Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Iamthemorning
The Bell
Demo

Break Me Down
The Pond
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/10/19
PLATEAU SIGMA
Symbols - The Sleeping Harmony of the World Below

25/10/19
JOE BONAMASSA
Live at the Sydney Opera House

25/10/19
VISION DIVINE
When All Heroes Are Dead

25/10/19
ZONAL
Wrecked

25/10/19
EDELLOM
Sirens

25/10/19
RINGS OF SATURN
Gidim

25/10/19
EXMORTUS
Legions of the Undead

25/10/19
CREST OF DARKNESS
The God Of Flesh

25/10/19
STEVE HACKETT
Genesis Revisited Band & Orchestra: Live at the Royal Festival Hal

25/10/19
ANTHONY PHILLIPS
Strings of Light

CONCERTI

20/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
Casa della Musica - Napoli

20/10/19
DEFLORE + MOLOTOY
WISHLIST CLUB - ROMA

20/10/19
NECROFILI + DISEASE
VILLAGGIO CULTURA - ROMA

22/10/19
CELLAR DARLING + FOREVER STILL + OCEANS
LEGEND CLUB - MILANO

23/10/19
FOLKSTONE
ORION - ROMA

23/10/19
PINO SCOTTO
MOB CLUB - PALERMO

25/10/19
MACHINE HEAD
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

25/10/19
INTER ARMA
LIGERA - MILANO

25/10/19
ARBORES AUTUMNALES FESTIVAL
GRIND HOUSE CLUB - PADOVA

25/10/19
FOLKSTONE
VIPER THEATRE - FIRENZE

Sonata Arctica - Reckoning Night
( 6862 letture )
Mai come ora è difficile giudicare un album dei Sonata Arctica.
Giunta nel 2004 al quarto full lenght, la band finlandese si prodiga di tenere alta la bandiera del power di gran classe a cui ci aveva abituati fin dal grande debutto Ecliptica con una ricetta decisamente convenzionale, povera di cambiamenti importanti, sia dal punto di vista stilistico, sia da quello concettuale. Il power è (forse addirittura per antonomasia) il genere metal più commercialmente saturo degli ultimi decenni. Sfornare un prodotto interessante è diventato sempre più difficile e rischioso, sia per la rigidità dei canoni melodici che “deve” rispettare, sia per la grande quantità di band presenti.
Un punto a favore dei Sonata Arctica sta nell’avere già raggiunto una certa indipendenza, un proprio trademark, fin dagli esordi. Non credete a chi li etichetta come una cover band degli Stratovarius: se il gruppo di Tolkki sapesse comporre e suonare solo la metà dei brani di Kakko, sarebbe già un passo avanti. E tralasciamo pure la magra figura che solitamente i Sonata fanno in sede live: i loro album in studio sono autentica dinamite per gli amanti del power.

In linea di massima, Reckoning Night non fa eccezione.
Brani melodici, ben strutturati con una punta di progressive, una discreta ricerca melodica (che mitiga la banalità dei canoni del genere), musicisti decisamente sopra la media. Escludendo la piattezza compositiva del batterista Portimo (a cui ci ha da tempo abituati) e l’incapacità esecutiva del bassista Paasikoski, la musica è veramente eseguita in maniera grandiosa. Negli ultimi due album l’attenzione solista si è spostata dalla sei corde di Liimatainen alle virtuose tastiere di Klingenberg, ma non giurerei che questo sia stato un espediente per valorizzare il nuovo tastierista, visto che in Winterheart’s Guild l’esecuzione era affidata a Kakko: direi piuttosto che negli ultimi tempi il chitarrista manca un po’ di idee, cosa questa che è riscontrabile anche nelle linee ritmiche.
Il risultato sono due album molto più “morbidi” e “soffusi”, ricchi di atmosfere sognanti e meno taglienti. Questa nuova tendenza non toglie nulla alla bellezza dei brani, ma direi piuttosto che valorizza le linee melodiche di cui il gruppo finlandese è da sempre artefice: una melodia immediata e spensierata, ma con un accenno di malinconia tipica delle zone nordiche.

E’ curioso l’impegno profuso da Kakko nella composizione dei cori: in Don’t Say a Word, ma soprattutto in White Pearl, Black Oceans, si sprecano i canti e i controcanti che fanno da cornice alla linea vocale principale. Un lavoro davvero ben riuscito, a metà tra Blind Guardian e Queen.
L’album tuttavia non parte nel migliore dei modi. Misplaced è un brano tradizionale ma per certi versi insipido, mentre Blinded No More, per contro, è uno dei pezzi più anticonvenzionali che si possa ricordare nella loro discografia precedente: un mid tempo rockeggiante e dotato di scale effettivamente estranee alla tradizione power. Ain’t Your Fairytale fa tornare timidamente l’aereo Sonata Arctica alla giusta quota, ma il disco prende velocità solo a partire da Don’t Say A Word. Da lì in avanti, la band si dimostra inarrestabile e capace di sfornare una serie di brani incredibilmente belli.

Il 2004 non sarà l’anno della band finlandese, che ha sì dimostrato con Reckoning Night di sapere ancora farsi valere nel mare dell’”happy metal” europeo, ma senza la volontà di rinnovarsi, una speranza disattesa già dai tempi di Winterheart’s Guild.
Ma gioite, gli Stratovarius rimangono ancora su un altro pianeta, molto più piccolo.



VOTO RECENSORE
79
VOTO LETTORI
57.51 su 74 voti [ VOTA]
megna
Domenica 10 Giugno 2018, 17.39.02
20
Copertina double-face in alta risoluzione da super prestigio! Non posso dire altrettanto del CD, troppo pompato, troppo corto. Ok, -My Selene- è un capolavoro e i cori di -White Pearl, Black Oceans- ci rimbomberanno in testa per anni, ma c'è troppo distacco con gli album precedenti. Troppa foga di buttarsi nel symphonic metal. Io gli darei 82.
progster78
Lunedì 4 Giugno 2018, 12.05.19
19
Il mio preferito dei Sonata Arctica insieme a Silence. Wildfire e' strepitosa!"Bells toll all over town, burn, burn until it's all gone Game over, what was a bad joke is now a reality show..."
Silvia
Lunedì 4 Giugno 2018, 11.35.19
18
"White Pearl, Black Oceans" e' uno dei miei pezzi preferiti di tutta la loro carriera, una suite meravigliosa e commovente, bello il cantato molto espressivo e i cambi di atmosfera che si registrano nel brano. Intramontabile e incredibilmente sottovalutata.
Stefano
Sabato 9 Dicembre 2017, 0.15.57
17
Shamandalie da sola vale l'acquisto del disco. È una delle ballate più belle, romantiche, dolci, struggenti, calde e commoventi che un ascoltatore possa avere l'onore di ascoltare. Impossibile non associarla a un'atmosfera dicembrina in un villaggio delle Alpi francesci o nostrane, di sera, passeggiando accanto a una figura femminile che ci ispiri a fissare la Luna mentre in memoria cadono fiocchi di liriche inglesi ottocentesche e un senso di aulica e finissima malinconia al pensiero che tale figura in verità non è lì con noi ad assaporare una simile intangibile meraviglia né pare essersi accorta della ragione dei nostri sospiri. Ah, triade di Erre, perché non hai mai voluto capirlo?
Fabio Yaaaaaaaahhhhhh
Lunedì 14 Novembre 2016, 0.46.57
16
Infatti mi sembrava strano ...all'inizio avevo la tua stessa impressione di album riuscito a metà,mentre ora che ho ascoltato bene tutto devo dire che non mi convince solo blinded no more,per il resto è vero che l'album è altalenante,e forse se non è considerato un capolavoro da tutti è forse proprio per questa discontinuità,ma siamo comunque su livelli altissimi...si passa da canzoni oneste come "Misplaced""Wildfire" e "The Boy Who Wanted to be a Real Puppet"a canzoni molto belle come "Don't Say a Word"e"Ain't Your Fairytale"fino alle canzoni migliori che per me sono straordinarie come "My Selene"la ballad "Shamandalie"e raramente nove minuti e passa volano così veloci come in "White Pearl Black Oceans",una delle migliori suite che abbia mai sentito...l'album immerge come poche volte nel mondo dei sonata,i testi sono meravigliosi e resi ancora più espressivi dalla voce di Tony,la tastiera riesce a creare atmosfere sognanti e allo stesso tempo reggere i duelli con la chitarra durante gli assoli,non resta che farsi trasportare in questo viaggio tra le onde del mare dalla nave della copertina,forse la loro migliore...Sarà una spanna sotto ad Ecliptica e Silence,ma di sicuro lo metto al terzo posto nella loro discografia,tra l'ottimo e il capolavoro "This is my final call,my evenfall,drowning into time,i become the night"
Luca
Domenica 13 Novembre 2016, 23.54.17
15
Scusate, volevo dire Wild Fire, Shamandalie e Wrecking the Sphere (l'ho sentito su Spotify e la tracklist è questa), ovviamente l'epica White Pearl, Black Oceans non è per niente un flop!!
Luca
Venerdì 11 Novembre 2016, 1.33.16
14
Fino a My Selene è un album da 90, potente e dai cori coinvolgenti, poi scade nel banale con le tre canzoni finali, che ho trovato noiose. Nel complesso è alla pari di Ecliptica e Silence, voto 80.
InvictuSteele
Lunedì 30 Marzo 2015, 14.31.08
13
Mai piaciuto, non lo trovo interessante
Yukio
Lunedì 19 Agosto 2013, 17.14.05
12
Questo album al di la di tecniche non è spettacolare, ma di più. I sonata sono a parer mio nonostante la scarsità della tecnica è uno di quei gruppi che ogni volta che li ascolti ti creano sempre quel disordine sentimentale piacevole e magico all'iterno che ti porta a viaggiare verso confini dispersi della mente e dlla memoria.
Davide
Domenica 17 Giugno 2012, 19.11.45
11
Scherziamo? Ragazzi l'avete mai sentito questo album? Io sarò anche poco convenzionale, ma è il lavoro più riuscito di questi ragazzi. Meglio di Silence. Non odiatemi ma è così. In quale altro album trovate canzoni come Don't Say A Word? E' un album spettacolare.
Denis
Lunedì 21 Maggio 2012, 0.13.01
10
come fa quest' Album ad aver preso voti tanto bassi?! ma staimo scherzando?! ma qualcuno lo ha almeno ascoltato?! ogni canzone è perfettamente inserita nel contesto, e White Pearl, black Oceans è forse la canzone più bella che abbia mai sentito, hann svolto delle melodie e dei Cori in questo Album che definire asssurdi è poco. recensione, molto, molto povera, è un dispiacere, vedere Silence tanto apprezzato e Reckoning Night che forse addirittura lo Supera, passare tanto inosservato. quessto Album prende 90 come minimo.
Stefano
Domenica 25 Marzo 2012, 20.40.52
9
Fare una recensione ponendo come fondamento "questa band è migliore dell'altra" significa che chi l'ha fatta nn aveva granchè da dire a riguardo del disco in questione....che poi gli Stratovarius siano su un livello inferiore ai Sonata..bhe questo è tutto da vedere. Ok che i primi 3 dischi dei Sonata sono dei signor dischi..ma poi? Che hanno fatto di concretamente valido?...Buoni dischi, per carità ma niente di eccezionale come gli esordi. Gli Stratovarius hanno scritto tra le più importanti pagine del power moderno con un poker di dischi che tutt'oggi fannno invidia (nn li cito neanche..) e anche tutto cio' ch'è stato fatto dopo il fatitico Vision merita almeno un ascolto e senza dubbio i 2 elements (tanto criticati) nn sono neanche parenti con questo disco....Tutto cio' per dire che gli Strato anche dopo il loro periodo d'oro hanno fatto dei signor dischi....la stessa cosa penso che nn possa equivalere in egual modo per i Sonata.
Maria Paola
Lunedì 21 Febbraio 2011, 8.25.56
8
Non è il mio album preferito ma lo trovo molto carino ed interessante. Per me la canzone migliore di questo CD è My Selene seguita da Shamandalie e The Boy Who Wanted To Be A Real Puppet =)
Gemini
Sabato 25 Settembre 2010, 20.48.11
7
Il disco della sterzata, un mix tra il loro power e soluzioni un po' più "ricercate". Le canzoni che funzionano meglio sono forse quelle un po' diversi dagli stilemi a cui ci avevano abituati nei 3 album precedenti: "Don't Say a Word" rocciosa e pesante per i loro standard, "Blinded..." che è forse la più originale e per me la migliore e poi la piccola perla che è "White.. Black....". 80
Crandal
Martedì 16 Gennaio 2007, 21.44.52
6
Gli Stratovarius dal punto di vista tecnico secondo me sono sicuramente più preparati.Però dal punto di vista del Sound creano un Power molto più pesante. E' per questo che ammiro molto di più i Sonata Arctica,per la loro "dolcezza nella tecnica".In più Kakko nei Live è molto più bravo di Kotipelto,che stona molto spesso e cerca di avere sempre voce pulita.Kakko la utilizza come vuole quella voce. CD molto originale quest'ultimo,un pò diverso rispetto agli altri dei Sonata secondo me!
Renaz
Martedì 9 Gennaio 2007, 12.15.58
5
Nessuno mette in dubbio le POTENZIALITA' degli Stratovarius: è tutta gente tecnicamente preparatissima. Ma ciò non basta per scrivere pezzi BELLI (e l'assolo di tastiera di The Cage è sia bello che tecnico, tanto per stare in tema). Tolkki è noiosissimo, tutto qui.
Geeko
Martedì 25 Luglio 2006, 0.48.27
4
Mi sa che qui l' autore della recenzione... un pò troppo gasato dal disco si sia lanciato in inutili commenti contro gli stratovarius... Ora... io dico... come fai a dire che gli stratovarius non sanno suonare neanche la meta delle canzoni dei Sonata Artica... Ora ti faccio capire quanto sono mostri e quanto i sonata arctica debbano fare ancora strada (anche se a me non dispiacciono) gli strato hanno rilasciato 15 album... fra poco 16... Il Chitarrista Timo Tolkki ha fatto parte di Avantasia a Suonato con Kiske e produce molti gruppi tra i Quali i nostrani Vision Divine... è lui che quasi interamente ha sfornato 15 album... Il tastierista... jens johansson ha sfornato piu di 60 dischi! ha collaborato con ricky blackmore ha suonato con malmsteen con dio... ha suonato con gli stessi sonata arctica... (chi arriva a suonare the cage scagli la prima pietra... se non si fosse accorto che nell intro non è una chitarra ma una tastiera..) è stato reclutato nel 94 nei Dream Theater anche s
astharot
Mercoledì 29 Giugno 2005, 11.01.17
3
nn criticate il loro album migliore.
Renaz
Domenica 14 Novembre 2004, 4.20.59
2
Non confondiamo il songwriting con l'arrangiamento di cui stavo parlando, grazie.
Lantis
Lunedì 8 Novembre 2004, 16.43.14
1
io nn direi proprio che il chitarrista dei sonata arctica manca di idee..nel loro ultimo album c'è un pezzo,My Selene, scritto interamente da lui,testo e musica.
INFORMAZIONI
2004
Nuclear Blast
Power
Tracklist
Misplaced
Blinded No More
Ain’t Your Fairytale
Reckoning Day, Reckoning Night
Don’t Say A Word
The Boy Who Wanted To Be A Real Puppet
My Selene
Wildfire
White Pearl, Black Oceans
Shamandalie
Line Up
Toni Kakko – Vocals, backing vocals
Jani Liimatainen – Guitars
Tommy Portimo – Drums
Marko Paasikoski – Bass
Henrik Klingenberg – Keyboards
 
RECENSIONI
67
70
69
70
57
76
79
75
86
79
ARTICOLI
17/05/2015
Live Report
SONATA ARCTICA + FREEDOM CALL + TWILIGHT FORCE
Estragon, Bologna - 11/05/15
10/05/2014
Intervista
SONATA ARCTICA
In continua evoluzione
03/11/2011
Intervista
SONATA ARCTICA
Henrik ci parla del 'Live In Finland'
01/03/2011
Live Report
SONATA ARCTICA + LABYRINTH + 4TH DIMENSION
Alcatraz, Milano, 27/02/2011
12/09/2009
Intervista
SONATA ARCTICA
Di album, videogiochi e tour...
05/01/2008
Live Report
SONATA ARCTICA + EPICA
Alcatraz, Milano, 19/11/2007
13/11/2004
Live Report
NIGHTWISH + SONATA ARCTICA
Mazda Palace, Milano, 28/10/2004
12/03/2003
Intervista
SONATA ARCTICA
Parla Tony Kakko
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]