Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Ne Obliviscaris
Urn
Demo

Rust
Rust
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/11/17
HYPERION
Dangerous Days

24/11/17
HOUSTON
III

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
TAAKE
Kong Vinter

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
ALMANAC
Kingslayer

CONCERTI

18/11/17
EXTREME NOISE TERROR + GUESTS
CSO RICOMINCIO DAL FARO - ROMA

18/11/17
HELLOWEEN
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

18/11/17
BE THE WOLF + GUESTS
OFFICINE SONORE - VERCELLI

18/11/17
MORTUARY DRAPE + SULFUR + PRISON OF MIRRORS
CIRCUS CLUB - SCANDICCI (FI)

18/11/17
CELESTIA + IMAGO MORTIS + BLAZE OF SORROW
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

18/11/17
HAVENLOST + DISEASE ILLUSION
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

18/11/17
ANIMAE SILENTES + VORTIKA
MOLIN DE PORTEGNACH - FAVER (TN)

18/11/17
DOMINANCE + CRISALIDE
BE MOVIE - SANT'ILARIO D'ENZA (RE)

18/11/17
UNMASK + KILLING A CLOUD
TEATRO LO SPAZIO - ROMA

19/11/17
CRIPPLED BLACK PHOENIX + EARTH ELECTRIC + JONATHAN HULTEN
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

Slayer - Undisputed Attitude
( 6458 letture )
Conclusa la prima parte di carriera con un disco di thrash massiccio, violentissimo e velocissimo come Divine Intervention -che li riportava ai giorni fast'n'furios del loro masterpiece Reign In Blood dopo un paio di releases più stratificate, nelle quali erano presenti anche ritmiche più cadenzate e melodie sonore/vocali più musicali- gli Slayer decidono nel 1996 di omaggiare le proprie radici con un disco di cover. Abbandonata presto la scelta naturale di tributare Iron Maiden, Judas Priest e compagnia (a causa della difficoltà nel riarrangiarne i brani nel tradizionale Slayer-style), i quattro thrashers losangelini optarono, in modo forse un pò forzato e azzardato, per una serie di cover hardcore punk, che rientravano naturalmente nel background del biondo axeman Jeff Hanneman fin dall'adolescenza. Hanneman aveva successivamente fatto conoscere il punk ai suoi compagni, ottenendo buoni riscontri fino al punto di contaminare il sound della band con alcune sfumature tipiche del genere. Questo disco è importante per far capire ai più giovani come e quanto l'hardcore-punk abbia influenzato il thrash metal nei suoi gloriosi early days. Oltre a questo, il messaggio della band americana era chiaro: spiegare alle masse cosa fosse il 'vero' punk, di fronte alla tendenza comune a bollare come 'punk' il successo mainstream che a quel tempo stava investendo formazioni come Green Day e The Offspring.

Il disco si apre con due medley dei Verbal Abuse, punk di Houston (Texas) sorti nel 1981: Disintegration/Free Money presenta ritmica serrate, veloci, e un suono molto sporco, caotico, violento; la prima impressione destata dall'udire i Signori del thrash che suonano punk è alquanto singolare, con i due chitarristi alle prese con riff brevissimi e sempliciotti, affiancati ad un cantato tipicamente punk che, pur impregnato della tipica componente Slayer legata al vocione di Araya, fa un effetto particolare. I pezzi sono ovviamente corti, cortissimi: si procede con Verbal Abuse/Leeches, che farà emergere una certa difficoltà iniziale nel notare una differenza tra pezzo e pezzo; il riffing non è dotato di squilli o passaggi particolarmente memorabili, così il meglio del disco è rintracciabile nelle corse prive di orpelli e sezioni eclatanti. Can't Stand You è uno dei brani più irruenti e trascinanti: non a caso, è un inedito degli Slayer, scritto e registrato in età preistorica (prima metà degli Eighties) e mai pubblicato proprio a causa della sua attitudine troppo punk. Una tirata senza mai prendere fiato, uno dei pochi episodi da delirio, e finalmente si ode un assolo atonale di quelli che ci piacciono tanto; i due chitarristi modificano le versioni originali di I Hate You (altra cover dei Verbal Abuse, pezzo nel quale sentiamo un Araya alle prese con un refrain molto adolescenzial-punk assolutamente singolare per il suo stile) e Filler/I Don't Want To Hear It, medley dei Minor Threat, entrambe impreziosite da assoli di chitarra non stratosferici ma capaci di ridar colore ai metalhead caduti, nell'ascolto del platter, in crisi d'astinenza. Poca roba, purtroppo, gli altri due inediti targati Slayer: impalpabile Ddamm, troppo lenta, pesante, noiosa e pachidermica Gemini, tentativo fallito di dimostrare come nel background dei Nostri ci siano anche corpose dosi di Sabba Nero. Nonostante tutto, il platter cresce con gli ascolti, e qualche episodio si fa molto trascinante. Gettando un occhio ai testi, si può notare come Guilty of Being White, pezzo dall'altissima tensione, dei Minor Threat sia sempre stato frainteso come inno razzista, mentre invece l'autore Ian McKaye intendeva solo denunciare come ai tempi della scuola venisse regolarmente pestato dai ragazzi di colore, in maggioranza dominante all'interno dell'istituto. Araya modifica le parole 'colpevole di essere bianco' con 'colpevole di aver ragione', essendo cileno e non sentendosela di 'parlare da bianco'.

Qualche altra curiosità? Hanneman insistette molto per inserire in scaletta I Wanna Be Your Dog degli Stooges, ma King non era favorevole, non amando molto nè gli Stooges nè la parola 'sottomissione', fulcro lirico del testo; il compromesso fu uno stratagemma teso a modificare il titolo della song in I'm Gonna Be Your God. Per la prima volta, infine, si ode un blastbeat in un disco degli Slayer : accade in Violent Pacification dei D.R.I. Dietro alle pelli, Bostaph si adopera in un drumwork palpitante ma non devastante (ovviamente), mentre due chitarristi come King e Hannemann -che pure non sono propriamente degli shredder- appaiono sprecati per un'opera di questo genere. Da sottolineare la godibile Spiritual Law dei D.I., caratterizzata da alcuni cambi di tempo e accelerazioni che la rendono un pò differente rispetto alla solita solfa del resto del disco. Si pesta duro, con la ritmica e le vocals, e nel complesso l'ascolto risulta gradevole, anche se non aggiunge molto alla discografia ricca della seminale band losangelina. Difficile che Undisputed Attitude mandi in delirio un fan tradizionale dell'heavy o del thrash, difficile che le cover degli Slayer risultino più entusiasmanti delle originali ai fan del punk: disco dunque sufficiente ma con poche pretese di lasciare un segno particolarmente incisivo, come ammisero peraltro gli stessi Slayer. Semplice, diretto, sporco e maleducato. Trattasi di punk, del resto.



VOTO RECENSORE
60
VOTO LETTORI
68.32 su 110 voti [ VOTA]
Doom
Mercoledì 14 Dicembre 2016, 22.22.53
38
Quest'album per comprarlo mi inventai di tutto..dato che ero squattrinato ( non che ora navighi nell'oro...) e andavo ancora a scuola. Comunque a me piacque tantissimo...trattasi di un cover album, quindi e' giusto prenderlo per quello che e'...ma che pezzi. Spettacolare Violent pacification, I hate you, Disintegration...tutte potentissime. Solo quella degli Stooges e' piu tranquilla. Ebbi modo pure di testarle live per il tour di quell'anno allo stadio olimpico. Massacro. ( c'erano pure i Sepultura, Paradise Lost etc etc). Insomma quello che volevo dire e che questo breve album per me e' piu potente e spaccaculi di molti album Death, grind e Black. E pure Gemini e' un gran pezzo x me. Peccato l'abbiano dimenticata pure loro!
HERMANN 60
Lunedì 6 Giugno 2016, 18.05.47
37
P.S. Ho letto solo adesso alcuni commenti e mi pare di capire che non tutti sanno che è un album di cover di gruppi di American Hardcore, forse quando ascoltavo Minor Threat Discharge TSOL e compagnia bella qualcuno giocava a birille in cortile, quindi piano con le critiche se non avete una base per giudicare.
HERMANN 60
Lunedì 6 Giugno 2016, 18.00.21
36
Gli Slayer sono il mio gruppo preferito, dopo il Thrash l'Hardcore il mio genere preferito, quindi per me un album perfetto
black
Sabato 30 Aprile 2016, 3.18.29
35
Il punto basso della loro discografia ma un 70 se lo merita!
Susperia82
Domenica 6 Marzo 2016, 10.37.51
34
Non condivido per nulla la recensione.. 85/100 Ok non è il classico disco degli slayer..ma ha una rabbia addosso che fa paura
atheist
Lunedì 14 Settembre 2015, 14.01.38
33
noiosa gemini?
Marco 75
Sabato 20 Giugno 2015, 18.54.48
32
Anche io ho apprezzato molto questo disco, forse perchè non conoscevo le canzoni originali, a parte un paio. Il fatto stesso che gli Slayer abbiano prodotto un album di cover ha quasi dell'incredibile e rende questo prodotto un pezzo da collezione. E se è vero che solitamente questo tipo di esperimenti falliscono miseramente, Araya e soci rappresentano una gradevolissima eccezione perchè l' album è potentissimo e adrenalinico come pochi. Unico neo è forse la batteria di Bostaph che a mio parere risulta troppo in evidenza, e lo stesso difetto, se vogilamo chiamarlo così, apparirà anche nei dischi seguenti. Ma gli Slayer in salsa punk fanno un figurone secondo me...mazzate a profusione...come voto metterei almeno un 75.
Galilee
Martedì 17 Settembre 2013, 18.06.07
31
Non capisco perché questo disco sia cosi mazzuolato. E' un disco di cover, tra l'altro fatte molto bene ed è potentissimo. Io lo ascoltai a ripetizione. Per prendere un bel voto che je dovevano fare a ste cover? Ah, L'ultima Gemini è fighissima.
freedom
Lunedì 2 Luglio 2012, 13.30.27
30
A me piace. Grande il lavoro di Bostaph dietro le pelli. Voto 70.
manaroth85
Lunedì 2 Luglio 2012, 13.16.59
29
bah...secondo me è l album più brutto che han fatto, anche se contiene alcune canzoni buone....potevano evitarlo...piuttosto avrei optato x un best of con qualche inedito..voto 6 perchè agli slayer si può perdonar tutto!!!!!
fromPunkToTrash
Venerdì 2 Settembre 2011, 10.25.35
28
Da chi come me è passato dal periodo adolescenziale intriso di hardcore punk alla maturità nel metal thrash puro colato e affilato, sentire queste fette di storia punk uscire da un album degli slayer fa quasi commuovere... Concordo che gli album di cover siano un pò schifezze ma questa di schifezza rozza,graffiante e micidiale ci sta dentro di brutto!
alessio
Venerdì 6 Maggio 2011, 2.15.01
27
un giusto riconoscimento a chi li ha influenzati oltre al lato metal e poi meglio un disco di cover hc anni 80 che la merda moderna che è venuta dopo.
AL
Mercoledì 26 Gennaio 2011, 15.59.16
26
album che ho apprezzato dopo alcuni ascolti. non male anche se gli album di cover son sempre delle grandi stronzate commerciali secondo me. cmq grande recensione del mitico Rino !!
toni
Mercoledì 26 Gennaio 2011, 10.15.21
25
questo disco è una schifezza e gemini è davvero la più brutta canzone degli slayer. voto 45
Bloody Karma
Lunedì 24 Gennaio 2011, 9.24.22
24
un disco bello adrenalinico...saranno anni che non lo ascolto, però all'epoca mi fece scapocciare parecchio e "Gemini" l'ho sempre trovata una song dalla bella atmosfera, ma forse poco concreta...
Ghenes
Domenica 23 Gennaio 2011, 23.56.14
23
da ascoltare anche solo per le grandi cover eseguite
Enzo
Domenica 23 Gennaio 2011, 23.50.42
22
@Matocc grazie per i complimenti!io sono un fan del Vero METAL dunque quello anni 80' quindi certe cose dovrei saperle!!e comunque anche te ti dimostri uno che se ne intende di bella musica!!!Grande!
il leccese
Domenica 23 Gennaio 2011, 21.19.01
21
sti cazzi vorrei anch'io saper scrivere una canzone noiosa come gemini XD..cmq disco enorme,fatto da fans per i fans,ed è un bel calcio in culo a tutti i puristi con le fette di salame sugli occhi che schifano il punk,anzi secondo me i gruppi di oggi dovrebbero prendere spunto dal vero punk,riprenderne la rabbia e la rozzezza,altro che sti gruppi tutti perfettini e plastificati che puntano tutto sul look e sul ritornello azzeccato
the Thrasher
Domenica 23 Gennaio 2011, 20.13.40
20
@Hook in Mouth: grazie mille per i complimenti!
Electric Warrior
Domenica 23 Gennaio 2011, 16.33.11
19
D'accordo con recensione e voto. 60 se lo merita, un disco solo per i fan accaniti della band, ma nulla più
Matocc
Domenica 23 Gennaio 2011, 13.59.21
18
@ Enzo: cazzo, mi sei già simpatico... li ho visti tutti e 3 live (Hoglan l'ho pure conosciuto!) e devo dire che non saprei scegliere sono diversi ma grandiosi!!!
Enzo
Domenica 23 Gennaio 2011, 13.43.41
17
@Matocc per quel che ne so ti dico siiiii,senza dimenticare Gene Hoglan!!!
Hook in Mouth
Domenica 23 Gennaio 2011, 13.26.58
16
ne sai veramente a pacchi! complimenti bella rece e bella contestualizzazione!
Matocc
Domenica 23 Gennaio 2011, 11.54.15
15
@ Enzo: io direi che, a parte Lombardo, Bostaph apre il culo a quasi tutto il resto del mondo
Enzo
Domenica 23 Gennaio 2011, 11.31.35
14
@the Thrashercusa allora ho capito male io,pero' se andiamo a vedere ttutti i batteristi che suonano Punk....ehehehheeh il buon Bostaph apre il culo a tutti!!
Enrico
Domenica 23 Gennaio 2011, 11.31.28
13
Solo 60? no no per me 80! troppo fregno sto disco
Masterburner
Domenica 23 Gennaio 2011, 11.05.56
12
Un disco ottimo per spaccarsi le ossa e anche una buona operazione 'didattica' da parte degli Slayer. A me piace, è molto veloce compatto e tirato. Poi Gemini è un grandissimo inedito
jeffwaters
Domenica 23 Gennaio 2011, 10.52.50
11
a mio parere questo disco mi piace perche esalta le capacita degli slayer variando un po dai loro schemi,ma soprattutto mi ha fatto conoscere alcune band che ignoravo veramente spettacolari
Matocc
Sabato 22 Gennaio 2011, 23.11.54
10
UA va preso per quello che è, un album di cover, e in quest' ottica lo trovo molto riuscito, mi piace il punk "alla slayer"... molto bello l'inizio violento della prima traccia e coinvolgente IHY. non sono invece d'accordo sul giudizio negativo di Gemini, lo trovo un grandissimo pezzo: ha un drumming veramente potente e vario, per me è un gioiellino
fabriziomagno
Sabato 22 Gennaio 2011, 21.21.35
9
all'epoca amai questo album...divertente, zozzo, caciarone. Cazzo gli slayer che per un disco smettono di fare i cattivi e via con la caciara!!! E ancora adesso, a distanza di tanti anni, continua a piacermi. Voto: 75
the Thrasher
Sabato 22 Gennaio 2011, 20.27.19
8
@Enzo: quell'vviamente riguardo l'essere o meno devastante non era una critica a bostaph ma una semplice constatazione, nel senso che non avrebbe potuto esserlo, devastante, su un album punk, e per devastante intendo secondo i canoni degli slayer, del thrash.. non c'era una vena polemica
Enzo
Sabato 22 Gennaio 2011, 20.08.35
7
Non propriamente d'accordo col recensore quando dice che sto disco nn manderà in delirio un fan tradizionale dell'heavy e del thrash,perchè al tempo quando lo ascoltai ero un thrasher convinto è il disco mi mando' in estasy,poi nn capisco perchè il signor Bostaph di cui io reputo un batterista che da la merda a un sacco di batteristi che ci sono in giro,nn possa essere devastante tenendo conto delle perle che ci ha dato colui che tenne in vita gli Slayer che senno' con l'addio di Lombardo erano già belli che affondati come il titanic....
dannyboy
Sabato 22 Gennaio 2011, 19.39.01
6
l'idea era ottima...le radici hc punk sono fondamentali per un gruppo come gli slayer. direi che senza queste si sarebbero trasformati in uno qualsiasi dei gruppi che velocizzavano i judas priest negli anni 80. invece hanno sparato a zero contro tutto e tutti con furia a tratti nichilista tipica di certe cose furiose hc...è per questa rabbia incontrollata che ancora oggi ascolto gli slayer e invece mi viene l'orchite ascoltando chessò i destruction. degustibus naturalmente. Se poi devo dare un parere personale il disco in questione non mi sembra molto riuscito...però ottima idea.
heron
Sabato 22 Gennaio 2011, 17.06.36
5
comprato anke io 2X1 con South of Heaven...molto deludente devo dire.
Er Trucido
Sabato 22 Gennaio 2011, 16.44.24
4
Concordo con Undercover e con la rece: disco un po' cazzone, ma simpatico e godibile perchè non eccessivamente lungo. A me Gemini piace però
Undercover
Sabato 22 Gennaio 2011, 16.26.55
3
E' simpatico come disco, va preso per quello che è, un album di cover divertente e da godersi una tantum.
LAMBRUSCORE
Sabato 22 Gennaio 2011, 15.58.01
2
x me ottimo disco, ovvio che la maggior parte delle cover le conoscessi già, ma comprato all'epoca in cassetta originale gira ancora nel mio stereo.
Gouthi
Sabato 22 Gennaio 2011, 15.09.47
1
Comprato col 2x1 insieme a South Of Heaven. Un ascolto ogni tanto glielo do volentieri, ma non è niente di che.
INFORMAZIONI
1996
Def American
Thrash
Tracklist
1. Disintegration/Free Money
2. Verbal Abuse/Leeches
3. Abolish Government/Superficial Love
4. Can't Stand You*
5. Ddamm (Drunk Drivers Against Mad Mother)*
6. Guilty of Being White
7. I Hate You
8. Filler/I don't Want to Hear It
9. Spritual Law
10. Sick Boy
11. Mr. Freeze
12. Violent Pacification
13. Richard Hung Himself
14. I'm Gonna be Your God
15. Gemini *

* new song
Line Up
Tom Araya - Voce e basso
Kerry King - Chitarra
Jeff Hanneman - Chitarra
Paul Bostaph - Batteria
 
RECENSIONI
78
78
87
60
60
77
90
96
100
98
92
75
75
82
ARTICOLI
17/07/2016
Live Report
SLAYER + AMON AMARTH + THE SHRINE
Ippodromo delle Capannelle, Roma, 12/07/2016
12/11/2015
Live Report
SLAYER + ANTHRAX + KVELERTAK
Alcatraz, Milano (MI) , 05/11/2015
18/06/2014
Live Report
SLAYER + ANTHRAX
Live Club, Trezzo sull'Adda (MI), 15/06/2014
21/06/2013
Live Report
SLAYER
Atlantico Live, Roma, 17/06/2013
08/03/2013
Articolo
SLAYER
Silent Scream - L'analisi dei testi
04/09/2011
Articolo
SLAYER
I serial killer nei testi della band
13/06/2011
Articolo
SLAYER
La biografia, seconda parte
29/05/2011
Articolo
SLAYER
La biografia, prima parte
22/05/2011
Articolo
SLAYER
Jeff Hanneman, la biografia
04/05/2011
Articolo
SLAYER
Kerry King, la biografia
29/04/2011
Articolo
SLAYER
Dave Lombardo, la biografia
07/04/2011
Live Report
SLAYER + MEGADETH + SADIST
Atlantico, Roma, 03/04/2011
29/03/2011
Articolo
SLAYER
Tom Araya, la biografia
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]