Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Psychotic Waltz
The God-Shaped Void
Demo

Ira Green
7
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/02/20
DIESPNEA
Pneuma

28/02/20
BENEATH THE MASSACRE
Fearmonger

28/02/20
LACASTA
Æternvm

28/02/20
NEAERA
Neaera

28/02/20
FLUISTERAARS
Bloem

28/02/20
GAME ZERO
W.A.R. - We Are Right

28/02/20
BLOOD AND SUN
Love & Ashes

28/02/20
SHAKRA
Mad World

28/02/20
OUTLAWS
Dixie Highway

28/02/20
ABHOMINE
Proselyte Parasite Plague

CONCERTI

22/02/20
STIGE FEST
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

22/02/20
UNEARTH + PRONG + DUST BOLT
LEGEND CLUB - MILANO

22/02/20
NANOWAR OF STEEL
LARGO VENUE - ROMA

22/02/20
OTTONE PESANTE
ZIGGY CLUB - TORINO

22/02/20
GLI ATROCI
VIDIA CLUB - CESENA (FC)

22/02/20
CRIPPLE BASTARDS + GUESTS
MK LIVE CLUB - CARPI (MO)

22/02/20
NECROFILI + BRAIDSKILL
SALA FALCONE BORSELLINO - FORMIA (LT)

22/02/20
ESSENZA + GUESTS
BARRAOTTANTAQUATTRO - NOCIGLIA (LE)

23/02/20
EXTREMA
MAGAZZINI GENERALI - MILANO

24/02/20
CROSSFAITH
LEGEND CLUB - MILANO

Malison Rouge - Malison Rouge
( 2187 letture )
Gli svedesi Malison Rouge, dopo aver sottoscritto un contratto con la label Inner Wound Recordings, esordiscono nel mercato discografico con l’omonimo album prodotto egregiamente da Mats Leven (Yngwie J. Malmsteen, Therion) e masterizzato da Micke Lind (Ronnie James Dio, Candlemass). La proposta artistica della band è inquadrabile in un heavy metal classico decisamente convenzionale, infarcito di ritornelli orecchiabili in modo sin troppo marcato e di riff estremamente lineari ed accattivanti, con riferimenti al songwriting di combo famosi quali a titolo esemplificativo Iron Maiden e Fates Warning.

La mia valutazione complessiva su questo lavoro della formazione scandinava non è assolutamente positiva, atteso che l’evidente intento perseguito è stato improntato al non voler rischiare nulla facendo permanere la musica in un’atmosfera stagnante prettamente catchy a tal punto che, a lungo andare, il disco finisce incontrovertibilmente per annoiare. Tutto ciò risulta aggravato dal fatto che si percepisce la netta sensazione che il gruppo abbia delle potenzialità rimaste, tuttavia, espresse solo in minima parte proprio perché in questo platter si è voluto puntare senza fronzoli sull’immediatezza e sulla banalità più scontata. Alcune canzoni le ho trovate tremendamente scialbe, soprattutto l’opener Friend Or Foe? e The Griever, proprio per i motivi sopra evidenziati, sebbene debbo anche ammettere che il disco cresca un po' d’intensità, diventando più interessante soprattutto nella parte finale. Le composizioni che ho apprezzato maggiormente sono My Mistakes (una dolce struggente ballata munita di un indovinato refrain ed introdotta da un soave arpeggio di chitarra su cui si dipana la melodiosa voce del cantante), The Pain You Cause e We're All Born Sinners (ambedue i pezzi sono contraddistinti da un andamento sostenuto e sufficientemente apprezzabile, muniti di un riffing convincente e di validi assoli alla sei corde assicurati da Bjoerkborg) e, infine, la conclusiva Everything Fades (brano dall’andamento marziale in cui una voce femminile fa efficacemente da controcanto al singer Zeb). Il resto del full length non evidenzia altri momenti degni di essere ricordati e, se debbo proprio essere sincero, mi ha fatto venire in mente la triste immagine di un elettroencefalogramma piatto.

Malison Rouge è un lavoro piuttosto ordinario destinato ad un’utenza per lo più adolescenziale, ma non credo proprio che sarà in grado di conquistare il cuore del metallaro abituato da anni e molto, ma molto meglio a simili sonorità. In conclusione sarò sin troppo lapalissiano ma, a prescindere dal genere proposto, la sublime arte della musica ha l’essenziale compito di saper creare intense emozioni nell’ascoltatore: se non è in grado di centrare tale fondamentale importante obbiettivo l’artista, come in questo caso, ha clamorosamente fallito. Rimandati al prossimo tentativo nella speranza che abbiano maggior voglia di azzardare uscendo dalla convenzionalità più melensa.



VOTO RECENSORE
54
VOTO LETTORI
34.51 su 27 voti [ VOTA]
hm is the law
Mercoledì 23 Marzo 2011, 8.48.05
6
@ Andrea: una certa somiglianza con i Queensryche e sottolineo somiglianza per non ingenerare discussioni inutili (è ovvio che Tate e company je danno na pista a questi) effettivamente è riscontrabile. Ciao!
Andrea
Martedì 22 Marzo 2011, 21.13.17
5
@Fabio: ovviamente i lettori hanno la propria opinione e per fortuna è libera e condivisibile...sul disco degli eden's non so spiegarti neanche queste opinioni nostre così agli estremi...tu hai espresso la tua, scrivendo comunque una buonissima recensione... @valereds: il mio paragone con i quennsryche è puramente riferito alle vocals, chitarre e strutture delle canzoni...ci mancherebbe che i malison rogue fossero i queensryche..però consentimi di dire che queste "somiglianze" sono a mio avviso fin troppo evidenti
valereds
Martedì 22 Marzo 2011, 16.51.24
4
Disco molto convenzionale paragonarli ai Queensryche è blasfemia!
hm is the law
Martedì 22 Marzo 2011, 10.53.17
3
@ Khaine: Grazie! @ Andrea: siamo qui per confrontarci il recensore esprime un suo parere senza interferenze alcuna che può essere condivisibile o meno. Sono due album piatti e noiosi io li ho trovati così ma ci sta che tu li trovi validi. Però consentimi se quello degli Eden's Curse è l'album dell'anno allora siamo messi proprio male. In ogni modo gli ho dato 58 mentre i lettori lo attestano sinora sulla sufficienza, quindi per essere l'album dell'anno mi pare proprio poco. Ciao e stay metal!
Andrea
Martedì 22 Marzo 2011, 2.40.33
2
Mi trovo a leggere oggi due recensioni tue fabio e con entrambe non mi trovo assolutamente d'accordo ehehehe la prima sugli eden's curse che dopo vari ascolti credo sia per ora il disco del 2011 (ancora l'anno è iniziato ma sarà sicuramente uno da top 5 top 3 alla fine) e adesso questa: si la musica è poco originale, ci ho sentito praticamente i queensryche con una produzione più mulita e moderna..il cantante in certi passaggi sembra uguale a Tate, sia nel timbro che nell'estensione che proprio nella struttura delle linee vocali...idem per alcuni passaggi di chitarra...però le canzoni non sono male, certo non un capolavoro ma un buonissimo album sicuramente (8 tracce sono pure poche)
Khaine
Martedì 22 Marzo 2011, 0.12.55
1
Minchia, recensione numero 200. Congrats fabs!
INFORMAZIONI
2011
Inner Wound Recordings
Heavy
Tracklist
01. Friend Or Foe?
02. The Pain You Cause
03. The Griever
04. My Mistakes
05. This Lonely Road
06. Scars
07. We're All Born Sinners
08. Everything Fades
Line Up
Zeb (Sebastian Jansson) - Vocals
Bjoerkborg (Jonatan Björkborg) - Guitars
Pete Fury (Petter Furå) - Bass Guitar
Doc (Jens Vestergren) - Drums
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]