Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Wardruna
Kvitravn
Demo

Profanity (GER)
Fragments Of Solace
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

29/01/21
STEVEN WILSON
The Future Bites

29/01/21
WILSON
Thank You, Good Night. Live

29/01/21
SOULS OF DIOTIMA
Janas

29/01/21
EXIMPERITUS
Šahrartu

29/01/21
NIGHTFALL
Eons Aura (EP Reissue)

29/01/21
NIGHTFALL
Athenian Echoes (Reissue)

29/01/21
WEREWOLVES
What a Time to be Alive

29/01/21
CELLAR TWINS
Duality

29/01/21
NIGHTFALL
Macabre Sunsets (Reissue)

29/01/21
NIGHTFALL
Parade Into Centuries (Reissue)

CONCERTI

06/02/21
MAGNUM + GUEST TBA (CANCELLATA)
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

11/02/21
VENOM INC. + GUESTS
TRAFFIC CLUB - ROMA

12/02/21
VENOM INC. + GUESTS
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

13/02/21
VENOM INC. + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

17/02/21
IMONOLITH + TBA
BARRIO'S CAFE - MILANO

18/02/21
IMONOLITH + LOGICAL TERROR
MK LIVE - CARPI (MO)

19/02/21
THE DEAD DAISIES
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

20/02/21
ANCIENT + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

21/02/21
TURMION KATILOT
LEGEND CLUB - MILANO

26/02/21
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

StarGazer - A Great Work Of Ages
( 2533 letture )
Magia, unione e chaos. Sono proprio questi i sostantivi che subito ci vengono in mente ascoltando l'ultimo lavoro degli australiani Stargazer. Ma non è tutto così semplice.

Il gruppo, nato nel 1995, ha tra le sue schiera membri delle più disparate e varie formazioni del panorama estremo australiano e neozelandese, dai sepolcrali doomster Mournful Congregation agli Tzun Tzu, quest'ultimi fautori di un death metal ricco di richiami alla cultura nipponica e al modus vivendi filosofico e non dell'est orientale. Da molti anni a questa parte si nota come la gran parte dei progetti in grado di innovare, o quantomeno di portare una ventata di aria fresca in generi come il death e il black, provengano proprio da questa zona geografica. Lo spessore dei contenuti lo rileviamo non solo nella sfera musicale,ma anche in quella inerente all'aspetto lirico e argomentativo. Gli Stargazer, così come altre band a loro affini, riescono a unire la magia e le oscure credenze natie ad un approccio sonoro quasi d'assalto e furioso, di matrice europea, che viene ordinato e costruito da coinvolgenti aperture melodiche. In questo secondo full-lenght del gruppo la voce claustrofobica - che ricorda molto paradossalmente quella dei primi Archgoat - arricchisce un sound pesantemente riverberato che fin dal primo pezzo (Red Antlered Radiant) concede una vena caotica e tempestosa a quasi tutti i brani. Le linee di basso, sempre in evidenza, riescono a riportare l'intenzione dei brani ad una condizione più terrena vivificando tutto l'arrangiamento e alleggerendo le numerose parti dissonanti. Pypes of Psychosomatis strumentalmente sembra essere legata alle composizioni degli ultimi Coroner, dove piacevolissime ritmiche serrate di notevole difficoltà esecutiva preparano evoluzioni in territori aperti e rilassati,tutto per poi sconfinare in un'articolata ma non meno emotiva escursione jazz. La quinta traccia, Chase for the Serpentsong, racchiude una crescita quasi naturale del suo nucleo iniziale, che viene modificato con grande fluidità e maestria,come se il brano sia spontaneamente evoluto con drastici cambi sonori al suo interno grazie ad un climax, dove i punti salienti sono l'intro di basso iniziale, che a sua volta viene raggiunto da un raffinato accompagnamento batteri stico, e la cavalcata a metà pezzo liberatoria e di grandissimo significato per il pezzo. The Morbid Slither,The Sinner Sough è uno degli episodio megli congeniati di tutto l'album nonostante sia il più breve: è continuamente intervallato da incessanti cambi di tempo che ora si uniscono a blast beat ben assettati, ora a fraseggi dal sapore fusion che contribuiscono a quella mobilità ed elasticità del sound. Invece il momento più intimistico di tutto l'album si trova nell'ultimo brano (Formless Face of the Timeless Faceless), che conclude questo lavoro con la stessa sregolatezza ed ecletticità di come era iniziato.

A Great Work Of Ages è stato stampato e rilasciato dalla canadese Profund Lore (al lavoro già anche con i grandiosi Amesoeurs e gli Agalloch) e la produzione delle 8 traccie, nonostante enfatizzi i bassi e sonorità più chiuse, riesce benissimo a dare il senso dovuto alle numerose parti acustiche e jazzate. Un lavoro ricco e ben realizzato, che mostra lodevolmente le intenzioni dei Stargazer e li prepara a spiccare tra le realtà vicine di quell'area, così tanto nascosta ma colma di grandissimo fervore musicale, del nostro amato(?) mondo.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
26.66 su 18 voti [ VOTA]
Nikolas
Mercoledì 17 Novembre 2010, 23.40.44
1
Estremamente interessante...
INFORMAZIONI
2010
Profound Lore Records
Avantgarde
Tracklist
1. Red Antlered Radiant
2. Passing Stone - Into The Greater Sun
3. Pypes of Psychosomatis
4. Refractive Convex Continuum
5. Chase For The Serpentsong
6. The Morbid Slither, The Sinner Slough
7. Hue-Man-King
8. Formless Face of the Timeless Faceless
Line Up
# Denny Blake "The Serpent Inquisitor" (guitar, vocals)
# Damon Good "The Great Righteous Destroyer" (bass guitar, vocals)
# Selen Gol "Selenium" (drums)


Link e Contatti:
Stargazer @MySpace
 
RECENSIONI
80
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]