Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Kansas
The Absence of Presence
Demo

Northern Crown
In a Pallid Shadow
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

15/08/20
PROSANCTUS INFERI
Hypnotic Blood Art

19/08/20
SILVER KNIFE
Unyielding / Unseeing

20/08/20
TIM BOWNESS
Late Night Laments

21/08/20
EXPANDER
Neuropunk Boostergang

21/08/20
VISION DIVINE
9 Degrees West to the Moon (ristampa)

21/08/20
BLUES PILLS
Holy Moly!

21/08/20
THE TANGENT
Auto Reconnaissance

21/08/20
UNLEASH THE ARCHERS
Abyss

21/08/20
VORACIOUS SCOURGE
In Death

21/08/20
REASONS BEHIND
Project - M.I.S.T.

CONCERTI

19/08/20
PALAYE ROYALE
CIRCOLO MAGNOLIA - SEGRATE (MI)

26/08/20
GRAHAM BONNET & ALCATRAZZ + GIRLSCHOOL + ASOMVEL
FESTA BIKERS - COLOGNO AL SERIO (BG)

27/08/20
WOLFMOTHER + HARDCORE SUPERSTAR (SOSPESO)
PIAZZA DUOMO - PRATO

04/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA (SALA SINOPOLI) - ROMA

05/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
2DAYS PROG - VERUNO (NO)

06/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
POLITEAMA GENOVESE - GENOVA

10/09/20
THE HOLLYWOOD VAMPIRES
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

11/09/20
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

12/09/20
DOMINE + AEHTER VOID + CHAOS FACTORY
DAGDA LIVE CLUB - RETORBIDO (PV)

12/09/20
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
TRAFFIC CLUB - ROMA

Vicious Rumors - Razorback Killers
( 3189 letture )
Annunciati da una copertina che rappresenta una specie di pianeta a forma di stella ninja infuocata, prossima ad impattare la Terra come nella più rassicurante delle previsioni Maya, i Vicious Rumors del chitarrista e songwriter americano Geoff Thorpe, coronano con questo Razorback Killers una carriera che li vede sulle scene, con gli immancabili aggiustamenti di formazione, sin dal lontano 1979. Avevo sei anni, io. Dopo aver condiviso il palco con Metallica, Exodus, Motley Crue e Megadeth, la band costituisce un esempio, piuttosto ricorrente di questi tempi, di metal-act anagraficamente datato che, senza aver raggiunto il successo commerciale dei nomi appena citati, intende ribadire il proprio stato di salute e la capacità di rimanere musicalmente al passo con i tempi. Quattordicesimo disco in studio di questi alfieri del “US Metal”, Razorback Killers (specie di cinghiale introdotta in America nel sedicesimo secolo, a proposito) è un esempio interessante di diario artistico e professionale, summa di gusti ed influenze stratificate e reciprocamente intrise, di citazioni rispettose e sfrontati rimandi, forte di una produzione professionale e moderna che rappresenta l'ideale rete paracadute per queste dieci tracce di -onesto- equilibrismo musicale.

L’infuocata opener Murderball ricorda i Judas Priest di Painkiller, con meno tecnica: il bridge è alla moda e quasi growl, il ritornello lambisce coordinate melodiche tra Iron Maiden e metal di stampo più moderno (finiture di doppia cassa e voci effettate strizzano l'occhio con malizia), alla Bloodbound per capirci; a sorpresa, il mix risulta ben riuscito e per nulla forzato, la musica scorre fluida e convincente (il gusto per la contaminazione è sublimato dall’assolo della guest Eric Peterson dei Testament), e accresce la curiosità per quanto ci riserveranno i brani a seguire. Black parte lenta ed ottantiana, con certe atmosfere più da vinile che non da CD: monumentale nelle premesse, per un incidere pachidermico nella struttura ed allo stesso tempo esile nelle sfumature, si presenta come un racconto epico, per il quale potremmo scomodare i Manowar. Nonostante la canzone tenda ad adagiarsi su un bridge poco musicale, quasi scolastico ed autoreferenziale, sono evidenti le influenze musicali della band, il rispetto che li fa trattenere dalla pura emulazione e lo sforzo per rielaborare un mix di sufficiente attualità. E' chiaro che i Vicious Rumors propongono un metal moderno dalle influenze classiche, una specie di heavy per le nuove generazioni, contemporaneo nei suoni ma colto ed ostinatamente radicato nelle citazioni, nei riferimenti e nel gusto. C’è voglia di profondità, e quasi un senso di sfida nei confronti dell’ascoltatore, incoraggiato a non farsi sedurre dalle sirene del ritornello immediato, nè della struttura più commercialmente diretta. Razorback Blade prelude ad un'alternanza di velocità tra le canzoni con un approccio tiratissimo, di concentrazione propriamente metal, quadrata come una Unforgiving Blade degli Hammerfall, ma a velocità doppia. Apprezzabili l’intrecciarsi delle chitarre di Thorpe e Morgan, e la metrica rafforzata nei punti giusti dalla potenza viscerale della doppia voce. Coinvolgente senza essere musicale, il brano è una bella ed ingenua espressione di potenza musicale, stringata come un biglietto da visita e corta come deve essere un Vulgar Display of Power di questo tipo. Blood Stained Sunday dipinge sulle note iniziali un cielo grigio e minaccioso, sotto il quale prende forma un altro episodio a cavallo tra trash e metal-for-the-masses, con un rimbalzare tra le epoche che finisce col confondere. Continuamente a cavallo tra le epoche, in una specie di Ritorno Al Futuro del metal, i Vicious Rumors rischiano di
perdersi in una sorta di limbo, nel quale gli appetiti per il retrometal e l'heavy del ventunesimo secolo vengono timidamente solleticati, piuttosto che soddisfatti. Il gioco dei rimandi, eseguito con indubbia perizia, si rivela fresco ed originale ma solo durante i primi ascolti, costituendo un elemento apprezzabile fino a quando non si avverte la volontà di legare tra loro le varie costruzioni, alla ricerca di un filo logico.
Pearl Of Wisdom permette alla sua struttura dilatata di ospitare echi e melodie malinconiche, prova provata di un gusto e di una sensibilità che la band potrebbe esprimere con maggior convinzione. Un bel chorus, che immagino esaltato da un'esecuzione acustica, viene continuamente punzecchiato da chitarre incalzanti e piacevolmente indisciplinate, che proprio non ne vogliono sapere di lasciare il campo alla ballad: e così, scongiurato il rischio della canzone sdolcinata di metà tracklist, la canzone riesce a mantenersi intrigante, geometrica e giovanilmente sexy. Nel finale c’è anche il tempo per un’inaspettata deriva strumentale a velocità sostenuta, per mantenere quel tanto di ripetibile imprevedibilità e dinamismo che contraddistingue l’intera proposta musicale di questi Vicious. All I Want Is You è la classica metal-love-song, potente e melodica al tempo stesso, foriera nel giro di pochi secondi di istinti oscuri nel bridge e frasi amorevoli ai limiti della banalità (together we are free, there’s no limit, you’re the one) nel faticoso dipanarsi del chorus. Axe To Grind è di nuovo fast-and-furious, diretta e sbrigativa, quasi grezza, di una ruvidezza che mi ricorda l’approccio sfrontato di certe band scandinave dei primi anni novanta, vedi la seminale No Command degli immortali Stone. Let The Garden Burn è perfetta per il contesto live, o per la guida nel traffico cittadino, anthemica ed aggregante, con le mani al cielo (o fuori dal finestrino) ad incontrarsi al ritmo di “Headbangers Everywhere”: mid-tempo sconclusionato ma divertente (chi ha detto Manowar?), è una canzone che al di là del merito artistico sa creare un momento, un’atmosfera, un accenno di calore senza particolari artifici, colto nella sua ruspante e chiodata attitudine. Deal With The Devil, evocativa come le luci dell’alba nelle note iniziali, è sotto sotto un mid-tempo sempre più annacquato e meno comunicativo nello svolgimento eccessivo. Rite Of Devastation è infine la riconferma delle tante anime che convivono in questo Bignami del metal, a cavallo tra trash, Maiden-classic e derive più tecnologiche.

Come tutte le operazioni di taglia ed incolla e, per di più, con l’aggravante di essere un esperimento a suo modo ben riuscito, considerare Razorback Killers una proposta spontanea e genuina è un atto di fede, la libera scelta dell'ascoltatore di allontanare il sospetto che il CD sia stato costruito a tavolino, per accontentare i vecchi fan e convincerne dei nuovi. Le diverse influenze continuamente smussate in modo da garantirne la pacifica coesistenza, non danno origine al pezzo di facile presa, al singolo, alla canzone che ti conquista da subito. Colto nel gioco dei rimandi, prevedibile nel continuo ed alternato cambio di tempo, perennemente in bilico, l’album ha comunque il merito di farsi ascoltare volentieri lungo tutto il corso della sua durata. Dardo finemente cesellato, ma spuntato, costituisce la buona prova di una band serenamente alle prese col processo fisiologico ed incolpevole dell'invecchiamento: rimane però il dubbio che un percorso musicale più mirato, meno aperto alle contaminazioni, avrebbe attirato meno fan, finendo però con l'accontentarli di più.



VOTO RECENSORE
73
VOTO LETTORI
53.60 su 28 voti [ VOTA]
Electric Warrior
Venerdì 1 Aprile 2011, 16.44.31
14
Gran bel disco. Non è un capolavoro, ma chi dai Vicious si aspetta i Vicious, non rimarrà deluso. Il materiale è veramente ottimissimo, ogni song ha la sua propria linfa vitale, non c'è la fastidiosa sensazione del già sentito. Un pezzo come Axe To Grind spazzerebbe via Artillery odierni e band thrash affini.
Electric Warrior
Mercoledì 9 Marzo 2011, 14.04.34
13
Vero, Razorback Blade è una canzone devastante!
Vittorio
Mercoledì 9 Marzo 2011, 0.02.12
12
Googlate Razorback Blade in streaming : godimento puro !!!
Flag Of Hate
Martedì 8 Marzo 2011, 19.59.22
11
Pardonnez moi
Zarathustra
Martedì 8 Marzo 2011, 19.55.59
10
@Flag of Hate: non parliamo di Burzum qua
Flag Of Hate
Martedì 8 Marzo 2011, 19.53.46
9
@war: ma è ovvio: i Vicious Rumors hanno sempre fatto grande musica, ma non hanno mai bruciato chiese o ucciso qualcuno. Normale che certa gente non li apprezzi, vero? D'altra parte, ognuno si sceglie gli idoli che meglio crede. PS: Complimenti per la recensione, mi procurerò il disco al più presto!
tenebra occulta
Martedì 8 Marzo 2011, 19.10.19
8
@vittorio: hey, non dimenticare i Jag Panzer che sono appena tornati con un gran disco! Questo dei Vicious non l'ho ancora ascoltato, vedo di rimediare a breve...
Undercover
Martedì 8 Marzo 2011, 15.48.27
7
Comprerò anche questo ormai con loro vado sul sicuro.
Vittorio
Martedì 8 Marzo 2011, 15.32.40
6
Assieme ai Metal Church, il miigliore gruppo US Power Metal. Lo comprerò presto. Il "pianeta a forma di stella ninja" è il loro simbolo da una vita (Welcome To The Ball, Warball, etc). E, a meno che effettivamente il testo mi smentisca, non credo che Razorback si riferisca a cinghiali....
war
Martedì 8 Marzo 2011, 15.01.39
5
"artisti che hanno fatto la storia" mi domando perchè l'abbiano fatta...comunque non ho voglia di fare una discussione su quell' ""artista"" nè sulla sua recensione, nè tanto meno qui
Electric Warrior
Martedì 8 Marzo 2011, 14.50.49
4
Gruppo sottovalutato che ha sfornato un sacco di ottimi dischi. Recensione appena sufficiente.
Zarathustra
Martedì 8 Marzo 2011, 14.40.22
3
Però magari cerchiamo (mi riferisco ovviamente al commento di war) di non offendere artisti che hanno fatto la storia.
Lizard
Martedì 8 Marzo 2011, 14.28.39
2
Purtroppo grandi dischi questi ragazzi non li hanno mai venduti, anche ai tempi d'oro del meraviglioso Carl Albert. Beh... Speriamo che questo nuovo disco dia soddisfazione a loro e a noi!!!
war
Martedì 8 Marzo 2011, 14.19.20
1
è allucinante come nella recensione dell'imbecille più a sinistra ci siano 40 e passa commenti e nessuno su quella di un gruppo che, piaccia o meno, una parte di storia dello US metal l'ha fatta eccome! questo ultimo lavoro non l'ho ascoltato, il precedente mi era piaciuto abbastanza; certo non si trattava di un nuovo digital dictator e neanche questo lo sarà, però un ascolto glielo darò volentieri
INFORMAZIONI
2011
Spv/Steamhammer
Heavy
Tracklist
01. Murderball
02. Black
03. Razorback Blade
04. Blood Stained Sunday
05. Pearl Of Wisdom
06. All I Want Is You
07. Axe To Grind
08. Let The Garden Burn
09. Rite Of Devastation
10. Deal With The Devil
Line Up
Brian Allen (Voce)
Geoff Thorpe (Chitarra)
Kiyoshi Morgan (Chitarra)
Stephen Goodwin (Basso)
Larry Howe (Batteria)
 
RECENSIONI
76
70
71
73
92
91
87
ARTICOLI
14/04/2019
Live Report
VICIOUS RUMORS + AIR RAID + MAGISTARIUM
Circus Club, Scandicci (FI), 09/04/2019
06/10/2016
Intervista
VICIOUS RUMORS
Never Back Down
07/03/2006
Intervista
VICIOUS RUMORS
Parla Geoff Thorpe
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]