Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Metallica
S&M²
Demo

Black Spirit Crown
Gravity
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

29/09/20
SECOND TO SUN
Leviathan

30/09/20
ALEX MELE
Alien Doppelganger

01/10/20
THE ERKONAUTS
I Want It to End

02/10/20
SIX FEET UNDER
Nightmares of the Decomposed

02/10/20
SHIBALBA
Nekrologie Sinistrae (Orchestral Noise Opus I)

02/10/20
NACHTBLUT
Vanitas

02/10/20
GOREPHILIA
In the Eye of Nothing

02/10/20
ROBERT PLANT
Digging Deep. Subterranea

02/10/20
ION OF CHIOS
_reHUManize_

02/10/20
ISENGARD
Varjevndögn

CONCERTI

29/09/20
WITHIN TEMPTATION + EVANESCENCE
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

03/10/20
PAGAN FEST
LAGHI MARGONARA - GONZAGA (MN)

03/10/20
SKELETOON
LEGEND CLUB - MILANO

08/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
TEATRO CELEBRAZIONI - BOLOGNA

09/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
GRAN TEATRO GEOX - PADOVA

09/10/20
ESOTERIC + NAGA + (ECHO) (ANNULLATO)
TRAFFIC CLUB - ROMA

09/10/20
MORTADO
CIRCUS CLUB - SCANDICCI (FI)

09/10/20
BULLO FEST
LEGEND CLUB - MILANO

10/10/20
ESOTERIC + NAGA + (ECHO) + AFRAID OF DESTINY (ANNULLATO)
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

11/10/20
TWILIGHT FORCE + GUESTS (RINVIATO)
LEGEND CLUB - MILANO

Ulver - Perdition City
( 11240 letture )
Dare calore alla musica elettronica, connettersi empaticamente con l'ermetismo, umanizzare il digitale, rendere tangibile e avvolgente ciò che è freddo e sintetico... Questi difficili traguardi (se interrelazionati coi rispettivi elementi) sono stati tagliati in rarissimi casi nella musica elettronica. Dopo il primo boom concettuale di John Cage (l'ascolto del silenzio, l'invenzione dell'happening, il suono di strumenti casalinghi e la teoria della "praticabilità dell'impossibile"), solo Brian Eno era riuscito a interiorizzare i sintetizzatori e l'elettronica analogica: la distruttiva teoria del non-musicista (distruttiva per i musicisti) -nella quale si afferma il principale (co)protagonismo da parte di colui che siede dietro al mixer- e le musiche per ambienti sono riuscite a cambiare il rapporto fra uomo e musica elettronica. Pur nell'ermetismo e nel concettualismo dell'opera, il fruitore si sentiva protagonista attivo di ciò che stava recependo. Degno di nota è anche il contributo di Ryuichi Sakamoto, che nelle due facce della stessa medaglia è riuscito ad alternare la musica elettronica più ermetica e d'avanguardia, alle più suadenti e pop-olari colonne sonore.
Da qui il salto potrebbe atterrare direttamente su Christian Fenesz e sul suo studio di manipolare e ordinare l'errore, umanizzare la musica glitch di Alva Noto, Autechre e Flying Lotus, portandola però ad un livello più interiore e meno da "sballo".

Ed ecco che veniamo agli Ulver, straordinaria meteora estranea a questi mondi, che improvvisamente riesce ad attingere dai maestri sovracitati per creare qualcosa di personale, di irripetibile e di irripetuto. Il patrimonio e la complessità compositiva di Perdition City -seppure nella sua facilità di assimilazione- non ha praticamente generato emuli, tranne forse rarissimi casi come Blackfilm (a proposito, andatevi ad accaparrare il vinile dal sito della Denovali).
I lupi di Oslo li avevamo lasciati alla titanica impresa di musicare Il Matrimonio del Cielo e dell'Inferno di W. Blake ed avevamo già notato con quali grandi nomi della musica "alternativa" si relazionavano. Ora il discorso si fa ancora più complesso e mirato.
Intanto vale spendere due parole per l'EP Metamorphosis, il quale anticipa di qualche mese il capolavoro del nuovo millennio. Il radicale cambio stilistico vede l'abbandono totale di qualsiasi rimembranza della musica rock, in favore dell'elettronica più spiazzante e marziale: la jungle synthetica di Of Wolves and Vibrancy, l'elettro-ambient di Gnosis, l'elettro-jazz di Limbo Central (Theme from Perdition City), che -come dice il sottotitolo- anticiperà l'ascoltatore al futuro full-lenght; in chiusura la silenziosa e "cage-iana" Of wolves and Withdrawal chiuderà questo antipasto che rimarrà sullo stomaco anche a chi, bene o male, aveva digerito anche Themes....

Tutti quelli che decisero di cestinare in partenza Perdition City, si sono puntualmente mangiati i gomiti quando lo hanno riscoperto anni più tardi (magari quando i propri gusti musicali si sono ulteriormente ammorbiditi/espansi). Sì, perchè Lost in Moments sintetizza completamente il nuovo percorso degli Ulver: un finissimo album da sottofondo, da riflessione interiore e da auto-abbandono fra le carezze della notte. Loop perfettamente integrati con caldi sassofoni jazz, confortanti pulsazioni trip-hop e soft drum-machine. L'ammirazione per Amon Tobin e -più in generale- per le releases della Warp records si paleseranno spesso durante la durata dell'album, sottolineando anche come gli Ulver sanno creare un personalissimo sentiero solo parzialmente riconducibile a questi artisti principali. L'amore per il pianoforte, per le leggerissime chitarre che viaggiano con delay, e la resa melodica dei "macchinosi" synth sono la ruota-motrice di Porn Piece or the Scars of Cold Kisses; la voce di Garm si fa timida e narrante come fosse un semplice accompagnamento. Il miglior tentativo però di re-interpretare Autechre e Aphex Twin viene fuori con Hallways of Always: un'oscura e progressiva esecuzione che alterna piano, breaks, drum'n'bass e scintillanti sintetizzatori che vanno a creare la melodia portante, mandando l'ascoltatore in trance.
L'ambient techno di Tomorrow Never Knows è una carrellata di inquadrature sulle luci della città, che lasciano le scie alla velocità dell'occhio dello spettatore, mentre la calda The Future Sound of Music si trasformerà presto in una cascata di sovrapposizioni IDM e drone sull'enfatizzante V-drum suonata da Bård "Faust" Eithun.
La rumoristica glitch di Dead City Centres non è altro che l'accompagnamento sonoro a decadenti agglomerati urbani; l'influenza di Fennesz (il quale compare anche nel futuro "Ulver-reinterpreting" 1st Decade in the Machines), l'overdubbing vertiginoso del sax e della voce filtrata si calmerà solo sul finale, dove una neo-classica e hitchcockiana Catalept mixa le basse frequenze della sezione ritmica ai sempre più crescente sezione d'archi.
Il finale è semplicemente da brividi: Nowhere/Catalept rispolvera quel trip-hop cantato di Themes, riadattato però nel jazzistico contesto attuale appena ascoltato.

Music to an Interior Film, suggerisce il sottotitolo di copertina; e l'incredibile impresa di Garm e, soprattutto di Tore Ylwizaker (genio digitale -vero deus ex-machina-) , si è appena compiuta creando una delle più suggestive colonne sonore urbane del mondo; una perfetta messa in musica dei notturni rumori metropolitani, che vengono e svaniscono nei tunnel e nelle autostrade cittadine. Difficilmente si potrà mai fare di meglio.



VOTO RECENSORE
94
VOTO LETTORI
88.77 su 118 voti [ VOTA]
Mauroe20
Venerdì 24 Gennaio 2020, 22.39.22
22
Appena finito di ascoltare questo disco.Meraviglia
Flavio
Giovedì 9 Gennaio 2020, 10.30.03
21
Un album che lascia letteralmente senza parole e che ti arriva nel "profondo"; capolavoro.
zakyzar
Venerdì 11 Maggio 2018, 18.57.52
20
a dir poco eccezzionale .la useei come colonna sonora ad un noir futuristico xche no tipo bladerunner
La Confraternita Del Serpente
Mercoledì 28 Marzo 2018, 3.34.52
19
Esatto, ma forse la musica con la M maiuscola non sarà mai per tutti (almeno quella prodotta negli ultimi 20-25 anni circa). Comunque mi correggo, volevo dire "da ascoltare non prima di mezzanotte e non dopo le cinque del mattino". XD
Korgull
Mercoledì 21 Marzo 2018, 6.43.29
18
Sono con te in tutto e per tutto. Gli Ulver sono una band che ho amato in tutte le loro evoluzioni, in tutti i loro cambiamenti, in tutto il loro essere Ulver. Questo album è viaggio nel lato oscuro e "nascosto" delle nostre città e come esse non è per tutti. Ostico e seducente
La Confraternita Del Serpente
Mercoledì 21 Marzo 2018, 2.11.30
17
Uno dei miei album preferiti, toccante, profondo, misterioso, lo starter pack dal quale nessun musicista possa prescindere. Dalla prima traccia fino alla fine é un continuo pugno nello stomaco, da ascoltare non prima di mezzanotte e non prima delle cinque del mattino, aiuta ad assaporare-sopportare il grigiore e il mistero della cittá notturna. Inoltre, fa piacere che sia uno di quegli album del filone dell' 'avanguardia' norvegese, finanziato dal dipartimento della cultura dello stato stesso... Se anche l' Italia fosse cosí avanti... Comunque avevo letto che alcuni effetti della cittá fossero stati inseriti in alcune tracce (penso di dead city centres), essendo stati registrati dal vero dal palazzo del leader degli ulver, situato al quinto piano (la cosa mi ha fatto specie perché prima di sapere ció lo ascoltavo alla luce della luna nel mio appartamento al quinto piano). Album senza cedimenti, senza momenti di stanca, senza noiosi riempitivi... E io dunque assegno un bel S.V., cosa non da me. Lo faccio un po' per vendicarmi (non potete mettere S.V. Ai TOOL ahahah), ma soprattutto perché non ci trovo pecche... Non riesco proprio. Le mie preferite rimangono 'porn pieces or the scars of cold kisses' e la IMMENSA' nowhere-catastrophe', una delle mie canzoni preferite in assoluto.
Rob Fleming
Domenica 21 Febbraio 2016, 15.56.31
16
Capolavoro disumano. Nowhere/Catastrophe è superlativa. 95
Povero Yorick
Venerdì 29 Novembre 2013, 0.22.41
15
Dopo ripetuti ascolti, posso definirlo come uno dei dischi più interessanti che abbia mai ascoltato. Davanti a lavori del genere mi rendo conto quanto la musica sia per me una scoperta sempre nuova e una fonte di continua ispirazione.
Marco
Giovedì 14 Marzo 2013, 11.04.01
14
Non lo considero un capolavoro ma ci va molto vicino. Preferisco gli Ulver del primo periodo. Voto: 88
MikePatton
Venerdì 3 Febbraio 2012, 20.09.54
13
io preferisco gli ultimi ai precedenti dato che non sono un appassionato di black(per carità grandissimi album).Detto questo direi che è un album stupendo a dir poco
MetalHawk
Domenica 14 Agosto 2011, 2.14.53
12
Uno dei più grandi capolavori di sempre. Semplicemente magnifico.
wars
Martedì 26 Luglio 2011, 14.48.37
11
Capolavoro
Rashomon
Venerdì 1 Luglio 2011, 12.35.25
10
Soundtrack perfetta per un film Noir Futuristico. Veramente un bel disco. Detto da uno che di certo non è un patito della musica elettronica.
DarkSpace76
Mercoledì 25 Maggio 2011, 16.15.29
9
meraviglioso!!!
Franky1117
Mercoledì 1 Dicembre 2010, 19.38.18
8
capolavoro enorme di una classe sopraffina e di un'atmosfera sublime da fredda metropoli notturna
Kryptos
Mercoledì 1 Dicembre 2010, 18.54.04
7
Una Meraviglia di album. La mia preferita è "The Future Sound Of Music", davvero pazzesca.
Ubik
Mercoledì 1 Dicembre 2010, 17.16.10
6
Un capolavoro enorme come tutti i dischi degli Ulver. Provo un amore assurdo per questo disco tanto che non saprei descrivere a parole cosa provo quando lo sento. 100 e lode
Nikolas
Martedì 30 Novembre 2010, 23.01.11
5
Grazie Moro, sara' uno dei miei prossimi acquisti
Moro
Martedì 30 Novembre 2010, 22.59.37
4
Consiglio veramente di rimediare Blackfilm. E' l'unico progetto minimamente avvicinabile a Perdition City. Cosa che raramente ho trovato in giro. Potrei citare Blue Lines dei Massive Attack anche, molto urbano, molto dark...
Ond
Martedì 30 Novembre 2010, 17.45.54
3
Capolavoro incredibile/indefinibile. Gli Ulver ad ogni album hanno cambiato genere e approccio (anche nella magnifica trilogia Black Metal infatti il 1° è Black Metal/Folk, il 2° è Folk senza componenti metal e il 3° è Black Metal) sempre con risultati memorabili. Come tanto estro appartenga ad una band è un mistero, sono sempre avanti a tutti. Impossibile descrivere un opera d'arte come Perdition City, bisogna solo "ascoltarlo in cuffia di notte nello stato che precede il sonno". P.S. Recensione bellissima e calzante.
Nikolas
Martedì 30 Novembre 2010, 12.10.51
2
Indefinibile il mio amore per questo disco. Potrei spendere milioni di parole senza dire nulla di concreto. Con Perdition City ho scoperto la genialita' degli Ulver, che gia' conoscevo come band black, ma che ho iniziato ad amare follemente proprio in questa nuova incarnazione. Il disco e' qualcosa di difficilmente criticabile, praticamente perfetto, una colonna sonora che ormai da parecchio tempo mi accompagna quotidianamente. Voto oggettivo: 95. Voto personale: 100. Voto agli Ulver: ogni oltre scala di umana comprensione.
Electric Warrior
Martedì 30 Novembre 2010, 9.42.10
1
Un disco meraviglioso e strabiliante in questo caso, da una band che è partita facendo un black metal da antologia. Bravi nel periodo black, bravi in questo ambient. Ulver artisti a 360 gradi
INFORMAZIONI
2000
Jester Records
Ambient/Elettronica
Tracklist
1. Lost In Moments
2. Porn Piece Or The Scars Of Cold Kisses
3. Hallways Of Always
4. Tomorrow Never Knows
5. The Future Sound Of Music
6. We Are The Dead
7. Dead City Centres
8. Catalept
9. Nowhere/Catastrophe
Line Up
Kristoffer G. Rygg (Garm)
Tore Ylwizaker

Session members:
Håvard Jørgensen
 
RECENSIONI
80
82
76
80
82
85
90
80
94
90
94
99
98
82
ARTICOLI
21/11/2013
Live Report
ULVER + PAMELA KRUSTIN
Teatro Regio, Parma, 16/11/2013
17/11/2011
Live Report
ULVER
Teatro Regio, Parma, 12/11/2011
06/04/2011
Live Report
ULVER + ZWEIZZ
Bronson Club, Madonna dell'Albero (RA), 02/04/2011
12/08/2010
Live Report
ULVER
Teatro dell'Opera, Oslo, 31/07/2010
03/03/2010
Live Report
ULVER
Teatro Espace, Torino, 18/02/2010
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]