Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Dirge
Lost Empyrean
Demo

In Autumn
Greyerg
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

15/12/18
YSENGRIN/STARGAZER
D.A.V.V.N.

15/12/18
SPEED KILLS
Speed Kills

21/12/18
JON SCHAFFER`S PURGATORY
Purgatory

21/12/18
IN SHADOWS AND DUST
Enlightened By Darkness

21/12/18
BLOOD FEAST
Chopped, Diced and Sliced

21/12/18
WITCHING HOUR
...And Silent Grief Shadows the Passing Moon

23/12/18
ICE WAR
Manifest Destiny

23/12/18
BOLTHORN
Across the Human Path

23/12/18
MALVENTO/THE MAGIK WAY
Ars Regalis

24/12/18
BEATEN TO DEATH
Agronomicon

CONCERTI

15/12/18
WITHIN TEMPTATION
FABRIQUE - MILANO

15/12/18
NANOWAR OF STEEL
REVOLVER CLUB - SAN DONA DI PIAVE (VE)

15/12/18
NOVEMBRE + LES DISCRETS
TRAFFIC CLUB - ROMA

15/12/18
NECROART + GUESTS
BONNIE & CLYDE - TORRICELLA VERZATE (PV)

15/12/18
STONEDRIFT + TOTEM AND TABOO
CONDOR DARK CLUB - RUBIERA (RE)

15/12/18
SPEED KILLS + CARRION SHREDS + ADEPTOR
CIRCUS - SCANDICCI (FI)

15/12/18
BARBARIAN + MERCILESS ATTACK + APOCALYPTIC SALVATION
CIRCOLO MU - PARMA

16/12/18
NOVEMBRE + LES DISCRETS
CYCLE CLUB - CALENZANO (FI)

18/12/18
A PERFECT CIRCLE
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

19/12/18
A PERFECT CIRCLE
PALALOTTOMATICA - ROMA

Sodom - In War And Pieces
( 6226 letture )
Attesi anche loro a misurarsi con le uscite di buon livello che negli ultimi anni hanno riempito il mercato thrash metal, ecco tornare i Sodom, a ben 4 anni dall'ultimo disco omonimo. Una prova del nove per il trio teutonico, chiamato a dimostrare che i "vecchi" hanno ancora qualcosa da dire in un mercato che nell'ultimo periodo si è ritrovato saturo di cloni; la dimostrazione della band si chiama In War And Pieces, e consta di 47 minuti di un thrash metal che riunisce tutti gli aspetti che hanno reso storici i Sodom, non ultima quella oscurità tipica dei primissimi lavori.

Attenzione però, non ci troviamo di fronte ad un semplice disco di mestiere, un "revival" dei Sodom che furono; In War And Pieces è un lavoro che ha davvero qualcosa da dire, e che lo fa in maniera impeccabile.
La title-track, che apre le danze con un inaspettato arpeggio, ci consegna subito dopo una band ancora incredibilmente cattiva e quadrata: come Angelripper inizia a cantare, il tempo si ferma e il cuore torna agli anni '80, ai tempi dei capolavori indiscussi della band, ma con un occhio anche ai lavori post-2000, in particolare l'ottimo M-16. L'atmosfera si scalda con la breve e tiratissima Hellfire, un misto di origini punk, vocalism al 100% thrash e un refrain di una semplicità (nient'altro che l'urlo ripetuto del titolo) ed efficacia incredibile; sensazionale lo stacco di metà canzone, in cui troviamo uno splendido e più misurato susseguirsi di riff da antologia ad introdurre una sorta di mid-tempo quasi groovegiante che cede a sua volta il posto all'assolo.

Ma è con la successiva Through Toxic Veins che i livelli si alzano a ricordare che stiamo parlando di una band dalla ventennale attività: il bellissimo riff melodico iniziale, adagiato su di un mid-tempo sorretto da una batteria molto semplice -troppo, a mio parere, ma su questo torneremo- introduce un brano in crescendo, che aumenta in cattiveria e potenza -soprattutto, ancora una volta, grazie ad uno stratosferico Angelripper- fino alle orgasmiche strofe della seconda metà, interrotte unicamente da un solo anch'esso magnifico, che ricorda i lunghi e contorti intrecci dei bei tempi di Agent Orange; da ascoltare e riascoltare lo stacco melodico che parte a 3:40.

Ora che le linee guida del disco sono tracciate, proviamo ad astrarci dai singoli momenti e ad analizzarlo nella sua interezza: ciò che spicca è una ritrovata cattiveria da parte dei thrashers teutonici, che sembrano mediare in maniera eccellente le caratteristiche degli albori con una maturità artistica (peraltro già notevole ai tempi) in continua crescita; Tom Angelripper, lo sottolineo ancora, è autore di una prestazione vocale davvero sorprendente, il tempo per lui sembra essere passato molto meno che per molti colleghi (Mustaine, Hetfield, il pur buon Petrozza) e l'uso di un tono molto oscuro unito a sporadiche tonalità particolarmente alte ed impegnative (Nothing Counts More Than Blood) conferisce al sound del disco un misto di teatralità (che raggiunge l'apice nel mid-tempo Feigned Death Throes) e potenza.
Il lavoro di riffing è, come anticipato, uno dei punti di forza del disco in questione: sempre molto ispirato, pare trarre linfa vitale dall'uso di riffs di natura melodica calati nei numerosi mid-tempos, una scelta rischiosa ma che paga totalmente.

A lasciarmi un po' più in dubbio è la già citata prova di Konrad "Bobby" Schottkowski dietro le pelli: nei suoi tredici anni coi Sodom il drummer tedesco ha sempre dimostrato di saper fare ottime cose, supportando con veemenza, ma senza strafare, l'attacco sonoro dei compagni; questa volta invece pare rimanere fin troppo in disparte, ed eccetto alcune buone prove (come su God Bless You, in cui accompagna perfettamente lo splendido assolo) la sua prestazione è decisamente sotto le righe, un vero peccato.

Menzione d'onore per l'ottimo pezzo in lingua madre (tedesco) che risponde al nome di Knarrenheinz: una rasoiata thrash al limite dell'hard(quasi addirittura grind)core in cui non un solo elemento è fuori posto e in cui tutta la band si mette seriamente in corsa per lo scettro del thrash metal; un brano da ascoltare e riascoltare nella sua perfezione, coronata da uno di quegli assoli sconclusionati, chiassosi, che strapperà più di un ricordo ai thrasher della vecchia guardia.

Poche righe ancora per citare la produzione, che ci rende un sound bello compatto e potente; a voler essere pignoli forse anche qua il povero Schottkowski paga qualcosa, non certo per colpa sua, ma si parla comunque di piccolezze.

In sostanza, quello dei Sodom è un ritorno di gran classe, con un disco imponente e convincente, non perfetto ma ben sopra alla media, che farà felici i thrashers di tutto il mondo.



VOTO RECENSORE
82
VOTO LETTORI
70.89 su 68 voti [ VOTA]
Tiziano Da Roma!
Venerdì 15 Luglio 2016, 15.33.11
26
Ma solo io mi emoziono mentre ascolto God Bless You? Comunque il questo è il mio primo album dei Sodom e ne vado fiero di averlo \m/ \m/ Io adoro i Sodom! Troppo Sottovalutati dal mondo!
matthew hamnett
Giovedì 9 Giugno 2016, 19.34.56
25
semplicemente immensi . qui li troviamo in veste più melodica che altrove ma il livello resta altissimo . probabilmente con m16 il loro migliore fin dai tempi di tapping the vein voto recensione condivisibile.non resta che attendere il 29 agosto
AL
Lunedì 22 Aprile 2013, 10.58.54
24
ottimo disco. voto 85. la cover mi piace molto.
Kopp
Martedì 5 Febbraio 2013, 17.51.58
23
Ottimo disco, condivido recensione e voto, ma io gli do 92. Questo perché i Sodom partono sempre con 10 punti in più, a prescindere, per quello che hanno rappresentato e continuano a rappresetnare per il metal. Fiero di essere di parte: io i Sodom li amo alla follia e me ne faccio vanto!
jek
Venerdì 1 Febbraio 2013, 20.51.12
22
A me sto disco mi piace molto, un buon thrash a tratti anche molto graffiante. Bella la recensione e tutto sommato giusto il voto.
Endgame
Lunedì 5 Novembre 2012, 22.01.25
21
A differenza di quanto fatto dai Kreator con "Phantom Antichrist", l' implementazione di sprazzi melodici all' interno delle canzoni è a dir poco ottima. Discone.
cultistapazzo
Venerdì 2 Novembre 2012, 12.31.19
20
voto dei lettori 59? per questo disco? ma andate ad ascoltare lady gaga, buffoni
Queen W.A.S.P.
Venerdì 24 Agosto 2012, 22.15.33
19
concordo alla fine è un buon disco, inferiore agli ultimi lavori (vedi M-16 e Code Red), secondo il mio parere da fan sfegatato i Sodom hanno fatto di meglio nel passato più recente, cmq Lode ai Sodom!!!!. VOTO 75
DavidHolocSpeedFuck
Venerdì 24 Agosto 2012, 20.20.34
18
Parliamoci chiaro non è nè un disco da 100 come qualcuno dice, ma neanche da 60 come risulta invece nella media voto dei lettori. E' un buon disco di sano thrash metal, suonato e composto con il cuore. Lode ai Sodom che nel 2010 riescono a comporre dischi ancora così ispirati. Per me è un 80 pieno.
cesarione
Giovedì 19 Gennaio 2012, 14.50.00
17
per me è un 100 pieno ... mi da la carica il mattino prima del lavoro in ufficio ..... grande ANGELRIPPER
Cuordipietra
Giovedì 3 Novembre 2011, 21.28.31
16
Questo è un disco da paura... e per restare in tema, lo valuto novanta!!!
Flag Of Hate
Sabato 22 Gennaio 2011, 14.47.10
15
De gustibus. A me è piaciuto davvero tanto. Non mi scandalizzo per alcuni sprazzi melodici, se ben amalgamati nell'insieme delle singole canzoni. Il risultato rimane molto buono, senza perdere nulla dello stile made in Sodom e nella violenza. Ti ricordo che esistono numerose sfaccettature nel Thrash, tutte potenzialmente equivalenti. Se a te non è piaciuto amen, ma almeno non giudicare i gusti altrui. Per me rimane il miglior album Thrash del 2010, anche in seguito ad alcune grosse delusioni (Death Angel, F&J).
Undercover
Sabato 22 Gennaio 2011, 10.16.28
14
Mah secondo me vi siete dimenticati chi siano questi signori, è al limite col ridicolo questo disco, sono i Sodom non una band di melodic thrash dell'ultima ora (che poi cos'è sta porcata di definizione?). Personalmente confermo il sei di rispetto ma la delusione è pari a quando uscì quella schifezza assurda di "Masquerade In Blood" anzi forse meglio che questo infarcito di passaggi orrendi. Produzione sincera? Gruppo ispirato? La gente delira, ora capisco perché Trivium e Bullet From My Valentine trovano gente che li definice thrash...il nome un'altra volta colpisce più del risultato evvai.
Flag Of Hate
Venerdì 21 Gennaio 2011, 23.40.35
13
Nel suo genere, la miglior uscita del 2010, secondo me. Senza dubbio è il lavoro più melodico della carriera dei Sodom, ma si tratta di una melodia ben inserita nel contesto violento dei vari brani, creando un'amalgama estremamente ispirata. Ennesima conferma della superiorità del metal Teutonico! 88/100
Master Of Pizza
Venerdì 31 Dicembre 2010, 19.29.50
12
Un gran bel ciddì,produzione sincera e gruppo ispirato.Proprio bello!
Undercover
Venerdì 26 Novembre 2010, 18.54.02
11
Onestamente deluso, album troppo moderno altro che no, i passaggi melodici per come sono impostati fanno vomitare all'interno del sound Sodom, cos'è quella specie di tastierina del cazzo alla Angel Dust che si inframezza nella titletrack? Dove l'hai percepita l'anima di un album violento come "M-16" in un platter sterile come questo? La prova vocale è di alto livello nulla da dire ma quello è uno dei punti che è difficile criticare in linea generale, la spinta del drumming ndo sta? Boh non mi aspettavo una prestazione così canonica in cui l'anima dei Sodom si respira appena. Non mi attendevo nulla di eclatante dopo l'omonimo e quella trovata pubblicitaria di "The Final Sign Of Evil" ma a me son cadute le palle a terra altro che ottanta e ottanta, sei di sufficienza e a casa, sono triste e non poco.
LAMBRUSCORE
Giovedì 25 Novembre 2010, 14.13.54
10
gli do la sufficienza, ma considerando alcuni capolavori del passato, sarà impossibile, credo, ripetersi. buona comunque la produzione, lontana da quei modernismi che odio. questo è un disco di thrash metal che suona come deve suonare e a me infine piace così, non un capolavoro, ma gradevole (oh però comincio ad usare termini che non mi si addicono, se no i miei post verrebbero cancellati, eheh...)
zerba
Martedì 23 Novembre 2010, 10.39.23
9
bellissimo disco, penso che abbia tutto quello che si possa desiderare: melodia, energia, adrenalina, passione, assoli... voto: 85
jeffwaters
Domenica 21 Novembre 2010, 11.02.56
8
l'ho ascoltato almeno un paio di volte e devo dire...FANTASTICO..
Edo
Sabato 20 Novembre 2010, 16.40.09
7
non penso che si potrà mai criticare il sound dei sodom,se pur molto cambiato rispetto all'omonimo cd,c'è da dire che non hanno perso per niente il feeling coi mid tempo scapoccianti... lo devo ancora sentire meglio,comunque 8.0,lo merita tutto.
Nikolas
Sabato 20 Novembre 2010, 16.01.04
6
A me la cover piace!
Ghenes
Sabato 20 Novembre 2010, 10.29.11
5
bel ritorno insperato.THRASH FOR LIFE!
hm is the law
Sabato 20 Novembre 2010, 10.16.40
4
Beh.... letta la recensione me lo procuro di certo. Però cavolo la cover è proprio brutta!
enry
Sabato 20 Novembre 2010, 5.56.29
3
Se è sul livello di M-16 me lo prendo, anzi, me lo prendo a prescindere e buona lì.
Er Trucido
Venerdì 19 Novembre 2010, 21.02.19
2
Sarà mio!
Blackster
Venerdì 19 Novembre 2010, 20.54.11
1
...e non solo i thrasher, mi deve ancora arrivare... però solo sentendo la titletrack l'acquisto è stato d'obbligo.
INFORMAZIONI
2010
Steamhammer/SPV
Thrash
Tracklist
1. In War And Pieces
2. Hellfire
3. Through Toxic Veins
4. Nothing Counts More Than Blood
5. Storm Raging Up
6. Feigned Death Throes
7. Soul Contraband
8. God Bless You
9. The Art Of Killing Poetry
10. Knarrenheinz
11. Styptic Parasite
Line Up
Tom Angelripper - basso e voce
Bernd 'Bernemann' Kost - chitarra
Bobby Schottkowski - batteria
 
RECENSIONI
77
82
s.v.
90
45
82
88
59
58
80
88
93
88
80
79
ARTICOLI
19/03/2014
Live Report
SODOM + ASPHYX + GUESTS
Demodè Club, 15/03/2014, Bari (BA)
13/09/2011
Articolo
SODOM
La biografia
15/02/2011
Live Report
SODOM + DIE HARD + IRREVERENCE
Live Club, Trezzo Sull'Adda (MI), 10/02/2011
10/11/2010
Intervista
SODOM
De bello germanico
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]