Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Kirk Windstein
Dream In Motion
Demo

Ira Green
7
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

28/02/20
BENEATH THE MASSACRE
Fearmonger

28/02/20
JESSE DAMON
Damons Rage

28/02/20
NEAERA
Neaera

28/02/20
FLUISTERAARS
Bloem

28/02/20
SHAFT OF STEEL
Steel Heartbeat

28/02/20
GAME ZERO
W.A.R. - We Are Right

28/02/20
AUDREY HORNE
Waiting For The Night

28/02/20
ABHOMINE
Proselyte Parasite Plague

28/02/20
LACASTA
Æternvm

28/02/20
THE NIGHT FLIGHT ORCHESTRA
Aeromantic

CONCERTI

28/02/20
EXTREMA + BULLET-PROOF + LOGICAL TERROR (POSTICIPATO)
ARCI TOM - MANTOVA

28/02/20
AIRBORN + EVILIZERS (ANNULLATO)
MADHOUSE PUB - MORNAGO (VA)

29/02/20
ALCEST + BIRDS IN ROW + KÆLAN MIKLA (POSTICIPATO)
CAMPUS INDUSTRY MUSIC - PARMA

29/02/20
RIVERSIDE (POSTICIPATO)
LEGEND CLUB - MILANO

29/02/20
MELLOWTOY + DEVOTION (ANNULLATO)
HT FACTORY - SEREGNO (MB)

29/02/20
GLI ATROCI (ANNULLATO)
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

29/02/20
EXTREMA (POSTICIPATO)
PIPPO FOODCHILLSTAGE - BOLZANO

01/03/20
RIVERSIDE (POSTICIPATO)
NEW AGE - RONCADE (TV)

01/03/20
DESTRUCTION + LEGION OF THE DAMNED + SUICIDAL ANGELS + FINAL BREATH (POSTICIPATO)
LEGEND CLUB - MILANO

03/03/20
MYRATH + ELEINE
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

Dakota - Runaway
( 2886 letture )
Un gioiello infinito dimenticato da tutti, un lavoro che ancora oggi, a parte le sonorità ovviamente un pochino superate, fa luccicare gli occhi degli appassionati di AOR: tracce da riscoprire, da tenere a mente, soprattutto una lezione per chi, dopo di loro, ha tentato di produrre capolavori con note grintose e delicate come vuole il genere; un insegnamento ai posteri. I Dakota, formati dal binomio Jerry G. Hludzik e Bill Kelly, esordiscono con l’ellepi eponimo e ottengono subito buoni riscontri, quindi il passo seguente è pubblicare questo Runaway, loro seconda, sfolgorante fatica. Compiono una scelta che si rivelerà vincente: assoldare tanti performer e turnisti di chiara fama che possano innalzare il livello, già ottimo, delle esecuzioni. Ecco il motivo della presenza dei vari Danny Seraphine, Steve Porcaro, Chris Pinnick e Richie Zito tra i tanti. Manco a dirlo, target colpito, affondato, e ascoltatori deliziati da cotanto magno impegno. La band è ancora attiva oggi, con pubblicazioni che risalgono al biennio 2003-2004, ma a detta di tutti gli operatori del settore questo è il loro masterpiece di sempre.

Dopo ben vent’anni qualche mente pia ha deciso di ristampare questo laccio di storia, rimasterizzandolo e rilanciandolo sul mercato con due bonus track. L’apertura, con tanto di track autointitolata, è esplicativa della classe cristallina racchiusa in questi solchi e dei tempi che furono: l’andamento è alla “Far From Over” dalla colonna sonora di Staying Alive, cantata da Frank Stallone (sì, proprio il fratello minore del più celebre brother nano), e rinforza i cuori, colpisce forte; strano che a quei tempi non fosse riuscita a sfondare le charts, i numeri e le atmosfere c’erano tutte. L’AOR che ne scaturisce sin dal primo momento è davvero prodigioso, tocchi di Survivor in Tonight Could Last Forever, Heroes che ammalia con la sua purezza melodica e un guitar solo eccellente, mentre Into the Night ricalca bene la formula del primo pezzo con un Bill Kelly che canta in modo magniloquente e solenne. Uno dei top dell’intero svolgimento è certamente When the Rebel Comes Home, song incalzante di grande levatura e presa, l’altro indispensabile picco è Angry Men, che parte come slow e si dipana su direttrici smaglianti e magnifiche con un chorus da empireo del rock da FM.

Un insieme di grandi qualità e di pezzi da tramandare, non è un caso che dei Dakota si parli come di un diamante perduto nei meandri del tempo che mai si ferma e che trascorre troppo velocemente. Le due bonus track addizionate in fase di riedizione, decisamente limate a livello di sound, non aggiungono molto alla formula scientifica del “benessere musicale” creato da questi yankee, ma sono decisamente piacevoli e sottolineano ancor di più l’atmosfera magica degli States negli anni ‘80. La terra promessa della melodia ricercata e assemblata con destrezza e capacità magistrali. Runaway è una formula chimica indistruttibile che, dopo tanti anni di polverosi scaffali in cantina, attende di essere amata nella sua semplice grandezza: per gli appassionati del genere, ma non solo, questo è un disco da tenere gelosamente custodito tra le pieghe del cuore. Da comprare a tutti i costi o la pensione vi coglierà improvvisamente.



VOTO RECENSORE
81
VOTO LETTORI
40.30 su 23 voti [ VOTA]
Lohr
Domenica 18 Agosto 2019, 4.45.10
6
Giù il cappello.....posso dire solo questo !! E che mi fa rabbia pensare che dischi simili siano conosciuti solo agli appassionati di genere, o di buona musica.
jaw
Venerdì 23 Febbraio 2018, 16.04.45
5
Album molto bello, e' un classico minore dell aor il lato soft di Escape dei journey, guarda caso il titolo e' simile. A me piace anche il primo che e' piu hard e appartiene a quella fascia di aor antecedente Escape, meno tecnologico e con tanti album da scoprire, uno ad esempio e' hands in the till dei Fortress
Lynyrd Skynyrd
Giovedì 8 Maggio 2014, 18.58.03
4
album semplicemente magnifico. Ha tutto quello che si può chiedere ad un grande disco di rock melodico. Meraviglioso.Grandiosi i Dakota!
-Cobray
Sabato 30 Marzo 2013, 16.31.17
3
Ascoltato oggi per la prima volta. Davvero un bell'album
mic martini
Venerdì 9 Marzo 2012, 22.09.51
2
Album stratosferico!!!Chiunque si definisca un amante dell'AOR non puo'non godere all'ascolto di questo monumentale platter..Tutta la magia,la positivita' e la freschezza degli USA anni '80 e'racchiusa qui!IMPERDIBILE!!!
Puk
Giovedì 31 Marzo 2011, 22.48.33
1
Yeahhh!!!
INFORMAZIONI
1984
Epic Records
AOR
Tracklist
1. Runaway
2. Tonight Could Last Forever
3. Heroes
4. When the Rebel Comes Home
5. Love Won't Last
6. Into the Night
7. Angry Men
8. If Only I'd Know It
9. Over and Over
10. Believin' (bonus track)
11. More Love (bonus track)
Line Up
Jerry G. Hludzik - vocals, guitars
Bill Kelly - vocals, guitars

Danny Seraphine - drums
Steve Porcaro - guitars
Chris Pinnick - guitars
Richie Zito - guitars
Paul Jackson Jr. - guitars
David Hawk Wolinski - guitars
Jeff Mitchell - Keyboards
Tony Romano - drums
Bill Champlin - backing vocals
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]