Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Destrage
The Chosen One
Demo

E.G.O
Everything Goes On
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/06/19
MONARQUE
Jusqu-à la Mort

26/06/19
BLOODY HAMMERS
The Summoning

26/06/19
H.E.A.T
Live at Sweden Rock Festival

26/06/19
ROB MORATTI
Renaissance

27/06/19
ORDER OF THE EBON HAND
VII: The Chariot

28/06/19
RHODIUM
Scream into the Void

28/06/19
MAJESTY
Legends

28/06/19
DREAMS IN FRAGMENTS
Reflections Of A Nightmare

28/06/19
TURILLI/LIONE RHAPSODY
Zero Gravity (Rebirth And Evolution)

28/06/19
JBO
Wer Lässt Die Sau Raus?!

CONCERTI

24/06/19
THE MELVINS + RED FANG
CARROPONTE - SESTO SAN GIOVANNI (MI)

24/06/19
THE AMITY AFFLICTION
TUNNEL - MILANO

24/06/19
ANATHEMA + guests
Live Club - Trezzo sull'Adda

24/06/19
CARACH ANGREN + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

25/06/19
LACUNA COIL + DAWN OF MEMORIES
PARK NORD STADIO EUGANEO - PADOVA

25/06/19
FLOGGING MOLLY + DESCENDENTS
CARROPONTE - SESTO SAN GIOVANNI (MI)

25/06/19
CANNIBAL CORPSE + SADIST
Parma Music Park c/o Villa del Fulcino - Parma

27/06/19
SLIPKNOT + AMON AMARTH + TESTAMENT + TRIVIUM + LACUNA COIL + ELUVEITIE + GUESTS TBA
ARENA PARCO NORD - BOLOGNA

27/06/19
ELUVEITIE
SONIC PARK - BOLOGNA

27/06/19
KADAVAR (GER) + THE OBSESSED + GUESTS TBA
CIRCOLO MAGNOLIA - SEGRATE (MI)

Tiago Della Vega - Hybrid
( 3179 letture )
Grande acquisto per la SG Records, questo Tiago Della Vega: d'origini brasiliane, il buon Tiago vanta il titolo (certificato dalla Guinness World Records) di "chitarrista più veloce della Terra", avendo eseguito senza errori, ed all'impressionante velocità di 320 bpm al minuto, il celebre Volo Del Calabrone, che troviamo presente anche in questo nuovo album, Hybrid, sul mercato ormai da gennaio 2010. Con queste premesse sarà ovvio pensare che Tiago è il classico shredder che suona sempre alla velocità della luce, senza mai mostrare un minimo di emozione, senza architettare soluzioni melodiche originali, senza tentare la via della sperimentazione... e invece no! Gli otto brani qui presenti dimostrano l'esatto opposto: non solo Tiago Della Vega è un eccellente chitarrista, ma è anche un bravissimo compositore ed un degno interprete del fenomeno solista.

Bugus, il brano che apre il disco, è introdotto da dei vocalizzi femminili: l'atmosfera è orientaleggiante, e gli strumenti usati (dai fiati alle percussioni elettroniche) permettono all'ascoltatore di immergersi immediatamente in un mondo caldo ed avvolgente, in cui la narrazione è completamente affidata alla mano del solista, che inserisce quà un fraseggio basato su rapidi successioni cromatiche, là un accenno a sonorità jazz, strizzando l'occhio al neoclassicismo e cambiando celermente il tempo, gli accenti, la struttura della frase solista. Un inizio che lascia confuso chi si aspettava qualcosa di più tradizionale ed intuitivo, caratteristiche che invece si ritrovano nella successiva Destiny, un brano che nell'interpretazione solista rimanda allo stile dei grandi solisti del rock e del metal (Joe Satriani in primis, ma anche Jason Becker, da cui il nostro Tiago deve aver tratto diversi insegnamenti, a giudicare dal modo in cui egli applica la lezione sugli arpeggi ed in generale sullo sweep picking). Come si noterà dalla lettura del campo relativo alla line-up, Hybrid è stato composto ed inciso prevalentemente da Tiago, che si è occupato anche delle sezioni di basso e tastiera, e con eccellenti risultati. Gli unici due nei del disco sono costituiti da Caprice 24, arrangiata in una maniera veramente forse troppo distante dall'originale e che non riesco a digerire più di tanto (nonostante l'esecuzione sia inattaccabile, beninteso), ed in generale la brevità dei brani: che si tratti di un naturale rigetto verso l'eccessiva prolissità che caratterizza molti dei dischi solisti editi negli ultimi vent'anni? Questo non lo so, e non posso dirlo, ma certo che tematiche come quelle trattate in Violet Rose, Distant Dreams e Lost, tanto per citarne alcuni, avrebbero forse meritato un maggiore approfondimento. O forse sono io che non m'accontento mai di quello che c'è di buono, chissà...

Comunque sia, Hybrid è un disco che mostra grande maturità e mi sento di consigliare a tutti gli amanti della musica solista, ma che più in generale si rivolge a chi non si accontenta dei soliti quattro accordi, magari essendo alla costante ricerca di stimoli veramente originali e di soluzioni ricercate e coinvolgenti. Per tutti coloro che hanno un cuore: fate vostro Hybrid, e non ve ne pentirete; solo state attenti, perchè il rischio d'innamorarsi perdutamente è veramente troppo alto!



VOTO RECENSORE
89
VOTO LETTORI
20 su 18 voti [ VOTA]
DevizKK(1991)
Martedì 11 Gennaio 2011, 5.00.51
12
@ Khaine: Pure secondo me c'è una differenza abissale...Solo che tu intendi a favore di Tiago e io a favore di Jeff tutto qui ) il primo disco solista di Jeff per me è un grandissimo disco a differenza di questo..ovviamente è il mio pensiero
Khaine
Lunedì 10 Gennaio 2011, 9.15.05
11
@ Deviz: scusa, leggo solo ora il tuo commento. Tra questo disco e ZOP c'è una differenza abissale... ma proprio abissale!
DevizKK(1991)
Sabato 8 Gennaio 2011, 7.53.57
10
Mi sono ascoltato il disco piu di una volta e non voglio fare la parte del rompicoglioni...Però 89 non è un pò troppo altino???un 60/65 ci stava non di più almeno secondo me...Poi oooh ogni persona prova emozioni in modo diversa e le percepisce in modo di diverso..Resta il fatto che vedere 89 a sto disco e vedere 75 a Zero Order Phase di Jeff Loomis fa un pò rimaner male diciamo cosi...89 l'avrei dato al disco di Jeff non a sto disco....Ovviamente è questione di punti di vista!
kvmetternich
Venerdì 31 Dicembre 2010, 17.31.34
9
Come se l'ambizione di "essere il più talentuoso chitarrista del mondo" fosse un sentimento di serie b. Meglio questo sentimento di tanti altri del tipo "l'assolo struggente perchè quella troia non me la da".
Andriy203a
Giovedì 30 Dicembre 2010, 16.50.33
8
concordo con khaine, di sicuro ce ne saranno milioni come lui tecnici e virtuosi, ma lui di sicuro non è uno di quelli velocità e basta..è anche melodico quando serve e il sentimento ce lo sento eccome.. poi per carità ognuno ha i suoi gusti, per me anche petrucci ha sentimento, feeling ecc (non molto ultimamente però)
Nightblast
Giovedì 30 Dicembre 2010, 15.52.32
7
Incuriosito ho ascoltato qualcosa di questo shredder...Bè, uno come tanti, tecnico e freddo come la neve...Quanto valgono due note suonate con il cuore...
Khaine
Giovedì 30 Dicembre 2010, 12.43.49
6
Beh dai, adesso però non esageriamo... certamente la velocità è uno dei punti cardine del suo stile, ma in un disco come questo si sente di tutto e c'è anche parecchio sentimento (passami il termine, eh ): vedasi Destiny e Distant Dreams
pagan
Giovedì 30 Dicembre 2010, 12.34.37
5
sì, se ti riferisci al commento su YouTube sì, però non ci metterei la mano sul fuoco che non sia davvero così.. comunque, scherzi a parte, il buon Tiago è un altro dei tanti, troppi virtuosi buoni solo per far vedere quanto son veloci e precisi con lo strumento.. sì, bene ma oltre a quello?
Khaine
Giovedì 30 Dicembre 2010, 12.07.28
4
He mi pare un pelino esagerato così eh Comunque lo shred e la musica solista in genere stanno vivendo un bel periodo di rinnovamento:tra le nuove leve c'è VERAMENTE animo di novità.
pagan
Giovedì 30 Dicembre 2010, 11.47.25
3
Quoto il primo commento che si trova sotto il suo video su YouTube dedicato al World Record 2008... Petrucci, Malmsteen ed Impellitteri tremate!
Khaine
Mercoledì 29 Dicembre 2010, 19.14.26
2
Bravo Andriy, l'album in effetti è stato pubblicato lo scorso anno (le recording sessions risalgono al 2008). Tuttavia, SG Records da come data di pubblicazione il 22 gennaio 2010, quindi avendo in mano quel prodotto mi sono attenuto al dato "ufficiale"
Andriy203a
Mercoledì 29 Dicembre 2010, 19.11.46
1
Gran bel cd, dimostrazione come non sia solo un chitarrista che sappia andare solo veloce. ps: khaine mi pare che il disco sia uscito l'anno scorso (2009)
INFORMAZIONI
2010
SG Records
Shred
Tracklist
01 Bugus
02 Destiny
03 Caprice 24
04 Lost
05 Violet Rose
06 Distant Dreams
07 The Flight Of The Bumblebee
08 Acalanto
Line Up
Tiago Della Vega - Chitarre, basso, tastiere e percussioni

Benhur Vieira Lima - Basso su 'Distant Dreams'
Mauricio Pezzi - Piano su 'Destiny'
Micheli Trentin - Voce aggiuntiva su 'Lost'
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]