Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Cover alternativa dell'album
Clicca per ingrandire
La copertina della CD-reissue
Clicca per ingrandire
La band
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

17/11/17
NIGHT OF SUICIDE
Broken

17/11/17
DESPITE EXILE
Relics

17/11/17
ETERNAL FLIGHT
Retrofuture

17/11/17
UNMASK
One Day Closer

17/11/17
THE ADICTS
And It Was So!

17/11/17
ELECTRIC WIZARD
Wizard Bloody Wizard

17/11/17
HUMANASH
Reborn from the Ashes

17/11/17
IMPERIOUS
ales Of Woe - The Journey Of Odysseus - Part II: From Hades To Ithaca

17/11/17
IMPERIOUS
Tales Of Woe - The Journey Of Odysseus - Part I: From Ilion To Hades

17/11/17
OBLIVION
The Path Towards

CONCERTI

17/11/17
KOBRA AND THE LOTUS + SECRET RULE + RAVENSCRY
CIRCOLO SVOLTA - ROZZANO (MI)

17/11/17
ELECTRIC BALLROOM + GUESTS
OFFICINE SONORE - VERCELLI

17/11/17
PANDEMIA + TALES OF DELIRIA + GUESTS
MAT LABORATORIO URBANO - TERLIZZI (BA)

17/11/17
BAFFODORO + UMBRA NOCTIS + TULPA
CIRCOLO ARCI DALLO' - CASTIGLIONE DELLE STIVIERE (MN)

18/11/17
EXTREME NOISE TERROR + GUESTS
CSO RICOMINCIO DAL FARO - ROMA

18/11/17
HELLOWEEN
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

18/11/17
BE THE WOLF + GUESTS
OFFICINE SONORE - VERCELLI

18/11/17
MORTUARY DRAPE + SULFUR + PRISON OF MIRRORS
CIRCUS CLUB - SCANDICCI (FI)

18/11/17
CELESTIA + IMAGO MORTIS + BLAZE OF SORROW
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

18/11/17
HAVENLOST + DISEASE ILLUSION
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

Queen - The Game
( 6020 letture )
The Game, ovvero vai con il pop rock a tutta gallara. E allora apriti cielo e pure terra, con la stampa imbizzarrita e risentita che scatena il ciclone mediatico più cattivo che i nostri avessero mai dovuto arginare. Controverso, bistrattato, ambiguo, additato come alto tradimento da chi aveva sempre sostenuto ideali integerrimamente rock. Critiche probabilmente esagerate sia dal punto di vista strettamente musicale sia per il nuovo look che il gruppo aveva deciso di incarnare: per dovere di fedeltà di cronaca, in questo disco, o meglio sulla cover, annotiamo la prima apparizione di Freddie Mercury con capelli corti e, nei videoclip di Play the Game e di Another One Bites the Dust, con il vezzo dei celeberrimi baffi. L’etichetta visiva da rock band dura e sagace viene abbandonata per un’immagine moderna, che più si attagliava ai bisogni edonisti dei nuovi anni ottanta che saranno interamente dedicati al culto della personalità, soprattutto quella più apparente. Ma a parte l’esteriorità, The Game muta totalmente le coordinate musicali di Brian May e compagni, virando di 180 gradi verso l’elettronica. Ohibò direte voi, proprio loro che l’avevano sempre avversata e condannata sottolineando il rifiuto con esplicite dichiarazioni nelle note di copertina dei loro album? Tutto cambia nella vita, davvero. E che dire della cosiddetta "svolta disco" o se volete definirla diversamente, spiralizzata attorno al easy listening? Ehhh, lo so, è dura accettare certe cose ma anche qui le evoluzioni, o involuzioni a seconda dei pareri, giungono come fisiologica respirazione artificiale per rimettersi in sesto prontamente e godere di nuova vita, allungata e brillante; Pink Floyd, Kiss, Van Halen, Queen stessi, possono bastare come lista? O ne volete altri 38? La rivoluzione musicale a cavallo tra la fine dei seventies e gli inizi degli ottanta, non mi stancherò mai di dirlo a costo di sembrare pedante e noioso, inaugura una nuova formula di prodotto musicale che verrà trasportato sino ai nostri giorni. Una ricetta vincente soprattutto per lo show-biz e in secondo luogo per i fruitori, indipendentemente dal genere trattato. È proprio in questi anni che l’hard e poi l’heavy verranno definitivamente sdoganati come genere in grado di esaltare le masse di kids europei e non solo, procurando vendite milionarie e affari a moltissimi zeri.

Sta di fatto che questo fu il primo lavoro da studio dei Queen a raggiungere la posizione n° 1 nella classifica dei best seller, sia negli Stati Uniti che in Gran Bretagna. E con brani come Play the Game, l’inimitabile ed immensa Another One Bites the Dust, la frizzante Crazy Little Thing Called Love e la conclusiva Save Me, siamo di fronte ad un mastodonte di provata celebrità e a uno sforzo compositivo importante. E allora sotto con gli aneddoti. The Game è l’album numero otto della Regina, il più corto di quelli prodotti sino ad allora, esce il 30 giugno del 1980 e viene registrato per metà tra giugno-luglio 1979 mentre le restanti parti finiscono su nastro tra febbraio e maggio dell’anno successivo. Ben 5 singoli estratti, quattro clip che furoreggiano (Crazy Little Thing Called Love, Save Me, Play The Game, Another One Bites The Dust) mentre Need Your Loving Tonight, pubblicato solo in Canada, Stati Uniti, Giappone, Filippine e Nuova Zelanda, non godette di alcun girato. Anche grazie all’uso di synth, l’Oberheim OB-X, il platter diventa un gigante di vendita: 4 milioni di copie solo negli States, 10 in tutto il mondo, due singoli come Another... e Crazy Little... che raggiunsero entrambi il gradino più alto delle charts negli States e con il long playing che sbaraglia la concorrenza piazzandosi in vetta, oltre ai gia citati Uk e Stati Uniti, in Argentina, Portogallo, Olanda e vari paesi europei, colpendo e affondando anche il nostro paese che improvvisamente scopre la magniloquenza di Freddie, Brian, John e Roger. Piazzamenti incredibili anche in Australia e Giappone, in pratica un trionfo a livello intercontinentale. Registrato presso i teutonici Musicland Studios di Monaco, viene prodotto da Reinhold Mack, il quale si cimenterà nel suonare sintetizzatori addizionali, in combutta con la band al gran completo.

Effetto elettronico e partono gli stupendi 3:33 di Play The Game, un diamante incastonato nella vita di ognuno di noi. Dragon Attack, scritta dalla guitar di May ha un incedere che sa di giungla con Freddie che svisa con la sua voce, basso e batteria in grande evidenza e una reminiscenza di We Will Rock You, solo di chitarra maleducato e irriverente. Ma dov’è l’ordigno ad alto potenziale distruttivo? Another One Bites the Dust, ad opera di John Deacon, con il suo famoso giro di basso ispirato a Good Times degli Chic, resetta senza pietà i codici primari e ne innesta di nuovi. Tutti gli strumenti sono incredibilmente vivi, si intersecano in maniera paradisiaca e Mercury sale là dove si trova ora, ma all’epoca non aveva nè alucce nè angioletti con cui condividere dimensioni extraterrene. Chittarra funky che fa godere ancora oggi, pezzo sempre freschissimo attraverso i decenni, un solo aggettivo: immortale!
Need Your Loving Tonight è leggerina come struttura ma la sei corde si fa valere e richiama gli stilemi che tanto amava il grande singer nativo di Zanzibar, e così accade anche per il super hit Crazy Little Thing Called Love che, a me personalmente, non ha mai entusiasmato troppo con quel suo ritmo rockabilly, omaggio di Mercury al Rock and Roll e che testimonia il suo gusto per le citazioni musicali retrò; la leggenda narra che sia stata composta nella sua toilette di casa. Rock It (Prime Jive) è introdotta dai gorgheggi del singer ufficiale per poi lasciare l’intero svolgimento al drummer Roger Taylor, per una song rock con cori alla Queen e attributi bene in vista con un tocco di nuove tecnologie . Apparso anche come b-side del singolo Need Your Loving Tonight, uscito nel settembre del 1980, entrò in classifica solo nel Nord America, e vede Freddie Mercury suonare un organo Hammond, mentre Taylor oltre alla batteria, maneggia una Fender Telecaster e un basso mentre il produttore Mack suona il sintetizzatore e Brian ci regala un vivace intermezzo solistico.
Canzone 7, vietato pensare all’autodistruzione. I primi secondi di Don't Try Suicide ci regalano i Police, ascoltate il basso e l’entrata della chitarra, poi ritornano i Queen e ne esce una scaglia commerciale ma con la classe che li ha sempre contraddistinti e resi unici, al contrario Sail Away Sweet Sister, il cui titolo completo è Sail Away Sweet Sister (To The Sister I Never Had), si traveste da tratteggio dolce con tanto di cuore provato, scritta e interpretata da May. Nonostante il chitarrista, solitamente suonasse personalmente il pianoforte nelle sue canzoni, in questo caso chiese a Freddie Mercury di registrarla, e lo stesso Mercury canta una piccola parte nella canzone. Un distillato di fascinosa classe nel bagaglio delle grandiose regine che hanno influenzato, in seguito, tante band celebri. Non è banale ricordare che, alcune volte, nei concerti dei Guns N' Roses, Axl interpretava versi della canzone come intro all’inno Sweet Child O' Mine: celebre esempio riscontrabile nel Live in Tokyo datato 1992.
Coming Soon anticipa la fine del disco e, sinceramente, non mi pare una track così basilare, salvata solo dalla grande maestria e dal mestiere e da un solo metal, mentre Save Me ci riporta nella cabina della macchina del tempo, con un esemplare brano corale e maestoso che ha reso imperituro il gruppo. Da circolettare in rosso e coccolarselo per sempre.

Pur non rappresentando il vertice creativo della band, il successo e la resa di queste dieci song influenzarono tutti i loro successivi lavori, una sorta di base di partenza per spiccare il volo verso i grandi trionfi commerciali e meno rock, una fase che durerà per tutta la decade fino ad interrompersi con un gioiello chiamato Innuendo.
The Game verrà ripubblicato nel 2003 in formato dvd-audio Dolby 5.1 surround, contenente una curiosa versione di Coming Soon diversa dall’originale, proprio perché il master del 1980 del pezzo non si ritrovò più; per i maniaci dei dettagli come me, riferirò che anche lo scatto di copertina venne mutato. A parere di chi scrive, questo rimane un buonissimo album con dei capolavori immensi al suo interno, fermo restando che chi preferisce i Queen in versione super hard rock classico deve rivolgersi ad altre pubblicazioni. Per me, senza nessun dubbio, pollice alto.



VOTO RECENSORE
76
VOTO LETTORI
73.45 su 84 voti [ VOTA]
Rob Fleming
Sabato 6 Febbraio 2016, 15.58.41
22
Si torna alle origini del rock con Crazy little thing, Rock it e Need your loving tonight e non deludono Play the game, Save me e Don't try. Another one bites the dust è il mega classico che tutti conosciamo.75
Philosopher3185
Sabato 21 Febbraio 2015, 12.48.28
21
Non un capolavoro,ma un album onesto.
UpLoad
Giovedì 4 Dicembre 2014, 20.32.12
20
No dai non scherziamo questo è un bell'album, non ce la vedo tutto questo distacco dai precedenti se non per "dust" ma una canzone ci sta, col primo lato di hotspace hanno sperimentato che il giochini riesce solo una volta.
sadwings
Lunedì 23 Giugno 2014, 15.48.58
19
a parte qualche raro episodio lo trovo insieme a hot space il punto più basso della discografia dei queen.
gianmarco
Venerdì 10 Gennaio 2014, 8.17.05
18
persino i testament si sono cimentati in una cover stratosferica di Dragon Attack .
blackie
Venerdì 21 Settembre 2012, 4.22.24
17
troppo commerciale e spompato.ci sono grandi hit e comunque mi piace ma non regge il confronto con leloro prove migliori.
ulver
Venerdì 11 Novembre 2011, 14.10.54
16
E' un disco coinciso di stupendo pop-rock'n'roll-funk godibile dalla prima all'ultima nota, suonato benissimo e con la consueta gran classe; allmusic gli conferisce 4 stelle e mezzo, io l'equivalente in decimi, ovvero un 9 tondo tondo! Questo è un imperdibile capolavoro di musica leggera!
Francesco
Mercoledì 2 Novembre 2011, 23.09.55
15
76 è poco! Quest'album è uno dei tanti capolavori dei Queen...
stevenwilson82
Lunedì 10 Ottobre 2011, 9.11.47
14
grandissimo album....
BILLOROCK fci.
Martedì 28 Giugno 2011, 21.45.38
13
uno dei miei preferiti di sempre.... voto 85
Krok
Venerdì 26 Novembre 2010, 18.58.35
12
Disco ottimo,anche se secondo me la svolta di 180 gradi verso l'elettronica verrà con il disco successivo...
Michele
Mercoledì 24 Novembre 2010, 22.03.32
11
No,ho perso anche io.
metal4ever
Martedì 23 Novembre 2010, 0.14.20
10
@Ghenes: ce l'ho anch'io!!
Ghenes
Lunedì 22 Novembre 2010, 19.41.01
9
mia cugina che veniva dal Canada aveva il vinile di TG e anche se non impazzisco per i Queen ci sono affezionato in modo particolare.
Matocc
Lunedì 22 Novembre 2010, 19.04.09
8
The Game per me ha un valore affettivo che va oltre la qualità del disco -che a mio parere è molto buona. PTG è un pezzone, AOBTD ha fatto storia e ha finalmente fatto in modo che si puntassero i riflettori sul suo autore, John Deacon, spesso sottovalutato ma capace -anche in altri album della band- di scrivere ottimi brani. Uno dei miei pezzi preferiti del disco è Dragon Attack, col suo ritmo funky travolgente e le sue belle svisate rockeggianti di chitarra che producono un bel miscuglio, altrettanto adoro la scoppiettante NYLT e la song cantata da May SASS, per quanto riguarda DTS e CS si fanno ascoltare. Altra cosa davvero pregevole è l'intro di Rock It cantata da Freddie, mentre CLTCL non mi fa impazzire -sarà che forse la trovo un po' inflazionata... è comunque un brano molto valido, ma preferisco di gran lunga Save Me, una delle ballate migliori della Regina, una canzone davvero stupenda. Buonissimo album.
Blackster
Sabato 20 Novembre 2010, 23.02.07
7
Ma no, ho perso...Comunque album mediocre e titolo soprattutto mediocre >
hellvis
Sabato 20 Novembre 2010, 17.11.27
6
L'album anni 80 dei Queen che mi piace di più. Non sono gli irragiungibili Queen anni 70 ma nemmeno la versione per casalinghe di Hot Space o di Radio Gaga (per fortuna). Sono ancora un'azzeccata via di mezzo che purtroppo andrà persa nella mediocrità di Hot Space. Sail Away Sweet Sister è senz'altro uno dei brani più sottovalutati nella loro carriera.
hm is the law
Sabato 20 Novembre 2010, 16.30.40
5
Disco appena sufficiente ed il peggio deve ancora arrivare
Nikolas
Sabato 20 Novembre 2010, 15.50.53
4
Un altro disco a cui sono molto affezionato, oltre alle citate da metal4ever adoro Sail Away Sweet Sister (per me terribilmente sottovalutata), NYLT (splendida!), la trascinante Crazy Little Thing Called Love. Forse le uniche davvero sottotono sono Rock It, Dragon Attack e Coming Soon. Ciò non toglie che lo riascolti ancora spesso nella sua interessa amandolo follemente, ma si sa io sono pazzo quando si parla di Queen
Zarathustra
Sabato 20 Novembre 2010, 15.50.46
3
Ho perso
metal4ever
Sabato 20 Novembre 2010, 15.38.34
2
Possiedo il vinile di questo album di cui sono molto affezionato essendo il primo disco che ho ascoltato dopo i Greatest Hits. Levando la Title Track , Another one bites dust , don't try the suicide , Save me il resto non mi piace per niente... ma con il prossimo faranno di peggio
zoso
Sabato 20 Novembre 2010, 14.26.04
1
carino, ma ormai i queen da qui in poi sono un gruppo pop rock, pur sempre piacevoli grazie alla meravigliosa voce di freddie.
INFORMAZIONI
1980
EMI
Rock
Tracklist
1. Play the Game
2. Dragon Attack
3. Another One Bites the Dust
4. Need Your Loving Tonight
5. Crazy Little Thing Called Love
6. Rock It (Prime Jive)
7. Don't Try Suicide
8. Sail Away Sweet Sister
9. Coming Soon
10. Save Me
Line Up
Freddie Mercury - voce, pianoforte, chitarra, sintetizzatore
Brian May - chitarra elettrica ed acustica, pianoforte, voce, sintetizzatore
John Deacon - basso, chitarra, pianoforte
Roger Taylor - batteria acustica ed elettronica, chitarra, voce, sintetizzatore
 
RECENSIONI
77
s.v.
93
77
69
55
76
98
84
73
91
90
89
90
89
ARTICOLI
30/06/2016
Live Report
QUEEN + ADAM LAMBERT
Anfiteatro Camerini, Piazzola Sul Brenta (PD), 25/6/2016
07/04/2005
Live Report
QUEEN + PAUL RODGERS
Palalottomatica, Roma, 04/05/2005
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]