Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Myrath
Shehili
Demo

Degraey
Reveries
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/05/19
STORMHAMMER
Seven Seals

24/05/19
DESTRAGE
The Chose One

24/05/19
VISIGOTH
Bells of Awakening (EP)

24/05/19
ODYSSEY
The Swarm

24/05/19
MARCO HIETALA
Mustan Sydämen Rovio

24/05/19
LEFUTRAY
Human Delusions

24/05/19
NOCTURNUS A.D.
Paradox

24/05/19
REVEAL
Overlord

24/05/19
SOTO
Origami

24/05/19
STORMLORD
Far

CONCERTI

23/05/19
BLACK TUSK
LIGERA - MILANO

24/05/19
SHINING (SWE) + GUESTS
Pika Future Club, Verona

24/05/19
METAL QUEEN`S FESTIVAL (day 1)
IL PEOCIO - TROFARELLO (TO)

24/05/19
STORMLORD + GUESTS
TRAFFIC CLUB - ROMA

25/05/19
NECRODEATH + GUESTS
JAILBREAK - ROMA

25/05/19
SHINING (SWE) + GUESTS
Alchemica Music Club, Bologna

25/05/19
SCUORN + GUESTS TBA
ZIGGY CLUB - TORINO

25/05/19
METAL FOR KIDS UNITED
CROSSROADS - ROMA

25/05/19
METAL QUEEN`S FESTIVAL (day 2)
IL PEOCIO - TROFARELLO (TO)

25/05/19
ELECTROCUTION + GUESTS
ROCK HEAT - AREZZO

Trollfest - Willkommen Folk Tell Drekka Fest
( 2767 letture )
Quando un gruppo dice

av mjøden vart du vis og klok, så drekka mer!!
dall'idromele ottieni la sapienza e la saggezza, quindi bevi di più!


come si può non volergli bene? Tanto più se il debutto discografico, avvenuto nel 2005, suona fresco, innovativo, originale e assolutamente divertente!

Sto parlando dei norvegesi Trollfest e dell’album Willkommen Folk Tell Drekka Fest (trad.: Benvenuto popolo alla festa alcolica, il titolo è tutto un programma…), edito da Solistitium Records. La band originaria di Oslo suona un folk metal influenzato da sonorità black con qualche reminiscenza thrash, unendo melodie tipicamente folkloristiche a urla sguaiate e cambi d’umore bruschi e improvvisi. Basta ascoltare il piacevole intro Trollfest concludersi con lo stappo di una bottiglia e il seguente urlo skål del pazzoide singer TrollMannen prima che parta la title track tra ritmi forsennati e risate isteriche. Questo (a)tipico andamento è una delle caratteristiche che hanno reso famosi i Trollfest, tanto che diviene norma ascoltare la fisarmonica su indiavolati blast-beat. La seguente Helvetes Hunden GARM (Garm, il cane infernale) è uno dei brani meglio riusciti del disco, dove il ritmo si fa più tranquillo e festaiolo ed è presente un altro elemento caratteristico dei Trollfest che troveremo anche nei seguenti cd: il verso di un animale rifatto da TrollMannen, in questo caso il UAF UAF UAF del cane Garm. In En Ytterst Heftig Sak i quattro folli bevitori spingono sull’acceleratore per poi improvvisamente staccare tutto e continuare con un arpeggio pulito e tranquillo, mentre il growl del cantante si fa più cattivo che mai, prima di riprendere a folle velocità per arrivare al traguardo di fine canzone. Quella che segue è una bellissima ballad alcolica dal titolo Sagaen Om Suttungs-Mjød (trad.: La saga dell'idromele di Suttung), ma la tregua dura poco visto che arriva presto Der Erste Krieg, epica e brutale al tempo stesso: la prima parte, precedente i fantastici riff cadenzati, ha uno spirito western, anche se ben presto la fisarmonica prima e la metallosità del restante brano dopo, spazzano via ogni immagine di speroni impolverati. Decisamente goliardico e gioioso l’inizio di Du Kom For Seint…, contraddistinta dalla strofa oscura e minacciosa a contraltare del ritornello assolutamente arioso e fresco. Quel che viene da pensare è che il songwriting di questi ragazzi non si svolge (solamente) nelle sere dopo aver ingurgitato litri di alcool, vista la mole di riff, cambi di direzione e strumenti che contornano – e che arricchiscono – i brani in maniera preziosa e mai casuale. Si va avanti tra il rozzo cantare di TrollMannen e il drumming non lineare – ma incisivo! – di TrollBank in Die Ürgammal Gebräu, mentre le due asce di PsychoTroll e Mr.Seidel non fanno altro che creare riff diretti dal marcato accento extreme metal. Offer-visa va ricordata più che altro per la sfuriata ignorantissima a metà canzone; tutt’altra musica in Der Tag Nach-hinter: dopo un inizio bagnato dalla pioggia e da un mood malinconico si prosegue con riff lenti e cupi, mettendo quindi in disparte l’anima caciarona della band, quella che probabilmente risulta essere la loro carta vincente. Come sicuramente saprete, a volte, da ubriachi, si diventa tristi. È una fregatura perché si beve per far festa, per divertirsi, per fare i cretini, ma può succedere che qualcosa va storto e si viene avvolti da un senso di tristezza che neanche vomitando si riesce a mandar via. Ecco, Der Tag Nach-hinter è come suonano i Trollfest da ubriachi-tristi. Per fortuna a far tornare il buon umore ci pensa la conclusiva …Nå Må DU Drikka Mest! (trad.: Ora devi bere più di tutti), dove i nostri, strimpellando chitarrine in taverna, bevono alla loro e alla nostra salute tra incomprensibili voci ebbre, rumori di bicchieri e cori da osteria. Come dicevo all’inizio, in che modo non si può voler bene a un gruppo come questo, così devoto al piacere alcolico e in grado di deliziare il nostro udito a suon di folk metal godereccio, grezzo, sporco ma al tempo stesso così inebriante da non averne mai abbastanza?

Il cd è particolarmente breve – 35 minuti – e godibile anche grazie a una predisposizione dei nostri al grottesco in grado inizialmente di incuriosire l’ascoltatore, che in questo modo se lo fa amico, per poi tenerselo stretto grazie a una musica esteticamente semplice e sempliciotta, ma in realtà ben studiata ed eseguita, nonostante – come a qualcuno piace sottolineare – i nostri pare “abbiano la terza media in quattro”.
Ma in fondo, pensandoci bene, i Trollfest fanno ballare, fanno pogare e fanno bere: che vogliamo di più?



VOTO RECENSORE
78
VOTO LETTORI
77.85 su 69 voti [ VOTA]
AL
Martedì 24 Luglio 2012, 16.37.22
7
sono dei grandi!!! me li sto ascoltando in questi giorni e mi vedo già al fosch fest a ballare ubriaco fradicio!!!
Celtic Warrior
Venerdì 21 Ottobre 2011, 7.48.17
6
Grandiosi , bella pure la recensione ... corno alzato !
fabriziomagno
Venerdì 21 Ottobre 2011, 1.16.38
5
@ il vichingo: sono solo gusti e dal vivo sono fantastici!
il vichingo
Mercoledì 14 Settembre 2011, 15.42.47
4
Vi prego non offendetevi e soprattutto non offendetemi se vi faccio questa domanda: ma davvero vi piaciono le canzoni di questa band? Una sera, tornato a casa ubriaco, mi sono messo ad ascoltare Helvetes Hunden.... mah.... io adoro il Folk scanzonato, stile Korpilklaani, ma questa band mah.... non so cosa dire... ditemi voi...
Feanor
Sabato 30 Aprile 2011, 23.19.11
3
Che vogliamo di più? La risposta è semplice : niente ^__^ 2 punticini in più, per conto mio =)
alzailcorno93
Sabato 26 Marzo 2011, 19.33.51
2
fabriziomagno mi trovi in totale accordo su questo cd!!!! io li adoro i trollfest!!! li ho scoperti casualmente su internet due annetti fa e da allora ogni tanto devo riascoltarmeli perchè ti mettono di buon umore!!! però, anche se non è importantissimo, il voto a mio parere è troppo basso. secondo sono unici perchè le loro canzoni non mi fanno venire in mente nessun altro gruppo se non loro, e questo secondo me è un gran merito!! probabilmente sono di parte, però secondo me il 90 ci stà tutto
Blackster
Sabato 26 Marzo 2011, 19.32.12
1
Spettacolare!
INFORMAZIONI
2005
Solistitium Records
Folk Metal
Tracklist
1. Trollfest
2. Willkommen Folk Tell Drekka Fest!!
3. Helvetes Hunden GARM
4. En Ytterst Heftig Sak
5. Sagaen Om Suttungs-Mjød
6. Der Erste Krieg
7. Du Kom For Seint...
8. Trollkamp
9. Die Ürgammal Gebräu
10. Offer-Visa
11. Der Tag Nach-Hinter
12. ...Nå Må DU Drikka Mest!
Line Up
TrollMannen (Voce, Basso)
Mr. Seidel (Chitarra)
PsychoTroll (Chitarra, Tastiera)
TrollBank (Batteria)
 
RECENSIONI
74
77
65
78
ARTICOLI
08/03/2018
Live Report
KORPIKLAANI + ARKONA + HEIDEVOLK + TROLLFEST
Magazzini Generali, Milano, 05/03/2018
24/10/2012
Intervista
TROLLFEST
Alcool, risate e grandi pesci.
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]