Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Enforcer
Live By Fire II
Demo

The Hirsch Effekt
Gregær
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

14/04/21
GRAVEYARD OF SOULS
Infinity Equal Zero

16/04/21
HOLDING ABSENCE
The Greatest Mistake Of My Life

16/04/21
THE OFFSPRING
Let the Bad Times Roll

16/04/21
BLACK ORCHID EMPIRE
Live in the Studio (EP)

16/04/21
ICON OF SIN (BRA)
Icon of Sin

16/04/21
TEMPLE BALLS
Pyromide

16/04/21
DISORDER ASSEMBLY
Combustion Fossil

16/04/21
CANNIBAL CORPSE
Violence Unimagined

16/04/21
THE VINTAGE CARAVAN
Monuments

16/04/21
SPECTRAL WOUND
A Diabolic Thirst

CONCERTI

16/04/21
LOUDNESS + GREY ATTACK + THOLA
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

17/04/21
AXEL RUDI PELL
DRUSO - RANICA (BG)

05/05/21
SONS OF APOLLO (ANNULLATO)
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

07/05/21
TANKARD + GAME OVER + REVERBER
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

08/05/21
TANKARD + GAME OVER + REVERBER
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

09/05/21
TANKARD + GAME OVER + REVERBER
TRAFFIC CLUB - ROMA

10/05/21
CORROSION OF CONFORMITY + SPIRIT ADRIFT
LEGEND CLUB - MILANO

11/05/21
DEATHSTARS
LARGO VENUE - ROMA

12/05/21
DEATHSTARS
LEGEND CLUB - MILANO

14/05/21
DISCHARGE + GUESTS TBA
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

Blackmore`s Night - Under a Violet Moon
( 3444 letture )
PROVACI ANCORA, RITCHIE
Non che il primo tentativo fosse da buttare, anzi: Shadow of the Moon era un disco abbastanza solido, con un evidente intento programmatico che non ledeva la piacevolezza dell'ascolto. Under a Violet Moon, però, è di più e meglio, e si va a porre con grazia come la miglior prova dell'idea-Blackmore's Night, o perlomeno della sua prima incarnazione stilistica. La fiducia nella formula proposta è totale, e viene trovato il giusto mix tra composizioni originali e melodie tradizionali, arrivando in qualche caso (l'epica Gone With the Wind) a mescolare i due elementi con ottimo gusto.

CLASSICI RINASCIMENTALI
Tra questi sedici brani c'è qualche gemma che la band porta tuttora in concerto, e altre prove ingiustamente dimenticate: la qualità media è comunque molto, molto alta per tutta l'ora di durata del disco, con ben pochi momenti di stanca che analizzeremo. Tanto per cominciare, emerge una tendenza in modo piuttosto nitido: i Blackmore's Night danno il meglio quando l'acceleratore è premuto, quando la componente folk e festaiola è talmente vicina al rock da indurre quasi in errore -non per niente proprio su questo sentiero artistico la band si dirotterà con decisione in seguito. La voce della Night, senz'altro non perfetta, mantiene una carica magica ed emotiva rara da trovare in una semidebuttante, mentre Blackmore è più direttore d'orchestra e nume tutelare che non membro attivo. C'è una cura, un amore per i dettagli e per il prodotto musicale in sé che è raro riscontrare, e spesso basta questo a rendere il complesso affascinante; ma c'è un songwriting di livello ottimo, e questo, tolti i costumi, il fascino, il nome di Blackmore, è quello che conta davvero. Dalle danze popolari (Spanish Nights) a brani più riflessivi (anche nel testo, come Fool's Gold testimonia), da momenti di euforia campestre (Past Time With Good Company) a musiche avvolgenti (Morning Star) e dolci (il duetto della Night con John Ford in Wind in the Willows), Under a Violet Moon non muta l'essenza ma l'aspetto sì, e quasi mai sbaglia un passo: potremmo dire che è una buona ballerina, che non stupisce per le figure complesse ma per un certo taglio magnetico che è in grado di imprimere alle sue mosse. L'unico difetto che ha il disco è una certa tendenza al relax, che "addormenta" alcune ballate facendo calare di botto la tensione -si pensi a Castles and Dreams o a Catherine Howard's Fate- ma ci può stare, se consideriamo che i Blackmore's Night non si rivolgono certo ad un ascoltatore smaliziato, che di folk e musica popolare sa e discetta con tranquillità, quanto piuttosto ad un convertito sulla via di Damasco, che vuole sentirsi rinascimentale senza eccessivo impegno (e che sicuramente non storcerà il naso di fronte ad una rivisitazione quantomeno discutibile di Self Portrait dei Rainbow).

TARGET LOCKED
E, essendo questo l'obiettivo, non si può dire che non sia raggiunto. Under a Violet Moon ha l'appeal giusto per far colpo su chiunque con le sue melodie, costantemente sottolineate da un lavoro strumentale raffinato e ben studiato. Pochi brani strumentali, discreti e tenui, arricchiscono il prodotto, rendendo allo stesso tempo evidente la presenza di Blackmore -proprio ciò che l'uomo in nero voleva evitare, ma tant'è- che si staglia sopra le ambizioni della moglie, prendendole per mano e nobilitandole. Vero è che la presenza del leggendario chitarrista basterebbe per riverire progetto e disco, ma quando (come in questo caso) sono le canzoni in sé a meritare non si può che applaudire Blackmore, Night e folta compagnia cantante.



VOTO RECENSORE
84
VOTO LETTORI
54.26 su 26 voti [ VOTA]
Rob Fleming
Domenica 17 Gennaio 2016, 10.20.11
6
Tanto qualsiasi cosa pubblichi Blackmore sarà mia. Però questo è a mio avviso il suo album più debole e a parte la TT, Beyond the sunset e l'interessante la versione di Self portrait c'è poco altro da salvare 70
Painkiller
Martedì 5 Aprile 2011, 15.15.03
5
LA LORO MIGLIOR PROVA, SPANISH NIGHTS STUPENDA!
Valkyria Celtica
Lunedì 4 Aprile 2011, 15.25.05
4
Un viaggio verso un tempo perduto sia attraverso un medioevo anglosassone che un rinascimento campestre.... incantevole
NeuRath
Lunedì 4 Aprile 2011, 10.39.49
3
Assolutamente il loro capolavoro! Ricordo di avere comprato il cd in vacanza ad Augsburg, per cui per me ha anche un valore affettivo!
Bloody Karma
Lunedì 4 Aprile 2011, 9.11.50
2
ripeto quanto detto in appendice a shadow of the moon, questo disco è il più vario e più maturo della band, anche se il cuore rimane al debut...cmq grande disco, poi mi son rotto le balle della band...
Feanor
Domenica 3 Aprile 2011, 21.55.20
1
Concordo in tutto e per tutto : veramente un signor disco.
INFORMAZIONI
1999
Edel Music
Folk Rock
Tracklist
1. Under a Violet Moon
2. Castles and Dreams
3. Past Time With Good Company
4. Morning Star
5. Avalon
6. Possum Goes to Prague
7. Wind in the Willows
8. Gone with the Wind
9. Beyond the Sunset
10. March the Heroes Home
11. Spanish Nights (I Remember It Well)
12. Catherine Howard's Fate
13. Fool's Gold
14. Durch den Wald zum Bach Haus
15. Now and Then
16. Self Portrait
Line Up
Ritchie Blackmore – guitars, mandolin, bass, renaissance drums, tambourine
Candice Night – vocals, pennywhistle
John Ford - vocals, bass
Miri Ben-Ari – violin
Kevin Dunne – drums
Peter Rooth – bass, drum programming
Jens Johansson – keyboards
Mark Pender - trumpet
Jason Chapman - trumpet, flugelhorn
Mr. & Mrs. Heller - hurdy gurdy
 
RECENSIONI
67
73
83
64
74
68
70
84
75
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]