Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Neal Morse
Sola Gratia
Demo

Sun Eater
Light Devoured
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

23/10/20
JAKKO M JAKSZYK
Secrets & Lies

23/10/20
CEREMONIAL BLOODBATH
The Tides of Blood

23/10/20
ZEAL & ARDOR
Wake of a Nation

23/10/20
CELESTIAL SEASON
The Secret Teachings

23/10/20
MORK GRYNING
Hinsides Vrede

23/10/20
OVTRENOIR
Fields of Fire

23/10/20
DEHUMAN REIGN
Descending upon the Oblivious

23/10/20
DEMONICAL
World Domination

23/10/20
SEVENDUST
Blood & Stone

23/10/20
ARMORED SAINT
Punching the Sky

CONCERTI

22/10/20
STEF BURNS LEAGUE
KILL JOY - ROMA

24/10/20
NERO DI MARTE + GUESTS
CS BOCCIODROMO - VICENZA

24/10/20
OTTONE PESANTE
SECRET SHOW - GENOVA

24/10/20
VIRTUAL SYMMETRY
CINEMA PLAZA - MENDRISIO (CH)

25/10/20
DEATH THE SUNDAY FEST
CIRCOLO ARCI MU - PARMA

30/10/20
ULVEDHARR + GUESTS
DRUSO - RANICA (BG)

30/10/20
OTTONE PESANTE
INK CLUB - BERGAMO

30/10/20
HELLUCINATION + NEBULAE
TRAFFIC CLUB - ROMA

31/10/20
DEATHLESS LEGACY + DAMNATION GALLERY
CRAZY BULL CAFE' - GENOVA

31/10/20
OTTONE PESANTE
IL CASTELLO - PARMA

Testament - Low
( 9218 letture )
La crisi evolutiva dei Testament raggiunse il suo apice con la pubblicazione del deludente The Ritual, che ebbe come naturale conseguenza l’abbandono della band da parte di due membri storici quali il talentuoso chitarrista Alex Skolnick -ormai totalmente preso dalla passione per il jazz- ed il batterista Louie Clemente. Per risollevare le sorti occorreva una prova di forza che inequivocabilmente riportasse in auge la formazione di San Francisco. Vennero arruolati il chitarrista James Murphy, con trascorsi in gruppi estremi come Obituary, Death e Cancer e alle pelli John Tempesta (Exodus, Rob Zombie).

È sulla scelta del nuovo chitarrista che dobbiamo soffermarci per comprendere meglio la svolta stilistica, per certi versi sorprendente, intrapresa dai Testament nel 1994 con la pubblicazione del controverso Low. Quest’album, infatti, riflette sin troppo chiaramente le esperienze pregresse in campo death maturate da Murphy, e lo si percepisce non soltanto dal riffing possente e cupo, ma anche dalla spiazzante scelta da parte del corpulento singer Chuck Billy di concedersi seppure a tratti allo stile growl. Sia ben inteso, il platter permane nella sfera thrash, sebbene siano evidenti le contaminazioni con il groove che all’epoca andava molto di moda e, per l’appunto, con il death. Ad un primo ascolto Low disorienta, tuttavia non si può disconoscere il piglio decisamente aggressivo e potente di questo lavoro, che ebbe il merito di rilanciare alla grande le quotazioni della formazione statunitense. Formidabile la dirompente title track con un Billy in gran forma ed una sezione ritmica granitica; il nuovo drummer Tempesta si mette maggiormente in risalto con un pregevole lavoro di doppia cassa nella successiva Legions (In Hiding), dominata da un riffing martellante e da un assolo alla sei corde dai contorni vagamente esotici; Hail Mary ha un incedere sostenuto e pone meglio in evidenza le doti di Murphy, mentre Trail Of Tears è la classica ballata che ha il merito di stemperare l’atmosfera; Shades Of War è la canzone migliore del disco, grazie ad un riffing durissimo, che ho sempre apprezzato; P.C., strutturata su di un mid tempo convenzionale, si lascia ascoltare piacevolmente; di tutt’altra levatura è la sostenuta ed arcigna Dog Faced Gods, con una magnifica sezione ritmica ed un’inquietante prova dell’inossidabile Billy; All I Could Bleed è munita di una ritmica ammaliante e possente; divertente la strumentale Urotsukidoji con il basso di Greg Christian sugli scudi; la vigorosa Chasing Fear e la ritmata Ride sono due deliri sonori pazzeschi; Last Call è un’altra breve strumentale, piuttosto ripetitiva e banale che, senza nulla a pretendere, chiude un album comunque meraviglioso.

Low è, dunque, il disco della rinascita per i Testament e le nuove scelte stilistiche della band, dopo un’iniziale e comprensibile titubanza, furono complessivamente apprezzate dai fan anche se il gruppo, purtroppo, ebbe in seguito il grave torto di enfatizzarle nell’insensatamente brutale Demonic.



VOTO RECENSORE
85
VOTO LETTORI
69.83 su 74 voti [ VOTA]
Aceshigh
Martedì 9 Ottobre 2018, 20.38.01
35
Dopo il morbido e poco efficace The Ritual i Testament tornano con Low a pestare come forse non avevano mai fatto prima, complice una produzione e un sound al passo con i tempi, una gran prestazione dietro le pelli e linee vocali più che mai incazzate. Nella seconda parte purtroppo si allunga un po' il brodo con qualche brano anonimo, motivo per cui un album come The Gathering lo reputo superiore (i primi 3 neanche li scomodo), ma comunque all'epoca della sua uscita fui ben contento di spararmelo a palla (e pure oggi). Voto 80 pieno
lisablack
Giovedì 1 Febbraio 2018, 8.03.32
34
Buon album senz'altro ma 85 a questo e 80 a The New Order non se po' vede'!Quello è forse il miglior album dei Testament e tra i miglior album thrash di sempre..The new order vola oltre i 90 secondo me.
TheSkullBeneathTheSkin
Mercoledì 31 Gennaio 2018, 19.48.28
33
IMHO "Hail Mary" da sola vale l'acquisto di questo album.... "Hail mary full of grace" in growl, i "nuovi" testament "puuuush me dooown, and kick me in my face" con l'indiano che grida alla vecchia maniera... sotto un pezzo granitico ed originale. La vera gemma di Low
Vokes
Venerdì 29 Dicembre 2017, 23.29.52
32
Non un capolavoro in senso assoluto, visto che qualche canzone son riusciti a topparla, ma almeno non in maniera clamorosa. Per quel che mi concerne, Low è una piccola capsula del tempo contentente tutti i trend dell'epoca, sia in senso sonoro (anche in mixaggio, intendo) che visivo (la copertina, con tutto quel mix di figure geometriche e contrasti di colore da sangue agli occhi). Non un disco storico, ma sa il fatto suo per molti versi.
nonchalance
Mercoledì 29 Giugno 2016, 19.37.58
31
Come si suol dire: "inizia col botto e finisce col cagotto!" Ehm, non fraintendetemi..è un signor disco però, tolte le prime cartucce, quello che rimane sono un pugno di song riuscite 'solo' in parte!
nonchalance
Mercoledì 29 Giugno 2016, 17.04.53
30
Come si suol dire: "inizia col botto e finisca col cagotto!" Ehm, non fraintendetemi..è un signor disco però, tolte le prime cartucce, quello che rimane sono un pugno di song riuscite in parte!
klostridiumtetani
Mercoledì 22 Giugno 2016, 19.42.32
29
Bell'album, ma per me il poker legacy, new order, practice e souls of black, è il top inarrivabile dei Testament. Formation of damnation quello che mi piace di più dopo i quattro citati.
VomitSelf
Mercoledì 22 Giugno 2016, 18.45.54
28
*sTI cazzi. Pardon
VomitSelf
Mercoledì 22 Giugno 2016, 18.45.11
27
Per me, trattasi di un disco con le palle quadrate. Mi è piaciuto allora, continua a piacermi tutt'ora. Voto: 90. Tra i miei preferiti dei Testament. E' diverso da 'The Legacy'? Sto cazzi. Era il 1994, non il 1987.
acciaio inglese
Giovedì 4 Giugno 2015, 14.58.42
26
questi non sono i testament che conoscevo, purtroppo. voto 55
Baxialby
Martedì 12 Maggio 2015, 17.39.06
25
Album strepitoso, voto 85 del recensore mi pare un po strettino considerati gli svariati 90 o 100 dati ad altri album che valgono nulla... Boh comunque i guatinson gusti, questo disco ha 20 anni e sembra registrato ieri l'altro. Divertentissimo e suonato magistralmente
Therocker77
Lunedì 2 Marzo 2015, 12.30.16
24
Grandissimo Album, suona bene anzi benissimo ancora oggi, potente e oscuro!
TheGodfather
Giovedì 8 Gennaio 2015, 12.52.10
23
L'album con il quale i Testament risollevano il capo, dopo 3 lavori tutt'altro che stellari. Non tutto è perfettamente a fuoco, ma sono già presenti i germogli di quella svolta estrema che si compierà perfettamente due dischi più avanti, nello spaventoso "The Gathering!". "!Low" è comunque un album molto piacevole, ricco di brani convincenti, ma anche con qualche filler di troppo che abbassa la valutaizone. 85 mi sembra decisamente eccessivo, ma 75 per me lo merita tutto. E dopo le sufficienze stiracchiate dei 3 album precedenti è un notevole passo in avanti. PS: non condiivido i paragoni con "Divine Intervention! degli Slayer che ho letto qualche commento più sotto. A mio avviso quell'album. è forse il più ingiustamente sottovalutato di Kerry King e soci, e resta di un'altra categoria rispetto a questo pur valido dischetto.
Argo
Mercoledì 28 Maggio 2014, 19.12.30
22
Questo è un gruppo che in 5 lustri non ho mai seguito musicalmente, solo di recente ho acquistato 2 loro cd, questo è uno di quelli e lo trovo stupendo. Una piccola cosa: fa solo effetto a me o Trail of tears sembra una canzone che potrebbe benissimo essere contenuta nel cd Dirt degli Alice in chains? a me sembra proprio una canzone di quel tipo, non che sia un male eh
Galilee
Venerdì 13 Settembre 2013, 16.09.57
21
In quello stesso periodo usci divine intrevention degli Slayer.Beh, questo Low si mangiò DV in due soli bocconi. Disco grandioso, personale, che guardava in avanti e snza paura. Per me l'ultimo grande disco dei testament The Gathering è fighissimo ma ha meno personalità, e un drumming che non è da Testament.
Master Killer
Mercoledì 13 Marzo 2013, 22.28.36
20
Qua i Testament danno una prova incredibile della loro spettacolarità se si passava da "Low" a "The Gathering" senza pubblicare "Demonic" potevano considerarsi grandi artisti
Macca
Domenica 9 Dicembre 2012, 14.38.05
19
Il primo disco dei Testament che ho comprato e ci sono affezionato!! Legions, Hail Mary, Shades e Dog sono spettacolari
M0RPHE01978
Sabato 8 Dicembre 2012, 12.55.02
18
quoto Cirith in tutto.
Cirith Ungol
Martedì 9 Ottobre 2012, 23.33.59
17
Disco bellissimo, voto giusto. Riesce a suonare totalmente Testament nonostante le contaminazioni death e groove. Per l'originalità lo preferisco anche a The Gathering: le cose migliori di quell'album ci sono già su Low. Formidabile Murphy, ottimo anche il lavoro di Tempesta. Trail of Tears, poi, spiega a tutti come si dovrebbe scrivere una ballad metal. Lo comprai all'uscita: ero pischello e non capivo molto, ma l'impatto fu notevole. A distanza di tanti anni lo apprezzo ancora di più e continuo a trovare ragioni per ascoltarlo.
Remedy
Giovedì 2 Agosto 2012, 17.56.07
16
Uno dei miei album thrash preferiti, la sola partenza con Low, Legions, Hail Mary eti stende !
matteo36
Venerdì 20 Luglio 2012, 18.30.25
15
buonissimo disco sottovalutato a mille ai tempi dell'uscita. hail mary è una delle canzoni migliori dei testament. nettamente superiore a the ritual e a (l'orrendo) demonic lo metto sullo stesso livello di practise e forse souls of black 85 è giusto .
Flag Of Hate
Domenica 17 Luglio 2011, 23.33.35
14
Ottimo disco. Il secondo più bello fatto dai Testament negli anni '90. Dopo il fiacco (ma non totalmente da buttare, imho) "The Ritual" Chuck e soci palesano tutta la loro voglia di tornare a pestar giù duro, e il risultato è molto buono. Gli episodi migliori sono "Dog Faced Gods", "Low" e soprattutto la bellissima "Shades of War", che catapultano il disco verso un ragguardevole 80/100. Bello anche l'artwork.
AL
Martedì 22 Febbraio 2011, 9.49.56
13
alcuni pezzi come Dog face gods e soprattutto Hail Mary portano questo disco a ottimi livelli. è inferiore a the gathering e legacy . per il resto grande album veramente!!!
GENOA 4 - 3 roma
Lunedì 21 Febbraio 2011, 16.24.27
12
Grande Hm. Bella recensione! voto 90
Khaine
Domenica 20 Febbraio 2011, 0.55.20
11
Yep, proprio in quanto a valutazioni considerate che, nel mio metro di giudizio, 82 (voto scelto per the Gathering), 77 (Practice) e 80 (The New Order) sono voti molto alti. Ciascuno ha il suo modo di calcolare le cose
metal4ever
Sabato 19 Febbraio 2011, 22.14.46
10
Effettivamente all'inizio spiazzò anche me... ma dopo qualche ascolto in più ne ho riconosciuto il valore, e cmq concordo per quanto riguarda l'arruolamento di Murphy che ha alquanto "Deathizzato" questo album.
Nightblast
Sabato 19 Febbraio 2011, 20.45.19
9
@undercover & hm is the law: mah, ragazzi io non sono molto d'accordo, ma è la mia opinione...Secondo me Low, che comunque mi piace davvero moltissimo, è meno ispirato sia di Gathering che di Formation...Non so...mi da come l'impressione che lo abbiano composto con l'obiettivo di essere più pesanti e più death oriented...A volte mi da l'impressione di essere un disco forzato. Per il discorso Tempesta...Purtroppo non ho avuto il piacere di vederlo dal vivo, ho solo potuto ammirare la sua bravura con i Testament grazie al video di un concerto...Che dire? Tempesta è mostruoso, purtroppo è sempre stato sottovalutato...
hm is the law
Sabato 19 Febbraio 2011, 19.40.17
8
@ Nightblast: la risposta è semplice i recensori sono diversi è diversa è la valutazione. Cmq Low ew qui sono d'accordo totalmente con Undercover, detto alla romana, je da na pista a The Formation Of Damnation.
Undercover
Sabato 19 Febbraio 2011, 19.32.19
7
@Nightblast non sono molto d'accordo, "Low" è decisamente meglio di "Formation" che è canonico, suonato benissimo ma è un compitino ben fatto, è d'altra pasta, con "The Gathering" se la combatte. E' una delle poche recensioni che ho letto e devo darne merito a Him Is The Law che parla del drumming di Tempesta, ma sto cristo che cazzo ha fatto ai metallari? Ma qualcuno ha avuto il piacere di vederlo dal vivo? é un mostro, signori è un mostro, solo che la gente non lo conosce per un cazzo, ci fosse stato Gene Hoglan dietro le pelli di Low sarebbe diventato per alcuni un must assoluto solo per la sua presenza ancor più che per i pezzi, io ste cose non le concepisco. Dopo i primi assolutamente grandiosi, per il sottoscritto Low è intoccabile.
Nightblast
Sabato 19 Febbraio 2011, 18.26.44
6
Bel disco e bella recensione, però non si può dare 85 a questo, 82 a The Gathering e 77 a Formation of damnation...Low per quanto bello non è all'altezza nè di The Gathering nè di Formation...
hm is the law
Sabato 19 Febbraio 2011, 17.50.32
5
@ luci di ferro: Grazie!!!
luci di ferro
Sabato 19 Febbraio 2011, 17.14.37
4
il voto è giusto, perchè Low per me è un capolavoro 90/100. Complimenti "Hm is the law" per la recensione.
hm is the law
Sabato 19 Febbraio 2011, 16.45.36
3
@ Crushed Liver: pianemnte in accordo con te sono dischi superiori a Low tutti valutabili oltre i 90/100, quindi 85/100 risualta congruo secondo la mia ottica.
Blackster
Sabato 19 Febbraio 2011, 14.41.44
2
Uno dei primi dischi che ascoltai in assoluto...
Crushed Liver
Sabato 19 Febbraio 2011, 14.37.29
1
Album notevole con 3/4 canzoni assolutamente da infarto (su tutte Shades Of War) anche se i primi tre e The Gathering gli sono, chi più chi meno, comunque superiori. Il voto lo trovo un tantino esagerato. 80.
INFORMAZIONI
1994
Atlantic Records
Thrash
Tracklist
1. Low
2. Legions (In Hiding)
3. Hail Mary
4. Trail of Tears
5. Shades of War
6. P.C.
7. Dog Faced Gods
8. All I Could Bleed
9. Urotsukidoji
10. Chasing Fear
11. Ride
12. Last Call
Line Up
Chuck Billy: voce
Eric Peterson: chitarra ritmica e solista
James Murphy: chitarra ritmica e solista
Greg Christian: basso
John Tempesta: batteria
 
RECENSIONI
83
80
71
70
77
80
82
65
84
85
65
83
77
80
95
ARTICOLI
09/12/2017
Live Report
TESTAMENT + ANNIHILATOR + DEATH ANGEL
Live Club, Trezzo sull'Adda (MI), 1/12/2017
03/08/2016
Live Report
TESTAMENT + GUESTS
Circolo Magnolia, Milano (MI), 30/07/2016
21/03/2013
Live Report
TESTAMENT + DEW-SCENTED + BLEED FROM WITHIN
Tempo Rock, Gualtieri (RE), 16/03/2013
27/10/2012
Articolo
TESTAMENT VS OVERKILL
A colpi di Thrash!!!
17/06/2012
Intervista
TESTAMENT
Radici oscure per una carriera brillante
07/08/2011
Articolo
TESTAMENT
La biografia
14/06/2005
Live Report
TESTAMENT
Rolling Stone, Milano, 11/05/2005
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]