Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Falconer
From a Dying Ember
Demo

Chaosaint
In the Name of
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

13/07/20
AGONY FACE
IV Time Totems

14/07/20
INISANS/SEPULCHRAL FROST
Death Fire Darkness

15/07/20
EISENKULT
...gedenken wir der Finsternis

15/07/20
THE FUNERAL ORCHESTRA
Negative Evocation Rites

16/07/20
NOCTEM AETERNUS
Landscape of Discord

17/07/20
KANSAS
The Absence of Presence (Nuova data)

17/07/20
THYRANT
Katabasis

17/07/20
WORSHIP
Tunnels

17/07/20
SERENE DARK
Enantiodromia

17/07/20
ZOMBI
2020

CONCERTI

13/07/20
KISS (SOSPESO)
ARENA - VERONA

17/07/20
GIACOMO VOLI + EMPATHICA
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

23/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

24/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

25/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

26/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

29/07/20
DROPKICK MURPHYS
FESTIVAL DI MAJANO - MAJANO (UD)

07/08/20
KORPIKLAANI
MONTELAGO CELTIC FESTIVAL - SERRAVALLE (MC)

07/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

08/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

Deicide - Once Upon The Cross
( 8280 letture )
Avevo 13 anni e macinavo la pubertà con gli Offspring a strillarmi nelle orecchie. Smash.
Con le amichette ad ascoltare Ambra Angiolini e Ivana Spagna io ero fuori dai giochi.
Ma Dextermi dava quella grinta e quella spinta che spazza via tutto il resto.
Un giorno arrivò quell'allora sedicenne di mio fratello e mi disse (lo ricordo come fosse adesso): "vediamo se ce la fai ad ascoltare questi!"
Una cassetta. Come tante altre. Delle macchie rosse, un lenzuolo bianco, delle sfumature. Aggrotto la fronte.
Anto riprende in mano la cassetta e la ruota. È un Cristo coperto da un lenzuolo sporco di sangue.
Leggo: Deicide e in basso Once Upon The Cross. Non mi pongo troppe domande e la schiaffo nel walkman.
Li divoro con distacco e curiosità, senza quell'affetto che qualche mese dopo mi porterà a dire "Glenny ti lovvo".
La stessa obiettività che cercherò di mantenere in questa chiacchierata.

I Deicide sappiamo tutti chi sono. Storica death-metal band tra le più conosciute. Tra le più anticristiane. Florida, 1987.
Vorrei potervi sciorinare tutte le loro imprese – musicali e non – ma diventerei irrimediabilmente prolissa.
E questo nessuno lo vuole.
Mi catapulto direttamente nel 1995. Terzo lavoro dei Deicide.
Un album massiccio e rapido, sferzato con la giusta cuspide di cattiveria.
29 minuti dosati su nove brani.
Pezzi che per creare la giusta efferatezza non superano i 4 minuti.
Tutto sembra essere collocato nel posto giusto, al momento giusto.
Non ci troviamo di fronte un lavoro mitragliato che ti obbliga all’apnea, né tanto meno davanti a dilatazioni riempitive di dubbia efficacia.
La produzione adatta e appropriata ci presenta un sound tanto torvo e minaccioso quanto orecchiabile e semplice. Non c’è disordine nella linea melodica dei brani, tutto si snocciola senza artifici o eccessi di esuberanza. Quest’intelaiatura diretta e lineare si assicura una sintonia con l’ascolto - digeribilissimo - che perdura anche a “walkman” spento (e dopo solo il primo ascolto abbiamo tutti canticchiato “kill the christiaaaaan kill the christiaaan…! Inutile ora fare i sostenuti!).
Un assetto musicale quindi lucido, che suona sciolto e brutale, senza espedienti a compromettere la valida riuscita dell’intera produzione.
I fratelli Eric e Brian Hoffman incarnano l’esempio perfetto del death-style: le scale corrono in saliscendi aggressivi che schizzano assoli visionari e fulminei. I riff sono lo sfogatoio di una veemenza e rabbia incontrollate. Refrain di compattezza pachidermica che mai scivolano in lungaggini e torpori.
La loro performance non va oltre la perfetta lezione di classic death che impartisce: corde ossessive, melmose e scenografiche.
Non abbiamo bisogno di altro.
Steve… che dire… SteveSteve è irresistibile alle pelli.
Aspè, parliamone.
Non lo dico per l’affetto all’album.
Dai, onesti: flirta con i controtempi come un burattinaio governa senza impicci e garbugli i fili delle sue marionette. Asheim non sbaglia un colpo, non si annoda mai nelle complesse strutture del suo drumming solido e creativo. Gestisce mid-tempos, velocità tirate e decelerazioni improvvise come fosse leccare un gelato (il preludio tesissimo e dinamico del ritornello di Kill The Christian ci fa sbattere contro un inaspettato refrain slowly/doomy).
E sai che c’è? Mi manda fuori il fatto che lui non cerchi di dimostrare niente. Rimane preciso e disciplinato nelle sue pareti incrollabili di doppiacassa, nei suoi legami con martellanti rullate, nei suoi meticolosi e ineccepibili blast-beat. Non si sbrodola in esibizioni inutili con le quali sfoderare le sue pregevoli capacità.
Non ce n’è bisogno e diciamocelo, perderebbe di credibilità.
Il basso è mediocre. Scadente. Non che suoni male o maldestro ma semplicemente lo si sente di sghembo.
Esiste di slincio, in secondo piano, segue le partizioni chitarristiche senza mai emergere. Si sente eh, perché si sente (l’attacco di basso nell’opening di When Sstan Rules His World mi fa uscire di crapa), ma rimane ristretto, sopraffatto dalle chitarre corpose e dense. Che in fondo per il genere quale è il death, va anche bene così.
Ok. Introduzione fatta. Produzione fatta. Chitarre celo. Batteria celo. Basso celo. Ora tocca a lui.
A Glen Benton (Glenny nell’intimità), il frontman carismatico ed eccentrico (fei belliffimo) dei Deicide.
Meglio che stia dietro il microfono che al basso.
L’album si apre con il suo growl che rimbomba in un’aria insanabile: “Fear him, fear him, fear him... Satan”.
È un ruggito cavernoso e agghiacciante. Violento, profondo, disarmante nel suo essere così tonico e comprensibile e allo stesso tempo gutturale da scrostare il fondo di un pozzo con la voce.
È brutale, specifico, espressivo.
Le fugaci sovraincisioni del suo screaming non fanno che acuire la nitidezza del suo cantato. Dissacrante. Accurato. Chapeau.
Dai, una spruzzata velocissima ai brani e non vi trattengo oltre.
Once Upon The Cross: fobica e satanica (Father, why have you forsaken me?)
Christ Denied: tagliente, modulata.
When Satan Rules His World: la mia preferita, sopra ogni cosa. Da sturbo.
Kill The Christian: angosciosa, furibonda
Trick or Betrayed: inamovibile
They are The Children of the Underworld: ritmica
Behind the Light Thou Shall Rise: soffocante
To Be Dead: affilata, velenosa
Confessional Rape: drummin’s the boss!

Un risultato finale quindi che sintetizza tutti i requisiti di ciò che dovrebbe essere un album classic death.
Un prodotto di buona qualità perfetto per chi volesse iniziarsi al genere.

Rileggo la recensione. ‘Nnaggia ci son cascata anche stavolta! Mi son lasciata prendere la mano e va che pezzo ciarliero ne è venuto fuori. Sono proprio incorreggibile.
Poco male, quel che fatto è fatto.
E dato che ormai il danno c’è non mi resta che volgere un mio ultimo innamorato saluto al Glenny che con innumerevoli pene d’amor mi turbò il mio puerile animo sedotto e stregato (occhietti che sbattono).



VOTO RECENSORE
90
VOTO LETTORI
77.77 su 111 voti [ VOTA]
Aceshigh
Martedì 2 Giugno 2020, 17.36.01
67
Rimesso nel lettore oggi. Un buon album, ma anche per me due spanne sotto i precedenti. In un certo senso l’inizio di una fase poco esaltante per la band. Comunque sempre una bella mazzata! Voto 78
Bestial Invasion 98
Giovedì 22 Marzo 2018, 0.07.36
66
Bello, ma non all’altezza dei predecessori. 75 gli do
Vitadathrasher
Venerdì 19 Agosto 2016, 16.38.13
65
Tra i migliori nel suo genere, prodotto alla grande, riffoni potenti e nessun calo voto 95
enry
Mercoledì 10 Settembre 2014, 15.11.44
64
Abbadon87, per certi versi hai ragione ma per me la parola 'oggettivamente' applicata alla musica non esiste. Nei casi citati sono tutte band che ho seguito dagli esordi e per me: Deicide fino a Serpents (anche se ho preso altri dischi oltre ai primi 4), i Behemoth li preferivo da Thelema 6 in giù mentre DMDS è un capolavoro del black ma a gusto personale ci sono dischi di quel periodo che mi piacciono di più...Se parliamo di oggettivo allora inutile discutere e si dovrebbe pensarla tutti uguale, in realtà non esistono dischi che possono mettere d'accordo tutti, neanche quelli considerati dai più come capolavori della musica tutta.
Ciro il grande
Mercoledì 10 Settembre 2014, 14.15.28
63
Album grandioso, la recensione da cagare nel vero senso dela parola.
Abbadon87
Mercoledì 10 Settembre 2014, 0.10.48
62
Mi sono confuso 89/100.Preferisco Serpents.
Abbadon87
Lunedì 1 Settembre 2014, 0.37.08
61
Come è bello vedere COGLIONI che non sanno fare altro che trollare dicendo che album di merda.Se questo è un Album di merda a in torment in hell che cazzo è? Oggettivamente ottimo album ma voto leggermente alto.Voto:80 Ma poi avessero fatto delle basi solide da appoggiare leloro tesi...Scusate ma quando mi toccano i Deicide dei primi 3 album me ne vado in bestia (come succede anche con i Behemoth) oppure come succede com De mysteriis dom sathanas dei Mayhem
Brian "Dexter" Holland
Mercoledì 27 Febbraio 2013, 19.30.22
60
ah ah ah!!! grande irastrana!!! dimostri(avi) degli ottimi gusti nell'ascoltare i mitici offspring! smash pietra miliare del punk rock! /\/\ I GREEN DAY!!!
IanMorpheusm666
Lunedì 18 Febbraio 2013, 20.10.13
59
bella recensione fatta da una donna tempo fà ne avevo letta una dello stesso disco fatta da Nea Agghiastru degli Inchiuvatu disco cattivo a me e piaciuto tanto da essermi proclamato enemy of the christians
Irastrana
Giovedì 6 Dicembre 2012, 18.41.17
58
ma che commento costruttivo. uao. argomenta, di grazia: perchè sarebbe un brutto album?
Kuru
Giovedì 6 Dicembre 2012, 18.36.18
57
Recensione brutta quanto il disco.
Khaine
Lunedì 27 Agosto 2012, 14.23.15
56
L'ho ascoltato di recente, sotto al sole della mia macchina in viaggio verso Este. Roba forte. Dis...
anvil
Mercoledì 4 Luglio 2012, 18.04.42
55
Ho fatto molta fatica ad orecchiarlo ma poi mi è piaciuto voto 80
Jack
Mercoledì 4 Luglio 2012, 17.55.00
54
Gran disco.
MrFreddy
Giovedì 1 Dicembre 2011, 18.31.32
53
Avrò gusti differenti, ma trovo la recensione eccellente. Diversa dal solito, come del resto tutte quelle scritte da Irastrana, a cui porgo i miei più sentiti complimenti. Il disco... beh, il disco non l'ho ancora sentito anche se è stato consigliatomi più volte. Porrò rimedio, anche in virtù della recensione che ha solleticato la mia curiosità.
Gigi
Domenica 30 Ottobre 2011, 21.36.13
52
Glenny ti lovvo..madonna ma vatti ad ascoltare hanna montana o quelle troiate lì per dire certe cazzate
luci di ferro
Sabato 10 Settembre 2011, 19.46.02
51
basta leggere la recensione scritta in modo orrendo (basterebbe la parte iniziale per cestinare la recensione) per non parlare della parte finale - orrenda - Glenny che con innumerevoli pene d’amor mi turbò il mio puerile animo sedotto e stregato (occhietti che sbattono).
enry
Sabato 10 Settembre 2011, 19.38.22
50
Si deve addirittura vergognare...Io dico che avete perso il senso della misura, o forse non conoscete le parole che usate.
luci di ferro
Sabato 10 Settembre 2011, 19.18.54
49
recensione bruttissima e scritta malissimo VERGOGNA ilaria
evileddy
Domenica 17 Luglio 2011, 10.55.30
48
un mito.di una ignoranza totale.death metal al ciento pe' cciento!
SNEITNAM
Mercoledì 29 Giugno 2011, 19.11.20
47
Un capolavoro devastante! Per me l'ultimo grande album dei Deicide! Confessional Rape è a dir poco grandiosa! Eccezionale!
Echoes
Giovedì 23 Giugno 2011, 10.10.11
46
Glenny ti lovvo??????????????????
Enrico
Martedì 1 Marzo 2011, 20.07.39
45
Forse l'ultimo disco che veramente mi interessa dei Deicide. Non male.
Maria Ave ( Cele )
Martedì 1 Marzo 2011, 11.39.04
44
Innanzitutto se ogni volta vedo così tanti commenti, dei più disparati per altro, in una recesione scritta da Irastrana, quantomeno è sintomo che lei nel bene o nel male ha uno stile tutto suo che esce dalla banalità della normalità! E ciò non può che essere positivo! Personalmente per come la vedo io se un disco mi piace lo ascolto e se non mi piace non lo ascolto... una radio se mi piace la ascolto, se non mi piace non la ascolto.. uno scrittore di libri, mi piace il suo stile, leggo i suoi libri, altrimenti no! Di certo se non mi piace questo disco dei Decide non scrivo a Glen Benton dicendogli che il suo disco fa cagare! Vivo lo stesso serenamente, semplicemente non ascoltandolo... A mio gusto personale, le recensioni di Irastrana sono sempre piacevoli nella lettura, se non mi piacessero, farei a meno di leggerle, finita li... Bisogna anche riconoscerle che nelle sue recensioni, tra una "romanzata" e l'altra, ci mette sempre il suo parere a lato tecnico! Cosa che spesso non vedo fare da chi invece critica e basta! Anche io stesso or ora di tecnico non ho scritto un tubo e mi sono dilungato in cazzate, ma mi ascolterò bene il disco e poi ne parlerò, magari con qualche tecnicismo in più... Concludo dicendo che se io mi sentissi oltraggiato dall' incompetenza dei redattori qui, mi aprirei una mia personale redazione!
argh
Martedì 1 Marzo 2011, 11.31.19
43
ma alla fine non ho capito: Glenny lo lovvi anche o no?
Renaz
Martedì 1 Marzo 2011, 10.42.03
42
@Franky1117: stai quotando affermazioni contraddittorie, non so se te ne sei reso conto...
Franky1117
Lunedì 28 Febbraio 2011, 20.16.17
41
quoto Dan g Warrior
Renaz
Lunedì 28 Febbraio 2011, 14.36.24
40
Tutte le opere ben fatte, originali, o fuori dal coro fanno discutere tantissimo, nel bene e nel male. E questa è la riprova della bontà della recensione. Peace.
enry
Lunedì 28 Febbraio 2011, 10.03.07
39
Voto alto ma comunque un buon disco. Di gran lunga inferiore ai primi due ma sicuramente migliore di tutto quello che è stato fatto negli anni 2000. Per me un 75-78 lo strappa comodo.
Antonio
Lunedì 28 Febbraio 2011, 9.53.42
38
sono andato a spulciare un po' il database e scusate, ma è possibile che di TUTTE le recensioni scritte da irastrana non ce ne sia una, dico UNA, che non abbia polemiche, insulti, liti ecc? e poi, viste le numerose critiche, per quanto alcune possano esser fuori luogo o quant'altro, è possibile che la diretta interessata non risponda praticamente MAI, ma parli sempre e solo Giasse a suo nome? cos'è, superiorità, supponenza, paura del confronto? e poi, possibile che siano tutti stronzi gli utenti che criticano e lei intoccabile? anche perchè parlare di "prosa divina, lessico ricco" e trovarsi di fronte a frasi come "glenny nell'intimità, occhietti che sbattono, fei belliffimo" fa quantomeno sorridere....con tutto il rispetto, e sperando di non ricevere una risposta supponente corredata di qualche bel "cazzo" profondamente argomentativo qua e là, io qualche domanda inizierei a farmela...
Autumn
Domenica 27 Febbraio 2011, 23.04.40
37
Ma di imbarazzante cos'è che avrebbe questa recensione? Me lo spiegate? La prosa è divina, il registro adeguato, il lessico ricco e senza supponenza, l'analisi è accurata e ben argomentata; il tutto con una leggerezza ed una sincera spontaneità di fondo che rendono la lettura snella e piacevole: sembra ci sia un'amica di vecchia data a parlarci del disco piuttosto che un freddo recensore sparasentenze. Vedete bene che io commento poco (anzi non commento proprio) la qualità delle recensioni dei miei colleghi perciò questo mio conflitto d'interessi è tutto sommato trascurabile dai.
Dan g warrior
Domenica 27 Febbraio 2011, 22.11.05
36
il problema, più che la recensione (che è veramente imbarazzante) è spacciare per capolavori dischi di questo livello, che sono mediocri e piatti musicalmente, se si da un 90 come voto a album del genere allora ai veri capolavori che voto gli si deve dare?
Khaine
Domenica 27 Febbraio 2011, 19.19.23
35
@ ghenes: non ho la minima intenzione di discutere di queste bambinate, soprattutto in calce a una recensione (al di lá del fatto che hai tralsciato di considerare le virgolette). Fai quello che vuoi. Anche noi continueremo a fare cio che ci pare
Ghenes
Domenica 27 Febbraio 2011, 18.58.36
34
@Khaine: minacce? io non ho minacciato nessuno ne offeso nessuno. e cmq con quel "che c**** hai da minacciare" sei tu ad alzare il tono della discussione o sbaglio? se magari rileggi il mio intervento noterai parole di stima verso la vostra redazione. ma non si ripeterà più tranquillo...
Khaine
Domenica 27 Febbraio 2011, 15.07.58
33
@ ghenes: di spazi ce ne sono tanti, non veco che cazzo hai da "minacciare". Mi pare che non abbiamo mai tappato la bocca a nessuno.
hm is the law
Domenica 27 Febbraio 2011, 12.29.39
32
L'album è stato analizzato benissimo da Ilaria che ha un suo personale stile che va rispettato. Tutte queste critiche non le capisco proprio, ma fatevi un giro sul web e leggete la mondezza che scrivono molti recensori anche nei siti esteri.
Ghenes
Domenica 27 Febbraio 2011, 11.58.12
31
e chi pensava si scatenasse una discussione così accesa? ma se ognuno è libero di scrivere come gli pare ognuno è libero di dire la sua in merito no? oppure è vietato? se fosse così ditelo subito così vedrò di trovare un altro spazio per poter commentare liberamente ed esprimere il mio pensiero. non mi pare di aver offeso nessuno...
JUSTICE
Domenica 27 Febbraio 2011, 11.11.42
30
e dai però, lasciate stare irastrana! non vi piace la recensione? e ok. preferivate nn leggerla? questo non credo. e comnque a me piace, funziona, mi ha fatto venir voglia di risentire il disco. comunque parlando della musica, uno dei migliori della band, anche se non li ho mai amati come, per esempio, i cannibal corpse. voto 85
Franky1117
Domenica 27 Febbraio 2011, 2.17.45
29
quoto Electric Warrior, recensione a parer mio imbarazzante (e secondo me non perchè svilisca il valore artistico dell'opera...valore artistico... i deicide???ma va là...).questo è la mia opinione, e ovviamente con tutto il rispetto con l'autrice della recensione
Elluis
Sabato 26 Febbraio 2011, 23.31.39
28
Concordo con Dan g warrior: li ho ascoltati tanto ai tempi del debut album e di Legion e mi piacevano parecchio: questo album invece non mi era piaciuto ai tempi, ma forse riascoltato adesso sarebbe diverso. Sui Deicide ho messo una croce sopra (rovesciata, naturalmente) dopo averli visti dal vivo, uno dei concerti più brutti mai visti, a causa di un suono orribile, un pastone unico da cui fuoriuscivano solo chitarrone pesanti e il resto solo chaos (non si riconoscevano neanche i pezzi).
Nightblast
Sabato 26 Febbraio 2011, 22.50.31
27
Avevo 14 anni, ascoltavo Metal già da due...e rimasi folgorato dalla brutale poenza di questo capolavoro...Disco immenso, forse di un minimo inferiore al suo predecessore, ma comunque immenso.
Dan g warrior
Sabato 26 Febbraio 2011, 20.30.41
26
album mediocre, l'inizio della fine dei deicide, dopo 2 grandi dichi chi si aspettava sto lavoro piatto e senza idee.
valereds
Sabato 26 Febbraio 2011, 18.05.22
25
Si si godiamoci il disco e al bando le polemiche
Undercover
Sabato 26 Febbraio 2011, 17.39.52
24
@Valereds sicura di ciò che dici? Rileggi i miei commenti . Comunque si sta perdendo anche troppo tempo dietro sta cosa, godetevi "Once Upon The Cross" e via.
valereds
Sabato 26 Febbraio 2011, 17.22.25
23
@ Undercover: è una recensione diversa sicuramente ma fatta con sentimento; poi secondo me non l'hai letta nemmeno bene perché la disamina del disco c'è e parecchio fatta bene seppure tra un ricordo ed un altro.
IWANTOUT
Sabato 26 Febbraio 2011, 16.56.18
22
disco davvero inutile e scialbo
DimebagNicky
Sabato 26 Febbraio 2011, 15.59.14
21
@Giasse: grazie 1000 ma i complimenti sono per voi che vi fate un mazzo per "accontentare" noi lettori e vi beccate pure le critiche...
Giasse
Sabato 26 Febbraio 2011, 15.58.53
20
@Undercover: tua opinione incontestabile. Una battuta (da prendere per quello che è, ci mancherebbe): chissà se "Glenny" leggendo la traduzione di questa recensione si offenderebbe e/o si sentirebbe "svilito"?
Undercover
Sabato 26 Febbraio 2011, 15.55.24
19
@Giasse, sarò serioso che ti devo dire, io son d'accordo nel fare le battute, mi piacciono e se si può anche essere sboccati ogni tanto nessuno lo vieta e male non fa (quant'è salutare un vaffa, neanche la miglior medicina), sono altri i problemi nella vita, lo si faccia pure. Consentimi però di dire che un testo simile, burlesco a più riprese, svilisce anche il valore dell'opera artistica che sta trattando con dovuta conoscenza, poi questione di sensibilità e gusto personale ovvio.
Giasse
Sabato 26 Febbraio 2011, 15.45.59
18
@EW: l'ho letto molto bene e trasudava di "Ilaria ama i Deicide e dunque non è obiettiva". Se non è così mi scuso in anticipo!!!
Raven
Sabato 26 Febbraio 2011, 15.45.23
17
a me questa recensione piace parecchio, non vedo perchè appena uno esce dal gregge si deva dargli addosso invece di incoraggiare la diversità.
Giasse
Sabato 26 Febbraio 2011, 15.44.14
16
Mi permetto di specificare a VonDeathWing, per chiudere la questione, che Ilaria ha una cura maniacale nello scrivere, così come delle competenze assolute e non discutibili. Detto questo accetto volentieri le critiche se impostate come quelle di di Undercover (però dai, anche tu la metti troppo sul serioso): ovviamente a me lo stile personale di Ilaria piace. Mi piace riconoscerla alla prima riga, mi piace la "parte" che assume nella narrazione, mi piace il suo interiorizzare sempre qualunque concetto. Va beh... l'ho scelta io, direte... Vero anche questo. Dunque avanti così! @DimebagNicky: bell'intervento. Concordo.
Electric Warrior
Sabato 26 Febbraio 2011, 15.43.48
15
Ma avete letto il mio commento? Mica ho criticato Ilaria come persona! Ho solo detto che questa recensione fa schifo e che sembra un articolo più da giornaletto per ragazzine che per una seria webzine che parla di musica. Per carità, massimo rispetto per Ilaria, che mi auguro sinceramente migliori...
LAMBRUSCORE
Sabato 26 Febbraio 2011, 15.43.18
14
x chi dice che la recensione sembra scritta tipo cioè, top girl, allora quei giornalini lì, li avete letti....comunque non so, fate voi, la donna che frequento adesso (non è anziana), adora omar codazzi, ahah, per me chi si "innamora" di gente dello spettacolo, musica, ecc...è tutta allo stesso livello, conosco anche uomini comunque ,mi spiace x loro e rido di gusto!
DimebagNicky
Sabato 26 Febbraio 2011, 15.40.01
13
Bah io non condivido le critiche...questo dovrebbe essere uno spazio per dedicare dei commenti agli album o alle band...e non per criticare chi scrive... Una recensione serve secondo me più che altro per "consigliare" l'acquisto o più in generale l'ascolto di un album... In questo caso mi sembra così spontanea e convincente...proprio come se mi stesse parlando un amico... Qui si parla di musica e i recensori secondo me non sono tenuti per forza a scrivere ogni volta la divina commedia... Detto questo e parlando dei Deicide posso dire che probabilmente se non ci fossero stati loro non avremmo avuto le orde di band con gli enormi attributi che abbiamo oggi...perciò massimo rispetto. Ps: ilaria prendi come complimento il fatto che sembri una teenager...almeno ti fa "ringiovanire" xp
Khaine
Sabato 26 Febbraio 2011, 15.36.14
12
Scusate tanto, ma io non capisco proprio qual'è il problema. Uno sarà libero di scrivere come cazzo gli pare, o deve per forza adeguarsi ad uno stile?
VonDeathWing
Sabato 26 Febbraio 2011, 15.27.04
11
Ok i contenuti ci sono e si vede che il disco te lo sei macinato per bene. Ma per piacere la prossima volta abbi più cura nello scrivere perchè veramente sembra di leggere la trascrizione di un dialogo tra amici più che una recensione.
Maiden1976
Sabato 26 Febbraio 2011, 15.19.14
10
Per ogni amente del Death Metal un album che non può mancare alla propria collezione. Per quanto concerne la recensione questo tipo di scrittura non è proprio nelle mie corde..tante paroline ma poca sostanza. Ma la redazione B dove è? Vogliamo recensire le nuove uscite x favore??
Undercover
Sabato 26 Febbraio 2011, 15.16.50
9
@Valereds perdonami, io sono uno di quelli che in prima botta ha difeso l'operato di Ilaria perché mi piace come scrive, l'uso dell'italiano corretto e ben articolato però fra questa e quella dei Belphegor è ora di mettere di lato un po' il personaggio (simpatico per carità) e pensare un po' più a ciò che si sta recensendo anche per rispetto della musica di cui si sta scrivendo, si può tirare la battuta, se ne posson tirare due, tutta una recensione che sembra più un trafiletto da diario che un approccio al disco sinceramente non è bella da leggere. Non credo sia una persona impreparata al contrario, dimostra molta passione nell'esprimersi, proprio per questo lasciarsi prendere la mano non è d'aiuto.
valereds
Sabato 26 Febbraio 2011, 14.54.05
8
Vado controcorrente a me la recensione è piaciuta e molto: diversa e molto spontanea. Complimenti
tenebra occulta
Sabato 26 Febbraio 2011, 14.47.14
7
Confermo il pensiero di Electric Warrior, e ribadisco il mio, come in occasione della rece dell'ultimo Belphegor: UNA DELLE PEGGIORI RECENSIONI MAI LETTE. Sembra scritta prendendo spunto da conversazioni di teenager in età puberale, con primi pruriti sessuali, che sono il pane quotidiano di merdate tipo Cioè, Top Girl e compagnia. Sono basito.
Giasse
Sabato 26 Febbraio 2011, 14.45.10
6
Perpiacere EW, risparmiaci commenti come questi. Vorrei continuare a credere che tutti i lettori sappiano distinguere uno stile da un altro. Dì pure che la recensione di Ilaria non ti piace, ma astieniti insinuazioni gratuite (li amo pure io i Deicide, e allora?). Lasciamo un certo tipo di approccio distruttivo a chi "sbatte" su Metallized una volta ogni tanto e discutiamo di argomenti seri...
Ghenes
Sabato 26 Febbraio 2011, 14.35.57
5
...dispiace dare ragione ad Electric Warrior. spero che da questa webzine che rispetto per la qualità e per l'obiettività dei recensori non si arrivi alle recensioni da giornaletti per teenager.
Electric Warrior
Sabato 26 Febbraio 2011, 13.48.47
4
Sicuramente i 3/4 dei lettori ti faranno i complimenti perchè sei una ragazza, ma io devo ammettere che non ho mai letto una recensione più idiota e pallosa di questa. Sembrano i deliri di una 14enne. Abbiamo capito che ami i Deicide.
LAMBRUSCORE
Sabato 26 Febbraio 2011, 13.17.54
3
non c'è da stupirsi con l'inizo della recensione, la stessa cosa è capitata ad una ragazza del mio paese, che "casualmente" dopo l'ascolto non di questo album , ma del secondo dei morbid angel, è passata dai green day al death/thrash/crust/hardcore/ecc...ma specialmente tra le grinfie del sottoscritto x 6/7 anni, eheh, bei ricordi.....ah parlando del disco, di sicuro 1 dei miei preferiti di tutto il genere!!!
Undercover
Sabato 26 Febbraio 2011, 12.23.53
2
@Bloody Karma concordo con te e andando controcorrente a "Legion" preferisco il primo omonimo per non parlare di "Amon: Feasting The Beast" la reherseal del periodo Amon. Non capisco invece cosa ci sia da criticare nel basso di Glenn, nei primi quattro lavori fa quello che deve, è sghembo? va bene così, suono che alle volte sembra uno schiaffo talmente è ruvido? Non ci vedo nulla di strano, cosa doveva lisciare le corde alla Sean Malone? Bah, misteri della fede (cit).
Bloody Karma
Sabato 26 Febbraio 2011, 10.46.20
1
rimango dell'idea che il debut è Legion siano il meglio del meglio dei Deicide...ma anche questo disco ti sbrana alla grande...
INFORMAZIONI
1995
Roadrunner Records
Death
Tracklist
1. Once Upon The Cross
2. Christ Denied
3. When Satan Rules His World
4. Kill The Christian
5. Trick Or Betrayed
6. They Are The Children Of The Underworld
7. Behind The Light Thou Shall Rise
8. To Be Dead
9. Confessional Rape
Line Up
Glen Benton – voce, basso Brian Hoffman - Chitarra
Eric Hoffman – Chitarra
Steve Asheim– batteria
 
RECENSIONI
78
85
75
84
80
49
75
90
91
89
ARTICOLI
18/12/2014
Live Report
ROCK HARD FESTIVAL - CORONER + DEICIDE + BULLDOZER
Live Club 13/12/2014 Trezzo Sull'Adda
17/12/2014
Live Report
DEICIDE + SVART CROWN + SAWTHIS
Padova/Roma, 11-12/12/2014
26/01/2009
Live Report
DEICIDE + SAMAEL + VADER
Rolling Stone, Milano, 18/01/2009
08/11/2004
Articolo
DEICIDE
La biografia
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]