Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Dark Tranquillity
Moment
Demo

Veritas
Threads of Fatality
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

30/11/20
VEIL OF SECRETS
Dead Poetry

30/11/20
GOLGATA
Tempel

30/11/20
COLOSSUS OF DESTINY
Last Call

04/12/20
HYRGAL
Fin de Règne

04/12/20
SIX FOOT SIX
End of All

04/12/20
MAGIC DANCE
Remnants

04/12/20
TAU CROSS
Messengers Of Deception

04/12/20
NIGHTRAGE
Demo 2000

04/12/20
FOREIGN
The Symphony of the Wandering Jew Part II

04/12/20
SERPENTS OATH
Nihil

CONCERTI

28/11/20
RHAPSODY OF FIRE (POSTICIPATO)
LEGEND CLUB - MILANO

28/11/20
BELPHEGOR + GUESTS
BLACK WINTER FEST - MILANO

29/11/20
ORPHANED LAND
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

29/11/20
MARDUK (RIMANDATO)
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

30/11/20
MARDUK (RIMANDATO)
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

01/12/20
ORPHANED LAND
LEGEND CLUB - MILANO

02/12/20
ORPHANED LAND
TRAFFIC CLUB - ROMA

03/12/20
ROSS THE BOSS + GUESTS (CANCELLATO!)
LEGEND CLUB - MILANO

03/12/20
NAPALM DEATH
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

04/12/20
NAPALM DEATH
TRAFFIC CLUB - ROMA

Times Of Grace - The Hymn Of A Broken Man
( 3782 letture )
Diciamoci la verità, l’ultimo album dei Killswitch Engage, intitolato Killswitch Engage II, aveva decisamente deluso le aspettative degli appassionati del metalcore apparendo un prodotto opaco, senza troppe idee e lontano dagli standard qualitativi dei dischi precedenti ed, in particolare, di Alive Or Just Breathing del 2002.

Adam Dutkiewicz non si è perso d’animo e, insieme all’ex vocalist della band Jesse Leach (della serie "a volte ritornano"!), ha dato vita ad un nuovo, interessante progetto, formando i Times Of Grace. Piuttosto pretenziosamente il duo definisce la propria musica come metal moderno, ma credo che etichettarlo ancora metalcore sia fondamentalmente corretto; lascio la disquisizione agli appassionati del settore, anche se questa di certo rappresenta una questione secondaria visto l’ottimo livello della proposta artistica dei due musicisti. The Hymn of A Broken Man è il loro primo album, composto da tredici pezzi, per un minutaggio che supera abbondantemente i cinquanta minuti. Sgomberiamo il campo a qualsiasi dubbio: questo platter è molto coinvolgente e presenta momenti di rara intensità, soprattutto nelle parti precipuamente melodiche e che rappresentano il piatto forte dei Times Of Grace. Si parte alla grande con la marziale Strength In Numbers, un pezzo che di certo delizierà il pubblico quando sarà eseguito dal vivo (forse a voler trovare il classico pelo nell’uovo il refrain non appare all’altezza, ma ovviamente è una mera questione di gusti personali); Fight For Life ha un’incedere umbratile e molto grooveggiante, mentre si sale di livello con Willing, una canzone piuttosto composita che esalta l’ugola di Jesse Leach; splendida anche Where The Spirit Leads Me, grazie ad un riffing arcigno di Adam Dutkiewicz e ancora con Leach a variare il suo vocalism tra asprezza e pura armonia, mentre l’eterea Until The End Of Days ha l’indubbio merito di stemperare un pò l’atmosfera. Il trend del full length prosegue sulla falsariga dei brani precedenti e, a mio avviso, la sezione migliore è quella conclusiva, con la breve e soffusa In The Arms Of Mercy (dominata da un arpeggio acustico davvero intrigante), la title track -che inizia pacatamente per poi salire paurosamente di intensità, The Forgotten Ones (ancora un bell’arpeggio acustico che ricorda addirittura il genere country), The End Of Eternity e la conclusiva Fall From Grace, che mostrano di nuovo ed in maniera davvero egregia la predisposizione alla melodia di questo combo a stelle a strisce. Ottima la registrazione, molto bella e triste la cover: non resta, quindi, che aspettare il preannunciato tour statunitense dei Times Of Grace per verificare la risposta del pubblico a questa intelligente proposta, magari non innovativa ma in grado di soddisfare varie fasce di ascoltatori dediti a sonorità alternative.

Che dire? Per essere il mio primo disco recensito nell’anno di grazia 2011 per la nostra ‘zine, non posso che essere soddisfatto!



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
65.61 su 44 voti [ VOTA]
AngelOfPain
Sabato 5 Febbraio 2011, 21.17.32
7
io se devo essere sincero, adoro i KSE, e mi piace di più la voce di jones, lo trovo migliore... ma adoro anche jesse e sopratutto adam, che è un vero animale (nel senso buono del termine)... mi piace un sacco anche a me questo cd, ma sinceramente mi dispiacerebbe veder rovinare una band come i KSE, che a mio modesto parere (salvo qualche piccolo scivolone negli ultimi cd) sono grandissimi, per un progetto alternativo... spero riescano a convivere le due cose insieme...
Undercover
Mercoledì 2 Febbraio 2011, 18.54.40
6
Grande Jesse e grandissimo Adam, i Killswitch dopo le baracconate che hanno fatto negli ultimi anni potrebbero davvero chiudere (ho ancora in mente l'orrida versione di "Holy Diver", povero Ronnie come ti han maltrattato) invece son contento che oltre i Seemless e l'altra band i The Empire Shall Fall, Leach sia riuscito a segnare ancora un punto a suo favore. Leach batte Jones 2000 a 0.
MV
Mercoledì 2 Febbraio 2011, 18.43.17
5
Concordo pienamente sulle qualità di Jesse Leach e, alla faccia di Howard Jones, mi riascolto Killswitch Engage 1. Buon lavoro questo dei Times Of Grace
DevizKK(1991)
Venerdì 28 Gennaio 2011, 13.51.21
4
Ho ascoltato un pò di canzoni e mi sembra un lavoro molto valido!!Appena posso mi procurerò questo disco...Penso pure io che i Killswitch abbiano perso un grandissimo singer...Sono contento che ci sia sto progetto che mi sembra buono!!
hm is the law
Lunedì 24 Gennaio 2011, 20.05.48
3
@ Daniele: sono pienamente in accordo con te è un grande singer!
Daniele
Lunedì 24 Gennaio 2011, 19.51.40
2
L'ho ascoltato ed è veramente bello e credo che la voce di Jesse Leach sia incredibile. A mio parere,gli stessi Killswitch Engage,hanno perso molto senza di lui.
Michele
Lunedì 24 Gennaio 2011, 0.12.34
1
Darò un ascolto,sembrano molto interessanti.
INFORMAZIONI
2011
Roadrunner Records
Metal
Tracklist
01 Strength In Numbers 4:18
02 Fight For Life 3:38
03 Willing 3:25
04 Where The Spirit Leads Me 3:38
05 Until The End Of Days 4:23
06 Live In Love 3:51
07 In The Arms Of Mercy 1:56
08 Hymn Of A Broken Man 3:15
09 The Forgotten One 4:40
10 Hope Remains 4:51
11 The End Of Eternity 5:54
12 Worlds Apart 4:35
13 Fall From Grace 4:57
Line Up
Adam Dutkiewicz – voce, chitarra, basso, batteria
Jesse Leach – voce
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]