Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Dark Tranquillity
Moment
Demo

Veritas
Threads of Fatality
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

30/11/20
VEIL OF SECRETS
Dead Poetry

30/11/20
COLOSSUS OF DESTINY
Last Call

30/11/20
GOLGATA
Tempel

04/12/20
GONE IS GONE
If Everything Happens for a Reason… Then Nothing Really Matters at All

04/12/20
SIX FOOT SIX
End of All

04/12/20
AD INFINITUM
Chapter I: Revisited

04/12/20
TAU CROSS
Messengers Of Deception

04/12/20
NIGHTRAGE
Demo 2000

04/12/20
FOREIGN
The Symphony of the Wandering Jew Part II

04/12/20
SERPENTS OATH
Nihil

CONCERTI

28/11/20
RHAPSODY OF FIRE (POSTICIPATO)
LEGEND CLUB - MILANO

28/11/20
BELPHEGOR + GUESTS
BLACK WINTER FEST - MILANO

29/11/20
ORPHANED LAND
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

29/11/20
MARDUK (RIMANDATO)
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

30/11/20
MARDUK (RIMANDATO)
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

01/12/20
ORPHANED LAND
LEGEND CLUB - MILANO

02/12/20
ORPHANED LAND
TRAFFIC CLUB - ROMA

03/12/20
ROSS THE BOSS + GUESTS (CANCELLATO!)
LEGEND CLUB - MILANO

03/12/20
NAPALM DEATH
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

04/12/20
NAPALM DEATH
TRAFFIC CLUB - ROMA

Amberian Dawn - End of Eden
( 3360 letture )
Devo riconoscere di non essere mai stato un grande fan della voce lirica messa a disposizione del metal per diversi motivi, primo tra i quali, sicuramente l’artificiosità di tale operazione che mi ha sempre, se non bloccato, fatto avvicinare con diffidenza verso questo tipo di proposte, inclusi i pioneristici Nightwish dell’era Turunen. Così, forte di questa reticenza (è un po’ esagerato come termine in realtà), mi trovo a dover recensire il terzo album degli Amberian Dawn, conterranei proprio dei Nightwish. Bene, cosa dire di End of Eden? Innanzitutto partirei dal terremoto che ha scosso la line up della band, oggi priva di ben tre quinti dei musicisti che hanno registrato questo album: mi riferisco all’uscita di scena di Tommi Kuri, Emil Tobias Pohjalainen e Joonas Pykälä-aho, rispettivamente basso, chitarra e batteria del gruppo, prontamente rimpiazzati da Jukka Koskinen (basso), Kimmo Korhonen (chitarra) e Heikki Saari (batteria). Un cambiamento non da poco, vedremo cosa porterà di nuovo.

Il disco è molto ben suonato e cantatato, si può parlare di un prodotto ben confezionato -non c’è che da fare i complimenti alla Spinefarm Records da questo punto di vista- ma l’album non fa registrare picchi di eccellenza o spunti di particolare interesse, ed è proprio per questo che, pur non conoscendo la band, mi sarei aspettato di più, in termini di eterogeneità (le canzoni tendono troppo ad assomigliarsi) ed in termini di qualità assoluta, visto che stiamo parlando di una decina di pezzi tutt’altro che al riparo da accuse di già sentito o di scarsa originalità. Intendiamoci, non vi troverete nelle orecchie nulla di assolutamente brutto, ma un disco piatto, che si perde nell’artificio dei suoi espedienti; un disco che non graffia con i suoi artigli e che sembra a tratti plastico ed inespressivo, nonostante gli affanni di Heidi Parviainen, la cui interpretazione potrà anche piacere a molti, ma il suo approccio monotematico cede spesso il passo alla noia. Se a questo andiamo a sommare dei cliché stereotipati del metal sinfonico -vedi tastiere orchestrali ed assoli veloci che si rincorrono con quelli di chitarra- entrambi ad opera di Tuomas Seppälä, mastermind del gruppo, ecco che il risultato non può che essere a stento sufficiente, con lo sbadiglio dietro l’angolo pronto ad assalirci. Forse il brano migliore del lotto è proprio quello scelto per il video, cioè Arctica; sicuramente è il più significativo del disco, o comunque il più adatto per farvi un’idea degli Amberian Dawn, visto che grosso modo, al suo interno è racchiusa in nuce la loro ricetta. E nemmeno le discrete Blackbird e City Of Corruption riescono a riscattare un platter che si trascina lentamente verso il traguardo, ma non prima del duetto classico tra Markus Nieminen e Heidi, altro esperimento poco entusiasmante. Chiude il disco la solenne War In Heaven di durata superiore rispetto alla media dell’album, ma che nemmeno riesce a cambiare il mio giudizio che piazza questo album al di sotto della sufficienza.

In definitiva, si tratta di un’occasione sprecata per gli Amberian Dawn. Consigliato solo ai fan della band, per tutti gli altri, guardatevi in giro, c’è erba più verde da brucare.



VOTO RECENSORE
53
VOTO LETTORI
37.76 su 26 voti [ VOTA]
Mauroe20
Domenica 17 Maggio 2015, 14.59.20
4
La voce della ormai ex cantante di questa band Heidi qui supera se stessa.Disco che ho consumato.Piace o non piace .A me si e molto. voto 70
a me piace!
Mercoledì 5 Giugno 2013, 22.01.04
3
a me piace!
andrea
Giovedì 20 Gennaio 2011, 3.26.39
2
una volta tanto siamo d'accordo!
Straisand
Mercoledì 19 Gennaio 2011, 14.50.33
1
Basta ragazzi. RITIRATEVI!!!! State sfornando album su album e nessuno per ora, a parer mio ha superato la sufficenza. Non baston 3 brani interessanti e tutti gli altri un copia e incolla dei precedenti.
INFORMAZIONI
2010
Spinefarm Records
Symphonic Metal
Tracklist
01. Talisman
02. Come Now Follow
03. Arctica
04. Ghostly Echoes
05. Sampo
06. Blackbird
07. Field of Serpents
08. City of Corruption
09. Virvatulen Laulu
10. War In Heaven
Line Up
Heidi Parviainen - voce
Tuomas Seppälä - chitarra
Tommi Kuri - basso
Joonas Pykälä-Aho - batteria
Kasperi Heikkinen - chitarra
Emil Pohjalainen (Emppu) - chitarra
 
RECENSIONI
52
65
53
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]