Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Iamthemorning
The Bell
Demo

Break Me Down
The Pond
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/10/19
PLATEAU SIGMA
Symbols - The Sleeping Harmony of the World Below

25/10/19
JOE BONAMASSA
Live at the Sydney Opera House

25/10/19
THE LONE MADMAN
Let the Night Come

25/10/19
VISION DIVINE
When All Heroes Are Dead

25/10/19
ZONAL
Wrecked

25/10/19
EDELLOM
Sirens

25/10/19
ANTHONY PHILLIPS
Strings of Light

25/10/19
CREST OF DARKNESS
The God Of Flesh

25/10/19
STEVE HACKETT
Genesis Revisited Band & Orchestra: Live at the Royal Festival Hal

25/10/19
EXMORTUS
Legions of the Undead

CONCERTI

19/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
RIVOLTA - VENEZIA

19/10/19
NODE + GUESTS
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

19/10/19
SKELETOON + GUESTS
DAGDA LIVE CLUB - RETORBIDO (PV)

19/10/19
FOLKSTONE
ORION - ROMA

19/10/19
PINO SCOTTO
KILL JOY - ROMA

19/10/19
DOOM OVER KARALIS
CUEVAROCK LIVE - QUARTUCCIU (CA)

19/10/19
ERESIA + GUESTS
THE FACTORY - CASTEL D'AZZANO (VERONA)

19/10/19
SHORES OF NULL + SEDNA
SCUMM - PESCARA

19/10/19
GIGANTOMACHIA + ASHENFIELDS + BRVMAK
EQUINOXEVENTS - FROSINONE

19/10/19
PEDIGREE + GUESTS
CASEIFICIO LA ROSA - POVIGLIO (RE)

Budgie - Never Turn Your Back On a Friend
( 6097 letture )
Never Turn Your Back on a Friend si può considerare, allo stesso tempo, il miglior album dei Budgie e uno dei lavori Hard Rock/Blues più riusciti della prima metà degli anni 70. Come abbiamo già sottolineato in occasione delle recensioni di Budgie e Squawk -i primi due album del trio- questo gruppo è certamente degno di essere catalogato tra quelli assolutamente fondamentali da conoscere, se si vuol sviluppare un quadro completo della storia di quel periodo e delle sue conseguenze sullo sviluppo del rock. Come detto però, la loro miglior realizzazione è quella datata 1973, ossia quel Never Turn Your Back On a Friend contenente il super hit Breadfan che diede loro quella solida fama che meno di dieci anni dopo li porterà a fare da headliners al festival di Reading, seppur in formazione rimaneggiata. Sarebbe però riduttivo parlare di questo album soltanto come "quello contenente Breadfan”. Se è vero che talvolta alcuni dischi (specialmente in quei gloriosi anni), contenevano dei pezzi talmente forti, talmente "giusti", da far passare in secondo piano qualsiasi altra canzone contenuta nel platter, è anche vero che, in questo caso, il vinile in questione contiene tutto un intero lotto di pezzi forse meno immediati, ma tutti più o meno di alto spessore. Canzoni in grado di reggere ancora oggi a dispetto di alcune ingenuità, del tempo trascorso e delle inevitabili discrasie rispetto alla modernità ed alle soluzioni da questa proposte.

L'album è appunto aperto dal Breadfan, che ancora oggi si riascolta con immutato piacere, basata sul lavoro ossessivo del basso di Burke Shelley e sulla sua inconfondibile voce acuta, sul riff impossibile da dimenticare della chitarra di Tony Bourge e sul lavoro come al solito non trascendentale, ma preciso di Ray Phillips alla batteria. Breadfan è uno di quei pezzi che generalmente si azzeccano una volta nella vita, non puntando a soluzioni complicate, astruse, alla ricerca di un effetto stupefacente sugli ascoltatori, ma lasciando che sia la semplicità del rock a parlare, il suo tribalismo immediato, destinato ad imprimersi a fuoco nello stomaco ed a restare lì per anni, per molti anni; fino a giungere magari ad essere ospitato su un disco che dei super affermati metallari decidono di realizzare, incidendo quelli che sono stati i pezzi più formativi per la loro cultura musicale, come hanno fatto i Metallica in Garage Inc. Una pietra miliare del rock. Come detto però, Never Turn Your Back On a Friend non finiva certo con Breadfan: in Baby, Please Don't Go il basso ipnotico di Burke regge il gioco alla chitarra doom-oriented di Bourge, forse debitrice in questo brano del lavoro dei The Doors, e tutto il brano si ammanta di un velo psichedelico graditissimo alle mie orecchie; un altro pezzo che ogni fan dei Budgie conosce a menadito. E' il turno di You Know I'll Always Love You, una breve ballad dal sapore americano (un benchmark tipico dei Budgie), che urla la sua appartenenza alla prima metà degli anni 70 da ogni singola nota. Siamo ai quasi nove minuti di You're The Biggest Thing Since Powdered Milk (i titoli astrusi sono anche questi tipici di Bourge & C.): introdotti da un lungo ed effettato solo di batteria, in verità più fumoso che concreto, ci si trova poi di fronte ad un altro condensato di Blues, Hard Rock e psichedelia che, pur non essendo l'apice del vinile, si lascia ascoltare molto piacevolmente, accelerazione pesantemente HR a circa metà del pezzo compresa. Stesso giudizio complessivo per In The Grip of a Tyrefitter's Hand, che però è un po' più macchinosa. L'altra breve ballata di prammatica -Riding My Nightmare- serve solo ad introdurre uno dei pezzi più sottovalutati e dimenticati del periodo che stiamo affrontando, perché comparare gli oltre dieci minuti minuti di Parents con l'anno di uscita è veramente illuminante. Poche canzoni di quel quinquennio sono così malinconicamente struggenti e coinvolgenti, e le note appena post-sessantiane della chitarra di Tony Bourge sono veramente da incorniciare, ed appendere al muro dei ricordi musicali più emozionanti che si possiedono. Bellissima.

So bene che al giorno d'oggi il nome dei Budgie non è più molto conosciuto, e che molti giovani non li hanno nemmeno mai sentiti nominare, ma che apparteniate alla schiera di chi li conosce ed apprezza, o a quella che non ha mai avuto occasione di ascoltarli, procuratevi almeno questo loro lavoro. Si tratta di una pietra miliare, magari non grossa come altre, ma assolutamente importante. La ristampa su Cd del 1996 -inoltre- dovrebbe consentirne un reperimento non troppo difficoltoso.



VOTO RECENSORE
87
VOTO LETTORI
61 su 34 voti [ VOTA]
Mic
Martedì 25 Dicembre 2018, 10.13.26
12
Nell'attesa dell'abbuffata Natalizia mi sto riascoltando questo disco. Grandi Budgie. Cnosciuti da poco ma sto recuperando alla grande.
Rob Fleming
Sabato 22 Aprile 2017, 12.11.21
11
D'accordissimo con @Agnostico sulla voce di Shelley. Nei primi album era al limite dell'irritante, ma in Bandolier dimostra una crescita che, a memoria, non ricordo in nessun cantante nella storia. Qua ci sono Breadfan e Parents (immensa) che fanno la differenza. 78
metalraw
Lunedì 27 Giugno 2016, 12.54.30
10
album incredibile.
Agnostico
Domenica 20 Marzo 2016, 0.55.25
9
Buonasera,di recente ho approfondito l'ascolto di questo fondamentale album di hard rock.Secondo me la musica qui contenuta è di ottimo livello,ma c'è una cosa che proprio non mi piace,e questa cosa è la voce del cantante burke shelley che mi sembra troppo effemminata o bambinesca,la preferisco di gran lunga negli album successivi_(in bandolier mi ricorda il grande glenn Hughes).La versione dei metallica di breadfan cantata da un Hetfield molto più grintoso è di gran lunga superiore,se non siete d'accordo pazienza,non c'è problema,i gusti sono gusti,l'importante è contribuire a tenere accesa la sacra fiamma dell'heavy metal
roger
Venerdì 28 Settembre 2012, 15.47.18
8
bel disco. una tiratina d'orecchie a @Raven che non dice che 'Baby, please don't go è una cover'! grande Rven!
Raven
Domenica 16 Settembre 2012, 22.21.01
7
Perchè alcuni con molto tempo libero, credono così di danneggiarci.
Daniele
Domenica 16 Settembre 2012, 20.51.11
6
Bellissimo album, "Parents" è senza dubbio l'apice, la definirei la loro Stairway to Heaven, anche per valore artistico e coinvolgimento. Stupendi gli assoli di Bourge che chiudono l'album. Bellissime anche le due ballad acustiche. A mio parere "You're the Biggest Thing Since Powdered Milk" ha ispirato qualche gruppo stoner. Ottimo, davvero ottimo lavoro, assolutamente da riscoprire anche per chi non è fan dell'hard rock classico. Giuro. PS: perchè i voti sulle recensioni che leggo io sono sempre così bassi?
Raven
Sabato 12 Novembre 2011, 19.04.18
5
Ti ringrazio, e se ti interessa, ti segnalo che in Area Metallized, la trasmissione radio che ho iniziato da poco (vedi notizie in merito) ho uno spazio centrale dedicato a queste band. Se vuoi ascoltare ci sentiamo martedì alle 17, anche in chat se vuoi parlare direttamente con me
The Nightcomer
Sabato 12 Novembre 2011, 18.03.56
4
Cosa altro aggiungere... Nella recensione è già scritto tutto quello che serve sapere... Ora, a chi non conosce questo album, non resta che procurarselo! Per fortuna c'è ancora chi parla di queste bands, a beneficio di chi ha iniziato più tardi ad ascoltare hard rock e/o heavy metal, spesso muovendosi alla cieca, senza alcun punto di riferimento.
Alex Metalheart
Sabato 9 Luglio 2011, 16.56.31
3
@Raven: bel lavoro! @Subhuman: quoto assolutamente uno dei miei album preferiti in assoluto di quel periodo, catchy quanto serve, bei riff ed una traccia più bella dell'altra, forse la chitarra potevano alzarla un pochino durante la registrazione. VOTO 90
Subhuman
Sabato 14 Maggio 2011, 18.22.42
2
Album stupendo, di una band altrettanto stupenda ma purtroppo mai troppo considerata, se non per la cover fatta dai Metallica dell'opener di quest'album! A mio parere fa una buona fotografia dell'hard rock più spinto dei primi '70. Da avere.
Raven
Martedì 10 Maggio 2011, 17.03.05
1
Aggiunta al data base la terza recensione dei Budgie
INFORMAZIONI
1973
RCA
Hard Rock
Tracklist
1. Breadfan
2. Baby, Please Don't Go
3. You Know I'll Always Love You
4. You're The Biggest Thing Since Powdered Milk
5. In The Grip Of a Tyrefitter's Hand
6. Riding My Nightmare
7. Parents
Line Up
Burke Shelley (Basso, Voce)
Tony Bourge (Chitarra, Cori)
Ray Phillips (Batteria, Percussioni)
 
RECENSIONI
83
87
80
81
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]