Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

At the Gates
To Drink from the Night Itself
Demo

Below a Silent Sky
A View from Afar
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

25/05/18
SKYBORNE REVERIES
Winter Lights

25/05/18
SCIENCE OF DISORDER
Private Hell

25/05/18
SPACE ELEVATOR
Space Elevator II

25/05/18
MICAWBER
Beyond The Reach Of Flame

25/05/18
FILII NIGRANTIUM INFERNALIUM
Hóstia

25/05/18
BLEEDING THROUGH
Love Will Kill All

25/05/18
DJEVELKULT
Når Avgrunnen Åpnes

25/05/18
FORGED IN BLOOD
Forged in Blood

25/05/18
LIV SIN
Inverted - EP

25/05/18
ABHOR
Occulta ReligiO

CONCERTI

24/05/18
CIRCUS MAXIMUS + ANGEL MARTYR + NEW HORIZONS (ANNULLATO!)
EVOL - ROMA

24/05/18
ALKYMENIA
CLUB HOUSE 22 - AULLA (MC)

25/05/18
CIRCUS MAXIMUS + ANGEL MARTYR + NEW HORIZONS (ANNULLATO!)
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

25/05/18
MORTIIS + GUESTS
OFFICINE SONORE - VERCELLI

25/05/18
ALKYMENIA + ANCIENT DOME + RAWFOIL
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

25/05/18
METAL QUEEN FESTIVAL (day 1)
SALONE POLIVALENTE - STRAMBINO (TO)

25/05/18
CORAM LETHE + SYMBIOTIC + CELEPHAIS
EXENZIA - PRATO

25/05/18
THE CRUEL INTENTIONS + SPEED STROKE + LETHAL IDOLS
GRIND HOUSE CLUB - PADOVA

26/05/18
CIRCUS MAXIMUS + ANGEL MARTYR (ANNULLATO!)
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

26/05/18
MILADY METAL FEST
ARCI TOM - MANTOVA

Protest The Hero - Scurrilous
( 5462 letture )
Terzo capitolo per i canadesi Protest The Hero, chiamati qui a dare una prova di maturità, e vedere se riescono a riconfermare le potenzialità già espresse nei buonissimi album precedenti Kezia (2005), e Fortress (2008).
Iniziamo dicendo che in Scurrilous non ci sono molti stravolgimenti del sound, presentando i soliti velocissimi e tecnicissimi riffs di chitarra, creati dall'ottima coppia Millar-Hoskin, uniti a velocissime ritmiche che durante l'ascolto del disco colpiscono come una mitragliatrice. Gli unici cambiamenti rispetto ai dischi precedenti sono sicuramente da ricercarsi nella riduzione della loro verve melodica a favore di un innalzamento della velocità delle canzoni: infatti si rimane allibiti di come corrono in fretta queste tracce, tanto che talvolta sono difficili da seguire per la loro quasi eccessiva velocità.
Un altro indicatore di cambiamento si trova nelle liriche, che si fanno meno scanzonate e più serie degli album precedenti, toccando anche diversi temi di critica sociale.
Il livello qualitativo dell'album è alto: le dieci tracce dell'album non mostrano segni di debolezza, sono tutti grandi brani cottradistinti da una sana dose di adrenalina e pazzia, impreziositi da brevi e belle parti melodiche che si allacciano magnificamente alla strepitosa voce di Rody Walker, che anche in questo disco ci mostra il suo grande talento vocale (basta sentire l'opener C’est la Vie, in cui si evidenzia la sua grande versatilità vocale, passando con facilità dall'iniziale voce potente ad una delicata e seducente).
Anche se ridotte, le parti melodiche presenti sono sempre emozionanti e di buon gusto: la parte finale di Tapestry (che inizia violentemente come le altre del disco) si potrebbe definire a dir poco commovente per l'emozione trasmessa dalla band. Stesse caratteristiche in Tongue-Splitter, dove Walker raggiunge vette impressionanti con la voce.

Riprendendo la parte iniziale della recensione possiamo dire che la band canadese, con questo ottimo album, non ha certamente deluso le aspettative.
Anche perchè ci sono dei miglioramenti, sopratutto nelle parti tecniche, e sopratutto nella capacità di colpire l'ascoltatore. Non si può comunque gridare al capolavoro per via di qualche difettuccio: l'approccio immediato e frenetico delle canzoni è un pò esagerato: da una parte è apprezzabile e energizzante sentire queste canzoni piene di velocità, ma da una parte possono risultare troppo martellanti e sfuggenti. Sarebbe secondo me consigliabile qualche momento più riflessivo e calmo nelle loro canzoni per, raggiungere quell'equilibrio che sempre manca a questa band. Il risultato finale comuque è quello di un album più che buono, consigliatissimo a chi ha voglia di sentire qualcosa che dia emozioni forti.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
63.08 su 75 voti [ VOTA]
alexus priest
Domenica 13 Ottobre 2013, 15.41.44
21
mi e piaciuto tantissimo! Li trovo spaventosi. Sono semplicemente eccezionali e Hanno una tecnica mostruosa! Bravi! Molto.
RETRE
Lunedì 22 Ottobre 2012, 22.48.41
20
KEZIA Il loro primo album è devastante!!!
il vichingo
Giovedì 28 Giugno 2012, 11.24.52
19
@Simone (post 4): quindi tu definiresti Prog gli Emperor??? O.o
Flag Of Hate
Giovedì 28 Giugno 2012, 11.19.29
18
Quoto il commento 2 di Electric Warrior (con più di un anno di ritardo, complimenti a me ): ennesimo gruppo che mischia più influenze (ci sento molto i TDEP, gruppo che non apprezzo, con la tecnica dei BTBAM e altri gruppi "segoni") creando un pastone velocissimo ma inconcludente, chiassoso, senza capo nè coda, il tutto interpretato con la voce da eunuco del Walker, terribile per i miei timpani. Alla fine di cotanto sfoggio di tecnica, non rimane nulla. Bocciatissimo. PS: so che questo gruppo è molto apprezzato (chissà perchè) quindi, prima che arrivino fanboy occasionali o soliti noti a spaccar le balle, tengo a sottolineare che si tratta della mia modesta opinione.
ECODONT
Giovedì 28 Giugno 2012, 7.19.26
17
media voto dei lettori scandalosa, come fa un album del genere ad non avere nemmeno la sufficenza? no comment..................
Bruno
Mercoledì 28 Settembre 2011, 13.04.21
16
Personalmente sono rimasto un pò deluso da quest'album.. dopo aver acquistato e adorato Fortress speravo che fosse quanto meno allo stesso livello! invece l'ho trovato un gradino sotto.. anche se lo stile è pressocchè immutato e vi è come dice il recensore un aumento della velocità dei brani, quello che mi sembra mancare è una delle cose più importanti, l'ispirazione.. di conseguenza i brani non coinvolgono molto emotivamente.. in Scurrilos si sentono troppi tecnicismi e virtuosismi a mia avviso fini a se stessi e quindi non bene amalgamati con la struttura dei pezzi.. lo ascolto e penso: "cavolo che tecnica, sono bravissimi e intricati... stop", ascolto Fortress e penso: "cavolo che tecnica, sono bravissimi, intricati e la loro musica mi fa venire la pelle d'oca, che passaggi spettacolari e che stacchi memorabili, che melodie!"... insomma questo Scurrilos mi è sembrato freddo e poco ispirato.
Schaff
Mercoledì 10 Agosto 2011, 14.18.48
15
Tapping ovunque e vai con Dio.
Gouthi
Domenica 12 Giugno 2011, 19.08.09
14
Lo sto ascoltando proprio ora. Un gran bel disco, niente da dire!
ROSSMETAL65
Venerdì 8 Aprile 2011, 18.33.03
13
Questo gruppo e' semplicemente FENOMENALE,di difficile collocazione e per questo ancora piu' affascinanti.I PTH sono ora quello che i Faith no more sono stati 20 anni fa.GENIALI.
NagasH
Venerdì 1 Aprile 2011, 23.08.47
12
Prog di quà, prog di là...come se fosse un genere musicale che vive di vita propria. Ma pensate più alla musica che a seghe mentali da difensori di un qualche cosa che solo loro sanno cosa sia. Che, per inciso, ci fate anche la figura degli ignoranti 9 volte su 10. Stay Easy!
tribal axis
Venerdì 1 Aprile 2011, 21.14.02
11
@DeviKK: quoto in pieno.
DevizKK(1991)
Venerdì 1 Aprile 2011, 21.08.54
10
90!!Disco favoloso...Lasciamo perdere certi commenti che ci sono scritti..in particolare uno..è incredibile il fatto che nel 2011 esistano ancora persone cosi..
Simone
Venerdì 1 Aprile 2011, 18.51.44
9
Eh giá, l'omosessualitá é molto poco prog. Per quanto mi riguarda gli Obscura rimangono un collage di influenze altisonanti, piuttosto che un gruppo altisonante di per se. Ho sentito Omnivium, e l'ho trovato parecchio stantio.
Vigo
Venerdì 1 Aprile 2011, 17.54.11
8
Di certo sono più prog di questi frocetti...
Simone
Venerdì 1 Aprile 2011, 17.46.11
7
...death, direi. Gli Obscura mi sembrano un gran gruppo di rassegna, un mix di tutti i migliori esponenti del death metal tecnico senza peró riescire a bissarne l'intensitá. Con tutto che Cosmogenesis me lo son pure acquistato.
Vigo
Venerdì 1 Aprile 2011, 17.18.36
6
Se questo è prog Omnivium degli Obscura cosa è???
metal4ever
Venerdì 1 Aprile 2011, 16.58.41
5
Bè posso dire che si tratta di un album prevalentemente Math-Core, che tuttavia si fonde su dei tecnicismi che derivano molto dal Prog Metal.
Simone
Venerdì 1 Aprile 2011, 16.42.34
4
Cioé fatemi capire, cosa sarebbe prog? Solo Dream Theater e Pain of Salvation? Symphony X, troppo power, scartati. Opeth, troppo death, scartati. Emperor, troppo black, scartati. Textures, troppo djent, scartati. Personalmente son sempre felice quando l'aggettivo prog non denota l'adesione a canoni abusati (come quelli dei DT) ma piuttosto tratti stilistici nuovi, personali ed innovatori. Non voglio dire che i PTH siano il futuro del prog nemmeno in tal senso, ma l'affermazione di Electric Warrior mi ha lasciato abbastanza di stucco.
tribal axis
Venerdì 1 Aprile 2011, 15.44.08
3
scusa e. warrior ma non capisco il tuo ragionamento. siccome han catalogato questo come prog metal te ne tieni lontano?
Electric Warrior
Venerdì 1 Aprile 2011, 15.23.08
2
Vedendo la recensione del loro "Fortress" e leggendo come genere "Melodic Techno Death", mi terrò ben lontano da questo lavoro superficialmente catalogato come prog metal
tribal axis
Venerdì 1 Aprile 2011, 15.09.22
1
disco bellissimo: lo trovo migliore del precedente. è vero che le canzoni sono più veloci però risultano più lineari e quindi più efficaci. inoltre il cantante è migliorato parecchio: la sua performance in fortress non mi convinceva del tutto, urlava troppo da sembrarmi quasi sembrava stonato. qui canta decisamente meglio.
INFORMAZIONI
2011
Spinefarm Records
Math Core
Tracklist
1. C’est la Vie
2. Hair-Trigger
3. Tandem
4. Moonlight
5. Tapestry
6. Dunsel
7. The Reign of Unending Terror
8. Termites
9. Tongue-Splitter
10. Sex Tapes
Line Up
Rody Walker (vocals)
Tim Millar (guitar, vocals)
Luke Hoskin (guitar, vocals)
Arif Mirabdolbaghi (bass, vocals)
Moe Carlson (drums)
 
RECENSIONI
89
80
75
79
78
ARTICOLI
10/12/2014
Live Report
PROTEST THE HERO + THE SAFETY FIRE + THE CONTORTIONIST + DESTRAGE
Traffic Live, Roma (RM), 07/12/2014
28/01/2014
Live Report
PROTEST THE HERO + TESSERACT + THE SAFETY FIRE + INTERVALS
Live Forum, Assago (MI), 23/01/2014
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]