Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Blind Guardian Twilight Orchestra
Legacy of the Dark Lands
Demo

Clepsydra
The Gap
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

21/01/20
NECROPSY
Xiatus (EP)

24/01/20
BLASPHEMER
The Sixth Hour

24/01/20
DEFILED
Infinite Regression

24/01/20
PYOGENESIS
A Silent Soul Screams Loud

24/01/20
LAST FRONTIER
Aether (Equivalent Exchange)

24/01/20
WORM
Gloomlord

24/01/20
REVOLUTION SAINTS
Rise

24/01/20
MARCO HIETALA
Pyre Of The Black Heart

24/01/20
COLOSSO
Apocalypse

24/01/20
FORLORN CITADEL
Ashen Dirge Of Kingslain

CONCERTI

18/01/20
BRVMAK
CIRCOLO CULTURALE HAPPY DAYS - NAPOLI

18/01/20
CANNABIS CORPSE + WITHERED
PIPPO STAGE - BOLZANO

18/01/20
CANDLEMASS
Slaughter Club - Paderno Dugnano (MI)

18/01/20
MELECHESH + W.E.B + SELVANS
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

18/01/20
SCALA MERCALLI + GUESTS
ARCI TOM - MANTOVA

18/01/20
NUCLEAR ABOMINATIONS FEST
POSTWAR CINEMA CLUB - PARMA

18/01/20
SLABBER + BLACK THUNDER
VALHALLA PUB - BORGO TICINO (NO)

23/01/20
TEMPERANCE
LEGEND CLUB - MILANO

24/01/20
SUNN O)))
ORION - CIAMPINO (ROMA)

24/01/20
TEMPERANCE
ASTRO CLUB - FONTANAFREDDA (PN)

Surtr - World Of Doom
( 2193 letture )
I Surtr sono una doom metal band francese, e si presentano alle stampe con il loro primo album sulla lunga distanza. Devo essere sincero, mi sono avvicinato con molto scetticismo a questo World Of Doom.
Vi è mai capitato di avvertire una strana sensazione prima ancora di aver ascolta un nuovo disco? Beh, purtroppo la mia intuizione è stata davvero vincente in questo caso, e la mia attenzione non ha trovato grossi appigli a cui aggrapparsi vista la mediocrità del platter in questione.

World Of Doom si snoda lungo cinque canzoni di media-lunga durata, tra cui una cover dei Reverende Bizarre, Doom Over The World - estratta dal bellissimo Crush The Insects, targato 2005 - senza però riuscire a rievocarne la stessa arcana magnificenza, soprattutto a causa della scadente performance del singer Jeff Maurer, assolutamente monocorde e ai limiti del fastidioso in alcuni passaggi anche per via dell'ingombrante paragone col carismatico Sami Hynninen.
La voce di Jeff risulta davvero poco espressiva ed incisiva, incapace di trasmettere quelle emozioni vibranti, intense e notturne che richiede il genere; quelle stesse emozioni che dimorano nelle ugole dei grandi cantanti simbolo come Messiah Marcolin, Ozzy Osbourne, Bobby Liebling etc. Dei cantori del male, capaci di trasmettere all'ascoltatore la loro passione e di interpretare i brani, di recitarli, di renderli piccoli pezzi di un unico grande sermone dell'occulto. Ovviamente, prima di introdurre quest'album nel lettore cd, non mi aspettavo certo di trovare il nuovo Ozzy; ma sinceramente non mi sarei aspettato nemmeno di ascoltare tanto piattume.

Ma veniamo all'album ora. Non erano poi partiti così male i Surtr; la prima traccia - chiamata semplicemente Part 1 - introdotta dal rumore della pioggia e dalle urla disperate della battaglia, si apriva con chitarre dai toni cupi e con atmosfere solenni, introducendoci in un mondo buio e privo di speranza, il tutto condito da un'ottima produzione, volta ad enfatizzare questo lato sofferente e predominante nella musica dei Surtr... Ma ragazzi, ancora una volta l'ingresso in scena della voce è lì a rovinare il buono che la band era riuscita a costruire in quest'introduzione. Le aperture melodiche del pezzo comunque, ed in generale l'atmosfera opprimente dell'album, ricordano da vicino i My Dying Bride di The Light At The End Of The World, anche se con le dovute proporzioni del caso; per il resto la band pesca a piene mani dai già citati Reverend Bizarre, dal groove dei Cathedral piu' oscuri e dagli immancabili Black Sabbath. Ascoltate l'attacco-plagio di Part II, e per qualche secondo rimarrete disorientati: sembra di aver sbagliato cd e di star ascoltando l'ominimo pezzo dell'ex band di Ozzy. Un piccolo tributo ad una band culto, o una prova della mancanza di idee che sembra investire i Surtr? Il mio istinto mi fa propendere piu' per la seconda ipotesi, e questi dieci minuti di monolitica noia, privi di spunti degli nota ed ancora una volta posseduti da sterili parti vocali, è quì a dimostrarlo.

Inutile star quì a descrivervi le altre tre tracce che compongono questo lavoro; anche se questo è un album che risulta comunque ben suonato ed ottimamente prodotto, rimane pur sempre privo di anima, ricco di cliché noiosi ed avaro di momenti significativi. Ovviamente in Francia questo disco è stato trattato con i guanti bianchi, incensato e pubblicizzato senza, a mio modesto avviso, reali ed obbiettive motivazioni.
Il doom metal è ben altra cosa ragazzi, riponete i vostri soldi per altre e ben piu' importanti uscite discografiche, questo è il mio consiglio.... Avanti il prossimo!



VOTO RECENSORE
50
VOTO LETTORI
19.5 su 20 voti [ VOTA]
BILLOROCK fci.
Mercoledì 18 Maggio 2011, 12.42.02
8
con rispetto parlando, ma che genere è doom ??? bah?? per il resto quoto, radamanthis, e appoggio il suo astio per i dannati magia baguettes.. alla ghigliottina...zac..
Radamanthis
Domenica 15 Maggio 2011, 13.08.41
7
@Doom: si dai, consiglia un pò che sono un pò profano del genere e ho bisogno di un pò di dritte...poi se tu le vuoi sul power-heavy fai un fischio che so vita, morte e miracoli!
Ubik
Domenica 15 Maggio 2011, 11.57.47
6
@Doom consiglia consiglia che magari faccio qualche bella scoperta
Doom
Domenica 15 Maggio 2011, 0.33.02
5
Album tremendo poi dico io ma proprio i Reverend Bizarre dovevano coverizzare! Se volete del doom serio fate un fischio che vi do qualche consiglio togliendo i soliti 4 che conoscono tutti
Radamanthis
Sabato 14 Maggio 2011, 19.03.43
4
@Ubik: ma io scherzavo...non so neanche chi siano questi...certo non è che si sono scervellati piu' di tanto per i titoli!
Ubik
Sabato 14 Maggio 2011, 18.40.35
3
@Radamanthis molti album belli hanno i titoli tutti uguali ad esempio Darkspace I, II e III e l'ultimo dei Blut Aus Nord; magari questo musicalmente sarà osceno ma non è di certo criticabile per i titoli della canzoni
Radamanthis
Sabato 14 Maggio 2011, 18.37.47
2
I francesi è meglio che vanno avanti a fare le crèpes...
Radamanthis
Sabato 14 Maggio 2011, 18.37.05
1
Bella la track list...i titloli sono molto evocativi e invogliano l'acquisto!!! Ma per favore....
INFORMAZIONI
2011
Altsphere
Doom
Tracklist
1 - Part I
2 - Part II
3 - Part III
4 - Doom Over The World (Reverende Bizarre's cover)
5 - Part IV
6 - Part V
Line Up
Jeff Maurer (vocals, guitar)
Julien Kuhn (bass)
Régis Beck (drums)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]