Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Esoteric
A Pyrrhic Existence
Demo

Prysma
Closer To Utopia
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

11/12/19
ETERNAL SILENCE
Renegades

11/12/19
THE RIVER
Vessels into White Tides

12/12/19
ALASTOR
Šumava

13/12/19
NIGHTBEARER
Tales of Sorcery and Death

13/12/19
VOLTUMNA
Ciclope

13/12/19
SATYRICON
Rebel Extravaganza (rimasterizzato)

13/12/19
STONE SOUR
Hello, You Bastards

13/12/19
COMANDO PRAETORIO
Ignee Sacertà Ctonie

13/12/19
ARKONA (PL)
Age Of Capricorn

13/12/19
GLI ATROCI
Metal Pussy

CONCERTI

08/12/19
CORELEONI
DRUSO - RANICA (BG)

08/12/19
AGENT STEEL + FINGERNAILS + MESSERSCHMITT
TRAFFIC LIVE - ROMA

11/12/19
MUNICIPAL WASTE + TOXIC HOLOCAUST + ENFORCER + SKELETAL REMAINS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

11/12/19
LAST IN LINE
CAMPUS INDUSTRY MUSIC - PARMA

12/12/19
SKINDRED + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

12/12/19
MARILLION
AUDITORIUM DELLA CONCILIAZIONE - ROMA

12/12/19
MONKEY3 + GUESTS TBA
CIRCOLO MAGNOLIA - SEGRATE (MI)

13/12/19
MARILLION
GRAN TEATRO GEOX - PADOVA

13/12/19
GWAR + VOIVOD + CHILDRAIN
ROCK PLANET - PINARELLA DI CERVIA (RA)

13/12/19
SCALA MERCALLI
BUFFALO GRILL - CIVITANOVA MARCHE (MC)

Korpiklaani - Ukon Wacka
( 5641 letture )
Chi di voi non si è mai interrogato sulle implicazioni dell'età biologica? Tutti, immagino…
Spesso, quando mi corico, ripenso nostalgicamente agli anni dell’adolescenza, tempo in cui tutto era guidato dall’innocenza, dalla purezza di spirito, dalla voglia di affermarsi e di trovare il “proprio mondo”. Mi scorrono nella testa le gioie ed i dolori di quei periodi inquieti, ritornano – come scene di una commedia teatrale – le immagini delle gloriose battaglie condotte per affermare una virilità necessaria all’emancipazione di gruppo e, soprattutto, l’abnegazione nei confronti delle mie passioni. Di tutte, indistintamente!
Con il passare del tempo molte cose sono cambiate, anche in meglio, tuttavia quella forza, quell’energia positiva sento che non tornerà mai più. Il mito dei “giovani dentro” non è mica cosa semplice e scontata!
Anzi, lasciatemelo dire: è un’emerita ca***ta!

Traslando l’introduzione nell’odierno focus, ho la netta impressione che questo tema "umano" non abbia risparmiato manco i Korpiklaani, giunti stancamente, con Ukon Wacka, al loro ottavo album. Li abbiamo conosciuti come spensierati adolescenti (da Spirit Of The Forest a Tales Along This Road), per poi re-incontrarli in una fase di maturazione che ha progressivamente intaccato la loro stra-godibile goliardia sonora riducendone, sempre più, l’efficacia. I nostri tornano oggi, segnati dallo scorrere implacabile del tempo, in un territorio la cui mutazione (tutti quanti si arrogano ora il diritto di dialogare con il folk metal in estrema leggerezza) avrebbe potuto esaltare proprio chi ne ha spalancato le porte sul mercato: tutti questi anni di baldoria sonora devono però aver convinto Jonne, Cane e soci ad affrontare il songwriting in modo più riflessivo ed introspettivo. L’errore, in questo normalissimo processo evolutivo, sta nel fatto di non essersi curati dei reali punti forza della band: i 10 brani di Ukon Wacka si muovono infatti in una terra di mezzo tra l'incalzo sfrenato delle finnish metal ballad della prima ora ed un folk dalle tinte più intime e ragionate a cui – frequentemente - manca quella visione disimpegnata e giocosa che caratterizza il folk metal dei Korpiklaani fin d’ora conosciuti.

La formula eccede di fatto quanto già sperimentato con Karkelo e non brilla né per convinzione né per risultato. Nei termini del modus operandi si scorge infatti un certo imbarazzo nello spostare definitivamente l'attenzione su melodie "cresciute", prova ne sono i tantissimi humppa presenti nei brani, un vocalism cronometricamente molto denso che spesso mortifica la porzione strumentale e una ritmica dai battiti medio-alti che scimmiotta tutta la precedente discografia.
Tutte queste parole sarebbero la classica "analisi fine a sé stessa" se solo non toccasse registrare un potere adrenalinico molto inferiore al passato che sfocia nel suo punto minimo con l'inutile e fuori luogo Tequila; la traccia - nella situazione - mi ricorda quella Te Quiero Puta che i Rammstein vollero forzatamente inserire in Rosenrot, travestendo una manieristica opera di marketing nei confronti del prolifico mercato sudamericano in un tributo ai fan messicani che li avevano acclamati durante il tour. A mio avviso una caduta di stile!
Un altro aspetto molto stantio di Ukon Wacka riguarda la ricorrenza dei giri melodici, condotti fino allo sfinimento e cantati senza soste o variazioni. Paat Pois Tai Hirteen rappresenta benissimo questa testarda convinzione di rendere orecchiabili tracce che di per sé rappresentano già quanto di più melodico e "facile" il filone possa offrire: dimezzare le strofe e i chorus, aggiungendo qualche tempos/riffing differente, avrebbe sia migliorato il tiro, che in tal modo diluisce con il passare delle ripetizioni, sia elevato la caratura artistica di un disco che rischia così di apparire ancora più vuoto di quello che è. Anche la formulazione della melodia è solo in parte riuscita, essendo sempre troppo incatenata al duo fisarmonica/violino: in pochissime occasioni (Tuoppi Oltta, Surma) si è preso coraggio, staccando le composizioni da un trademark trito e ritrito che la sola produzione cerca di tenere a galla (la Nuclear Blast è capace di presentare molto bene la propria “merce”, si sa).

Ukon Wacka non è però "tutto e solo male". Il vocalism sempre più controllato e la ricerca di un sound maggiormente intimistico, fanno di questa ottava prova una mosca bianca nella discografia dei nostri che potrebbe anche funzionare se ascoltata a tempo perso e, soprattutto, senza le aspettative che un album dei Korpiklaani si trascina inesorabilmente. Jonne mostra un timbro al contempo strascicato e tagliente che mi ha soddisfatto nelle costruzioni più incalzanti; d’altro lato, nei momenti lenti (titletrack) e/o aperti (Korvesta Liha) soffre qualche durezza timbrica su cui si staglia il giudizio personale complessivo. I rimanenti membri svolgono tutti “il compitino”: difficile assegnare una valutazione tecnica quando il tasso di difficoltà è sdraiato sullo zero assoluto…
Detto questo, la prima metà del disco, seppure con le difettosità di cui vi ho parlato, scorre comunque piuttosto piacevolmente. Louthen Yhdeksas Polka apre in modo consueto anche se, stante il sentimento delle complessivo dell’opera, funge un po' da specchietto per le allodole nei confronti del pubblico caciarone che, già con Paat Pois Tai Hirteen, deve ricredersi sul significato intrinseco dell'album stesso (e sulle sue finalità artistiche). Tuoppi Oltta e la lenta Ukon Wacka non sono né Vakirauta, né tantomeno Tuli Kokko (giusto per rimanere su Tales Along This Road), ma riempiono con un pizzico di sostanza i quasi nove minuti ad esse concessi.
La seconda parte - da Korvesta Liha in poi - è invece perfino imbarazzante, senza un episodio pieno - uno - che si possa definire “divertente”. La sola Vaarinpolkka - diciamo pure la meno peggio del lotto – salva un disastro che altrimenti sarebbe stato totale.

Chiaro insomma che non sono qui a consigliarvi Ukon Wacka: e dire che non sono nemmeno partito prevenuto, dato che i Korpiklaani mi piacciono e li seguo da sempre.
Così come provo nostalgia ricordando la mia gioventù, mi tocca ora rimpiangere quella dei sei folkster finlandesi. Ridatemi quella band consapevole dei propri limiti, che prendeva tutto con estrema leggerezza e sfornava signori dischi.
Che dire ai Korpiklaani: fate che quei tempi non restino lontani, cercando di riconquistarvi la nomea di “giovani dentro”.
E, consiglio, non prendete esempio dal sottoscritto…



VOTO RECENSORE
50
VOTO LETTORI
52.05 su 67 voti [ VOTA]
VIKING2000
Domenica 27 Aprile 2014, 18.39.55
30
Non è cosi' brutto certe canzoni sono belle, poi sono solo considerazioni personali... Comunque voto:68,non di più...
ensiferum2000
Sabato 30 Novembre 2013, 19.37.48
29
beh non fa proprio cosi' schifo, anzi è abbastanza buono... io voto 65
simone
Lunedì 8 Aprile 2013, 21.22.52
28
Di questi tempi,miei cari metallari,un album con 5 tracce valide (e 2 validissime) si merita un bel 65-68...c'è crisi amici miei!
Morganne91
Giovedì 26 Aprile 2012, 23.14.08
27
Secondo me stanno bevendo un pò troppo: Let's Drink! Beer Beer! Vodka! Tequila! Solo così si spiega questo mezzo flop e lo dice una che li adora e non vede l'ora di andare a sentirli dal vivo!
Zenith
Martedì 27 Marzo 2012, 10.25.18
26
A me l'album è piaciuto. Non capisco tutti questi commenti negativi. E' un album divertente che ho ascoltato piacevolmente.
Theo
Venerdì 30 Dicembre 2011, 22.18.55
25
a me è piaciuto abbastanza XD anche se qui vedo solo commenti negativi... ma d'altro canto de gustibus per me merita una sufficienza... 65 non di piu
Finntrollfan
Giovedì 10 Novembre 2011, 15.30.00
24
Tequila sarà anche bella ma è l'unica ... in ogni caso con ste canzoni sull'alcol stanno seriamente stancando. Se Voice of Wilderness, Tales along this road e tervaskanto erano album freschi e piacevoli qui siamo alla frutta, anzi al dessert. Urge un cambio non tanto di sonorità ma di SONGWRITING!!!!!
il vichingo
Martedì 13 Settembre 2011, 18.22.57
23
Bravo AndreaRieti: hai detto quello che io ho pensato. E' vero: i livelli di Tales along this road e Voice of Wilderness sono lontani, molto lontanti, ma non me la sento di dargli la croce addosso solo perchè tentano di evolvere il sound e portarlo su altre piste. Comunque voto 64. Tequila è molto bella.
Steelminded
Lunedì 8 Agosto 2011, 22.42.30
22
...è anche Paat Pois Tai Hirteen - il resto dei brani é cronaca
Steelminded
Lunedì 8 Agosto 2011, 22.32.37
21
Una voce fuori dal coro - a me tequila prende bene (-;
AndreaRieti
Venerdì 27 Maggio 2011, 15.52.28
20
Bah...il problema siete voi che di musica non ne capite poi molto, forse qualcosina chi ha recensito st'album.... insomma capite o no che si cresce?? caro recensore, e cari commentatori, c'è un motivo per cui tutti i gruppi cambiano? d'altra parte son persone...esseri umani. voi che scrivete di *minestra korpiklaani* sembrate di aver assaggiato il *brodo del giorno dopo del folk metal* e non mi venite a dire che son meglio gruppi italiani russi lituani e kazaki.... a volte facebook ha ragione...mettere mi piace o non mi piace...non sparare cazzate
wRicky89
Sabato 14 Maggio 2011, 14.14.33
19
Non è il migliore, ma è sicuramente meglio di Karkelo (che a parte vodka ha canzoni ridondanti)! ha diversi bei pezzi ^^ poi mi piacciono le parti cantate dal Bassista! Certo il loro top x me resta Tales Along this Road! Mi piacevano anche da Shaman ^^
Lorenzo
Giovedì 3 Marzo 2011, 21.07.52
18
Grande album..... a mio parere migliorano sempre di più
Michele
Martedì 22 Febbraio 2011, 14.43.38
17
Questo disco mi piace : è uguale agli altri,e io dai Korpiklaani chiedo proprio questo =)
fabriziomagno
Giovedì 17 Febbraio 2011, 23.02.09
16
dai, storm e isendarg sono fuori concorso però
Federico
Giovedì 17 Febbraio 2011, 22.13.12
15
In effetti In the Woods sarebbe dovuto essere Waylander...fai te come sono messo...cmq buona per i Turisas, discreto Varangian Way e capolavoro Miklagard Overture!!Hai ragione, sugli album decisivi mi scivolano tutti azz...al contrario Moon Sorrow, Primordial, Mithotyn, Skyclad che hanno fanno scuola, (quasi) mai hanno steccato, poi ci sono i GENIALI Satyr e Fenriz che con gli Storm ed Isengard hanno impartito lezioni da manuale al primo colpo!!Ma stiamo parlando cmq di mostri sacri...
Kenoman
Giovedì 17 Febbraio 2011, 21.59.36
14
Cazzo Federico, mi sa che hai ragione!Troppi grandi nomi stanno deludendo!!A parte che nn so che cazzo c'entrano gli In the Woods, ma ti appoggio, tante vampate nei primi dischi, ma povertà di idee negli album che per una band dovrebbero essere decisivi!!I Turisas sembrano non calare, ma sono solo al secondo album, troppo presto...
Federico
Giovedì 17 Febbraio 2011, 21.38.43
13
Ok russia/ucraina, zona baltica...ci stà, ma non impazzisco, ma non puoi dirmi che Nifelvind è ottimamente riuscito...salvo 4-5 canzoni, ma per il resto sembra un disco arrangiato da Danny Elfman e NON dai Finntroll che conosciamo; i Cruachan rispetto a Middle Kingdom o Pagan non hanno fatto grossi passi avanti...da band che esistono da 13 anni e passa mi aspetto qlcs di più...prendi i Thyrfing per esempio!!Per i gruppi italiani però ti do ragione i Folkstone per esempio mi stanno dando parecchie soddisfazioni!
Blackster
Mercoledì 16 Febbraio 2011, 22.02.08
12
Il folk metal in crisi? 'co zio... basta solo guardare l'underground russo/ucraino, ecc ecc.., oppure anche solo i gruppi italiani che stanno nascendo sono molto promettenti. Comunque cosa c'entrano gli In The Woods non l'ho capita... in crisi poi... Finntroll e Cruachan stanno facendo discreti lavori, anzi, Nifelvind è un ottimo album.
Federico
Martedì 15 Febbraio 2011, 23.37.44
11
Li ho sempre seguiti assiduamente e con Karkelo ho capito che qualcosa non andava...evoluzione si, ma dalla parte sbagliata!FIno a Korven Kuningas tutto ok e li avrebbero dovuto fermarsi. Il genere che suonano non può essere evoluto oltre un certo limite, qualcosa di tradizionale non può essere troppo "modernizzato" insomma. Il folk metal è in piena crisi vedi Finntroll, Cruachan, In the Woods, solo i Moonsorrow stanno lavorando bene...aimè...
Mattia
Giovedì 10 Febbraio 2011, 17.05.20
10
Grazie Giasse! gentilissimi.
Kryptos
Mercoledì 9 Febbraio 2011, 16.50.56
9
Uno dei gruppi più inutili e irritanti di sempre...
Giasse
Martedì 8 Febbraio 2011, 22.51.30
8
@Mattia: li stavamo già tenedo sott'occhio. Vedremo di accontentarti!
Mattia
Lunedì 7 Febbraio 2011, 18.31.15
7
Album deludente...niente di eccezionale. cambiando argomento GIASSE perchè non recensite l'ultimo del Dalriada? eh che ne dici?
Flag Of Hate
Domenica 6 Febbraio 2011, 14.27.20
6
Mah, non mi hanno mai detto nulla, nemmeno ai tempi di "Tales Along This Road" e di "Tervaskanto", che sono considerati i loro lavori migliori, quindi credo proprio che questo "Ukon Wacka" non abbia nulla da offrirmi: lo salterò a piè pari.
GioMasteR
Domenica 6 Febbraio 2011, 11.03.56
5
Mi è piaciuta molto l'introduzione e il paragone che hai fatto Giasse, lo trovo azzeccato! Io da loro avrei preferito una maturazione "netta" perchè dopo 7 dischi mi piacerebbe avere qualcosa di diverso che mi spinga a comprare l'ottavo. Ma così non è stato quindi riponiamo le speranze sul prossimo Turisas
Undercover
Domenica 6 Febbraio 2011, 9.37.57
4
Mi chiedo che senso abbiano band di questo genere da una vita...certo non mi fanno divertire, più che altro sbadigliare da sempre, quest'ultimo poi (si lo so, sono masochista ma una chance di farmi cambir idea non la rifiuto a nessuno) è ridicolo. Basta...!!!
fabriziomagno
Domenica 6 Febbraio 2011, 0.09.14
3
che barba che noia, che noia che barba! (l'avevo già usata 'sta frase per commentare?!?). Voto: 50 PS - te quiero puta a me piace un sacco!
Metal73
Sabato 5 Febbraio 2011, 20.50.56
2
Io invece trovo l'album godibilissimo! Sono i Korpiklaani e fanno la loro musica , si sempre uguale , ma chiederli di cambiare sarebbe come chiedere agli acdc o ai motorhead di cambiare stile di musica e questo come ben sappiamo non potrà mai accadere, ed è proprio questo che rende unici questi grandissimi gruppi!!
Blackster
Sabato 5 Febbraio 2011, 19.46.01
1
Uhm sì, la seconda parte è leggermente noiosa ma nel complesso io a quest'album darei la sufficienza, non mi dispiace più di tanto. Ovviamente i livelli di Tales along this road si allontanano di disco in disco.
INFORMAZIONI
2011
Nuclear Blast
Folk Metal
Tracklist
1. Louhen Yhdeksäs Poika
2. Päät Pois Tai Hirteen
3. Tuoppi Oltta
4. Lonkkaluut
5. Tequila
6. Ukon Wacka
7. Korvesta Liha
8. Koivu Ja Tähti
9. Vaarinpolkka
10. Surma
Line Up
Jonne Järvelä (Voce, Chitarra)
Cane (Chitarra)
Hittavainen (Violino, Jouhikko, Cornamusa, Flauto)
Juho Kauppinen (Accordion)
Jarkko Aaltonen (Basso)
Matson (Batteria)
 
RECENSIONI
73
74
73
50
75
71
79
82
85
85
ARTICOLI
08/03/2018
Live Report
KORPIKLAANI + ARKONA + HEIDEVOLK + TROLLFEST
Magazzini Generali, Milano, 05/03/2018
07/11/2016
Live Report
KORPIKLAANI + MOONSORROW + SKALMOLD
Alcatraz, Milano, 02/11/16
22/02/2013
Live Report
KORPIKLAANI + METSATOLL
Temporock, Gualtieri (RE), 16/02/2013
12/09/2011
Intervista
KORPIKLAANI
Monosillabi di Folk
10/09/2010
Intervista
KORPIKLAANI
Il sud, il folk e il tasso alcolico!
09/11/2007
Live Report
KORPIKLAANI
La data di Milano
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]