Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Kansas
The Absence of Presence
Demo

Northern Crown
In a Pallid Shadow
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

14/08/20
NUG
Alter Ego

14/08/20
CHASTAIN
For Those Who Dare – 30th Anniversary Edition

14/08/20
INGESTED
Where Only Gods May Tread

14/08/20
ROBBY KRIEGER
The Ritual Begins at Sundown

14/08/20
WARKINGS
Revenge

14/08/20
TERRA ATLANTICA
Age Of Steam

14/08/20
HAVUKRUUNU
Uinuos Syömein Sota

14/08/20
PRIMITIVE MAN
Immersion

14/08/20
KAMELOT
I Am The Empire - Live From The 013

14/08/20
HALESTORM
Reimagined

CONCERTI

19/08/20
PALAYE ROYALE
CIRCOLO MAGNOLIA - SEGRATE (MI)

26/08/20
GRAHAM BONNET & ALCATRAZZ + GIRLSCHOOL + ASOMVEL
FESTA BIKERS - COLOGNO AL SERIO (BG)

27/08/20
WOLFMOTHER + HARDCORE SUPERSTAR (SOSPESO)
PIAZZA DUOMO - PRATO

04/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA (SALA SINOPOLI) - ROMA

05/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
2DAYS PROG - VERUNO (NO)

06/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
POLITEAMA GENOVESE - GENOVA

10/09/20
THE HOLLYWOOD VAMPIRES
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

11/09/20
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

12/09/20
DOMINE + AEHTER VOID + CHAOS FACTORY
DAGDA LIVE CLUB - RETORBIDO (PV)

12/09/20
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
TRAFFIC CLUB - ROMA

Bloodbound - Unholy Cross
( 3918 letture )
Dalla Svezia con furore…e tanta tecnica: ecco a voi i BloodBound, band power metal scandinava giunta ormai al quarto album. È la definitiva consacrazione? La risposta da parte mia è sicuramente sì: con Unholy Cross il combo svedese irrompe con prepotenza tra i “nomi grossi” della scena internazionale e promette di diventare in un futuro non così remoto uno dei punti di riferimento per l’intero movimento power, visto e considerato che i gruppi leggendari del genere quali Helloween, Gamma Ray e Blind Guardian sono ormai datati e sembrano -come è giusto che sia- aver già dato il meglio di sé, pur restando, sia chiaro, delle band clamorose. Il genere proposto è un power robusto ed abbastanza lineare arricchito da parecchi spunti epic, con atmosfere spesso cupe e davvero suggestive. Il nuovo singer, Patrik Johansson, sembra aver retto oltre ogni previsione il confronto col suo predecessore Urban Breed, sicuramente più quotato rispetto a lui; anzi, il salto di qualità della band, che aveva comunque offerto prodotti di valore anche con Breed, è da imputare principalmente proprio a Johansson. Questi riesce infatti a destreggiarsi con notevole maestria tra pezzi lenti e pezzi veloci e tra parti melodiche e parti aggressive, proponendo uno stile di canto che si pone a metà fra Apollo Papathanasio dei Firewind ed il grande Chris Boltendahl dei Grave Digger. Se poi il resto della band svolge il suo lavoro con pulizia e precisione ed i testi non sono lasciati al caso, il risultato finale non può che essere un successo.

I Bloodbound ci dimostrano subito di cosa sono capaci con Moria, traccia dai connotati assai epici caratterizzata dalla presenza continua di un coro di voci maschili che suggeriscono un’atmosfera quasi ultraterrena all’ascoltatore; la scelta delle melodie ha colto in pieno il segno, la voce è impeccabile, i riff sono coinvolgenti e la base di batteria e basso è solidissima: capolavoro. Drop The Bomb è un pezzo di power monolitico e senza tanti orpelli che arriva dritto al bersaglio, mentre The Ones We Left Behind riprende con fortuna le atmosfere inizali anche se non riesce a pareggiarne a pieno la suggestività. Reflections Of Evil sembra una canzone dei migliori Firewind soprattutto perché la somiglianza tra Johansson e Papathanasio qui è davvero tangibile, anche se lo svedese si dimostra dotato di una carica espressiva maggiore; il refrain con il coro è di quelli che non vogliono più uscire dalla testa. In For The Kill è un pezzo più aggressivo, con un buon lavoro di chitarre, mentre Together We Fight è un altro capolavoro: tornano le suggestioni di Moria (e proprio con questa si gioca il titolo di hit dell’album), però in questo caso emergono con prepotenza Pelle Åkerlind alle pelli e Anders Broman al basso che riescono a conferire un ritmo incalzante all’intera canzone. Il refrain cantato in coro si conferma ancora una volta uno dei punti forti della band ed infatti lo ritroviamo anche nella successiva The Dark Side Of Life, sicuramente inferiore ai due brani succitati ma comunque più che piacevole. E potevamo farci mancare una ballad strappalacrime? Certo che no, ecco quindi Brothers Of War, forse dal testo un po’ troppo banale ma ennesima prova delle qualità vocali di Johansson. Il livello del prodotto purtroppo scende leggermente di livello con Message From Hell e In The Dead Of Night, che non sono certo dei pezzi da buttare ma nemmeno qualcosa di egregio; qui i nostri si siedono un po’ su canoni standard ma riescono a riprendersi in chiusura con la title-track ed un altro refrain che ronza nelle orecchie.

Tirando le somme, credo di non esagerare affermando che Unholy Cross sia stata, almeno fino ad ora, la sorpresa più gradita degli ultimi mesi in ambito power. Non riesco a trovare particolari difetti all’album, se non quei due pezzi con meno mordente rispetto agli altri, che vengono però abbondantemente bilanciati da Moria e Together We Fight, due tracce che non esito a definire capolavori. Ai Bloodbound posso dire soltanto una cosa: continuate così!



VOTO RECENSORE
89
VOTO LETTORI
30.11 su 26 voti [ VOTA]
Maurizio 76
Giovedì 30 Marzo 2017, 18.34.07
8
togli moria vale 45, quindi 55
HellRider
Lunedì 15 Luglio 2013, 11.05.49
7
Quest'album è da 70, e senza Moria sarebbe da 60 o anche meno.
pafum
Martedì 19 Giugno 2012, 0.42.53
6
bel disco, ma non da 89! un 70-75, non di più! Il primo che han fatto , Nosferatu, quello si che è da 89!
Flag Of Hate
Sabato 19 Marzo 2011, 21.15.08
5
Mamma mia, che voto stratosferico! E' un dischetto ben suonato, piuttosto coinvolgente, un toccasana per un genere agonizzante, ma non da giustificare un 90! Io avrei messo un 75/100, ma sono questioni secondarie, alla fine. Condivido il succo della recensione: questi ragazzi sanno il fatto loro.
Rob
Sabato 19 Marzo 2011, 16.59.46
4
Il precedente 'Tabula Rasa' mi aveva colpito... ora devo necessariamente ascoltarlo!
Radamanthis
Sabato 19 Marzo 2011, 16.56.05
3
Questi spaccano di brutto e non solo da questo album!
babos
Sabato 19 Marzo 2011, 13.51.17
2
effettivamente io sono un po' cattivo con i voti, ma quest'album merita davvero..
Khaine
Sabato 19 Marzo 2011, 12.23.49
1
MInchia 89. Detto da te vuol dire che lo devo sentire per forza! Mo vedo quanto costa...
INFORMAZIONI
2011
AFM Records
Power
Tracklist
1. Moria
2. Drop the Bomb
3. The Ones We Left Behind
4. Reflections of Evil
5. In for the Kill
6. Together We Fight
7. The Dark Side of Life
8. Brothers of War
9. Message from Hell
10. In the Dead of Night
11. Unholy Cross
Line Up
Patrik Johansson - Lead Vocals
Tomas Olsson - Lead and rhythm guitars
Fredrik Bergh - Keyboards and backing vocals
Henrik Olsson - Rhythm guitars
Pelle Åkerlind - Drums and percussion
Anders Broman - Bass Guitar
 
RECENSIONI
55
89
77
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]