Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Voivod
The Wake
Demo

Panni Sporchi
III
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/10/18
MORBID MESSIAH
Demoniac Paroxysm

23/10/18
BAD BONES
High Rollers

26/10/18
BLOODBATH
The Arrow of Satan is Drawn

26/10/18
ICARUS WITCH
Goodbye Cruel World

26/10/18
FIFTH ANGEL
The Third Secret

26/10/18
KMFDM
Live In The USSA

26/10/18
UNLEASHED
The Hunt For White Christ

26/10/18
ENGST
Flächenbrand

26/10/18
CARCHARODON
Bukkraken

26/10/18
CARCHARODON
Bukkraken

CONCERTI

22/10/18
HALESTORM
ALCATRAZ - MILANO

25/10/18
KILLING JOKE
CAMPUS INDUSTRY - PARMA

26/10/18
HOLY SHIRE + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

26/10/18
THOMAS SILVER + SMALL JACKETS
GRIND HOUSE CLUB - PADOVA

26/10/18
AEVUM + GUESTS
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

27/10/18
LIFE OF AGONY
ROCK PLANET - PINARELLA DI CERVIA (RA)

27/10/18
INFERNAL FORCES
LIVE CLUB - TREZZO SULL`ADDA (MI)

27/10/18
GLI ATROCI
SOUND CLUB - MILANO

27/10/18
AFFLUENTE + GUESTS
GRIND HOUSE CLUB - PADOVA

27/10/18
BARBARIAN + INGROWN
CSOA ANGELINA CARTELLA - REGGIO CALABRIA

Annulation - Human Creatures
( 2164 letture )
Imbarazzante. Non trovo altri aggettivi per descrivere il full length degli svizzeri Annulation.
La band ama definire il proprio stile “Annul Metal”, qualsiasi cosa significhi. Tuttavia, udite udite, a partire dal 2002 la loro musica è stata inserita nel filone del (cito testualmente) “trash/death”. Benché presumo l’intenzione fosse parlare di “thrash”, concordo appieno sulla prima accezione. Gli Annulation suonano un metal insignificante, privo di mordente, ma soprattutto banalissimo. Una chitarra distortissima, un po’ di doppio pedale, un vocione growl… e il gioco è fatto. Il problema sta nel fatto che i pezzi risultano lunghi e cadenzati come nella migliore tradizione doom, ma non sono in grado di lasciare nessuna emozione nell’ascoltatore.
Ma apriamo il booklet. Ottima impaginazione, sulla carta gli svizzeri si presentano bene. Diamo ora un’occhiata alle lyrics, ed ecco che compare la prima nota dolente: i testi sono la cosa più ingenua che mi sia capitata di leggere negli ultimi anni: un pot pourri di Fuck, War, Motherfucker e tante altre finezze degne del migliore Shakespeare … testi essenziali, sconclusionati, infantili.
La produzione raggiunge indubbiamente la sufficienza, anche se l’effettaggio della voce resta decisamente di cattivo gusto. L’esecuzione dei brani si attesta su buoni livelli, benché non sia necessario un genio per suonare simili canzoni, tanto sono piatte e impersonali. A completare felicemente il quadretto, come non citare le chitarre scordate nella maggior parte dei brani? Azzardando quindi una semplice osservazione, oserei dire che il fonico durante le registrazioni si è dimostrato incompetente quasi tanto quanto la band stessa.
L’ultimo brano, ovvero la sepulturiana Roots, resta di certo l’episodio migliore del lotto, benché faccia ciononostante sorridere in più di un frangente in quanto ad arrangiamento ed attitudine. A trovare un lato positivo, va detto comunque che i nostri amici Annulation danno l’idea di rendere molto di più dal vivo piuttosto che su disco, se non altro per la strumentazione decisamente valida.
Un po’ meno per i rutti del cantante. State lontani da questa band, è un avvertimento.



VOTO RECENSORE
40
VOTO LETTORI
16.07 su 28 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2004
Record And Play
Death
Tracklist
1. Siege of Fear
2. Fuck All
3. Human Creatures
4. Soul Get Out
5. Confused
6. Crow Song
7. Murderer
8. Radical Shit
9. Roots (Live) [Sepultura cover - Bonus Track]
Line Up
Domi Weber – Vocals, Guitar, Berimbau
Tin Rotlisberger – Guitar, Backvocals
Reto D’Amelio – Bass
Simi Ruegger – Drums, Backvocals
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]