Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Mayhem
Daemon
Demo

Pinewalker
Migration
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

14/11/19
GREAT MASTER
Skull And Bones - Tales From Over The Sea

14/11/19
GREAT MASTER
Skull and Bones – Tales from Over the Seas

15/11/19
RAGNAROK
Non Debellicata

15/11/19
RAGNAROK
Non Debellicata

15/11/19
DESPISED ICON
Purgatory

15/11/19
HANGING GARDEN
Into That Good Night

15/11/19
TULUS
Evil 1999

15/11/19
THE DEATHTRIP
Demon Sola Totem

15/11/19
KRATER
Venerare

15/11/19
RAISED FIST
Anthems

CONCERTI

13/11/19
IMMOLATION + RAGNAROK + MONUMENT OF MISANTHROPY + EMBRYO
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

13/11/19
DAVID ELLEFSON
SUPERNOVA - TUORO SUL TRASIMENO (PG)

14/11/19
IMMOLATION + RAGNAROK + MONUMENT OF MISANTHROPY + EMBRYO
TRAFFIC LIVE - ROMA

14/11/19
PROFANATICA + DEMONOMANCY
CENTRALE ROCK PUB - COMO

14/11/19
DAVID ELLEFSON
LET IT BEER - ROMA

15/11/19
CLAUDIO SIMONETTI`S GOBLIN
LEGEND CLUB - MILANO

15/11/19
RIVAL SONS + GUEST TBA
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

15/11/19
IMMOLATION + RAGNAROK + MONUMENT OF MISANTHROPY + EMBRYO
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

15/11/19
PROFANATICA + DEMONOMANCY
SCUUM - PESCARA

15/11/19
ARCANA OPERA + GUESTS
THE FACTORY - CASTEL D'AZZANO (VR)

AA. VV. - Lords Of Chaos – The History Of Occult Music
( 3735 letture )
Suvvia, amici miei… non prendetevela! È una mera operazione commerciale, una specie di souvenir.
Null’altro.
Come quando si visita una città straniera e si comprano quei patetici gingilli decorati con i colori nazionali del paese ospitante (palle di neve, calamite, tazze, ombrellini, ecc…): li odiamo quando li riceviamo in dono, ma li acquistiamo nel momento in cui siamo noi stessi ad essere in trasferta, perché sono una specie di salvagente dell’ultima ora per zie rompiscatole o per colleghi invidiosi.
Hanno un loro mercato e probabilmente un particolare uso e consumo!

Lords Of Chaos – The History Of Occult Music non è un articolo così tanto diverso.
Lords Of Chaos è di per sé un titolo altisonante, fin ingombrante. Un “filo” retorico, se vogliamo, soprattutto se si considerano alcuni aspetti profondamente ridondanti, quali titolo e front-cover cartacarbonati all’ormai reclamizzatissima pubblicazione della coppia Moynihan/Søderlind e l’inclusione delle deliranti declamazioni del verbo di Aleister Crowley e Anton Szandor LaVey in apertura e chiusura dei 2 dischetti costituenti l’opera. Se è vero, verissimo, che queste ispirarono il filone esoterico/occulto del cosiddetto horror rock/metal (prima o poi ne dovremo parlare con scientifico rigore), è altrettanto vero che l’espediente pare, più che altro, un esercizio di riscaldamento che non eleva in alcun modo il valore del cofanetto.
Se già il libro (recensito dalla nostra Alice Landi “Persephone” in occasione dell’uscita della versione italiana) è stato da molti tacciato come un minuscolo tentativo di raccontare i fatti, peraltro molto spiacevoli, legati ad un ben preciso filone socio-musicale, figuratevi come può essere battezzata una compilation di brani così vari e, nondimeno, solo lontanamente contestualizzati al relativo book.
Tra l’altro, e questo è il punto focale, riconoscere ad un prodotto di decupage sonoro un ipotetico valore aggiunto diventa piuttosto difficile quando la scelta cade su titoli storici, ma decisamente scontati, come Black Sabbath, Sacrifice, Triumph Of Death, Twilight Of The Gods, A Blaze In The Northern Sky, e via discorrendo. E anche volendo considerare la presenza di rarità ed inediti tra le molte tracce (ben 28 distribuite in due dischi), rimane piuttosto complicato trovare un motivo di reale soddisfazione.
Perché?
Ma li avete visti, o meglio, sentiti? Le rarità non sono altro che “inutilità” (le recitazioni di Crowley e Lavey su tutte) e gli inediti… beh… scartine firmate da nomi di prim’ordine (Jagger, Ulver, Beausoleil), che faticano a tenere alta la bandiera di questo indisponente Lords Of Chaos. Perfino gli Ulver mi hanno un po’ deluso, forse perché sono stanco di questo continuo rilasciare “in pillole” che i Nostri ci riservano da qualche tempo a questa parte (tra il 2001 ed il 2003 hanno pubblicato, inframmezzati da Lyckantropen Themes, ben 5 release tra EP e comps). Bravi – per l’amor del cielo –, metafisici – figuriamoci –, però che la finiscano di “tirarsela” in questo modo scandaloso…

Chiaro che, procedendo nell’ascolto, qualche emozione – positiva, intendo – la si percepisce. Simpatica (ma nulla più) la rivisitazione storica che parte dal blues satanico di Robert Johnson per arrivare alla Stairway To Hell dei Monte Cazazza, passando per gli “stregoni” del jazz-rock Black Widow, istituita nel primo dei due CD: come non distruggersi la testa con Black Metal dei Venom (quanto godo potendo asserire pubblicamente che “tutto è partito da loro”) o sparare le corna al cielo con il brano dell’esordio discografico dei Sodom (Outbreak Of Evil dall’EP In The Sign Of Evil). Il primo CD vola in un tripudio di ritmi lenti, acidi ed oscuri, tutti caratterizzati da un climax perverso e malvagio in cui si susseguono i messaggi subliminali più noti della storia del metal.
Detto questo ne sono sazio dopo pochissimi istanti: conoscere, costantemente, ciò che succederà alla nota successiva è il peggiore dei supplizi riservabili ad un metallaro di lunga data come il sottoscritto...
Più tirato il “side B” di questa compilation, dedicato finalmente al metal estremo di fine ’80 / inizi ’90, ma anch'esso sofferente della medesima malattia del suo predecessore, la deja-vuite. I Death SS di Black Mass iniziano un rito che si conclude solamente dopo aver violentato il laser del lettore, nonché le orecchie dell’ascoltatore: prima i Bathory e la voce mitologica del Quorthon più evocativo di sempre, poi una puntatina death con gli Unleashed (ma loro, testo satanista a parte, che c’entrano?) e la tripletta infernale costituita da Mayhem (ancora con Dead), Darkthrone ed Emperor (canzoni più ovvie di A Blaze In The Northern Sky e The Burning Shadows Of Silence non si potevano proprio trovare!). Ora si inizia a percepire il famoso “chaos”, a farlo girare nelle membra stordite dalla perversione sonora che fece da sottofondo alle azioni di guerriglia contro l'uomo (non contro la religione, sia ben inteso) a cui assistemmo in quegli anni. Si prosegue con Thorns e Abruptum (inframmezzate dall’inedito Ulver), così da infittire la colata di nero verbo che ci si attendeva.
I toni cambiano nuovamente (e definitivamente) e lentamente ci si avvia ad un finale evocativo ma che puzza di filler (ma anche di zolfo) fino al collo.

Dunque?
Indicato solo ai collezionisti di inutili gadgets; a chi, insomma, preferisce i “bigini” ai libri.
Sorry, amata Prophecy, ma questa volta te la sei proprio cercata!



VOTO RECENSORE
50
VOTO LETTORI
36.42 su 19 voti [ VOTA]
manaroth85
Martedì 25 Dicembre 2012, 23.33.41
12
il libro in fin dei conti non mi è dispiaciuto, questo cd bah..l idea poteva esser carina cosi mi sa un po buttato li..peccato
PAJU
Lunedì 5 Novembre 2012, 22.04.55
11
MERA OPERAZIONE COMMERCIALE E INUTILE... un consiglio... risparmiate i soldi anche del libro...
cane sciolto
Giovedì 20 Gennaio 2011, 19.21.34
10
prima di definire deliranti le parole di La Vey e Crowley magari sarebbe opportuno conoscere loro e il loro pensiero. E conoscere non significa leggere o ascoltare 4 spezzoni di frasi decontestualizzate. Loro hanno scritto ed a loro sono rivolti fior fior di manoscritti...Lords of Chaos va anche bene leggerlo, ma alla fine è un compendio di gossip redatto ad arte per creare sensazionalismo, ergo per vendere. Il che non è assolutamente un problema anzi, ma prendiamolo per quello che è... Riguardo al disco sono d'accordo...
FURIO
Martedì 18 Gennaio 2011, 22.20.19
9
Il libro in ogni caso non è malaccio, è pieno di informazioni curiose, ma la compilation - special modo dopo aver letto questa recensione - dubito che la ascolterò... grazie Giasse!
Gnezz
Lunedì 17 Gennaio 2011, 16.40.44
8
@Moro: Ah occhei, allora avrebbero più senso i Molested, vista la provenienza, che gli Unleashed. Comunque grazie delle delucidazioni
Moro
Lunedì 17 Gennaio 2011, 16.29.18
7
@Gnezz: ripeto, dovresti almeno dare un occhiata al libro. Gli Unleashed sono trattati come un esempio anomalo di deathmetal dei primi anni '90. Invece di parlare di sbudellamenti, o di morte o di declino, parlavano delle saghe nordiche esattamente come i Bathory in quel periodo.
tribal axis
Domenica 16 Gennaio 2011, 22.06.56
6
che gran porcata inutile sto disco. mi da la nausea solo sapere che esiste.
Hiems
Domenica 16 Gennaio 2011, 18.53.29
5
Concordo sull'inutilità del disco. La sparata sugli Ulver mi sembra del tutto evitabile!
Gnezz
Domenica 16 Gennaio 2011, 12.26.01
4
@Moro: Beh, ma gli Unleashed allora che ci stanno a fare? Loro e l'occulto non si collegano molto asd
Moro
Domenica 16 Gennaio 2011, 12.13.57
3
Non fraintendere Gnezz. Alla fine questo cd fa ascoltare la musica di cui si è parlato nel libro. E nel libro non c'è traccia ne' degli Acheron ne' degli Incantation.
Gnezz
Sabato 15 Gennaio 2011, 19.59.28
2
L'assenza degli Acheron e Incantation (per citare i più famosi) fa ben capire di cosa stiamo parlando. Poi con gli Unleashed andiamo oltre la comprensione!
Jek
Sabato 15 Gennaio 2011, 14.41.46
1
Giasse, mi hai convinto non lo comprero mai!!!!!!!!
INFORMAZIONI
2002
Prophecy Productions
Metal
Tracklist
CD1
Aleister Crowley - The Pentagram
Robert Johnson - Me And The Devil Blues
Coven - The Portrait
Black Sabbath - Black Sabbath
Black Widow - Sacrifice
Bobby Beausoleil - In The Temple Of The Moon
Mick Jagger - Invocation Of My Demon Brother
Venom - Black Metal
Mercyful Fate - Come To The Sabbath
Sodom - Outbreak Of Evil
Hellhammer - Triumph Of Death
Monte Cazazza - Stairway To Hell
Anton Szandor LaVey - The Satanic Hamboo
Genesis P. Orridge & Psychic TV - Supermale

CD2
Anton Szandor LaVey - Black Mass (Opening Hymn)
Death SS - Black Mass
Bathory - Twilight Of The Gods
Unleashed - Into Glory Ride
Mayhem - Freezing Moon (feat. Dead) (rarità)
Darkthrone - A Blaze In The Northern Sky
Emperor - The Burning Shadows Of Silence
Ulver - Untitled (brano inedito)
Thorns - Stellar Master Elite
Abruptum - Massdöd
The Electric Hellfire Club - Age Of Fire (remix)
Peter H. Gilmore - What Is Good?
White Stains - Take It From Me
Anton Szandor LaVey - Black Mass (Closing Hymn)
Line Up
N.a.
 
RECENSIONI
80
80
s.v.
75
75
s.v.
68
s.v.
s.v.
74
s.v.
s.v.
s.v.
60
80
s.v.
88
75
88
s.v.
70
80
80
s.v.
s.v.
50
s.v.
s.v.
65
70
85
50
70
80
80
93
74
85
65
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]