Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Pain of Salvation
In the Passing Light of Day
Demo

Alessio Forlani
Alameda Gardens
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/03/17
MEMORIAM
For The Fallen

24/03/17
HELIOSS
Antumbra

24/03/17
EMERALD
Reckoning Day

24/03/17
ART OF ANARCHY
The Madness

24/03/17
STEVE HACKETT
The Night Siren

24/03/17
DEFICIENCY
The Dawn of Consciousness

24/03/17
HEART ATTACK
The Resilience

24/03/17
DESECRATOR
To the Gallows

24/03/17
ALMS OF THE GIANT
Oracles

27/03/17
FATE UNBURIED
Logos

CONCERTI

24/03/17
ASPHYXIATING DEVOTION FEST
TITTY TWISTER - PARMA

24/03/17
ROSS THE BOSS + ANCILLOTTI + ATHROX
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

24/03/17
DARK LUNACY + GUEST TBA [ANNULLATA!]
TIKITAKA VILLAGE - FRANCAVILLA (CH)

24/03/17
LONGOBARDEATH + TOTEM AND TABOO + SENTENTIA
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

25/03/17
DEATHLESS LEGACY + guest TBA
PADIGLIONE 14 - COLLEGNO (TO)

25/03/17
DEATH FEST
IL POSTACCIO - ROMA

25/03/17
ROSS THE BOSS + ROSAE CRUCIS + ATHROX
JAILBREAK LIVE CLUB - ROMA

25/03/17
DEW-SCENTED + IZEGRIM
TITTY TWISTER - PARMA

25/03/17
FLOTSAM AND JETSAM
FABRIK - CAGLIARI

25/03/17
WITCHUNTER + ESSENZA + TORSO + GARGAN
GARAGESOUND - BARI

Gotthard - Gotthard
( 2669 letture )
I Gotthard sono, o forse meglio dire erano, una band enorme. La dipartita del mio amico Steve Lee apre fosche e dense nubi cineree sul loro futuro. Non hanno perduto solo un cantante, ma una parte immensa della loro essenza, della loro anima musicale. Una vera sciagura. Con questo nome storico sbocciano a Lugano nel 1992, Canton Ticino, Svizzera italiana, ma con una formazione leggermente diversa. Il nucleo marmoreo andava sotto il nome di Krak e ricordo nitidamente recensioni fantastiche sui metal mag dell’epoca per i loro demo su cassetta (si può citare Metal Shock per il quale collaboravo?), con una line-up composta dal vocalist Steve Lee, il chitarrista Leo Leoni, il bassista Marc Lynn, ed il batterista Hena Habegger. Praticamente i Gotthard fatti e finiti. Curiosamente Lynn proveniva dai China, altro gruppo svizzero di successo che mi capitò di osservare live mentre erano di supporto al buon album Sign In The Sky. Con la supervisione e la guida spirituale del ex-bassista/songwriter dei Krokus Chris von Rohr, il combo mutò nome in Gotthard, ispirato dal Passo del San Gottardo e con l'evidente gioco di parole "got" e "hard" (chi non le ha intese si prenoti un bel lotto di lezioni d’inglese e di sessuoterapia) e venne sottoscritto un contratto discografico con la major Bmg.
Con Von Rohr in veste di produttore e co-compositore, la band entra in sala di incisione per confezionare il disco di debutto. L'omonimo Gotthard esce nel 1992 ed ottiene da subito un buon riscontro stazionando per 15 settimane nella classifica elvetica. I principali autori sono Lee e Leoni, mentre il chitarrista dei Def Leppard, Vivian Campbell, partecipò come ospite suonando nei brani Firedance e Get Down, a significare l’importanza della band anche in assetto virginale, senza aver mai dato alle stampe nulla. I rossocrociati girano i video dei brani Hush e All I Care For, trasmessi a stecca su Mtv, facendo strage nelle classifiche del proprio paese, raggiungendo la quinta posizione e guadagnando il disco di platino. Il tour toccò la vicina Germania al fianco dei Victory e nel resto d'Europa si esibirono come supporto ai Magnum, aprirono poi un concerto per Bryan Adams a Zurigo e parteciparono a diversi festival in tutta Europa con ottimi feedback dall’audience. Insomma il primo lavoro eponimo fruttava per il meglio regalando grandi soddisfazioni ai ragazzi, ma andiamo ad analizzare da vicino queste dodici prime song targate “ce l’ho duro” ops scusate Gotthard.

La Sindone in verde, con occhi simil-laser, schiude un riff ad alabarda, continuativo, ipnotico, e la voce vetrosa e graffiante di Steve lascia il segno sulla pelle, ottimo inizio anche se il ritornello sa già di sentito. Ma va bin parei (traduzione: ma va bene così) per Standing in the Light anche perché il solo di chitarra è favoloso e sul finale il singer molla mazzate acciaiose sulle note alte: libidine. Downtown è puro hard americano con un rullante a sparo e una traccia chitarristica che eccita, doppiata da una Firedance che gode di belle key usate come strumento duro e molto efficace, drum eccellente. Qui la danza del fuoco si sente, scalda i cuori e innalza un hard music di grande pregevolezza con Steve che spara anelli infiammati sull’ascoltatore. Crema solare protezione 70 per non scottarsi. Poi dal vulcano esonda Hush e lì schioccano battiti di mani e goduria pura. Una canzone scritta da Joe South, coverizzata al tempo già dagli immensi Deep Purple, e qui resa in modo stupefacente. Ascoltate solo le strofe allungate dalla voce di Lee, basta questo per farvi amare questo cd. Voto 110 per questa traccia. Organo Hammond su Mean Street Rocket, buonissima intelaiatura ma il pezzo non fa certo gridare al lupo e rimane nella media, mentre Get Down ha un incedere molto purpleiano e piace per la sua verticalità e la crescita costante. Il solo di Leo Leoni è da maestri dello spartito rock, da diffondere nelle scuole di musica. Take Me è una scintilla procace che viaggia sulla riga di mezzeria delle highway americane, tonica ed energetica anche nel solo di hammond ad incrociasi con una sei corde smagliante, Angel invece ha climi soffusi da ballad power e l’esito è davvero buono. Lonely Heartache inaugura la porzione finale del disco e spinge che è un piacere con un gusto a la Whitesnake, la voce del grande Steve Lee gronda humus hard hard. Se Hunter va alla caccia grossa con un ritmo serrato ma con un chorus dozzinale, All I Care For è una perla che non si scioglie nell’aceto.

Una ballatona acustica che mette benzina nel carburatore dei sentimenti, un cantore di storie che non rimpiangeremo mai abbastanza con quelle corde vocali che accarezzavano e scudisciavano al tempo stesso. Grazie Steve, di tutto, davvero. Spunta anche la bonus track, That's It, attacco frontal-strumentale che sinceramente non centra nulla con il resto del playing e che poteva essere evitato. Un passo d’abbrivo non sensazionale ma davvero di valore, grande valore, e infatti i cinque, Freddy Scherer (chitarra) verrà aggiunto live per aumentare il peso del sound, suoneranno moltissimo in giro collezionando anche uno show case al Foundations Forum di Los Angeles, casa del music biz a stelle e strisce. E proprio quello sarà il loro mercato di riferimento e l’obiettivo principale per il loro secondo, fantastico capitolo, senza però perdere i punti di riferimento con la vecchia Europa. Alla riuscita del long playing contribuirono anche Pat Regan e Neil Otupacca alle tastiere e Peavy Tanner come assistant mixing del capacissimo Chris von Rohr. Un lavoro da avere, la prima tessera di un puzzle che si evolverà in una carriera straordinaria.

Gotthard break up your asses!



VOTO RECENSORE
79
VOTO LETTORI
46.30 su 23 voti [ VOTA]
Rob Fleming
Domenica 24 Gennaio 2016, 12.56.05
12
Un album che lascia allibiti. Devo essere sincero, non li avevo mai ascoltati. Nel 1992 ero troppo preso da altre sonorità, ma grazie ad una serie di promozioni mi sono deciso di tentare l''acquisto. Sono senza parole: puro hard rock con musicisti degni dei fuoriclasse inglesi. Standing in the night, Firedance, Hush, Angel e All I care for sono brani che sarebbero stati epocali anche nell''85. 80
KroKus
Venerdì 31 Gennaio 2014, 10.56.52
11
Debutto coi fiocchi.
Sonny
Martedì 12 Giugno 2012, 21.37.58
10
Tra l'altro contiene la mia ballata preferita, All I Care For... Indimenticabile Steve.
Frankiss
Lunedì 24 Gennaio 2011, 21.50.23
9
@raptus...nn dirlo a me..mi scontro con questa realtà putrida dal 1980...vedi un po tu quanti anni sono....e di conseguenza quanti anni ho...quindi...
raptus
Lunedì 24 Gennaio 2011, 20.34.59
8
@ Frankiss..... si ma vedi sono band come queste che ti fanno odiare il commercio musicale italiano e soprattutto ti fanno vergognare quando in giro dici di ascoltarle e ricevi il classico "Ehh?? Chi??? Ma che roba è??" anche da chi dice di ascoltare rock. E' questo che rammarica, perchè non stiamo parlando di un gruppo black metal che giustamente se ne sta tra i suoi ascoltatori di nicchia, ma di una band che per radio ci sarebbe andata alla grande... ricordo che ogni suo cd per me era la colonna sonora ideale di ogni viaggio... Questo intendo dire... grande tristezza per un gruppo che poteva anche NON essere di nicchia.
Rob
Domenica 23 Gennaio 2011, 19.43.28
7
Gran debutto di una delle mie hard rock band preferite, nonché più sottovalutate dal music biz...
Frankiss
Domenica 23 Gennaio 2011, 16.04.35
6
@Raptus..quando mai major o radio nel nostro paese hanno spinto o promosso hard rock band? mai ovviamente...Non sono sconosciuti in Italia i Gotthard..hanno suonato molte volte e hanno sempre avuto un mercato,certamente di nicchia, e tanti ammiratori...
Sonny
Domenica 23 Gennaio 2011, 15.53.59
5
Bestiale...
raptus
Domenica 23 Gennaio 2011, 15.09.06
4
Io invece rimango realista e per questo molto triste per il destino di questo gruppo sconosciuto in Italia. Meritavano molto ma molto di più, forse erano colpevoli solo di una cosa: non essere statunitensi. Che dire, il loro genere e la voce di Steve erano grandiosi ma ricordavano forse troppo un'epoca e una location che non erano più di moda, forse è pure per questo che nessuna major o radio ha mai avuto l'interesse di farli ascoltare pure al pubblico di massa. Lipservice in particolare se lo mettevano per radio secondo me avrebbe spopolato.... grande e profonda tristezza per un gruppo valido ma che purtroppo gran pochi han saputo apprezzare.
gemini
Domenica 23 Gennaio 2011, 12.41.20
3
il "gioco di parole" su got-hard l'ho sempre pensato, ma credevo di esser un maniaco io comunque che dire: hanno iniziato molto bene e hanno anche finito (purtroppo, credo) bene... li ho scoperti con gli ultimi ottimi lavori in studio, ma sono davvero molto buoni anche nella loro prima veste, un po' più "grezza" diciamo... gran gruppo i Gotthard
Federico95
Domenica 23 Gennaio 2011, 11.03.09
2
Buon disco, ma i successivi sono superiori, è un 80 per me
eddie
Sabato 22 Gennaio 2011, 15.08.47
1
me l hanno regalato...nn il mio genere...ma ascoltabile
INFORMAZIONI
1992
BMG Records
Hard Rock
Tracklist
1. Standing in the Light
2. Downtown
3. Firedance
4. Hush
5. Mean Street Rocket
6. Get Down
7. Take Me
8. Angel
9. Lonely Heartache
10. Hunter
11. All I Care For
12. That's It [bonus track]
Line Up
Steve Lee - voce
Leo Leoni - chitarra
Marc Lynn - basso
Hena Habegger - batteria

Musicisti Ospiti
Vivian Campbell - chitarra su tracce 3 e 6
Pat Regan - tastiere
Neil Otupacca - tastiere
 
RECENSIONI
78
74
79
78
80
75
71
68
83
89
ARTICOLI
22/10/2014
Live Report
GOTTHARD + PLANETHARD
Orion Live Club, Ciampino (RM), 15/10/2014
04/10/2011
Intervista
GOTTHARD
Un anno senza Steve, ma la vita deve andare avanti
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]