Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Pain of Salvation
In the Passing Light of Day
Demo

Alessio Forlani
Alameda Gardens
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/03/17
MEMORIAM
For The Fallen

24/03/17
HELIOSS
Antumbra

24/03/17
EMERALD
Reckoning Day

24/03/17
ART OF ANARCHY
The Madness

24/03/17
STEVE HACKETT
The Night Siren

24/03/17
DEFICIENCY
The Dawn of Consciousness

24/03/17
HEART ATTACK
The Resilience

24/03/17
DESECRATOR
To the Gallows

24/03/17
ALMS OF THE GIANT
Oracles

27/03/17
FATE UNBURIED
Logos

CONCERTI

24/03/17
ASPHYXIATING DEVOTION FEST
TITTY TWISTER - PARMA

24/03/17
ROSS THE BOSS + ANCILLOTTI + ATHROX
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

24/03/17
DARK LUNACY + GUEST TBA [ANNULLATA!]
TIKITAKA VILLAGE - FRANCAVILLA (CH)

24/03/17
LONGOBARDEATH + TOTEM AND TABOO + SENTENTIA
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

25/03/17
DEATHLESS LEGACY + guest TBA
PADIGLIONE 14 - COLLEGNO (TO)

25/03/17
DEATH FEST
IL POSTACCIO - ROMA

25/03/17
ROSS THE BOSS + ROSAE CRUCIS + ATHROX
JAILBREAK LIVE CLUB - ROMA

25/03/17
DEW-SCENTED + IZEGRIM
TITTY TWISTER - PARMA

25/03/17
FLOTSAM AND JETSAM
FABRIK - CAGLIARI

25/03/17
WITCHUNTER + ESSENZA + TORSO + GARGAN
GARAGESOUND - BARI

Gotthard - G.
( 2497 letture )
Quando G. uscì sul mercato nel 1996, aveva il compito di bissare il successo di Dial Hard, un lavoro che aveva proiettato la band Svizzera in una dimensione di successo internazionale che, probabilmente, in pochi avevano inizialmente pronosticato per loro. Il loro terzo album venne registrato a Los Angels e segnò una ulteriore svolta verso sonorità ancor più tipicamente americane, conservando un atteggiamento di fondo riconducibile in buona parte alla tradizione hard rock di matrice europea. Ad ogni modo, se il target di G. era quello di aumentare il successo dei Gotthard, la conquista del disco di platino e lo stazionamento nelle zone alte di molte charts europee del singolo Father Is That Enough?, consentì senz’altro di raggiungere questo obbiettivo. Quello che i Gotthard offrivano in questo album -ed in tutti gli altri, se è per questo- è la loro riproposizione dei dettami dell'hard rock più classico, non conferendo alcun apporto allo sviluppo di uno stile che, peraltro, è cristallizzato ormai da lungo tempo. Il loro merito è quello di elaborarlo al meglio restituendolo al pubblico con sofisticata immediatezza ed innata classe e -perché no?- anche con una buona dose di commercialità. In questa ottica G. rappresenta una delle loro migliori realizzazioni.

Aperto da un pezzo a cavallo tra le sonorità country americane e l'hard rock più immediato come Sister Moon, l'album metteva subito in mostra le sue qualità più peculiari, basate sull'immediatezza e su una freschezza esecutiva che è prerogativa dei grandi gruppi. L'equilibrio espressivo dei Gotthard già all'epoca era vicino al massimo livello possibile, con una forte coesione strumentale, dei soli sempre coinvolgenti, e la voce del compianto Steve Lee a governare il tutto insieme all'"organizzatore supremo" Chris Von Rohr. Piede ancora a battere il tempo con Make My Day: stessa impostazione generale -meno americaneggiante- e assolo che ricorda -forse troppo- qualcosa di già sentito targato AC/DC. E' il turno della coverizzazione di Mighty Quinn (Quinn the Eskimo) di Bob Dylan (la versione dei Manfred Mann è posteriore di qualche mese) un pezzo che nelle mani dei Gotthard splende come se fosse stato concepito nella variante ascoltabile da G.
Ancora trascinante hard rock per Movin' On, che poi lascia spazio ad una ballata rock come Let It Be che, su un album del genere (o "di" genere, se preferite), non può mancare. Personalmente ho già più volte espresso la mia personale ritrosia nell'approcciarmi a questo tipo di brano, ma per i cultori del genere è probabilmente irrinunciabile, ed i Gotthard anche in questo caso sanno riproporre la lezione dei grandi dando quasi l'impressione di essere loro ad aver iniziato la tradizione. Segue il singolo Father Is That Enough, commerciale QB per essere tale. Discorso valido in una certa misura anche per la ruffiana Sweet Little R'R'. Il ritmo risale in maniera sostenuta con la carica di Fist In Your Face -il cui titolo dice tutto- e Ride On, doppietta di hard rock aggressivo e quadrato della migliore qualità, quello che preferisco. Freno a mano tirato per rifiatare con In The Name, ma subito dopo Lay Down the Law e Hole in One imprimono una accelerazione secca sull'autostrada del rock e viaggiare non è mai stato così piacevole. Spiritualmente l'album si chiuderebbe in maniera soft con l'ispirata ballad One life, One Soul, ma in realtà c'è ancora spazio per la cover di He Ain't Heavy, He's My Brother dei Merseybeaters Hollies o per quella di Immigrant Song degli Zeppelin, a seconda che si possieda la versione europea o quella asiatica.

Quando si ha che fare con una band come i Gotthard e con un genere come l'hard rock è scontato che parlare di originalità sotto qualsiasi forma è assolutamente fuori luogo, ed i rimandi agli stessi Led Zeppelin in primo luogo ed ai Whitesnake in seconda battuta, si sprecano sia nel songwriting che nella vocalità di Steve Lee. Il tutto senza considerare anche le citazioni di altri grandi del settore, AC/DC in testa. Tuttavia -come detto- la branca d'appartenenza impone senza sconti questo citazionismo, l'importante è che non sia liquidato d'accatto, ma vestito di classe e padronanza dei propri mezzi: da questo punto di vista i Gotthard non possono essere criticati più di tanto. Fatte salve le precisazioni di cui sopra, infatti, G. è un ottimo album, godibile in tutte le sue sfaccettature ed inappuntabile come produzione e resa sonora.
Un coacervo di qualità che rende G. degno di essere piazzato sullo scaffale di ogni cultore del genere in una posizione di rilievo.



VOTO RECENSORE
83
VOTO LETTORI
51.75 su 28 voti [ VOTA]
Rob Fleming
Domenica 24 Gennaio 2016, 12.57.40
7
Leggermente inferiore al debutto, ma comunque bellissimo. Il gruppo è grande sia nei pezzi più hard rock come Sister Moon, Make my day, Ride on e la purpleiana Hole in one sia nelle ballate Let it be (più Whitesnake dei Whitesnake stessi), Father in that enough? e soprattutto nel gioiello One life One soul. 78
Argo
Lunedì 28 Maggio 2012, 20.40.38
6
Per parafrasare il grande Mosconi: "ma chi è chel mona che ha abbassato la media...". Grandissimo cd!!!!
Sonny
Mercoledì 21 Settembre 2011, 19.00.48
5
Splendida recensione! Disco bellissimo, con uno Steve indimenticabile..
Maurizio
Martedì 19 Aprile 2011, 16.13.31
4
Capolavoro degli svizzeri che hanno pure migliorato rispetto a Dial hard che già era grande. Purtroppo da qui in poi la vena dei lentoni ha preso il sopravvento, pur rimanendo una band di gran classe. Qui di filler non ce ne sono...R.I.P. Steve, grande singer.
Rock Of 80's
Martedì 22 Febbraio 2011, 13.24.04
3
il disco piùbello degli svizzeri è proprio questo. Originali + cover tutte da urlo! Nove in pagella per G.
Raven
Martedì 22 Febbraio 2011, 8.29.22
2
MI associo.
Crushed Liver
Martedì 22 Febbraio 2011, 0.58.39
1
Album che non propone nulla di trascendentale ma proprio per questo risulta sincero, cristallino e travolgente. Vorrei porre un saluto, dovunque sia, a Steve Lee a cui il destino ha riservato un epilogo beffardo ma al tempo stesso affascinante : andarsene coronando il sogno della sua vita.
INFORMAZIONI
1996
Ariola Records
Hard Rock
Tracklist
1. Sister Moon
2. Make My Day
3. Mighty Quinn (Quinn the Eskimo)
4. Movin' On
5. Let It Be
6. Father Is That Enough
7. Sweet Little R'R'
8. Fist In Your Face
9. Ride On
10. In The Name
11. Lay Down The Law
12. Hole In One
13. One Life, One Soul
14. He Ain't Heavy, He's My Brother
Line Up
Steve Lee - voce
Leo Leoni - chitarra, cori
Marc Lynn - basso
Hena Habegger - batteria
 
RECENSIONI
78
74
79
78
80
75
71
68
89
79
ARTICOLI
22/10/2014
Live Report
GOTTHARD + PLANETHARD
Orion Live Club, Ciampino (RM), 15/10/2014
04/10/2011
Intervista
GOTTHARD
Un anno senza Steve, ma la vita deve andare avanti
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]