Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Evergrey
The Atlantic
Demo

BlurryCloud
Pedesis
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

01/03/19
QUEENSRYCHE
The Verdict

01/03/19
CLIMATE OF FEAR
The Onset of Eternal Darkness

01/03/19
HEAUME MORTAL
Solstices

01/03/19
CARTOGRAPHS
Wilt & Blossom

01/03/19
WHILE SHE SLEEPS
So What?

01/03/19
MARK MORTON
Anesthetic

01/03/19
IN FLAMES
I, The Mask

01/03/19
DARKWATER
Human

01/03/19
BROWBEAT
Remove the Control

01/03/19
DER WEG EINER FREIHEIT
Live In Berlin

CONCERTI

23/02/19
BUCKCHERRY + GUESTS
ROCK PLANET - PINARELLA DI CERVIA (RA)

23/02/19
...AND YOU WILL KNOW US BY THE TRAIL OF DEAD
COVO CLUB - BOLOGNA

23/02/19
UNDISPUTED ATTITUDE FESTIVAL
DEFRAG - ROMA

23/02/19
SATAN + RAM + SCREAMER
CIRCOLO ARCI MU - PARMA

23/02/19
OPERATION MINDCRIME
MEPHISTO - ALESSANDRIA

23/02/19
PROSPECTIVE
DA MONSTAS - PORTO POTENZA (MC)

23/02/19
NANOWAR OF STEEL
FUORI ORARIO - TANETO (RE)

23/02/19
FORGOTTEN TOMB + GUESTS
BOCCIODROMO - VICENZA

23/02/19
BLACK THERAPY + EVIL NEVER DIES
EVILUTION CLUB - ACERRA (NA)

23/02/19
ENUFF Z' NUFF + SISKA
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

L`Impero Delle Ombre - I Compagni Di Baal
( 5694 letture )
Qual'è il primo dei re?
- Il primo dei re è Baal, il demone tricefalo che regna sulla parte orientale dell'inferno.
Quante legioni ha al suo comando?
- Sessantasei.


Queste parole altro non sono che il segno di riconoscimento degli adepti appartenenti alla setta dei compagni di Baal, da cui la band L'Impero delle Ombre prende il nome per il concept di questo suo secondo ed affascianate lavoro sulla lunga distanza.
L'album prende spunto da un’omonima serie tv francese del 1968, la quale rilesse in chiave cinematografica un vecchio romanzo d'appendice, suddividendolo in sette episodi ben distinti - come le tracce dell'album in questione - e narrando la storia di un organizzazione criminale nata nel ventre di una setta segreta, guidata da regole impenetrabili e capeggiata da un malvagio signore. La storia si muove lungo le vicende di un giornalista, il quale viene a trovarsi sulla strada dell'organizzazione: tra inquietanti personaggi, colpi di scena ed una buia Parigi come sfondo.

Erano passati ben sette anni dalla pubblicazione del loro debut album e si erano quasi perse le speranze di dare un seguito - da parte dei fratelli Cardellino - al loro primogenito ed omonimo disco. Per il nuovo corso della band, i due fratelli hanno deciso di chiamare alle armi niente di meno che l'ex Death SS Oleg Smirnoff, capace di impreziosire e ricamare le composizioni del gruppo grazie a partiture di hammond da brividi - oltre al mellotron e al synth - avvicinandosi all'accellenza in alcuni casi, come nella travolgente Sogni Di Dominio.
Il sound della band richiama il prog rock anni 70, l'heavy doom dei primi Black Sabbath e Candlemass, le atmosfere horrorifiche proprie del dark italiano di band come Death SS, Jacula e dei lavori solisti di Antonius Rex, evocando inoltre la magia di band del rooster Black Widow come i Northwind di Masters Of Magic, e curando infine l'aspetto concettuale attraverso il cinema e la macabra visione del mondo degli horror b-movie e della letteratura di genere.
Dopo l'opener strumentale che prende il nome dell'album, parte Diogene; a mio avviso il pezzo piu' bello, sorretto dall'ispiratissima chitarra di Andrea Cardellino, che grazie ad un riff sabbatthiano da capogiro e ad un assolo davvero notevole piazzato al centro della canzone, mostra le armi migliori a disposizione de L'Impero delle Ombre, con la voce di Giovanni in grado di disegnare linee vocali in sintonia con le atmosfere create dalla musica e da un testo davvero d'impatto.
Ma è tutto il lavoro a viaggiare lungo vette qualitative molto alte, come nella successiva I Divoratori Della Notte, che prosegue il discorso stilistico della precedente traccia aumentandone l'aspetto piu' prettamente hard rock. Quest’ultima componente stilistica esplode definitivamente in Oscura Persecuzione, mentre assume connotati piu' prog in Cosmochronos e rock oriented nella malinconica Ballata Per Liliana; quest’ultima è forse la canzone meno conforme alle corde vocali di Giovanni, ma è comunque dotata di un assolo avvolgente ed evocativo, sicuramente uno dei piu' ispirati dell'album. La già menzionata Sogni Di Dominio, assieme a Diogene, rappresenta sicuramente il climax dell’intera tracklist, mentre con La Caduta Del Conte Di St.Germain, si toccano le rive del rock/doom più claustrofobico, in una crescendo esoterico che intreccia voce e sound oltre la soglia di un dolore cerebrale difficile da oltrepassare senza qualche cicatrice. La conclusiva cascata acustica di Tutti i Colori Del Buio, ci trascina verso la fine dell'album, lasciandosi dietro polvere, fumo e cenere, in una nenia abbandonata nella disperazione.
Il cuore si ferma dinanazi a queste visioni di morte e di caos organizzato, di vite strozzate e dannazioni perpetue, negli abissi di buie cripte, nella penombra di fiamme ondeggianti su candele, consumate tra i canti ritualistici di una nera messa per il signore di queste ombre maledette...

Vi lascio con le parole estrapolate dalla serie televisiva dei compagni di Baal, che chiudono Diogene e che ci aprono le porte dell'inferno:

Figli del crepuscolo, compagni di Baal, per la grazia di Baal, il primo re dell'inferno, di fronte a tutti voi miei compagni, ignoti tra gli ignoti, ma forti tra i forti, in questo inferno nel cuore delle tenebre, io dichiaro aperta, questa riunione del consiglio supremo dei maestri d'oro, per la massima gloria di Baal, nostro maestro.

Bentornati ragazzi!



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
50.35 su 39 voti [ VOTA]
lucadeth
Martedì 25 Luglio 2017, 17.29.29
16
Album ascoltabile...tastiere fantastiche...curioso per il prossimo album...
Rob Fleming
Sabato 30 Gennaio 2016, 17.15.18
15
Le atmosfere ci sono tutte. 75
piggod
Sabato 15 Settembre 2012, 16.37.23
14
Li ho scoperti solo recentemente (assieme ai Compagni di Baal) e devo dire che sono un bellissimo gruppo.
thrasher80
Lunedì 4 Aprile 2011, 21.09.34
13
ciao ragazzi!!!ho ascoltato il nuovo disco dei miei amici e devo dire che è grandioso!è un evoluzione del primo album,grandioso veramente,cmq c'è da dire che loro,insieme agli abiogenesi,malombra,presence e segno del comando tanto per fare qualche nome sono delle nuove interessanti leve del prog italiano che hanno dato nuovo lustro al genere,cmq raptus,lungi da me avercela con qualcuno anzi la camomilla la prenderei volentieri visto che soffro d'insonnia e non per colpa di qualche signorina ahahahah,no a parte gli scherzi,ti offro volentieri l'aperitivo della pace anche perchè il tuo discorso con me sfonda una porta aperta,anzi su queste cose ci si potrebbe intavolare un bel discorso,io ho voluto solo correggere il tiro visto che un pochino ero stato coinvolto,cmq giasse mi potreste realizzare un piccolo desiderio?perchè io sarò anche un thrasher ma sono cresciuto a pane e prog italiano e mi pare giusto ricordare visto che purtroppo l'italia dei reality musicali si è scordata una grande persona che non solo al prog, ma alla musica intera ha dato qualcosa ,una persona scomparsa troppo presto ben 31 anni fa per una malattia dannosa che meriterebbe l'appellativo d'artista a tutto tondo e mi piacerebbe se poteste dedicargli uno speciale,il suo nome?demetro stratos!spero che possiate realizzare e condividere questo mio piccolo desiderio,intanto un abbraccio a tutti e buon lavoro ragazzi!!
Io/Notan - Malanoctem
Lunedì 4 Aprile 2011, 16.27.01
12
Ascoltato oggi 2 volte di fila, mi ha spiazzato e tanto anche.L'esordio era più assimilabile, questo disco è molto ragionato e articolato del precedente, sicuramente una bella novità nel panorama Italiano, stantio e pachidermico.Bella la cover dei Black Sabbath.
Mattia
Domenica 3 Aprile 2011, 9.33.33
11
un almbum veramente piacevole. una delle più belle è ballata per liliana a mio avviso.
Witchcraft
Venerdì 1 Aprile 2011, 21.52.04
10
raptus qui mi sembra che siamo tutti calmi..tu hai espresso la tua opinione e thrasher80 la sua..non hai mancato di rispetto a nessuno,come non l'ha fatto lui....siamo qui anche per confrontarci,nonostante alcune volte possiamo trovarci in disappunto l'uno con l'altro..ma anche questo è il bello non credi?ho capito il tuo punto di vista,e magari alcuni album trattano davvero tematiche ai limiti del patetico,ma quello che thrasher80 voleva farti capire è che l'album tratta certi argomenti perchè è un concet basato su una serie televisiva di fine anni 60,mi pare quindi evidente che le tue ragioni,qualora fossero veritiere,dovresti farle valere col regista di quella serie,piu'che con il gruppo..
Giasse
Venerdì 1 Aprile 2011, 21.48.04
9
Ma si, raptus... non c'è bisogno di nessuna camomilla Ognuno ha dato il suo contributo, anche fuori dal contesto musicale. Tutto ok!
raptus
Venerdì 1 Aprile 2011, 21.25.50
8
1) Ho premesso nel mio commento che non commentavo il disco ne la recensione quindi il mio era volutamente OT. 2) Si che era la normalità perchè non stiamo parlando di epoca classica ma ancora più antica, hai presente il sacrificio che Dio propone ad Abramo? Ecco, per quell'epoca sacrificare animali e persone era "normale" perchè gli Dei lo richiedevano. I Greci ne han fatto pure uso, non molto comunque, basta informarsi. L'uso che ne ha fatto il cristianesimo è ignorante perchè appunto ignora la storia. 3) Bevetevi tutti un po' di camomilla, non intendevo assolutamente mancare di rispetto a nessuno, ma se non ho nemmeno commentato la recensione? Ps. Si l'ho letta ed il disco mi piace molto ma uno non può esprimere pensiero?
Witchcraft
Giovedì 31 Marzo 2011, 22.01.19
7
hai fatto benissimo..
thrasher80
Giovedì 31 Marzo 2011, 21.39.57
6
ciao ragazzi!grazie mille giasse e grazie mille witchcraft,prima di tutto ottima recensione,e sapete di solito non intervengo mai, ma mho voluto farlo per il rispetto che merita la band e soprattutto i fratelli cardellino che non hanno mai trattato di questi temi e non mi era piaciuto l'atteggiamento aggressivo e tagliente,specie di chi cade di palo in frasca non avendo rispetto neanche di chi recensisce,io che gli sono amico e non solo perchè mi hanno concesso l'onore di curargli la sinossi ho voluto precisare,un abbraccio a tutto lo staff e continuate così!
NeuRath
Giovedì 31 Marzo 2011, 21.21.43
5
@raptus: Vorrei segnalare anche un altro tuo errore, stavolta storico: il cristianesimo non ha mai negato l'esistenza degli dei pagani, ma li ha sempre trattati come demoni, per cui il "demone Baal" e il "dio Baal" sono semplicemente due modi di vedere la stessa figura, non si escludono e nessuno dei due è storicamente errato. PS: Non penso che nell'antichità classica i sacrifici umani fossero poi frequentissimi, sai?
Witchcraft
Giovedì 31 Marzo 2011, 21.03.05
4
assolutamente benvenuta..
Giasse
Giovedì 31 Marzo 2011, 20.24.10
3
Precisazione benvenuta. Album che merita!
thrasher80
Giovedì 31 Marzo 2011, 20.22.46
2
@raptus:un avviso a chi commenta,leggi il testo della recensione prima di commentare,io ho steso la sinossi dell'album che trovate sul blog del gruppo perchè ho fatto un piacere da amico a john cardellino,è un concept album dedicato ad una grande serie televisiva francese degli anni 70 reperibile in dvd,quindi non c'entrano nulla nè temi satanisti nè dei fenici(anche se baal è un dio fenicio,m non è questo il tema trattato dalla band)quindi prima di fare i maestrini leggere ed argomentarse per piacere,si eviterebbero magre figure,scusa khaine ma ho voluto precisare,perchè mi sembrava giusto
raptus
Giovedì 31 Marzo 2011, 16.12.08
1
A prescindere dal disco che per curiosità ascolterò, vorrei giudicare solo il fatto del prendere in causa sempre gli stessi temi, per giunta errati alla fonte, che non so quanto possa far bene al genere (già statico di per se). Baal non è nient'altro che il dio supremo dei Fenici, al quale si facevano sacrifici, anche umani, come a qualsiasi altro dio a quell'epoca. Cosa c'è di satanico in tutto questo? E soprattutto che senso ha cercare sempre e solo queste tematiche per questo genere? Ho capito che il religioso attrae sempre, è affascinante indubbiamente, ma non è limitativa sta cosa? Per cercare delle tematiche più affascinanti se non si ha tanto da dire basta studiarsi un po' di storia, non occorre fissarsi sempre li.
INFORMAZIONI
2011
Black Widow Records
Doom
Tracklist
1 - Compagni Di Baal (Overture)
2 - Diogene
3 - Divoratori Della Notte
4 - Ballata Per Liliana
5 - L’Oscura Persecuzione
6 - Cosmochronos
7 - Sogni Di Dominio
8 - La Caduta Del Conte Di St. Germain
9 - Tutti i Colori Del Buio
10 - Snowblind (Black Sabbath cover – only in cd edition)
Line Up
Giovanni Cardellino (vocals)
Giusy Cardellino (vocals)
Andrea Cardellino (guitars)
Oleg Smirnoff (keyboards, organ)
Fabian Oliver (bass)
Dario Petrelli (drums)
 
RECENSIONI
ARTICOLI
25/01/2014
Intervista
L`IMPERO DELLE OMBRE
Made in Italy
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]