Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Tremonti
Marching in Time
Demo

Teramaze
Sorella Minore
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

21/10/21
VADER
Blitzkrieg in Texas: Live 2005

22/10/21
DAN LUCAS
The Long Road

22/10/21
PHANTOM FIRE
The Bust of Beelzebub

22/10/21
CATALYST CRIME
Catalyst Crime

22/10/21
LIVLOS
And Then There Were None

22/10/21
ARMORED SAINT
Symbol of Salvation Live

22/10/21
CRADLE OF FILTH
Existence is Futile

22/10/21
NECROFIER
Prophecies of Eternal Darkness

22/10/21
MASSACRE
Resurgence

22/10/21
COGNOS
Cognos

CONCERTI

16/10/21
GIÖBIA + RAWPOWER
ZIGGY CLUB - TORINO

19/10/21
DEEP PURPLE
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

21/10/21
H.E.A.T
LEGEND CLUB - MILANO

22/10/21
FULCI + HELSLAVE
DEFRAG - ROMA

23/10/21
HYPERION (ITA) + GENGIS KHAN
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

23/10/21
FULCI + CRAWLING CHAOS
CIRCOLO DEV - BOLOGNA

24/10/21
TOTAL RECALL + FULCI + RISE ABOVE DEAD
LEGEND CLUB - MILANO

29/10/21
LABYRINTH
DRUSO - RANICA (BG)

04/11/21
MICHAEL SCHENKER GROUP
AUDIODROME LIVE CLUB - MONCALIERI (TO)

05/11/21
DISTRUZIONE + NEID + NECROFILI
TRAFFIC LIVE - ROMA

Sarcofagus - Envoy Of Death
( 5389 letture )
Sarcofagus, un nome misterioso, che ho cercato per tanti anni dappertutto...avevo sentito parlare di questo misconosciuto gruppo finlandese, e sia il nome che la descrizione che ne veniva data ("gruppo doom"), mi avevano incuriosito molto. "Envoy Of Death" non e' il primo album della band, bensi' il secondo (il primo e' "Cycle of life"), ed e' sicuramente il migliore dei due. Un album che non e' propriamente doom metal, ma prende a piene mani dalla tradizione hard rock anni '70, per poi inserire abbondanti innesti di Black Sabbath (piu' per il sound della chitarra che altro, preso pari pari da quello del grande Tony Iommi) e di Pentagram (per la voce di Jukka Homi, molto simile a quella di Bobby Liebling, sia nello stile quasi "psichedelico", che proprio nella tonalita'), a formare un album abbastanza particolare ed originale, lontano anni luce dalla concezione che si ha oggi della parola "doom", ma comunque con un atteggiamento malinconico e malato. Il mastermind Kusniemi prende su di se' il carico di tutto il songwriting/lyrics-writing (rispetto al debut, nel quale si divideva il lavoro con Hannu Leiden [non presente in "Envoy of death"], che era anche il cantante, con risultati a mio parere non eccelsi), sfornando un album decisamente una spanna superiore al pur discreto "Cycle of life", che riesce ad esprimere una concezione di heavy rock abbastanza particolare, che finalmente non guarda soltanto ai Black Sabbath (soprattutto quelli degli album "Volume 4" e "Sabotage" come unico fulcro del proto heavy metal, ma si ricorda dell'esistenza anche dei "cugini poveri" (come fama, ovviamente), ovvero appunto i Pentagram, che hanno per la prima volta instillato nella musica heavy un atteggiamento malato, "ubriaco", heavy non tanto nel sound (decisamente piu' leggero rispetto alla band di Ozzy Osbourne), quanto nelle atmosfere stranianti che riuscivano ad evocare nell'ascoltatore. Ecco, potremmo fare un parallelo con i Witchfinder General, altra band misconosciuta dei primissimi anni '80, che pero' erano quasi dei cloni del Sabba Nero, nonostante avessero comunque un atteggiamento piu' "goliardico", se cosi' possiamo dire : sia i W.G. che i Sarcofagus sono comunque band che sono riuscite, nella loro brevissima carriera (due soli album ufficiali), ad assimilare il primissimo sound del destino funesto, ognuno a modo suo, per continuare la tradizione, e spargere gli insegnamenti di chi si interessa agli aspetti piu' oscuri e misteriosi della vita; e infatti i Sarcofagus si chiedono cosa ci possa essere dopo la vita, e per rispondere prendono spunto dalle credenze degli antichi Egizi, per i quali, una volta conclusa l'esistenza terrena, l'anima si doveva presentare di fronte ad una corte, che l'avrebbe giudicata in base a quanto fatto in vita; ogni brano e' quindi la storia di un'anima, che racconta la sua vita al giudice, ovvero l'Inviato della Morte.
"Envoy of death" e' un disco particolare, assolutamente da avere per chiunque apprezzi Black Sabbath, Pentagram e hard rock settantiano, e piu' in generale per chi voglia ascoltare qualcosa di diverso rispetto ai soliti dischi che escono oggi : avrete l'occasione per ascoltare anche il brano che io considero il piu' AGGHIACCIANTE della storia del rock/metal, ovvero la mostruosa "Black Contract", quasi dieci minuti di terrore puro, un brano abbastanza differente rispetto agli altri (senza considerare le due bonus track cantate in finlandese, e tratte da "Motorbirds", album mai pubblicato e scaricabile gratuitamente dal sito www.sarcofagus.net, molto piu' influenzate dal rock'n'roll e dal punk, interessanti e che vi faranno battere il piede senza che ve ne accorgiate), ma che da solo rende i Sarcofagus una band da avere : se volete saperne di piu', non dovete fare altro che acquistare questo grande disco (purtroppo non sara' facile, a causa della sua scarsissima diffusione).
Per coloro che rimpiangono i Sarcofagus (gruppo che ha tutto il diritto di avere la nomea di "cult band"), vi preannuncio che, almeno a giudicare da quanto scritto sul loro sito ufficiale, a breve dovrebbe uscire un nuovo album, sempre con il mastermind Kuusniemi al timone...aspettiamo con ansia...



VOTO RECENSORE
90
VOTO LETTORI
34.38 su 39 voti [ VOTA]
Sudparadiso
Martedì 7 Aprile 2020, 9.48.09
5
A coloro che votano con il c..o, fatevi una trombata in più che vi può far bene... Sono d'accordo con il recensore, disco da 90..almeno.
Rob Fleming
Domenica 7 Febbraio 2016, 16.36.36
4
Oscuro, inquietante, così poco conosciuto, eppure estremamente affascinante.
The Nightcomer
Venerdì 20 Gennaio 2012, 11.13.53
3
E' un piacere trovare recensioni come questa. Concordo praticamente su tutto! Sono rimasto sorpreso della ripresa delle attività da parte di Kuusniemi, ma non ho potuto ancora sentire il loro ultimo album Core Values, nonostante sia uscito già da alcuni anni.
mario
Sabato 11 Aprile 2009, 16.37.22
2
grezzo ed introvabile reperto di un tempo in cui l'ascolto della musica metal non era un'occupazione saltuaria di ragazzini brufolosi. la difficoltà con cui si reperivano i dischi alternativi aumentava il piacere di goderseli in ripetuti ascolti. certe canzoni ti entravano nell'anima e ti accompagnavano nelle intere giornate. sono vecchio e nostagico molto doom
Antonius
Martedì 8 Gennaio 2008, 14.36.39
1
Da riscoprire assolutamente......dark metal
INFORMAZIONI
1980
Mellotron Records (Ristampa 1996)
Heavy
Tracklist
1. Envoy Of Death
2. The Deadly Game
3. Wheels Of Destruction
4. Insane Rebels
5. Die To win
6. Stolen Salvation
7. Black Contract
8. Kuoleman Kauppias (bonus track)
9. Moottorilinnut (bonus track)
Line Up
Kimmo Kuusniemi (guitars, voices)
Jukka Homi (vocals)
Juha Kiminki (bass)
Ari-Pekka Roitto (drums, tranne Black Contract)
Esa Kotilainen (keyboards) (guest)
Ronnie Osterberg (drums in Black Contract) (guest)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]