Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

At the Gates
To Drink from the Night Itself
Demo

Below a Silent Sky
A View from Afar
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

25/05/18
SKYBORNE REVERIES
Winter Lights

25/05/18
SCIENCE OF DISORDER
Private Hell

25/05/18
SPACE ELEVATOR
Space Elevator II

25/05/18
MICAWBER
Beyond The Reach Of Flame

25/05/18
FILII NIGRANTIUM INFERNALIUM
Hóstia

25/05/18
BLEEDING THROUGH
Love Will Kill All

25/05/18
DJEVELKULT
Når Avgrunnen Åpnes

25/05/18
FORGED IN BLOOD
Forged in Blood

25/05/18
LIV SIN
Inverted - EP

25/05/18
ABHOR
Occulta ReligiO

CONCERTI

24/05/18
CIRCUS MAXIMUS + ANGEL MARTYR + NEW HORIZONS (ANNULLATO!)
EVOL - ROMA

24/05/18
ALKYMENIA
CLUB HOUSE 22 - AULLA (MC)

25/05/18
CIRCUS MAXIMUS + ANGEL MARTYR + NEW HORIZONS (ANNULLATO!)
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

25/05/18
MORTIIS + GUESTS
OFFICINE SONORE - VERCELLI

25/05/18
ALKYMENIA + ANCIENT DOME + RAWFOIL
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

25/05/18
METAL QUEEN FESTIVAL (day 1)
SALONE POLIVALENTE - STRAMBINO (TO)

25/05/18
CORAM LETHE + SYMBIOTIC + CELEPHAIS
EXENZIA - PRATO

25/05/18
THE CRUEL INTENTIONS + SPEED STROKE + LETHAL IDOLS
GRIND HOUSE CLUB - PADOVA

26/05/18
CIRCUS MAXIMUS + ANGEL MARTYR (ANNULLATO!)
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

26/05/18
MILADY METAL FEST
ARCI TOM - MANTOVA

Darkthrone - Sardonic Wrath
( 7467 letture )
Francamente sembra che ultimamente i leggendari Darkthrone stiano avendo risultati piuttosto altalenanti: se Ravishing Grimness segnava il ritorno ad ottimi livelli del gruppo norvegese, il successivo Plaguewielder segnava un punto piuttosto basso della loro carriera; l'anno scorso era però uscito l'ottimo Hate Them, e adesso di nuovo sul saliscendi, a causa di una sterzata verso le origini antiche del black metal, ovvero il punk!
Non fraintendetemi, i Darkthrone non sono diventati i novelli Sex Pistols, ma, come loro stessi hanno ammesso in recenti interviste, per questo disco hanno voluto inserire delle influenze punk nel loro classico sound black, per sentirsi un po' più liberi di comporre rispetto ai classici clichè passati; ovviamente i Darkthrone, per merito di una carriera gloriosa, sono liberissimi di suonare quello che sentono dentro di se, che sia il classico black norvegese (quello che hanno pesantemente contribuito a formare), o altro; dovrebbero però capire se effettivamente i loro brani siano poi all'altezza del nome che portano, e sfortunatamente, almeno in alcuni casi, ci sono, almeno a mio parere, delle grosse cadute di tono. Intendiamoci, il disco non e' certo brutto, i Darkthrone sono sempre quelli che tutti noi adoriamo, e gli elementi che hanno contribuito a renderli immortali ci sono tutti (anzi, la voce di Nocturno Culto sembra ancora più demoniaca del solito!), ma in questo disco il duo norvegese sembra piuttosto indeciso su che direzione prendere, dividendosi tra influenze appunto più punk (Sjakk Matt Jesu Krist, Hate Is The Law), accelerazioni in stile black svedese alla Marduk-Dark Funeral (Information Wants To Be Syndicated) e pezzi più classici (Alle Gegen Alle, Rawness Obsolete), senza contare una intro dark-ambient anonima, decisamente noiosa e troppo lunga (oltre due minuti).
Il problema e' che il songwriting fa cilecca: non c'e' nessuna perla, nessun brano che riesca a comunicare l'essenza nera presente nel cuore e nella mente di Fenriz e Nocturno Culto, anzi, i due norvegesi sembrano quasi svogliati, appesantiti e sforzati, nel suonare questi nove brani.

I Darkthrone ci hanno da sempre abituati ad essere molto rapidi nella composizione e registrazione dei loro album (dieci album in quattordici anni), quindi non li si può certo accusare di aver fatto le cose troppo in fretta, e questo, se vogliamo, è un punto a loro sfavore, perché vuol proprio dire che la band non era completamente ispirata, nel comporre Sardonic Wrath. Nonostante ciò il disco non e' certo insufficiente, e se adorate i Darkthrone, non faticherete ad apprezzare anche questo disco, almeno in parte: forse sono io che mi aspettavo qualche scintilla in più del genio nero che da sempre contraddistingue il duo norvegese, forse mi aspettavo troppo, o forse non ho capito il disco, con le sue influenze che lo rendono leggermente diverso dal solito. Sia come sia, questi non sono, a mio parere, i migliori Darkthrone possibili (che forse non torneranno più).
Apprezzando comunque la loro voglia di suonare esattamente quello che LORO vogliono suonare, e li saluto in attesa di un prossimo album che, ne sono sicuro, risplenderà di luce nera.



VOTO RECENSORE
60
VOTO LETTORI
34.88 su 44 voti [ VOTA]
Paolo
Venerdì 26 Agosto 2016, 7.34.53
4
Anche qua commenti degni di nota. Pochi ma buoni si direbbe. A recenzore scuzi, però sjakk matt jesu krist è un pezzone.
black
Giovedì 21 Aprile 2016, 10.48.54
3
che delusione! non mi piaccion proprio in questa versione
Abbadon87
Domenica 10 Agosto 2014, 22.50.56
2
KEMMERDA MOLTO MEGLIO GLI EMPEROR.no apparte gli scherzi è un album passabile e poi gli Emperor possono solo succhiarlo agli Immortal e ai Mayhem(De Miisterys ' Dom Sathanas e Deathcrush gli aprono il culo) e Ferinz gli da fuoco con una molotov.
Dirk
Martedì 4 Gennaio 2011, 13.40.46
1
L'ultimo buon disco prima della svolta,dopo sono calati notevolmente.
INFORMAZIONI
2004
Moonfog
Black
Tracklist
1. Order Of The Ominous
2. Information Wants To Be Syndicated
3. Sjakk Matt Jesu Krist
4. Straightening Sharks In Heaven
5. Alle Gegen Alle
6. Man Tenker Sitt
7. Sacrificing To The God Of Doubt
8. Hate Is The Law
9. Rawness Obsolete
Line Up
Nocturno Culto: voce, chitarra, basso
Fenriz: batteria
 
RECENSIONI
78
s.v.
69
70
72
80
60
s.v.
74
70
94
85
99
87
74
ARTICOLI
05/11/2016
Intervista
DARKTHRONE
Slow heavy metal
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]