Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Five Finger Death Punch
F8
Demo

Conception
State Of Deception
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

03/04/20
BLAZE BAYLEY
Live in Czech

03/04/20
AUGUST BURNS RED
Guardians

03/04/20
AARA
En Ergô Einai

03/04/20
TESTAMENT
Titans of Creation

03/04/20
AD INFINITUM
Chapter I: Monarchy

03/04/20
LOVIATAR
Lightless

03/04/20
WITCHES OF DOOM
Funeral Radio

03/04/20
P.O.E. (PHILOSOPHY OF EVIL)
Of Humanity And Other Odd Things

03/04/20
MANAM
Ouroboros

03/04/20
BONFIRE
Fistful Of Fire

CONCERTI

03/04/20
TYGERS OF PAN TANG + GUESTS TBA (ANNULLATO)
SANTOMATO LIVE CLUB - PISTOIA

03/04/20
NECRODEATH (ANNULLATO)
CIRCUS CLUB - SCANDICCI (FI)

04/04/20
GUTALAX + GUESTS TBA
CIRCOLO EKIDNA - CARPI (MO)

04/04/20
FULL OF HELL + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

04/04/20
ANCIENT + NECRODEATH + GUESTS
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

04/04/20
TYGERS OF PAN TANG + GUESTS TBA
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

04/04/20
DEATHLESS LEGACY
GRINDHOUSE CLUB - PADOVA

04/04/20
IMAGO MORTIS + GUESTS
KRACH CLUB - MONASTIER (TV)

04/04/20
NECRODEATH
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

05/04/20
VAN DER GRAAF GENERATOR (POSTICIPATO)
POLITEAMA GENOVESE - GENOVA

Valerian Swing - A Sailor Lost Around The Earth
( 4894 letture )
... rimanevo solo nient'altro che un marinaio perso intorno al cuore.

Al mondo esistono degli artisti in grado di personalizzare il loro sound al punto che esso appare sfocato, di difficile catalogazione eppure premeditato in ogni suo aspetto; solitamente queste persone riescono a rendere ogni melodia ed ogni ritmo associabile ad un significato musicale specifico, che cambia col cambiare di chi ascolta; molto spesso la loro musica è profonda, ad un primo impatto antiestetica eppure, col tempo, essa cresce e si radica sempre più nella mente di chi si è trovato nella condizione di poterne usufruire. Già, usufruire, e mai verbo fu più giusto, perchè in questi casi l'utente non è un semplice ascoltatore, ma è un attore al pari di chi quella determinata musica l'ha scritta. In casi del genere la musica non è un semplice passatempo, una cosa che deve riempire un vuoto o farci rilassare: è uno strumento che ci permette di viaggiare col pensiero, di immaginare delle situazioni, insomma di interagire con un ambiente fatto di frequenze invisibili, eppure tangibili. Nel corso della mia vita raramente mi sono trovato ad ascoltare dischi del genere: recentemente ho avuto il piacere di vivere quest'esperienza grazie ai Nostrani Valerian Swing, autori del bellissimo A Sailor Lost Around The Earth. Con altrettanto piacere mi accingo a parlarvene.

A Sailor Lost Around The Earth è, formalmente, composto di dieci brani prevalentemente strumentali e, come già detto, genericamente inassociabili ad un preciso stile musicale, anche se -vado ad occhio- la band salta dal prog rock al math, passando per l'alternative, l'elettronica ed il -core tipo primi Mastodon (non è un caso che il disco sia prodotto da Matt Bayles, già presente su Remission). La caratteristica principale dell'album, dal punto di vista più tecnico, è il sapiente uso della poliritmìa, ma un ruolo importantissimo è garantito ai cambi di riff, a volte gentilmente legati tra loro, altre volte improvvisi. Coadiuvati da una produzione brillante e potente, che si riflette anche nella grande cura riposta nell'artwork e più in generale nel confezionamento fisico del CD, i Valerian Swing si propongono quindi con un album che non ha nulla, ma proprio nulla, da invidiare a quanto realizzato da band più navigate di loro.
Dr. Pengl Is There è una doccia fredda: non c'è nessuna introduzione atmosferica, nulla che permetta di entrare morbidamente nel mondo dipinto dai Valerian Swing... no, signori, ci sono dissonanze, cambi di riff, cambi di velocità, cambi di tempo: il primo impatto è disarmante, ma anche terribilmente coinvolgente, tanto coinvolgente che -una volta preso l'orecchio con la musica proposta- un solo minuto d'ascolto sarà quanto necessario per entrare profondamente in contatto con queste invisibili (ma tangibili) frequenze; l'ingresso delle voci, alla fine del brano, sarà vissuto con estrema naturalezza, perchè anch'esse sono trattate come strumenti, come parte integrante (non sovrapposta) del pezzo. Allo stesso modo le canzoni sono parte integrante (non sovrapposta) dell'album intero: l'ascolto ripetuto di A Sailor Lost Around The Earth mi ha fatto domandare più di qualche volta che senso abbia dividere il disco in dieci pezzi, se poi questi pezzi (eccetto forse A Sea In Your Divine Fast e The Decent Man) non hanno una precisissima identità distintiva, melodica o ritmica; alla fine ho capito solo che ciascun brano racconta una parte della storia, e che l'album è stato probabilmente pensato per essere ascoltato tutto d'un fiato.

E' forse per questi motivi che tra i dieci brani proposti non ce n'è uno che ritengo essere migliore degli altri? Non penso... perchè in realtà, anche se qui si scende nel campo della pura estetica, posso dirvi qual'è quello che mi piace di meno, ossia The Decent Man, in cui la componente elettronica è un po' troppo forte per i miei gusti. Eppure questa omogeneità credo che giochi a vantaggio dei Valerian Swing, che ai miei occhi sono una band completa, matura e pronta per farsi meritatamente applaudire da chi la musica l'ascolta con lo stesso rispetto con cui un appassionato d'arte ammira una statua o un quadro. Al mondo esistono infatti delle persone che, nell'ascoltare musica, non si accontentano di assorbirne il contenuto passivamente, avvertendo piuttosto il bisogno di sentire le sfumature di ogni nota, la sincronìa degli strumenti, l'intersecarsi delle armonie. Che voi siate o meno tra queste persone, non posso che consigliarvi di far vostro A Sailor Lost Around The Earth: anche se l'ascolto per qualcuno potrà essere difficile, sappiate che ne sarà valsa la pena.



VOTO RECENSORE
93
VOTO LETTORI
56.75 su 37 voti [ VOTA]
Livido
Venerdì 9 Novembre 2012, 19.34.59
13
EPICI !
Raskol\\\'nikov
Giovedì 30 Agosto 2012, 18.37.07
12
Sinceramente lo definirei un Post-Rock deboluccio che prova a seguire i Sigur Rós o dei Mogwai (almeno nelle tracce "It Shines", "A Sea In Your Divine Fast"). Il disco scorre via al primo ascolto senza lasciare molto. Gli ascolti successivi fanno subentrare una noia opprimente. Molto mestiere, quello si, nel cercare di mettere insieme tutto il repertorio (bend, power chord, noise, ...) con delle riflesive orchestrazioni che danno il tempo di rendersi conto che nell'album non c'è praticamente niente da ascoltare. Neh, sono italiani, diamogli un 5 per l'impegno... il resto è caos messo insieme con molto mestiere e accademia. Madai, siamo buoni, 5+.
Custer
Domenica 6 Marzo 2011, 17.17.25
11
SPACCANO IL CULO DI BRUTTO !!!!!!!
kaiser soze
Giovedì 3 Marzo 2011, 19.19.12
10
Sul sito di Magic Bullet Records c'è in streaming il primo pezzo del disco!
Khaine
Giovedì 3 Marzo 2011, 13.40.46
9
@ Muzak: ch'io sappia purtroppo no
Muzak
Giovedì 3 Marzo 2011, 13.07.43
8
recensione interessante... ma c'è un modoper poterli ascoltare???sul tubo ho tovato solo video di bassa qualità e sul myspace non c'è la musica!!!
Electric Warrior
Mercoledì 2 Marzo 2011, 14.06.25
7
Khaine è una garanzia. Ottima recensione, hai convinto anche me
Lizard
Mercoledì 2 Marzo 2011, 13.06.33
6
Ok Khaine, mi hai convinto... Un ascolto voglio proprio dedicarglielo!!
Zarathustra
Mercoledì 2 Marzo 2011, 12.22.51
5
Band e disco spettacolari. Consigliatissimi.
Radamanthis
Martedì 1 Marzo 2011, 23.52.58
4
Non li conosco, ma dopo una rece del genere e un voto del genere meritano almeno un'ascoltata per farmi un'idea di ciò che propongono!
Flag Of Hate
Martedì 1 Marzo 2011, 23.00.39
3
Mah, dalla recensione sembra la classica band da onanismo strumentale, di quelle che giocano tutto sulla tecnica, sul creare brani contorti e non immediati, ma fredde come una palla di neve nelle mutande. Dirò di più dopo averlo ascoltato, può darsi che mi sbagli
tribal axis
Martedì 1 Marzo 2011, 22.50.32
2
recensione bomba! l'introduzione esprime un concetto che condivido appieno e che non avevo letto da nessuna parte espresso così bene! complimenti! il disco mi intrippa a manetta, sono ansioso di sentirlo.
Gioraiz
Martedì 1 Marzo 2011, 20.18.32
1
Li vidi qualche tempo fa con gli Zu a Torino...dal vivo sono spaventosi!! Curiosissimo di sentire il nuovo disco.. Ma c'è qualcosa in streaming da qualche parte?
INFORMAZIONI
2011
Magic Bullet Records
Inclassificabile
Tracklist
01 Dr. Pengl Is There
02 Le Roi Cremeux
03 A Sea In Your Divine Fast
04 Since Last Century
05 The Decent Man
06 Pleng
07 Hypnagogic Hallucination? Sound In The Void
08 How Far?
09 Nothing But A Sailor Lost Around The Heart
10 It Shines
Line Up
Stefano Villani - voce, chitarra, elettronica
Alan Ferioli - basso, tastiera
David Ferretti - Batteria

Musicisti ospiti:
Gianluca Petrella - trombone su 'Dr Pengl Is There' e 'It Shines'
Esther Shin/Seth Warren - strings su 'Le Roi Cremeux', ' A Sea In Your Divine Fast', 'It Shines'
 
RECENSIONI
ARTICOLI
28/05/2011
Intervista
VALERIAN SWING
Marinai pers'intorn'al cuore...
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]