Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Phil Campbell
Old Lions Still Roar
Demo

Pinewalker
Migration
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

21/11/19
SIGNUM REGIS
The Seal Of A New World

21/11/19
DUST
Breaking The Silence

22/11/19
THE WHO
Who

22/11/19
LINDEMANN
F & M

22/11/19
HYPNO5E
A Distant (Dark) Source

22/11/19
BLOOD INCANTATION
Hidden HIstory of the Human Race

22/11/19
LORD MANTIS
Universal Death Church

22/11/19
AVATARIUM
The Fire I Long For

22/11/19
BLOOD INCANTATION
Hidden History Of The Human Race

22/11/19
CRYSTAL VIPER
Tales of Fire and Ice

CONCERTI

21/11/19
SKID ROW + HOLLOWSTAR
PHENOMENON - FONTANETO D/AGOGNA (NO)

22/11/19
EARTH + GUEST
BLOOM - MEZZAGO (MB)

22/11/19
SKID ROW + HOLLOWSTAR + RED RIOT
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

22/11/19
HEIDEVOLK + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

22/11/19
STRANA OFFICINA + COLONNELLI
THE CAGE THEATRE - LIVORNO

22/11/19
HADDAH + GUESTS
OFFICINE SONORE - VERCELLI

22/11/19
SAKEM + GUESTS
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

23/11/19
EARTH
TPO - BOLOGNA

23/11/19
HELLUCINATION + JUMPSCARE
PHOENIX FEST - FORMIA (LT)

23/11/19
HEIDEVOLK + GUESTS
REVOLVER - SAN DONÀ DI PIAVE (VE)

AC/DC - Stiff Upper Lip
( 7936 letture )
Inutile citare la grandezza o i dischi epocali che gli AC/DC hanno regalato alle enciclopedie della musica rock a partire dagli anni '70: anche la vicina di casa o il panettiere conoscono questi eterni ragazzacci dal sound sporco e ubriaco, persino le nonnina del piano di sopra avrà fischiettato almeno una volta qualche motivetto particolarmente radiofonico, e sicuramente le personali discografie dei metal-rocker, anche quelli meno accaniti, sono fornite di almeno cinque-sei storici album di questa band popolare e longeva. Eppure il nuovo millennio era iniziato sottotono per gli AC/DC, che dopo il buonissimo The Razors Edge (1990) avevano prodotto un solo disco negli anni '90 (Ballbreaker, del 1995), finendo praticamente ai margini e venendo da molti considerati, forse, come bolliti. Il 2000 vede l'uscita sulle scene di Stiff Upper Lip, il disco che riporta sugli scaffali dei negozi il celebre logo e il rock semplice e diretto reso popolare in tantissimi anni di onorata carriera. Un pezzo classicamente in stile AC/DC apre il disco: la titletrack, imbottita di sonorità settantiane, ancor più 'datata' musicalmente, dunque, rispetto ai grandi classici heavy oriented che la band dei fratelli Young aveva esploso a cavallo tra Seventies ed Eighties. Il pezzo risulta un po' anacronistico e, cosa strana per questa formazione, poco trascinante. Sintomi che fanno preoccupare già in avvio. I veterani angloaustraliani sfornano un disco di r'n'r elegante e soft lontano dalla produzione arrembante alla quale ci avevano abituato, quasi una marcia indietro indirizzata alle radici più lontane del loro background. Molto statico, troppo ordinato, Stiff Upper Lip si muove tra brani stanchi, privi di mordente e anima. Certo, Angus non perde mai il suo gusto per gli assoli semplici, lineari e accattivanti, ma anche lui, questa volta, non sembra all'apice della sua forma. Ritornelli e refrain vocali appaiono banali e noiosi, tutti i pezzi risultano innocui, dal tiro pressochè nullo, e non faranno sentire troppo a lungo la loro eco. Riff e strutture trite e ritrite, ormai stantie, si trascinano prive di velocità. Tra i pezzi appena gradevoli spiccano Hold Me Back e Safe in New York City, col suo mood circospetto che sa tanto di rock primordiale. Ci troviamo di fronte a trame chitarristiche molto semplificate, ma di certo non può esser questo un capo di accusa valido, visto che la peculiarità citata era di prassi in casa AC/DC; piuttosto colpisce l'inconsistenza melodica delle trame stesse, smorte, così come le incerottate vocals di un Brian Johnson anonimo come non mai. La struttura è sempre la stessa: un copia-incolla di pezzi e riff che non porta da nessuna parte. Il drumwork di Phil Rudd, naturalmente, si limita ad accompagnare il tempo, perchè da sempre il sound degli AC/DC è affidato completamente all'ugola del singer e ai riff di Angus; il risultato di questo album è un pugno di canzonette vuote, che si limitano a rimanere soltanto un impalpabile sottofondo. va sottolineato in rosso, nella tracklist, un pezzo come Can't Stop Rock'n'Roll, uno dei più gradevoli, anche nel riffing. Meno male che, con un titolo del genere, aiuta a rendere giustizia a ciò che i Nostri suonavano fino a qualche lustro prima, ovvero fottuto rock'n'roll stradaiolo. Tenete ben presente una cosa: la stessa Can't Stop Rock'n'Roll, pur essendo tra i brani meglio riusciti del lotto, ha una cadenza lenta e molto, molto rilassata, distante dalle vecchie, sregolate accelerate, accompagnate dal tipico passo dello scolaretto più monello del rock. I fans si aspettavano un ritorno più brillante, eppure nonostante un disco così fiacco era ancora presto per scrivere l'epigrafe degli AC/DC...


VOTO RECENSORE
50
VOTO LETTORI
55.21 su 69 voti [ VOTA]
thrasher
Domenica 17 Febbraio 2019, 20.50.10
45
Mai piaciuto questo molto meglio ballbreaker
Philosopher3185
Domenica 17 Febbraio 2019, 20.49.04
44
Mi è piaciuto molto piu' questo di Ballbreaker,non è certo un capolavoro ma con l'eta' avanzata non cè piu' da aspettarselo ma è sicuramente un bell album di sano rock..molto blues,anzi il piu' blues della loro carriera..ricorda un po' i primi album..
Fabio Rasta
Giovedì 7 Dicembre 2017, 16.05.30
43
Sono daccordo sul fatto che vi sia qualche filler di troppo, (fatto comunque opinabile visto che se leggete i commenti, ad alcuni piacciono), ma la faccenda che se una Band di quasi sessantenni si diverte a proporre un po' di sano Rock Blues, senza pezzi a mille all'ora, debba venire quasi insultata a 'sto livello, mi lascia un po' malamente. La title track è x me uno dei pezzi migliori di tutta l'era JOHNSON, anacronistico cosa significa?, se mi va di mettere su un disco di ROBERT JOHNSON sono anacronistico? e tutti quei Bluesman tipo HOWLING WOLF che non hanno fatto altro che copiarlo e riproporre lo stesso pezzo con la stessa struttura x quasi 100 anni? Anche io tendo a criticare l'assenza di sforzo dei fratelli YOUNG, nel variare un po' lo scheletro strofa/ ritornello/ strofa/ ritornello/ assolo/ ritornello, ma è lo schema tipico Rock Blues, a loro piace così e tocca a noi farcene una ragione. Va da se che non siamo obbligati a comprare il disco, ne tantomeno ad ascoltarlo. E comunque qualche novità sul piatto c'è: ad esempio lo stile di Hold Me Back (x me bellissima) o Can't Stand Still (con solo di MALCOLM!!!, sfido chiunque ad accorgersi della differenza), non mi risulta sia mai stato approcciato prima. La stessa title track è lontana anni luce da qualsiasi song loro precedente. Poi bisogna aggiungere che si tratta di un disco ben suonato, sempre ultra-metronomico (qualcuno pensa che sia facile?), con un bel sound ed un piglio magari non eccezionale, ma senz'altro + che dignitoso. Alla luce di queste considerazioni mi sento di affermare quanto segue: sempre col massimo rispetto e sempre secondo la mia modesta opinione, la mia impressione è che Stiff Upper Lip sia stato valutato troppo con orecchie "Heavy Metal" e x nulla con l'approccio Low Gain che avrebbe meritato; x "The Thrasher": nulla di personale ovviamente.
philosopher318
Martedì 3 Ottobre 2017, 11.39.46
42
album che ho rivalutato ultimamente;il piu' blues e tranquillo degli acdc.ma contiene ottimi brani sinceramente piu' ispirato rispetto a ballbreaker dove in certi pezzi mi sembra forzato e poco incisivo.bellissima la title track,trascinante meltdown.interessante hold me back..e altrettanto belle satellite blues. all screwed up e safe in ny
jacopi
Sabato 19 Agosto 2017, 23.56.14
41
Il prossimo che parla male di fly on the Wall (album con riff e sound frutto del massimo impegno da parte dei fratelli Young) dovrebbe uscire sul balcone e sputare controvento,per quanto riguarda questo stiff upper lip, nulla da dire, quando una band è versatile c'è poco da fare, voto 75 a causa delle ultime 3 tracce, che non colpiscono ne per sound ne per la voce del caro brian.
paolo
Sabato 25 Febbraio 2017, 15.17.18
40
Da fan della band sono poco attendibile, ma il lavoro non'e male per nulla..... meglio di BUYV o FOW, dove i riempitivi li erano l'80%... questo lavoro e' più' blues , la title track e' fantastica, ed il gorge in generale e' ottimo. voto 75/100
nonchalance
Lunedì 6 Febbraio 2017, 0.33.31
39
Ci sarebbe da correggere l'etichetta discografica: fino a poco fa, era sbagliata anche su Wikipedia! Loro, non sono mai stati sotto-contratto per la EMI.. _ In Europa uscì per la Elektra, negli USA per la East West..in ogni caso, trattasi sempre di Atlantic o ATCO (che dir si voglia..)! Comunque, tutte appartenenti al Warner Music Group.
!
Lunedì 17 Ottobre 2016, 12.23.26
38
Non é il più brutto degli AC/DC, è solo un po' più raffinato degli altri, ma a quasi tutte le band è capitato. Comunque la Title track, satellite blues e meltdown sono davvero belle.
Vanessa Incrostata
Venerdì 9 Settembre 2016, 0.48.18
37
Punto debole della discografia degli AC\DC, ma Save in NYC e' un pezzone!
Jimmy Page
Mercoledì 15 Giugno 2016, 0.52.20
36
Ho votato 75...non è fiacco o piatto è semplicemente più blues e raffinato...e la cosa mi piace molto. Otrime le prime 8 tracce, il resto lascia a desiderare.
Psychosys
Domenica 6 Marzo 2016, 23.46.46
35
Io preferisco personalmente questo. Si tratta di gusti.
Simo
Domenica 6 Marzo 2016, 22.18.36
34
ne hai dimenticati giusto un paio di album superiori a questo: un certo for those about e un certo the razors edge, ecco non proprio cazzatine
Psychosys
Domenica 6 Marzo 2016, 21.23.19
33
Disco sottovalutatissimo, il migliore dell'era Brian Johnson dopo Back In Black. Peccato per i riempitivi finali, però canzoni come Stiff Upper Lip, House Of Jazz e Safe In New Yourk City non le dimenticherò facilmente. Voto 75\100
BlackSoul
Sabato 6 Febbraio 2016, 7.21.39
32
Se provi ad ascoltarlo il tuo timpano decide di autoperforarsi per protesta. Voto 45.
Rockkkk
Venerdì 5 Febbraio 2016, 19.52.21
31
Recensione troppo severa a parer mio. Sinceramente non lo trovo malvagio come disco, solo è un po' più calmo. Tra i pezzi migliori stiff Upper Lip, Safe In New York city, All screwd Up, can't stop rock'n roll, satellite blues, give it up e meltdown. Voto 70
simorock
Domenica 17 Gennaio 2016, 22.46.34
30
Peggio di Ballbreaker, ma qui c'è del bel blues, gente. Nulla per cui strapparsi i capelli, ma un 62 per me lo merita!
Nic
Domenica 17 Gennaio 2016, 22.40.45
29
Gli AC/DC sono il mio gruppo preferito è penso che anche i loro album peggiori, come blow up your video e Fly on the wall, meritino 60 almeno. Ma questo, a parte get it up, stiff upper lip lip, satellite blues e Hold me back, è piuttosto ripetitivo e sicuramente il peggiore dei canguri. Infatti lo metto su solo per ascoltare le canzoni sopra citate. Voto:53
HMF LucaR16
Martedì 7 Ottobre 2014, 18.50.53
28
Non posso credere che questa gemma del vecchio Hard 'n Blues del '00 abbia preso solo 50. Uno dei dischi degli australiani che ho ascoltato di più e al quale sono molto affezionato. Escludendo le ultime gradevoli 4 tracce siamo su livelli alti. Il migliore post Back In Black, un vero disco con le pallle. Stiff Upper Lip= 9 Meltdown= 8 House Of Jazz= 9,5 Hold Me Back= 8 Safe In New York City= 9 Can't Stand Still= 8 Can't Stop Rock'n Roll= 8 Satellite Blues= 8 Damned, Come and Get It , All Screwed Up, Give It Up= 6 Voto: 70\100
Lisa Santini metallara forever
Lunedì 7 Luglio 2014, 15.49.08
27
Staff Upper Lip e' un album bello, l' ho sto ascoltando proprio adesso!!!! Gli AC/DC sono una delle mie band che mi piacciono tanto!!! Vorrei tanto avere tutti i dischi degli AC/DC
Alberto
Giovedì 22 Maggio 2014, 19.34.24
26
Prima di ascoltare l'album ho, come sempre, letto prima la recensione che il vostro sito propoone. E come sempre l'ho trovata sotto tono. Semplicemente non vedo il motivo di questa caterva di creitche. Gli AC/DC forse non si chiamano cisì rircordando l'acronimo 'Alternative current - Direct current', per segnalare la loro versatilità e pluricità di toni? Questo è un esempio di questa caratteristica. Il loro distaccamento, ovvio, da suod puramente hard rock per ritornare a stili blues rock, non va interpretato negativamente solo a causa di un attaccamento maggiore al primo genere piuttosto che al secondo. Alcune tracce sono forse troppo lente ma credo che in tutti i loro album ci siano delle tracce 'NO'. Passando in rassegna tutto l'album poi ci sono sicramente dei tiloli di valore: title track a parte, sattelite blues, safe in new york city, can't stop rock and roll e house of jazz. Non comprendo questo rifiuto così categorico. Potrei alencare vari motivi per cui questa band non se lo merita, ma farei solo delle ripetizioni di cose che altri hanno detto.
DestructionThrash
Domenica 13 Aprile 2014, 17.33.40
25
La merda fatta musica! Rino ti stimo per la recensione, e che non hai regalato un sei perchè "eh ma sono gli EISIDISI!!!!". Disco piattissimo, con ritornelli fastidiosi, riff riciclatissimi e banalissimi. Si salva la prima canzone, per il resto è un disastro. 45/100
Giolanni
Sabato 12 Ottobre 2013, 15.54.08
24
Album bellissimo, lo adoro. Il più brutto degli Ac/Dc
Galilee
Giovedì 26 Settembre 2013, 9.09.12
23
Non è di certo un gran disco, ma a me piace lo stesso. Gli AC/DC mi piacciono sempre. Tranne fly on he wall credo che tutti i loro dischi siano almeno da 6, e questo non fa eccezone. 65
manaroth85
Giovedì 26 Settembre 2013, 8.52.22
22
non son un grande fan di loro, ai tempi l acquistai, lo considero buono alla fine alcuni pezzi veramente buoni, altri un po riempitivi..ma un 6 comodo se lo merita
Daniele
Mercoledì 11 Settembre 2013, 23.24.35
21
Concordo con il recensore, l'album è sostanzialmente fiacco. Gli unici pezzi che mi hanno conquistato sono Stiff Upper Lipp, House of Jazz e Hold me Back
Raze
Lunedì 23 Luglio 2012, 16.31.06
20
copertina che mi fa impazzire...disco piatto come pochi e insieme a Fly on the wall il peggiore degli australiani
AL
Lunedì 23 Luglio 2012, 15.01.46
19
io stravedo per ballbreaker mentre tutti gli altri mi annoiano...
il vichingo
Lunedì 23 Luglio 2012, 14.46.22
18
Mah, per quanto apprezzi di più Brian Johnson, sono fermamente convinto che gli Ac/dc i veri capolavori li hanno sfornati durante l'era Scott. Stiff upper lip, Ballbreaker e Fly on the Wall sono album che ho sempre evitato come la peste, dato che non riesco mai ad andare oltre la seconda traccia.
Therocker77
Lunedì 23 Luglio 2012, 13.18.17
17
Stiff upper lip il lavoro degli Australiani che ascolto meno...
costantino
Sabato 12 Maggio 2012, 22.56.31
16
a me piace ... ho amato powerage allora criticato come debole e fiacco . ... un po' piu' blues e un po' piu' oscuri , questo e' un gran bel disco e a me e' piaciuto . ac dc un po' piu' tranquilli , ma il piedino si muove sempre al tempo ..... da rivalutare . ( ho visto che powerage ha 90 , allora ho consumato la cassetta che avevo .... ehm ho qualche anno ... allora stroncato perche' moscio ....) stiff upper lip 90 per me , meglio di black ice e ballbreaker e neanche di poco ...
blackie
Sabato 28 Maggio 2011, 2.06.00
15
sono fan degli ac dc,quindi alla fine anche questo e un album che mi piace abbastanza, comunque e tra i piu deboli mai prodotti e si sente un certa mancanza di idee.molti criticano ballbreaker ,ma io lo ritengo molto superiore a questo.
Philosopher3185
Lunedì 3 Gennaio 2011, 12.27.22
14
è un album un po debole...insomma,sembra di ascoltare gli zztop,appena un po piu' potenti..è troppo blues'n rhitym,ci sono pochi pezzi di rock duro....non è brutto come album,la title track,e satellite blues sono pezzi fantastici..ma non è propio un album che ti fanno scatenare! ottimo per bere whisky e rilassarsi,gli altri album invece per fare headbanging e sfogare le frustrazioni quotidiane
Viscido
Giovedì 30 Dicembre 2010, 14.01.18
13
Il peggiore della loro discografia,non l'ho preso e non lo ritengo degno di far parte della mia collezione.A dire il vero è l'unico vero passo falso della band visto che anche i loro dischi meno riusciti come Blow Up Your Video o Fly On The Wall meritano almeno la sufficienza...
leonardo
Mercoledì 29 Dicembre 2010, 18.57.11
12
certo è più sul blues e va adottato un tipo di ascolto diverso ...
hm is the law
Martedì 28 Dicembre 2010, 22.50.38
11
Un aborto.
Angel
Martedì 28 Dicembre 2010, 22.18.32
10
Una sogliola è meno piatta.....
Matocc
Martedì 28 Dicembre 2010, 17.20.35
9
Lo vedo molto più come un album rock/blues piuttosto che hard rock... si fa ascoltare, basta non paragonarlo ai dischi precedenti o risulterà abbastanza deludente
slide
Lunedì 27 Dicembre 2010, 9.49.12
8
Uffa...
Flag Of Hate
Domenica 26 Dicembre 2010, 21.38.37
7
Forse sono io ad essere severo, ma penso che, in 37 anni di onorata carriera, gli album veramente degni di nota si possano contare sulle dita di una mano. Per fortuna, questi pochi sono capolavori inarrivabili!
leonardo
Domenica 26 Dicembre 2010, 15.14.06
6
mah, a me piace invece
P2K!
Domenica 26 Dicembre 2010, 9.37.49
5
Disco noioso e privo di carica... Lo comprai subito e quasi subito finì a prendere polvere (dopo qualche disperato ripetuto e inutile ascolto...)
Giovanni
Sabato 25 Dicembre 2010, 15.55.58
4
Osceno
Hellion
Sabato 25 Dicembre 2010, 11.53.11
3
..beati voi che riuscite a cogliere la differenza nei dischi degli AcDc, Back in black lo adoro, poi mi sembrano tutti uguali!
hellvis
Sabato 25 Dicembre 2010, 11.25.18
2
Brutto. Non molto altro da aggiungere.
zoso
Sabato 25 Dicembre 2010, 11.19.39
1
non che black ice fosse un capolavoro......
INFORMAZIONI
2000
EMI
Hard Rock
Tracklist
1. Stiff Upper Lip
2. Meltdown
3. House of Jazz
4. Hold Me Back
5. Safe in New York City
6. Can't Stand Still
7. Can't Stop Rock'n'Roll
8. Satellite Blues
9. Damned
10. Come and Get It
11. All Screwed Up
12. Give It Up
Line Up
Brian Johnson - voce
Angus Young - chitarra solista
Malcolm Young - chitarra ritmica, cori
Cliff Williams - basso, cori
Phil Rudd - batteria
 
RECENSIONI
82
73
50
56
84
90
60
68
76
79
100
96
90
97
96
87
91
79
ARTICOLI
14/07/2015
Live Report
AC/DC + VINTAGE TROUBLE
Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari, Imola (BO), 09/07/2015
25/05/2010
Live Report
AC/DC
Stadio Friuli, Udine, 19 maggio 2010
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]