Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Accept
Too Mean to Die
Demo

Profanity (GER)
Fragments Of Solace
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

25/02/21
VEKTOR / CRYPTOSIS
Transmissions of Chaos

25/02/21
ABSTRAKT
Uncreation

26/02/21
BONFIRE
Roots

26/02/21
TIMELOST
Gushing Interest

26/02/21
AMON ACID
Paradigm Shift

26/02/21
XEPER
Ad Numen Satanae

26/02/21
EPICA
Omega

26/02/21
JOURS PALES
Eclosion

26/02/21
EARTHSHINE
My Bones Shall Rest Upon the Mountain

26/02/21
FORHIST
Forhist

CONCERTI

26/02/21
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

27/02/21
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
TRAFFIC CLUB - ROMA

28/02/21
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

13/03/21
MICHALE GRAVES + NIM VIND
LEGEND CLUB - MILANO

14/03/21
MARK LANEGAN BAND
TEATRO MANZONI - BOLOGNA

18/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
DEMODE CLUB - MODUGNO (BA)

19/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

20/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

23/03/21
THE SISTERS OF MERCY
ORION - ROMA

23/03/21
SWANS + NORMAN WESTBERG
ALCATRAZ - MILANO

Havok - Time Is Up
( 6840 letture )
Gli Havok sono una thrash metal band proveniente da Denver in Colorado formatasi nel 2004. Due anni fa il gruppo ha sorpreso positivamente gli appassionati del genere con il debut album Burn e, per tale motivo, era attesa la nuova release, intitolata Time Is Up, in particolare per verificare eventuali auspicabili miglioramenti. Ebbene vi tolgo subito la curiosità: gli Havok hanno sostanzialmente centrato l’obiettivo soddisfacendo in larga parte le aspettative. La musica di questo full length, ben prodotto dal noto chitarrista James Murphy, sta piacevolmente martoriando le mie povere orecchie da svariati giorni e devo ammettere che, sebbene sia un prodotto sin troppo convenzionale, risulta ben strutturato e superiore qualitativamente al già apprezzabile predecessore. Il livello tecnico delle composizioni è, infatti, adeguato e non sono riscontrabili, nemmeno a cercarli con il lanternino, cali di intensità nelle dieci coese tracce che compongono il disco, tutte caratterizzate da un piglio aggressivo. Il songwriting propinato dalla formazione statunitense si ispira nettamente allo stile dei conterranei Exodus e Testament (in alcuni frangenti mi hanno ricordato i teutonici Destruction).

Circa quarantadue minuti di puro thrash old style infarcito di riffing incalzanti e assoli di chitarra al fulmicotone prodotti dalla premiata ditta David Sanchez/Reece Scruggs paragonabili ad autentiche mazzate tra i denti; il drumming preciso e martellante assicurato magistralmente da Pete Webber con un ottimo uso della doppia cassa, il vocalism tagliente ed abrasivo di Sanchez, il basso a tratti grooveggiante di Jesse De Los Santos e i piacevoli cori del duo De Los Santos/Scruggs completano il quadro d’insieme: sono questi, di fatto, gli ingredienti essenziali della musica degli Havok, una vera e propria macchina da guerra oliata alla perfezione che assicura quell’adeguata devastazione sonora tanto bramata dal thrasher doc. Non cercate, però, innovazioni di alcun tipo perché siamo al cospetto di un platter pregno di genuino thrash al 100%; tale aspetto può essere da taluni considerato un pregio, ritengo, però, che tanta indefessa ortodossia possa tediare a lungo andare la fascia di ascoltatori più adusi a soluzioni sperimentali che caratterizzano il nuovo movimento thrash (Lamb Of God , Chimaira e così via). Le song, come detto, sono compatte, senza picchi qualitativi particolarmente premianti, ma adeguatamente apprezzabili; quelle che preferisco sono l’opener Prepare For Attack -munita di una serie di riff da sballo e di un eccellente drumming-, No Amnesty -nella quale l’influenza dello stile chitarristico di Gary Holt appare sin troppo palese-, Covering Fire e Scumbag In Disguise -tipici pezzi dalla ritmica veloce che scatenerà headbanging e pogo biblico-, Killing Tendencies e The Cleric -entrambe meno tirate (per modo di dire), ma parimenti interessanti- e la title track -ancora sugli scudi il lavoro alle pelli di Webber ed ancora riff assassini a profusione.

In definitiva Time Is Up è un disco monolitico, scevro di melodia, molto ancorato al passato che potrà, comunque, trovare estimatori sia tra la vecchia guardia che tra gli utenti più giovani.



VOTO RECENSORE
79
VOTO LETTORI
71.77 su 63 voti [ VOTA]
Doom
Giovedì 27 Aprile 2017, 15.10.28
20
Qui ancora mi piacevano...certo niente di esaltante, ma gradevole. Gia dal successivo qualcosa ha cominciato a non quadrarmi. Per arrivare all'ultimo che mi ha davvero deluso...due palle clamorose. Peccato.
ElManjo
Martedì 6 Dicembre 2016, 9.05.17
19
Album fantastico, thrash allo stato puro. Un 80 se lo merita tutto come minimo, forse anche qualcosa in più
gianmetal
Venerdì 29 Luglio 2016, 11.50.47
18
puro e sacro thrash,grandiosii
teskio
Giovedì 21 Luglio 2016, 21.23.18
17
e tanto tempo chenn ascoltavo un album di puro trash bravi havok
Forest of illusion
Martedì 20 Ottobre 2015, 17.41.38
16
Nei commenti tutti osannano questo album, ma di fatto il voto dei lettori è 58.35! Io come minimo darei un bel 90 su 100 a questo capolavoro del thrash moderno ( ispirato ai Megadeth in qualche modo).
AL
Lunedì 29 Luglio 2013, 10.04.06
15
album molto buono. DOA l'avrò ascoltata 10 volte! la voce non finisce proprio di convincermi ma per il resto buon thrash
Dioporco98
Giovedì 9 Maggio 2013, 23.20.23
14
Non male gli havok veramente, ho scaricsto time is up e devo dire niente male . Si sente molto l'influenza degli slayer in questo album: ottimi riffs, drumming eccezionale pero la cosa che mi dispiace è la batteria triggerata che mi da quel senso di falso , il resto è molto buono
Unia
Mercoledì 17 Ottobre 2012, 20.54.41
13
Molto, molto, molto buoni! Mi piacciono parecchio: è pure thrash. Anche Burn non è malvagio! Grazie per la recens, Hm!
eddie
Domenica 3 Giugno 2012, 3.38.01
12
visti gli havok live di supporto ai fear factory...sono niente male...non li conoscevo,ma hanno regalato una bella prestazione dal vivo...album da ascoltare assolutamente...
The Thrasher
Martedì 17 Gennaio 2012, 22.49.18
11
Fighi questi havok, niente male!
leonardo
Sabato 4 Giugno 2011, 21.54.17
10
una maciata di megadeth , un pizzico di slayer : ecco l' efficace ricetta!!
hm is the law
Sabato 7 Maggio 2011, 23.40.21
9
@ Edo: i recensori sno diversi
Mika
Sabato 7 Maggio 2011, 22.02.57
8
bello bello bello...
Edo
Sabato 7 Maggio 2011, 16.46.54
7
dico solo na cosa,date 79 a sto cd che è bellino e 70 al buonissimo album degli Hate eternal...boh.
jeffwaters
Sabato 7 Maggio 2011, 11.02.30
6
Nice album
Il cardinale
Venerdì 6 Maggio 2011, 19.59.58
5
DURO E PURO TRASH OLD STYLE. OTTIMO ALBUM
ubik
Venerdì 6 Maggio 2011, 13.02.20
4
Ottimo disco! e bella recensione
hm is the law
Venerdì 6 Maggio 2011, 12.08.58
3
@ Edo: già è proprio così, devono evolvere se vogliono sfondare perchè i musicisti hanno veramente ottime qualità tecniche
Edo
Venerdì 6 Maggio 2011, 7.50.00
2
Hanno una buona tecnica e una capacità di song writing superiore alla media però rendiamoci conto che sono degli ipercloni di band degli anni 80,se non si staccano dal solito sound di mille altre band,a mio modo di vedere non faranno mai un buon cd
Hangar1893
Giovedì 5 Maggio 2011, 22.55.08
1
Questi ragazzi mi piacciono tantisimo, e questo disco è stupendo.
INFORMAZIONI
2011
Candlelight Records
Thrash
Tracklist
1. Prepare For Attack
2. Fatal Intervention
3. No Amnesty
4. D.O.A.
5. Covering Fire
6. Killing Tendencies
7. Scumbag In Disguise
8. The Cleric
9. Out Of My Way
10. Time Is Up
Line Up
David Sanchez - vocals, rhythm guitar
Reece Scruggs - lead guitar, backing vocals
Jesse De Los Santos - bass, backing vocals
Pete Webber - drums
 
RECENSIONI
68
75
79
85
ARTICOLI
10/06/2013
Live Report
SUFFOCATION + CEPHALIC CARNAGE + HAVOK + FALLUJAH + altri
Il Blogos, Casalecchio di Reno (BO), 05/06/2013
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]