Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Mayhem
Daemon
Demo

Pinewalker
Migration
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

14/11/19
GREAT MASTER
Skull And Bones - Tales From Over The Sea

14/11/19
GREAT MASTER
Skull and Bones – Tales from Over the Seas

15/11/19
RAGNAROK
Non Debellicata

15/11/19
RAGNAROK
Non Debellicata

15/11/19
DESPISED ICON
Purgatory

15/11/19
HANGING GARDEN
Into That Good Night

15/11/19
TULUS
Evil 1999

15/11/19
THE DEATHTRIP
Demon Sola Totem

15/11/19
KRATER
Venerare

15/11/19
RAISED FIST
Anthems

CONCERTI

13/11/19
IMMOLATION + RAGNAROK + MONUMENT OF MISANTHROPY + EMBRYO
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

13/11/19
DAVID ELLEFSON
SUPERNOVA - TUORO SUL TRASIMENO (PG)

14/11/19
IMMOLATION + RAGNAROK + MONUMENT OF MISANTHROPY + EMBRYO
TRAFFIC LIVE - ROMA

14/11/19
PROFANATICA + DEMONOMANCY
CENTRALE ROCK PUB - COMO

14/11/19
DAVID ELLEFSON
LET IT BEER - ROMA

15/11/19
CLAUDIO SIMONETTI`S GOBLIN
LEGEND CLUB - MILANO

15/11/19
RIVAL SONS + GUEST TBA
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

15/11/19
IMMOLATION + RAGNAROK + MONUMENT OF MISANTHROPY + EMBRYO
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

15/11/19
PROFANATICA + DEMONOMANCY
SCUUM - PESCARA

15/11/19
ARCANA OPERA + GUESTS
THE FACTORY - CASTEL D'AZZANO (VR)

AC/DC - Blow Up Your Video
( 7603 letture )
Dopo tre lustri di onorata carriera, valorizzata da una decina di dischi seminali e scoppiettanti per la storia dell'hardrock e del rock'n'roll, i sudatissimi AC/DC vanno incontro al periodo meno brillante della loro saga, affrontando gli anni Ottanta con qualche pubblicazione non propriamente leggendaria e davanti alle quali, inevitabilmente, fans e critica storceranno il naso. Non si può essere sempre all'avanguardia, e allora ci sta qualche passo falso, in un cammino complessivo da dieci e lode che ancora oggi -dopo oltre tre decenni di carriera e a più di vent'anni dall'uscita del disco in questione- sa tenersi 'giovane' con live shows e studio albums del tutto rispettabili. Tanto di cappello agli AC/DC, dunque, anche se dopo i meritati elogi introduttivi è obbligatorio passare alla disamina del platter e sviscerarne vizi e virtù. Partendo dall'artwork: almeno quello è simpaticissimo, con un elettrico Angus Young che fuoriesce da un televisore sfondandone il video, quasi a voler sottolineare il notevole potenziale sulle masse da sempre nutrito in seno alla formazione resa celebre da dischi come Back In Black e Highway To Hell.

Il disco si apre col suo pezzo migliore, quella Heatseeker che diventerà una hit della band: forse l'unico pezzo all'altezza dei classici presente in scaletta, col suo mood trascinante ed un refrain vocale piacevolissimo, tipicamente AC/DC. Sicuramente l'intero album è spruzzato di quel sound classicamente rock'n'roll che gli Australiani hanno saputo rendere celebre e conosciuto non solo tra gli amanti di queste sonorità: un r'n'r grezzo e semplice nella struttura, ubriacato dalla voce sporca di Brian Johnson. La ricetta è persino banale: grinta, ritornelli ammiccanti ed una struttura elementare nella forma dei pezzi. Siamo di fronte ad un plotoncino di oneste canzoncine orecchiabili, niente di più: nulla di storico, nulla di memorabile. Fiore all'occhiello delle dieci composizioni in tracklist sono, naturalmente, gli assoli del solito Angus Young, caratterizzati dal tradizionale piglio caldo dello scolaretto di Glasgow: sicuramente non ispirati e bollenti come nel glorioso passato, ma utili a mettere un pò di sale sulla portata di un disco altrimenti stantìo. Troppi pezzi sembrano passare in secondo piano ed essere dotati di poca brillantezza, anche se il marchio AC/DC è evidente e percepibilissimo nell'inconfondibile sound del celebre quintetto angloaustraliano. L'utilizzo più o meno sporadico di coretti nel ritornello, i riffs blues rock dei chitarristi, i già citati solismi di Angus e la timbrica roca e alcoolica di Johnson contribuiscono infatti a rendere il disco una prova onesta ed un assaggio non disprezzabile di quello che questa band era stata nel passato: postumi di gloria, ultime gocce di alcool per vuotare le bottiglie dopo la festa. Oltre alla trascinantissima opener Heatseeker, vanno citate Nick of Time, dotata di uno dei refrain vocali più coinvolgenti del full length, e Two's Up, arricchita da uno splendido solo melodico.

Dell'operato di Angus Young è stato detto: un riffing meno efficace che in passato, riscattato in parte nei solos pur senza mai far delirare l'ascoltatore; la sezione ritmica resta limitata all'essenziale, ma questa non è una notizia, le parti vocali risultano gradevoli ma spesso banali e poco trascinanti. Quello che una volta era (forse) un pregio della band -canzoni molto simili tra loro, dalla medesima struttura- ora diventa il freno a mano che non fa lievitare l'album: certamente tutto possiamo aspettarci, dagli AC/DC, meno che la varietà o le innovazioni stilistiche, però limitarsi ad un plateale copia-incolla di quanto fatto e rifatto nei dischi precedenti appare essere un'operazione che alla lunga non premia più. Può funzionare al cospetto di riffs e refrain azzeccati, ma quando l'ispirazione inizia a latitare (e gli ultimi studio album lo avevano dimostrato) è meglio evitare di comporre un disco sufficiente ma pieno di canzoni-riempitivo.



VOTO RECENSORE
60
VOTO LETTORI
61.26 su 67 voti [ VOTA]
Legalisedrugsandmurder
Martedì 27 Agosto 2019, 20.43.13
42
Album sottovalutato. Non c'è solo Heatseeker, anche Kissin' Dynamite, Ruff Stuff, Two's Up, This Means War... Comunque io considero ottimo Fly on the Wall, per cui non mi considererete attendibile!
Philosopher3185
Martedì 27 Agosto 2019, 18.30.52
41
Mediocre e sufficiente non sono d'accordo..non è un capolavoro ma è un buon album nel complesso,rovinato da una produzione troppo "Pulita" e dallo stile di wright che non era adatto,ma pezzi come Heatseeker,That's the way i wanna rock'n roll,nick of time,two's up,sono ottimi pezzi,il resto sono buoni riempitivi.
robby
Domenica 28 Aprile 2019, 16.03.46
40
60 di stima.
thrasher
Domenica 17 Febbraio 2019, 20.26.57
39
Mediocre
Philosopher3185
Domenica 17 Febbraio 2019, 19.52.13
38
Rispetto all'album precedente è un passo avanti,anzi,forse questo è uno degli album piu' "vari",ci sono pezzi hard rock,rhytm n blues,altri vicini al pop,al funky,e Johnson stava recuperando la voce e stava anche iniziando a cantare in modo piu' melodico..il problema è sempre la produzione..se in fly on the wall era troppo pompata,qui' è troppo pulita,con sempre quel fastidiosissimo riverbero nella voce e il solito Wright con quel sound spento e monotono.Menzione speciale per two's up con un fantastico assolo di angus in tapping,e nick of time che è davvero un grandissimo brano(peccato non la facciano piu' live da tempo..).
Aceshigh
Venerdì 19 Ottobre 2018, 14.34.05
37
Qualitativamente a metà strada tra Fly on the Wall e The Razors Edge, per me è l'album con cui cominciano ad uscire dal periodo buio, mi è sempre piaciuto. A parte un paio di tracce scarse, il resto viaggia livelli mediamente più che buoni, come testimoniano pezzi come l'opener, That's the Way I Wanna R'n'R o Two's Up (stupendo il solo di Angus!). Voto 81
Fabio Rasta
Mercoledì 29 Novembre 2017, 11.16.59
36
... ancora quell'eco del cazzo alla voce! Chitarre fiacche (... e sono ANGUS e MALCOLM YOUNG!!!), SIMON WRIGHT ai fustini di detersivo, con lo stesso impegno con cui si può suonare un flauto alle elementari... C'è di buono qualche bella canzone, qualche esperimento compositivo riuscito in parte (forse con un sound migliore...), una cover simpatica, tutte cose già evidenziate fra commenti e recensione. All'epoca (ma la cassetta ce l'ho ancora!) avevo questo LP registrato sull'altra facciata di Season In The Abyss (figurarsi!!!). Mi dispiaceva mandare avanti i miei beniamini di sempre, e così li ascoltavo lo stesso, x vedere se mi ero sbagliato o perso qualcosa; o se riascoltandolo, il disco, mi avrebbe dato magari qualcosa di +. Xchè non è che fosse proprio "commerciale". Il fatto è che ancora oggi, quel sound proprio non lo sopporto. Le outtakes uscite anni dopo non aggiungono nulla, anzi, mi confermano che non mi ero sbagliato nel mio personale giudizio complessivo. E poi la voce di una Rock-Band x me è troppo fondamentale. Se non mi piace il cantato difficilmente mi terrò il disco. Credo infine che in questo periodo, l'aver affidato la faccenda video-clip ad un regista esperto del settore come David Mallett, abbia aiutato sia il discreto successo dell'LP in questione, sia la Band, che senza una spinta di rilievo, poteva anche rischiare l'oblio, in quell' epoca di mtv e di grandi cambiamenti. Mi ricordo che al tempo, temetti seriamente x l'integrità dei miei beniamini. Ma ancora un paio d'anni di pazienza e potei ammirarli nientemeno che da headliner in un suntuosissimo Monster Of Rock! E fu una bella rivincita dopo 7/8 anni di latitanza.
galilee
Domenica 22 Ottobre 2017, 14.22.18
35
Questo disco mi è sempre piaciuto abbastanza nonostante non fosse chissache. . Riscoltato ieri dopo rock le Bust mi è sembrato una bomba. Eh eh..
philisopher3185
Venerdì 13 Ottobre 2017, 19.54.16
34
Album che ho rivalutato,la produzione e' finalmente buona e anzi innovativa(le chitarre hanno un sound molto pulito e chiaro)la band riesce a comporre brani con qualche influenza soul e funky,boogie ma in modo molto blando,bryan johnson riesce a essere piu" melodico e ispirato,heatseeker e' un capolavoro(peccato non la suonino piu' dal vivo),twos up con un assolo di tapping e' un altro gioiello,ottime pure that's the way,ruff stuff e meanstreak.go zone.i restanti brani sono brani godibili.
!
Lunedì 17 Ottobre 2016, 7.11.52
33
La migliore é This Means War, poi sono da non sottovalutare anche tracce come Meanstreak e That's The Way, ma le altre non sono poi così belle.
beppe
Giovedì 8 Settembre 2016, 22.02.28
32
Nonostante nn sia un granché vi sono 2/3 tracce molto interessanti come riff...two's up, kissin dynamite e la non presente down on the borderline...e anche that's the way nonostante il video patetico é mica male!!
Alberto '69
Mercoledì 11 Maggio 2016, 0.47.41
31
Dopo il buon lavoro fatto dai ritrovati Vanda&Young per WHO MADE WHO,il brano, sinceramente all'epoca mi aspettavo qualcosina in più a livello di produzione. Niente a che vedere col pasticcio sonoro di FLY ON THE WALL, ma le chitarre sono un po' fiacchine. BLOW UP YOUR VIDEO resta comunque un valido disco hard rock e contiene due perle misconosciute, RUFF STUFF e TWO'S UP, che da sole giustificano l'acquisto dell'album. HEATSEEKER resusciterebbe un morto e THAT'S THE WAY fa proprio battere il piedino. L'unico punto debole secondo me è SOME SIN FOR NUTHIN', piatta e noiosa. Questo lavoro non è mai stato considerato ma va senz'altro rivalutato, lo merita. voto 75
thats
Domenica 1 Maggio 2016, 21.18.09
30
per me è un album discreto, con 2 bellissime canzoni (that's the way e two's up) ... 60 è sicuramente poco ... dico 78
Metalloinprestito
Domenica 1 Maggio 2016, 13.23.10
29
Quando uscì ques'album frequentavo il liceo .... per me che non sono un grande apapssionato di metal è comunque un grande album, con canzoni scoppiettanti. Non capisco comunque come non si possa apprezzare tra le altre "Two's Up" che secondo me è un capolavoro assoluto del rock e non solo dell'heavy metal.
Jimmy Page
Lunedì 4 Aprile 2016, 0.26.16
28
Un disco abbastanza innovativo, più leggero del solito ma comunque bello carico. Heatseeker, kissing dinamyte, that's the way...nick of time i pezzi migliori e anche piuttosto complessi (thats' the way soprattutto) E dimenticavo two's up, splendida, melodica e una grande novità per gli AC/DC. Degna di nota anche meanstreak mentre il resto riempitivi. Voto 75
simorock
Domenica 17 Gennaio 2016, 22.37.32
27
Nettamente meglio di Fly on the Wall, ma comunque non un gran che. Ho sempre ritenuto le sonorità e il mood di Two's Up un unicum nella discografia degli AC/DC, nonchè una chicca da affezionati della band. Complessivamente più che sufficiente, direi un 65.
Nic
Martedì 24 Novembre 2015, 14.42.22
26
Buon album,secondo me, anche se più leggero riepetto al solito. Niente di straordinario, ma un 70 glie lo do.
BlackSoul
Mercoledì 8 Luglio 2015, 9.27.08
25
Chiaro che quando suoni lo stesso riff variato di poco in ogni canzone, dopo un po' ti finiscono i ricambi. Per fortuna qualche anno più tardi riusciranno ad estrapolare nuove variazioni interessanti, ma durerà poco. 55.
Brecchindelo\\\'
Venerdì 22 Maggio 2015, 10.56.27
24
Mah, io mi ricordo che quando e` uscito mi e` piaciuto parecchio. Insomma ne venivo da Fly on the wall e questo disco per me ha rappresentato il "ritorno" degli AC/DC. 60 e` davvero pochino, un voto figlio del senno di poi.
Lisa Santini
Mercoledì 18 Giugno 2014, 14.01.40
23
Metal Maniac di dove sei?
Metal Maniac
Mercoledì 18 Giugno 2014, 13.51.55
22
no niente così...
Lisa Santini
Mercoledì 18 Giugno 2014, 0.16.56
21
Ma come mai mi hai fatto questa domanda Metal Maniac???
Lisa Santini
Mercoledì 18 Giugno 2014, 0.14.29
20
Scusa l'ora Metal Maniac io ho 14 anni
Metal Maniac
Martedì 17 Giugno 2014, 17.42.07
19
no non l'ho mai ascoltato, e per questo mi astengo dal dare voti... posso solo dirti che io di album degli ac/dc ne ho ascoltati solo due, highway to hell e back in black, e di questi due secondo me il migliore è senza dubbio highway to hell, nonché il migliore della loro intera discografia... sai com'è, all'unanimità si dice che il loro capolavoro sia back in black, ma per me non è così... comunque ti consiglio di votare gli album solo se li hai ascoltati, perché così non ha senso quello che fai! una curiosità, quanti anni hai?
Lisa Santini
Martedì 17 Giugno 2014, 17.11.29
18
Metal Maniac, io all' album gli do' un bel 70 , peche' non so' se e' davvero il migliore non lo so. Ma tu lo hai ascoltato????? -.--.-
Metal Maniac
Martedì 17 Giugno 2014, 16.59.34
17
anche in questo caso, come fai a dargli 70 se non lo hai mai ascoltato?
Lisa Santini
Martedì 17 Giugno 2014, 16.52.48
16
Questo disco deve essere bello ad ascoltarlo, io non l'ho mai ascoltato, pero' mi piacerebbe poterlo sentire allo stereo. Io gli do' un bel 70 , anchese non so' se e' davvero il migliore. Voi che cosa ne dite? Rispondetemi
Alberto
Domenica 25 Maggio 2014, 16.56.24
15
Nonostante l'eta della band e i tempi che correvano allora blow up your video è, a mio parere, un album riuscito in termini di qualità e innovazione. Tutto il disco è perseguito da un sound più leggero secondo i canoni degli AC/DC, con buoni risultati. Two's up, Heatseeker sono i due brani portanti che dimostrano l'abilità nel cambiare tono ed andamento. That's the way i wanna rock and roll e nick of time sono due brani complessi che una band meno esperta non si sarebbe potuta permettere. Kissing dynamite ricorda la struttura dell'album back in black, risultando classica e corretta. Esprimo un giudizio positivo.
Galilee
Giovedì 26 Settembre 2013, 9.20.18
14
Più o meno concordo con la recensione. Il disco però alla fin fine non è poi cosi male, ci sono alcuni ottimi pezzi. Sicuramente un capolavoro rispetto a fly on he wall. Un 65 se lo merita.
andy74
Venerdì 28 Giugno 2013, 2.07.12
13
Non lo considero un disco malvagio, senza dubbio superiore a flick of the switch e fly on the wall.
roberto
Domenica 9 Giugno 2013, 16.54.31
12
è da tanto che non ascolto questo album però me lo ricordo come un disco discreto..per me peggio han fatto con Flick of the swith e Fly on the wall...gli ultimi non li ho ascoltati
conte mascetti
Domenica 27 Novembre 2011, 21.51.16
11
ci sono degli ottimi pezzi in questo platter. E' un disco a cui sono molto legato...
blackie
Martedì 22 Febbraio 2011, 0.49.46
10
buon album ma niente a di eccezionale se paragonato a i classici anni 70.comunque anche qui ci sono buoni spunti,non esaltante ma sono sempre gli ac dc.
Philosopher3185
Lunedì 3 Gennaio 2011, 12.09.33
9
Qui' si sente che volevano cercare di tornare a fare rock'n roll stile anni 70,ma cercando di stare al passo degli anni 80...la produzione è già migliore di fly on the wall..ma mancano le canzoni..secondo me;poi simon wrigth non aveva il sound giusto...è piatto,monotono,potente si' ma svolge il suo compito come un impegatuccio da 2 soldi..non ci mette niente di suo,e non ha la classe di Phill rudd...però,heatseeker e that's the way i wanna rock'n roll,sono quanto di meglio avesserò fatto dopo back in black
Raze
Venerdì 10 Dicembre 2010, 13.30.03
8
Sarà perchè con questo disco ho conosciuto gli AC /DC consumando la musicassetta originale comprata dal mio povero babbo,porto sempre con me un ricordo molto bello relativo a questo disco che ascolto sempre volentieri...sicuramente non un album eccelso ma un 70 glielo do....
Drummer Furio
Mercoledì 8 Dicembre 2010, 14.02.47
7
Non sono d'accordo...lo trovo un ottimo album, sicuramente non all'altezza dei capolavori assoluti ma lo trovo cmq un ottimo album, di sicuro non uno dei peggiori!
Matocc
Domenica 5 Dicembre 2010, 16.16.18
6
sono un grande fan degli AC/DC ma non ho nessun problema a dire che BUYV è il loro album più fiacco... salvo Heatseeker, TTWIWRNR e poco altro. non è un disco orribile, ma non lascia nulla. nè carne nè pesce
zoso
Domenica 5 Dicembre 2010, 13.20.54
5
63: soltanto perchè siete voi acdc; fosse stato qualcun'altro 53
leonardo
Sabato 4 Dicembre 2010, 23.50.23
4
non so a me è piaciuto molto tra i lavori con brian ma effettivamente ci sono dei riempitivi con poco mordente , ma anche grandi canzoni tra cui that'sthe way....two's up,nick of time ruff stuff e this means war
Frankiss
Sabato 4 Dicembre 2010, 14.54.10
3
quoto Hellvis senza remora alcuna..album di transizione
hm is the law
Sabato 4 Dicembre 2010, 14.53.50
2
E' il disco che definitivamente mi fece girare le palle. All'epoca decisi basta con gli AC/DC!
hellvis
Sabato 4 Dicembre 2010, 14.46.33
1
Trascurabile. A parte Heatseeker.
INFORMAZIONI
1988
Atlantic Records
Hard Rock
Tracklist
1. Heatseeker
2. That's the Way I Wanna Rock n' Roll
3. Meanstreak
4. Go Zone
5. Kissin' Dynamite
6. Nick of Time
7. Some Sin For Nuthin'
8. Ruff Stuff
9. Two's Up
10. This Means War
Line Up
Angus Young - Chitarra
Malcolm Young - Chitarra
Simon Wright - Batteria
Cliff Williams - Basso
Brian Johnson - Voce
 
RECENSIONI
82
73
50
56
84
90
60
68
76
79
100
96
90
97
96
87
91
79
ARTICOLI
14/07/2015
Live Report
AC/DC + VINTAGE TROUBLE
Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari, Imola (BO), 09/07/2015
25/05/2010
Live Report
AC/DC
Stadio Friuli, Udine, 19 maggio 2010
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]