbilanciarmi.

Insomma, quel che manca a questo promo è una produzione degna del suo contenuto: se da un lato è vero che non bisogna calcare troppo la mano con gli autoprodotti, perchè questi dischi solitamente vengono regalati, o venduti a due soldi tanto per rientrare nelle spese di produzione, nell'auspicio di ottenere comunque una certa visibilità e trovare un contratto discografico serio (cosa sempre più rara, oggigiorno, ma questo è un altro discorso), d'altro canto è anche vero che quando ci sono possibilità espressive buone, quando c'è la passione, quando ci sono le capacità, è necessario che ci sia anche l'estetica, altrimenti gustare (o interpretare) un lavoro musicalmente significativo rischia di essere molto, molto difficile. Mi permetto di esser così schietto perchè credo che un parere spassionato possa essere dato solo da chi, come me nella mia posizione, è chiamato a valutare un disco a 360 gradi, senza fingere che tutto sia perfetto. Quindi, riassumendo in due parole: bravo Niccolò, bravi i suoi amici musicisti e bravo a chi ha disegnato il booklet... per essere un primo demo, non c'è proprio niente male. La prossima volta, però, cerchiamo di riflettere questa qualità anche in una bella produzione: ne va anche della vostra soddisfazione personale ;-)



VOTO RECENSORE
68
VOTO LETTORI
35.11 su 17 voti [ VOTA]
Khaine
Giovedì 18 Novembre 2010, 14.18.59
2
Grazie a te Niccolò, sei uno in gamba vedi di non bruciarti, eh! Abbiamo bisogno di tanto buon metallo
Niccolò Abate
Giovedì 18 Novembre 2010, 14.01.45
1
Grazie infinite per la recensione e le critiche. Cercherò di migliorare per il prossimo lavoro! Saluti! Niccolò Abate
INFORMAZIONI
2010
Autoprodotto
Metal
Tracklist
01 Here We Are
02 Sacrifice
03 18 Years
Line Up
Scream - Voce
Paolo Brazzo - Chitarra ritmica
Stefano Peloso - Chitarra solista
Niccolò Abate - Tastiere
Jacopo Rota - Basso
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]