Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Iamthemorning
The Bell
Demo

Break Me Down
The Pond
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/10/19
PLATEAU SIGMA
Symbols - The Sleeping Harmony of the World Below

25/10/19
DOUBLE CRUSH SYNDROME
Death To Pop

25/10/19
CREST OF DARKNESS
The God Of Flesh

25/10/19
DAWN RAY`D
Behold Sedition Plainsong

25/10/19
STEVE HACKETT
Genesis Revisited Band & Orchestra: Live at the Royal Festival Hal

25/10/19
NIGHTGLOW
Rage of a Bleedin’ Society

25/10/19
LEPROUS
Pitfalls

25/10/19
MAYHEM
Daemon

25/10/19
ENEMYNSIDE
Chaos Machine

25/10/19
DICTATED
Phobos

CONCERTI

22/10/19
CELLAR DARLING + FOREVER STILL + OCEANS
LEGEND CLUB - MILANO

23/10/19
FOLKSTONE
ORION - ROMA

23/10/19
PINO SCOTTO
MOB CLUB - PALERMO

25/10/19
MACHINE HEAD
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

25/10/19
INTER ARMA
LIGERA - MILANO

25/10/19
ARBORES AUTUMNALES FESTIVAL
GRIND HOUSE CLUB - PADOVA

25/10/19
FOLKSTONE
VIPER THEATRE - FIRENZE

25/10/19
HELLRETIC + BRVMAK
500CAFFE' - PIEDIMONTE S. GERMANO (FR)

26/10/19
DESTROYER 666 + ABIGAIL + DEAD CONGREGATION + GUESTS
MU CLUB - PARMA

26/10/19
MACHINE HEAD
HALL - PADOVA

Across The Sun - Before The Night Takes Us
( 2618 letture )
Gli Across The Sun sono una formazione statunitense, originaria di Portland nell’Oregon, in attivo dal 2004. Sinora la band ha pubblicato tre EP e si è fatta conoscere grazie a numerosi concerti tenuti in America. Dopo aver sottoscritto un contratto con la famosa label Metal Blade Records, è stato finalmente realizzato il primo full length intitolato Before The Night Takes. La proposta musicale del gruppo risulta piuttosto composita, abbracciando varie sonorità nella ricerca di strutturare le canzoni in maniera sempre diversificata. La parte principale spetta all’heavy metal contraddistinto da un riffing di chitarra impetuoso costantemente assicurato da Sam Hafer, alternato, sovente nell’ambito dello stesso brano, a momenti più rilassati resi possibili grazie alla presenza delle tastiere di Shane Murray ed al versatile vocalism di Brandon Davis, capace di modularsi egregiamente dalla melodia al growl. Il songwriting, inoltre, spazia ancora abbracciando il metalcore, assumendo talvolta anche sfumature progressive e sfiorando addirittura il death.

Tutto questo coacervo di stili ha il difetto di disorientare a lungo andare l’ascoltatore; l’impressione che ho avuto è che gli Across The Sun abbiano voluto sorprendere variegando molto la loro musica con un risultato complessivo a tratti confusionario e poco convincente. Non vi è dubbio che si intravedono potenzialità e tanta voglia di fare, doti essenziali per chi ambisce alla notorietà, tuttavia credo che in futuro questo combo debba intraprendere una precisa linea artistica da seguire al fine di evitare quella mancanza di coesione che contraddistingue Before The Night Takes. Altro problema che ho riscontrato riguarda la presenza troppo persistente del suono delle tastiere che finisce per far perdere d’intensità taluni pezzi. Alcuni momenti risultano nel complesso gradevoli, alternati, però, ad altri di inferiore qualità che fanno scadere decisamente le quotazioni complessive di questo lavoro.

La confusa Ghost Of Grandeur è un po’ la quintessenza di quanto predetto: ritornello melodioso, soffuse tastiere in sottofondo, riffing arcigno ed il solito Davis che si diletta a spaziare da uno stile ad un altro, growl compreso. Lodevoli nel complesso l’opener Tipping The Scales, dall’andamento heavy con in evidenza la voce del singer che alterna aggressività a pacatezza; la più movimentata Song For The Hopeless (ricorda un pò il genere dei finlandedsi Children Of Bodom); Seasons, in bilico tra il metal ed il progressive; Descent & Discovery, dall’andamento precipuamente metalcore; la suggestiva strumentale A Moment Of Clarity e l’incedere, a tratti cupo, della conclusiva Belay My Judgement. Meno significativi i rimanenti brani. Forse gli Across The Sun potranno trovare qualche estimatore tra gli amanti del metal cosiddetto alternativo (nel settore c’è però molto di meglio), ma non credo che verranno apprezzati da coloro che adorano l’heavy tradizionale senza troppi fronzoli ed alchimie sonore.



VOTO RECENSORE
57
VOTO LETTORI
28.72 su 18 voti [ VOTA]
Moro
Mercoledì 16 Marzo 2011, 11.32.19
1
un sacco di growl, un sacco di metalcore, un sacco di fusione fra gli stili che stanno andando per la maggiore ora in america (un po' di post-core, un po' di skram, un po di deathcore), ma in sostanza un album nebuloso. Corcordo col voto...
INFORMAZIONI
2011
Metal Blade Records
Heavy
Tracklist
01. Tipping The Scales
02. Song For The Hopeless
03. Seasons
04. Descent & Discovery
05. Ghost Of Grandeur
06. Before The Night Takes Us
07. A Moment Of Clarity
08. Blessing In Disguise
09. In The Face Of Adversity
10. Belay My Judgement
Line Up
Brandon Davis (Vocals)
Shane Murray (Keys)
Sam Hafer (Guitar)
John Malloy (Bass Guitar)
Alan Ashcraft (Drums)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]