Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Dark Tranquillity
Moment
Demo

Veritas
Threads of Fatality
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

30/11/20
GOLGATA
Tempel

30/11/20
COLOSSUS OF DESTINY
Last Call

30/11/20
VEIL OF SECRETS
Dead Poetry

04/12/20
GRAVE DIGGER
25 to Live (ristampa)

04/12/20
ANGEL
A Womans Diary The Hidden Chapter

04/12/20
SIX FOOT SIX
End of All

04/12/20
TAU CROSS
Messengers Of Deception

04/12/20
PROFANITY
Fragments of Solace

04/12/20
NIGHTRAGE
Demo 2000

04/12/20
FOREIGN
The Symphony of the Wandering Jew Part II

CONCERTI

30/11/20
MARDUK (RIMANDATO)
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

01/12/20
ORPHANED LAND
LEGEND CLUB - MILANO

02/12/20
ORPHANED LAND
TRAFFIC CLUB - ROMA

03/12/20
ROSS THE BOSS + GUESTS (CANCELLATO!)
LEGEND CLUB - MILANO

03/12/20
NAPALM DEATH
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

04/12/20
NAPALM DEATH
TRAFFIC CLUB - ROMA

06/12/20
BORKNAGAR + SAOR + CAN BARDD
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

11/12/20
NANOWAR OF STEEL
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

18/12/20
DESTRUCTION + GUESTS (ANNULLATO!)
LEGEND CLUB - MILANO

19/12/20
SKANNERS + ARTHEMIS + GUESTS
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

Manowar - The Triumph of Steel
( 9585 letture )
Quattro anni dopo Kings of Metal, lo scenario è completamente mutato. Non solo è il music business ad essere di colpo clamorosamente ostile al metal classico (e un po' caciarone) che prima dettava regole di mercato; i Manowar si devono confrontare con la sfida di rimanere grandi senza l'uomo che più di tutti grandi li aveva resi, l'axeman Ross the Boss (che aveva abbandonato perché stanco della vita on the road e, chissà, di qualche discussione di troppo con DeMaio, ma tanto si è detto negli anni senza mai giungere ad una versione concordante). A sostituire il chitarrista italoamericano uno shredder, David Shankle, selezionato tra oltre centocinquanta "concorrenti" -e poi ci si lamenta dei Dream Theater...- per quella che sarà la sua unica testimonianza su disco con la band. Nel valzer di formazione viene coinvolto anche il drummer Scott Columbus: all'epoca fu dichiarato che il figlio era gravemente ammalato, ma anche in questo caso non sono mancate le smentite (fu proprio Columbus a ritrattare clamorosamente qualche mese prima della sua morte); in ogni caso, al suo posto il granitico Rhino, amico storico di DeMaio e Adams sempre pronto a tappare buchi quando c'è bisogno.

Ora, Triumph of Steel è un disco completamente privo di equilibrio e proporzione, data la presenza ingombrantissima dell'opener Achilles, Agony and Ecstasy in Eight Parts -ventotto minuti larghi, un'operazione senza precedenti per i Manowar. Mi si permetta di aggiungere, en passant, che una Achilles, Agony and Ecstasy in Five Parts sarebbe stata molto più gradita, anche perché se quello sbrodolìo è un assolo di batteria (taccio del basso per decenza) io mi chiamo John e suono l'ukulele nella metro di Città del Capo. Pur essendo una prova di forza mostruosa -battute a parte, ci sono idee e spunti così belli che verranno riutilizzati copiosamente dalla band- evidenza anche i limiti del gruppo, che si dimostra incapace di uscire più di tanto dal seminato di midtempo da cinque-sei minuti che ha reso famoso il monicker in tutto il mondo. Questo però porta a contraddizioni quasi comiche: passare dallo straziante racconto del duello tra Achille e Ettore alla profondità lirica di frasi come "if you're not into metal, you are not my friend" non aiuta la causa dell'epic-tutto-tutine-e-urletti che ogni tanto riemerge come un cenone mai del tutto digerito. La sensazione è che o i Manowar trovano un'ispirazione che venga dal di fuori (come nella meravigliosa Spirit Horse of the Cherokee) oppure ritengono accettabile servire al fan di turno la consueta sbrodolata di caos da battaglia, morti, orgoglio guerrierio e minacce incoerenti, il tutto senza un filo logico che renda perlomeno comprensibile lo sfondo. Certo, questo conterebbe poco di fronte a brani di alto livello, ma la verità è che alcune tracce sono tra le cose più deboli mai prodotte prima dalla band (in seguito riusciranno a superarsi in scioltezza, ma nessuno nel 1992 poteva prevedere cosa ne sarebbe stato dei Re del Metallo). A contrastare gli sbadigli ci pensano, per contrasto, ottimi pezzi epic (The Power of Thy Sword) e la consueta ballatona strappalacrime, Master of the Wind. Restano comunque molti i motivi di critica a piagare un album che, pur essendo buono -quasi oro colato rispetto alla produzione recente- impallidisce nel confronto diretto con i dischi precedenti. Salta subito all'orecchio la prestazione di Adams, decisamente troppo sforzata e innaturale negli accenti e nelle intonazioni, al punto da togliere melodicità alle linee; anche qui, il senno di poi aiuta a cambiare prospettiva, dato che il singer era in un momento difficile, dovendosi trovare a modificare le proprie coordinate stilistiche per via di una naturale evoluzione del timbro (dovuta anche a un'impostazione non scolastica). Ma i dubbi principali emergono dal comparto strumentale: senza la personalità di Ross the Boss, DeMaio si sente libero di spadroneggiare al mixer -l'effetto non è dei migliori. E, ancora, senza l'ascia storica della band manca un lato creativo che Shankle non può rimpiazzare, o perlomeno non in questo genere -se avete ascoltato il DSG saprete che lo stile è piuttosto differente- ferma restando la sua quasi totale incapacità di suonare un assolo di gusto, senza una cascata di note inutili.

Disco strano, di transizione verso un niente (il successivo Louder Than Hell non replicherà gli esperimenti) e assolutamente non solido per tutti i settanta minuti. Ah, quanto ci piacevano i Manowar nei canonici quaranta, quarantacinque minuti del vinile! Vero è che The Triumph of Steel è generalmente molto amato, ma non è un caso (lo dico in anticipo ai lettori che mi sbandiereranno un 90 sotto al naso) se da qui comincia il declino del gruppo -declino che non ha in ogni caso i connotati del crollo, perché qua ottimi pezzi ce ne sono.



VOTO RECENSORE
76
VOTO LETTORI
82.30 su 183 voti [ VOTA]
The Sinner
Venerdì 19 Giugno 2020, 12.10.05
123
La discografia dei Manowar avrebbe dovuto fermarsi qui e sarebbero stati "credibili" in eterno. Triumph of steel e' un concentrato di Metallo grezzo da veri maestri del genere partorito oltretutto dopo quel maestoso manifesto di Kings of Metal....e qui la band ritorna ancora in stato di grazia per questo MUST assoluto !!!!
David D.
Giovedì 18 Aprile 2019, 18.27.20
122
L'ultimo disco veramente bello dei Manowar a mio parere, molto sottovalutato, ma per me una piccola gemma. Invertirei i voti di Triumph Of Steel con quelli di Fighting The World (grande delusione a parte due tracce), 76 a quest'ultimo e 91 a Triumph.
Aceshigh
Mercoledì 6 Dicembre 2017, 9.50.36
121
Fare meglio di Kings of Metal era impresa pressoché impossibile, ma ad ogni modo The Triumph of Steel è un grandissimo disco. Indubbiamente prolisso in qualche momento (sì, se la suite fosse stata in 6 parti anziché 8 nessuno si sarebbe disperato, almeno credo), ma per il resto non riesco a muovere altre critiche. Tanti pezzi stupendi. Rimane ad oggi il miglior disco dei Manowar dal 1992 in poi... Voto 88
Salvatore
Giovedì 18 Maggio 2017, 8.55.44
120
Sono un fan della band,considero i manoWar ,i Priest ,e i Maiden ,i sopravvissuti Dell ortodossia metal mondiale e premio la sperimentazione e il coraggio del comBo di reinventarsi,pur rimanendo epici ,metallici e fieri! Premesso che ritengo l album hail To England, uno dei più bei album manifesto, ma erano altri tempi!....purtroppo!!
hermann 60
Sabato 11 Giugno 2016, 17.14.10
119
Ciao Mario, in effetti la parola declino non è esatta, sono tuttora un grande gruppo che produce ancora bei dischi, intendevo dire che da qui in poi il livello di qualità e di originalità è calato.Ein Zwei Drei Heavy Metal Sieg Heil
Doomale
Sabato 4 Giugno 2016, 20.10.11
118
@Mario, concordo anche io grandi linee con il tuo pensiero!e mi piacciono anche Louder e Warrior anche se ovviamente sono inferiori a quello che e' avvenuto sino a Kings of metal!
mario
Sabato 4 Giugno 2016, 19.08.48
117
@Doomale concordo, anche a me Gods of War mi aveva fatto l'effetto di metterlo al rogo, ma poi penso che la fissa per la classica di De Maio non sia affatto da prendere sotto gamba, l'effetto wagneriano da un effetto cinematografico da vera e propria colonna sonora a quell'album, con almeno 3 pezzi epici da brividi compresa la suite, se lo si vede cosi' nella sua interezza, e del buono si sente anche in album come Louder Than Hell, anche se ci sono errori evidenti, e Warrior of The Word, qui in quest'album han tenuto in alto la bandiera, in tempi in cui qualcuno si ammorbidiva, qui secondo me un brano come la grandiosa Achilles, o come la splendida Spirit of Cherokee, Power of Thy Sword, o l'ascensore per altri modi della toccante e pregevolissima nella sua squisita struttura compositiva di M aster of The Wind, tengono alta la qualità, credo si possa tranquillamente arrivare ad 80.
Doomale
Sabato 4 Giugno 2016, 18.39.53
116
Gran disco della cosiddetta seconda fase. come dicevo in un mio precedente post la traccia Achilles e' puro "orgasmo"..e gia solo quella vale tutto l'album. Per me un 8 c'è tutto. Poi cmq forse saro' uno dei pochi che ama pure Gods of War..album che al primo ascolto volevo bruciare! Ripreso dopo mesi e capito x bene..un gran colonna sonora che solo loro potevano fare..ogni tanto vado sul tubo a divertirmi con gli episodi di Vikings con quelle tracce sotto!. L'unico che nn considero assieme ai remake e' Lords of Steel..anche se un paio di tracce mi piacciono.
mario
Sabato 4 Giugno 2016, 18.23.42
115
Beh oddio declino è un po una parola grossa, dei cali ispirativo-compositivi, si , è innegabile, e anche errori di scelta di collocazione tracce. parti troppo spezzate da voci narranti e qualche eccesso orchestrale qua e la, all'interno di album con produzioni brutte, ma album come Warriors of The World e Goids of War, nonostante mancanze, a mio modesto non scendono sotto il 74-75, massimo alcuni potranno darergli la sufficienza piena, ma l'insufficenza e la mediocrità non fanno parte del loro dna musicale, contengono pur sempre delle perle al loro interno, non scordiamocelo, almeno io non le scordo , anzi sono impresse in me eternamente.Qui mi riconosco nelle recensione, siamo li, sul 76-78.
HERMANN 60
Sabato 4 Giugno 2016, 18.10.14
114
Secondo me il disco più ambizioso e uno dei migliori dei Manowar, proprio perché è diverso dalla loro produzione classica, d'accordo col recensore dopo questo album, il declino
Agnostico
Domenica 29 Maggio 2016, 1.45.06
113
C'è qualche brano esaltante che mi fa alzare il pugno al cielo,ma complessivamente penso sia il loro peggiore album composto fino ad allora.Troppi momenti di stanca,in futuro sapranno fare di peggio.Se devo dare un voto direi 75
metaller nel cuore
Domenica 3 Aprile 2016, 21.35.08
112
Lo sto riascoltando adesso. Allora la suite non é male...cazzo veramente epica con una conclusione da paura...brividi davvero. Solo che...cazzo quella roba indecente non si può chiamare assolo (col basso son più bravo io quando cazzeggio ed é tutto direXD)...potevano pure non metterlo mentre l'assolo di Rhino non é male solo effettivamente troppo lungo. Il resto del disco bellissimo a parte Burning e Demon's whip. Invece Ride the dragon,sport horse...,metal warriors, power of thy sword e master of the Wind fantastiche. Come voto si attesta su un 75/80
Rob Fleming
Domenica 31 Gennaio 2016, 12.32.06
111
Belle Master of the wind, Ride the dragon e The power of thy sword. La suite, malgrado i suoi 28 minuti non stanca
tino ebe
Giovedì 26 Novembre 2015, 10.06.09
110
figurati, buona giornata pure a te
Doomale
Giovedì 26 Novembre 2015, 10.02.39
109
Tino ebe@ Ok dai va bene cosi, chiudiamola qui. Il mio discorso cmq non era mirato in particolare a te...era generalizzato su persone che spesso e volentieri fanno i moralisti a qualsiasi stupidaggine che uno scrive..senza magari neanche leggere bene tra le righe, ma solo per polemizzare gratuitamente. Ribadisco era generico, solo che in quel frangente c'eravamo noi. Ti auguro una buona giornata. Ciao
tino ebe
Giovedì 26 Novembre 2015, 9.46.03
108
doom@ non me ne frega niente di insegnare l’educazione a nessuno, men che meno dare consigli e avevo capito che il commento era riferito al discorso musicale e non al colorito modo di esporre la tesi del numero 45. Detto questo non si tratta nemmeno di rompere i maroni o di fare i tifosi e i moralisti, ma in un mondo dove le donne vengono ammazzate ed umiliate quotidianamente dal maschio alfa di turno, definire “troia” una cantante per bambini che non ha mai fatto male a nessuno mi sembra schifoso. Idem definire “mongoliodi” un altro gruppo e di riflesso chi lo segue, sempre in un mondo dove ci sono familiari che combattono tutti i giorni per dare una dignità a certi ragazzi più sfortunati, spesso vittima di bullismo dai soliti duri e puri.
Doomale
Giovedì 26 Novembre 2015, 9.18.31
107
No Master..non volevo fare la contromorale assolutamente..forse non mi sono spiegato bene. E' che non accetto che mi si venga ad insegnare l'educazione qui da chi neanche mi conosce...Io non ho mai offeso nessuno o mancato di rispetto a qualcuno.. e chi mi conosce lo sa. E qui sopra parlo sempre e solo di musica. Il resto non mi interessa. Senza polemica. Buona giornata
terzo menati
Mercoledì 25 Novembre 2015, 22.59.58
106
Più che moralisti o fare i politicamente corretti si può parlare di rispetto o educazione, merce rara oggigiorno, una webzine poi non è altro che uno spaccato della società dove la gente spesso scarica bassi istinti protetta dall'anonimato di Nickname fantasiosi
Masterburner
Mercoledì 25 Novembre 2015, 22.41.12
105
Si ma Doomale così tu fai la contromorale, che è la stessa cosa… o no?
Doomale
Mercoledì 25 Novembre 2015, 17.41.34
104
Beh per quanto mi riguarda io mi riferivo ai contenuti musicali di quest'album...e a questi mi agganciavo nel post 45...Non stiamo sempre qui pero' ad aspettare quello che inciampa di turno, per fare lezioni di morale gratuite...da politicamente corretto.L'educazione insegniamola ai nostri figli per chi ne ha...non su una web zine, solo per rompere i marroni al prossimo o per fare polemiche gratuite da tifosi.
Masterburner
Mercoledì 25 Novembre 2015, 17.27.03
103
Si infatti Samba si è fatto un pò prendere la mano ma era sotto l'effetto dell'assolo di Rhino che lo ha fatto regredire a uomo primitivo, scommetto che gli è cresciuto pure il pellicciotto. Capita anche a me! Comunque è un gran bel disco, l'ultimo degno dei Manowar per quanto mi riguarda. Certo qui non ci si aspetta di trovare parole dolci per i Nirvana, ma il discorso che siano stati loro a rovinare il metal negli anni 90 mi fa tenerezza.
Galilee
Mercoledì 25 Novembre 2015, 16.17.11
102
il commento n 45 di Samba è una delle cose più intolleranti e ignoranti che abbia letto su questo sito. Ma secondo me non è lo stesso che conosciamo tutti. Secondo me è una trollata.
tino ebe
Mercoledì 25 Novembre 2015, 15.53.26
101
Me lo sono letto pure io il commento 45 del presenzialista. Al di là dei gusti e delle opinioni sul disco e la band, trovo spregevole e triste chiamare cristina d’avena “troia” (in quanto donna che non ha fatto del male a nessuno) e i nirvana “mongoloidi”, brutta offesa gratuita verso tutti quei genitori-fratelli-sorelle che hanno la disgrazia di una disabilità in famiglia e ovviamente verso coloro che apprezzano la band di cobain.
Doomale
Mercoledì 25 Novembre 2015, 14.52.33
100
Il commento n°45 di Samba è assolutamente il mio pensiero...Ma come si fà a dire che questo è un brutto album o che Rhino non spaccava il culo dietro il drumkit??..Vabbè i gusti son gusti, ma a parte le cazzate questo è un gran bell'album...Poi vabbè i capolavori sono altri ma un 8,5 ci stà tutto. Achilles è puro delirio
K1LleRxINstiNcT
Martedì 20 Ottobre 2015, 23.28.53
99
questo album spacca! non c'è altro da dire! le tracce sono una più bella dll'altra! l'unica critica che mi sento di fare è che gli assoli di basso e batteria nel primo brano sono troppo lunghi. Per il resto è eccellente
InvictuSteele
Mercoledì 25 Marzo 2015, 14.51.07
98
In piena era grunge e quando tutte le band ammorbidiscono il suono i Manowar se ne escono con un lavoro complesso e dai brani lunghissimi. Un album potentissimo e suonato da dio che spacca il culo a tutti. 90
Philosopher3185
Martedì 27 Gennaio 2015, 12.46.12
97
Per ora.è l'album che mi è piaciuto meno..non che sia brutto,ci mancherebbe..ma si sente un calo di qualita' deciso,rispetto agli album precedenti...
venom
Giovedì 11 Dicembre 2014, 0.32.37
96
lo ritengo un gradissimo album a parte la brutta burning e alcune pallosissime parti strumentali di achilles....(i soli di basso e batteria troppo lunghi)il resto e veramente grandioso ride the dragon spirit horse,master of the wind e power of thy sword sono eccezionali.anche rhino alla batteria e una furia mi sarebbe piaciuto sentirlo anche in altri album.disco da 90!
leonardo
Venerdì 24 Ottobre 2014, 19.19.37
95
ho sempre ascoltato l'album separatamente dalla opener. entrambe le parti sono comunque splendide e compiute in loro stesse secondo me, adoro quest'album, è uno dei dischi che per me hanno più importanza
Painkiller
Lunedì 28 Luglio 2014, 1.29.20
94
e per chiarire l'unica traccia scarsa dell'album è the demon's whip che effetivamente fa annoiare per il resto l'album è un capolavoro
Painkiller
Lunedì 28 Luglio 2014, 1.26.03
93
76? ma scherziamo quest'album secondo me è superiore anche a Kings of Metal voto:97
Sadwings
Lunedì 10 Marzo 2014, 16.52.06
92
Effettivamente il voto dato a quest'album mi sembra un pò bassino, poichè secondo me si tratta dell'ultimo vero capolavoro dei manowar.
Therocker77
Mercoledì 19 Febbraio 2014, 15.24.35
91
Considero TOS il capolavoro dei Manowar, è un opera che rappresenta tutto ciò che i Manowar sono e in cui credono; Gli strumenti musicali sembrano asce metalliche, ogni pezzo è un inno di guerra, un album di epico fuore e puro metallo. Ovviamente KOM è un album di altissimo livello ma penso che in TOF la band si è spinta oltre, ha estremizzato i concetti di base del loro credo! 95/100
Matteo
Domenica 12 Gennaio 2014, 10.58.14
90
@ metalhammer: anzitutto, definire i Nirvana "schifosi" non ha senso. Smells like teen Spirit, Come as you are, Heart shaped box e altre sono veri e propri inni generazionali, ai livelli di My generation e Baba o Riley. Secondo: dire che i Maiden resistevano con FOTD mi sembra esagerato. Quell'album, che arriva alla fine di 6 anni del declino iniziato dopo quel capolavoro che fu SIT, cioè da SSOASS in avanti, ha il merito di contenere un avvio da urlo, la title track (che è più o meno la loro Master of Puppets: in quanti si avvicinano ai Maiden "perché loro suonano Fiar"?) e un altro paio di pezzi carini (Wasting Love e Judas Be My guide), ma per il resto (e stiamo parlando di 8 tracce, l'intero Iron Maiden!) siamo molto, molto sotto ai loro livelli abituali; quasi al livello di No prayer, il che è tutto dire. E poi, certo: TXF non ha Bruce alla voce, è più oscuro e quindi fa cagare; ma cristo, lo capite che Senza quell'album non esisterebbero i Maiden oggi?! TXF è oggettivamente anni luce avanti a FOTD, merito anche di Gers che ha sfoderato un lavoro magistrale alla chitarra. VXI merita un altro discorso, invece; era pieno di ottime idee, alcune quasi geniali, ma affogate nella prolissità e nella necessità (inspiegata) di allungare le canzoni, in soldoni: Harris trasformò un buon album in un album appena sufficiente. Ma di sicuro non si può dire che abbandonarono il loro stile, le sonorità sono quelle di SSOASS e SIT, e getta le basi per il successivo Brave New World, che unisce i Maiden post-86 al più granitico sound di Accident of Birth e The chemical Wedding
Andy \\\'71
Sabato 13 Aprile 2013, 10.06.17
89
RESPECT!Sono molto legato a questa strepitosa band che tanto mi ha regalato dai primi ottanta,e tanto a questo loro disco,a mio modo di vedere l'ultimo che mi abbia entusiasmato totalmente!canzoni come "Master of the Wind"sono da lacrime,la sua delicatezza,il sentimento,"The Power of Thy Sword"epicità allo stato puro.per me 85!Purtroppo secondo me,dopo questo album non si sono mai più ripetuti con così tanta qualità e classe,ma cmq rimangono ad oggi una delle mie band preferite di sempre e degne del totale mio rispetto!Cazzo,con loro ci son cresciuto e diventato padre!"We are Manowar,We are Invincible,Death to False Metal"
THOR OF VALHALLA
Lunedì 9 Luglio 2012, 21.44.22
88
Sono sicuramente d'accordo con quanto scritto sotto da metalhammer, nerchiopiteco e celtic warrior...aggiungo che nonostante questo disco non sia una pietra miliare come tutti i precedenti vale ugualmente 8,5-9 mettendosi addirittura in discussione con un pezzo d'apertura da mezz'ora di durata e se ci mettiamo che nel 92 molti dei gruppi storici sono entrati in crisi compositiva,altri si sono venduti e moltissimi altri ancora siano stati scaricati dalle etichette discografiche per fare spazio a orde di tossici come cobain,i MANOWAR meriterebbero un encomio perchè hanno tenuto alto l'onore del metal nel suo periodo più buio subito dopo gli anni di massimo splendore.HAIL
metalhammer
Mercoledì 4 Luglio 2012, 18.32.50
87
@Sambalzalzal. Confermo ulteriormente la tua idea sull'album. Bisogna inquadrare ogni album nel suo contesto storico: nei primissimi anni '90 l'hard n' heavy era dato x morto e spopolavano solo quei tossici schifosi dei Nirvana (la peste li colga nel sonno) che avevano annichilito l'hair metal modaiolo ed effemminato. Le uniche band che resistevano nella vecchia Europa erano gli Iron Maiden (con "Fear of the Dark") e i Judas Priest ("Painkiller"). Il resto era il nulla. In America, eccetto i Guns N' Roses (sopravvalutati e sbruffoni) e i Metallica (sulla via del rincretinimento e dell'assuefazione firmata Bob Rock), solo i Manowar ebbero gli attributi d'acciaoo per sfornare un'album di questi livelli. E le citate band inglesi, dopo aver fatta quadrato con eccellenti album, xsero per strada i loro vocalist, dando vita a parentesi ignominiose. I Manowar no. Hanno resistito. E senza di loro l'epic sarebbe morto. Non dimentichiamoci che band power e sinphonic tipo HammerFall, Sonata Arctica, Blind Guardian, Rhapsody, Domine, ecc., devono baciare la terra dove marciano DeMaio, Adams & Co., altrimenti loro sarebbero morti da seculi et seculorum. Amen e così sia!!!!!
nerchiopiteco
Mercoledì 4 Luglio 2012, 15.13.41
86
il vichingo: fosse effettivamente come dici te ti darei ragione al 100%; io di sostenitori dei manowar ne conosco tanti (m'hanno fatto una testa così per anni co sti manowar) e non è vero che sono chiusi musicalmente: si sentono tutto, dai kiss ai death, quindi non capisco cosa intendi per "chiusura mentale", e anche fuori dalla scena metal sentono di tutto, e parlo sia di musicisti sia di gente che semplicemnte ascolta (insomma gente di tutti i tipi); da quelle che sono le mie esperienze personali ti dico che forse estremizzi e ingigantisci troppo sia il fenomeno fan manowar sia le intenzioni di DeMaio (d'altronde lo stesso DeMaio quando parla è molto vago quindi una conoscenza superficiale porta facilmente ad interpretazioni sbagliate); a leggere l'intervista pubblicata da Metallized tutto fanno pensare tranne che siano pagliacci. Poi comunque certe categorie di fan ci sono per tutti i gruppi del mondo. Billo io il death metal non lo seguo molto, ma i Death te li consiglio caldamente.
GioMasteR
Mercoledì 4 Luglio 2012, 14.12.25
85
Ragazzi, ben vengano le discussioni pertinenti nello spazio sottostante alle recensioni, ma per il resto vi ricordo che c'è il forum e la possibilità di scambiarsi messaggi privati (anche in multiconversazione). Capisco la vostra voglia di discutere e chiacchierare di un po' di tutto ma vi inviterei a cercare di tenere il più pulito possibile lo spazio sotto le recensioni, sono sicuro che è uno sforzo che potete affrontare. Ripeto, nessuno vuole impedirvi di dire la vostra, ma tutto ha un limite e mi sembra che gli spazi a disposizione non manchino..
celtic warrior
Mercoledì 4 Luglio 2012, 14.08.35
84
Ripeto cone la penso : Deridere i ManOwaR è come deridere Maiden e Priest , gruppi che hanno scritto la storia di un genere , però ognuno ha la sua visione delle cose ed i suoi gusti! hail
Jack
Mercoledì 4 Luglio 2012, 13.57.32
83
Mi riferivo ai Death di Chuck Schuldiner e comunque faccio fatica a credere che non li conoscessi. Se dovesse essere effettivamente così sarebbe preoccupante. I Manowar li conosco quanto basta per dire che la loro musica non mi dice niente di particolare, ma almeno avrei potuto rispettarli se non si fossero costruiti questa immeritatissima fama da Dei del Metal.
il vichingo
Mercoledì 4 Luglio 2012, 13.56.51
82
Non era assolutamente mia intenzione dar vita a vespai e non mi sono minimamente sentito offeso dal tuo commento, ci mancherebbe, soltanto un passaggio del tuo post non mi era piaciuto e ci ho tenuto a precisare alcune cose. Come dico sempre, alla fine l'importante è chiarirsi, e abbiamo scoperto che la pensiamo più o meno allo stesso modo circa certe categorie di fan. Pace e bene (e, DeMaio o non DeMaio, viva i Manowar)
BILLOROCK fci.
Mercoledì 4 Luglio 2012, 13.50.07
81
Jack: beh guardndo il database diMetallized adesso ho capito, ma di Death, conosco i Death angel, Death ss, i death ... mai sentiti onestamente.. e soprattutto dove vai parare tu, visto che indichii manowar, ma almeno li conosci musicalmente??
BILLOROCK fci.
Mercoledì 4 Luglio 2012, 13.47.30
80
Vichingo: per l amor di Dio, facciamo il puno della cosa sennò viene fuori un vespaio. Inanzitutto, mi spiace se ti sei sentito offeso dal mio post, non volevo ( però essendo Gobbo te le cerchi) . Scherzi a parte, io la penso quasi come te in merito al fanboysmo, quello che volevo dire è che in ogni ambito rock metal ci sono, un fan accanito e ottuso dei metallica sarà uguale ad uno degli Iron, cosi come sarà uguale ad uno dei Manowar, non penso ci siano fan più ignoranti degli altri, ripeto su 100 persone 5 fans o 10 fans sono ignoranti. esempio: quando andai a milano al concerto di manson, con mia sorella più piccola, ero preoccupato perchè mi dicevo " chissà quanti schizzati e drogati cisaranno, speriamo bene" l evento fu tranquillissimo e rimasi sorpreso dal fatto che c erano, famiglie, ragazzi e signori attempati, certo ci saranno state testa matte, però ripeto su 1000 persone ci sonosempre quei 20 stronzi.... Alla fine molti ci l hanno su con i Manowar perchè sono teatrali e un pò tironi, magari è lo stesso motivo per cui odio i rapper, tironi, sbruffoni che cantano minchiate su basi musicali monotone e banali
celtic warrior
Mercoledì 4 Luglio 2012, 13.40.09
79
manco io so chi sono i DEATH
il vichingo
Mercoledì 4 Luglio 2012, 13.36.26
78
Mai sentiti i Death??? Bah...
il vichingo
Mercoledì 4 Luglio 2012, 13.34.59
77
"no tutti SONO così", e non siano. Perdonate il refuso
Jack
Mercoledì 4 Luglio 2012, 13.34.22
76
BILLOROCK mai sentiti i Death? Capisco che stai scherzando, ma non vedo dove vuoi andare a parare.
il vichingo
Mercoledì 4 Luglio 2012, 13.33.31
75
Perdonami Billo, ma sei tu ad avermi deluso con il tuo intervento che, se mi posso permettere, lo trovo un po' sconsclusionato. 1) Un conto è parlare di fan che sostengono la band che amano e i loro "benamini", altro paio di maniche è parlare di teste calde closed minded che prendono per buone tutte le sparate di DeMaio, arrivando ad una sorta di religione che vede il nostro volpone, alias Joey De Maio, nella veste di un'entità infallibile che detta legge. 2) Come ho scritto nel precedente post, il nostro buon DeMaio è molto astuto e sa come fare leva su certe persone, per questo si è inventato ad arte certe storielle. 3) Puoi credermi sulla parola, putroppo di fan dei Manowar chiusi mentalmente e ignoranti musicalmente ne ho conosciuti parecchi. Ovviamente non tutti siano così. I Manowar sono una delle mie band epic preferite ma non rientro in questa categoria (per fortuna), adoro la musica in generale, non mi faccio inutili seghe mentali e neanche a quindici anni nutrivo certe forme di fanboysmo nei confronti dei miei idoli. 4) Per quanto riguarda la tua affermazione su Kristian (o Varg, se preferite), devo dire che sembra uscita dalla bocca di un'anziana signora bigotta e piena di pregiudizi, con rispetto parlando. Davvero pensi che me ne freghi qualcosa della vita privata di Vikernes? Ascolto i Burzum per le emozioni inderscrivibili che mi trasmettono le loro canzoni, ma sarei un coglione se mi mettessi ad emulare le sue gesta. L'ho sempre detto, umanamente parlando mi disgusta con i suoi deliri pagani e i suoi sproloqui filo-nazisti. Ascolto black metal da anni ma non mi sono mai svegliato alla mattina con il bisogno di profanare tombe o di bruciare chiese, quindi smettiamola con questi patetici luoghi comuni. @celtic warrior: se ti riferivi a me, puoi star più che certo del fatto che io non ho mai parlato per partito preso e i Manowar li conosco per bene. Su questo puoi dormire sonni tranquilli. @Jack: ottimi gusti
Jack
Mercoledì 4 Luglio 2012, 13.30.09
74
@il vichingo mi è piaciuto il tuo commento. E dico sul serio
nerchiopiteco
Mercoledì 4 Luglio 2012, 13.25.06
73
Non è vero che il fan dei ManOwaR li vede come divinità; DeMaio, perdonali perché non sanno quello che fanno
BILLOROCK fci.
Mercoledì 4 Luglio 2012, 13.24.51
72
Ciao Celtic !! Jack; i death?? mai sentiti O-o....
Theo
Mercoledì 4 Luglio 2012, 13.11.04
71
@Jack: Buongustaio
Jack
Mercoledì 4 Luglio 2012, 13.08.05
70
Un gruppo che mi piace dici? Sicuramente i Death. E un sacco di altri gruppi del genere.
celtic warrior
Mercoledì 4 Luglio 2012, 13.06.45
69
Billo secondo mè uno che parla così i ManOwaR li conosce poco e parla per partito preso .
BILLOROCK fci.
Mercoledì 4 Luglio 2012, 12.45.42
68
Jack : indicaci un gruppo che a te piace così possiamo capire i tuoi sottogusti.. ehm scusa.. gusti
BILLOROCK fci.
Mercoledì 4 Luglio 2012, 12.44.39
67
Ma ragazzi mi deludete... in tutti gli ambiti musicali, ci sono i fan accaniti i cui beniamini sono i profeti della musica, ma se prendiamo 100 fans 5 saranno come dite voi, la maggior parte se ne frega, Vichingo prendi me, io adoro la Musica e adoravo il suo stile da malato di Manson, ma non per questo do ascolto a quello che lui dice e idem imanowar, lo fanno con Goliardia... vedo più pericolosi personaggi come il tuo amato Vikernes che è alla stregua di delinquente alla fine...o come gg allin un pazzo schizzato...
Theo
Mercoledì 4 Luglio 2012, 12.41.05
66
Si infatti Jack, penso stessimo scherzando tutti l'unica cosa è che, a mio parere i Manowar sono da rispettare per via del loro valore musicale indiscutibile... Il resto sono solo parole, godiamoci la musica e basta!
Flag Of Hate
Mercoledì 4 Luglio 2012, 12.40.21
65
VAI JACK !!!
il vichingo
Mercoledì 4 Luglio 2012, 12.30.40
64
Ripeto: che l'utente Jack sia messo al palo! . Ok, scherzi a parte: come puoi notare nel mio post numero 51 e in altri commenti che ho rilasciato nel sito riguardanti i Manowar, discorsi come "defender of 'sta cippa", "trve-false", "warriors of valhalla" ed altro li ho sempre reputati anch'io delle boiate grandi come una montagna inventate ad arte da DeMaio (che reputo persona astuta come una volpe) per fare leva su individui mentalmente chiusi come un talebano integralista. Per quanto riguarda invece i loro fan, direi che (come sempre) è meglio non generalizzare. Alcuni (ne ho conosciuti) musicalmente parlando sono molto ignoranti e hanno questa ridicola visione dei Manowar come entità divine e quindi prendono per legge inviolabile tutte le minchiate che spara DeMaio; ma ce ne sono tanti altri (e per fortuna sono di più rispetto alla prima categoria) che sono aperti mentalmente e assolutamente non esaltati.
Jack
Mercoledì 4 Luglio 2012, 12.13.11
63
Gruppo ridicolo e ripetitivo la cui punta di diamante è Joey Demaio, lui e i suoi discorsi da bimbominchia sul TRVE METLA. I fan, poi, sono tragicomici: individui esaltati e musicalmente ottusi, che cianciano boiate sui Manowar trattandoli come Dei nordici. Patetico fino all' inverosimle
BILLOROCK fci.
Lunedì 2 Luglio 2012, 18.25.16
62
theo: ahahahah
Theo
Lunedì 2 Luglio 2012, 18.21.00
61
@Billo: Però se siamo tutti d'accordo pure le frustate vanno bene!
Theo
Lunedì 2 Luglio 2012, 18.08.31
60
Eh però il palo era più scenografico
BILLOROCK fci.
Lunedì 2 Luglio 2012, 18.01.02
59
theo: dobbiamo recuperare un palo alto 3 metri ...O-o...mhh sennò propondo delle sacre scudisciate, per quelle basta una cintura..
Theo
Lunedì 2 Luglio 2012, 17.52.54
58
Si al palo è la punizione giusta... Chi agisce?
BILLOROCK fci.
Lunedì 2 Luglio 2012, 17.47.33
57
arrgggh; vilipendio, oltraggio e congettura!! Che costui sia messo al palo così come preferito da sir Vichingo....
Sambalzalzal
Lunedì 2 Luglio 2012, 17.43.52
56
Jack@ sei meglio te, scemo!
il vichingo
Lunedì 2 Luglio 2012, 17.42.31
55
Che l'utente Jack sia messo la palo
celtic warrior
Lunedì 2 Luglio 2012, 13.18.52
54
Grandissima band !!!, altro che buffoni !!! jack per Odino redimiti subito !!!
Jack
Sabato 30 Giugno 2012, 18.30.07
53
Che gruppo di buffoni...
Sambalzalzal
Domenica 24 Giugno 2012, 11.44.11
52
il vichingo @ Io la penso come te! DeMaio è uno che continua a vivere proiettato nell'epoca in cui i Manowar cominciarono a suonare ma di certo non si può accusarlo di essere una banderuola o cmq uno che non crede in ciò che fa. Premetto come detto in altra sede che le ultime produzioni non mi avevano entusiasmato ma sto ascoltando proprio in queste ore The Lord Of Steel ed anche se ancora non sono riuscito a farmi un'idea globale devo dire che ci sono pezzi che mi stanno entusiasmando. ISuono stradaiolo, pochi fronzoli, sarà una bella colonna sonora x l'estate con la moto! Adams, certo, non ha più le corde vocali di titanio che aveva su Kings Of Metal ma ecco il giudizio non è negativo per nulla. Insieme al nuovo dei Paradise Lost, di sicuro lo metto come la seconda migliore uscita di questo 2012! Ah, se già non li conosci... ti segnalo i REBELLION, specie se poi sei affascinato dal folklore nordico... creazione dell'ex bassista dei Grave Digger hanno incentrato gli ultimi album sulla tradizione norrena... vai sul sicuro e ti spacchi il collo a furia di headbanging!!!!
il vichingo
Domenica 24 Giugno 2012, 11.30.24
51
Ahahaha, grandi ragassi! . Per quanto mi stia in culo il personaggio che si è creato DeMaio, sulla proposta musicale della band non ho mai avuto niente da dire: mia band epic preferita assieme agli Warlord e ai Cirith Ungol. Quando ascolto Black wind, fire and steel son brividi nella schiena ogni volta!
Sambalzalzal
Domenica 24 Giugno 2012, 11.27.17
50
E che cazzo, vichingo@! Che siano maledetti! Hail and kill!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
nerchiopiteco
Domenica 24 Giugno 2012, 11.26.35
49
il vichingo: la musica dei Manowar ha origini divine e soprannaturali, e basta
Diego
Domenica 24 Giugno 2012, 10.52.19
48
Se questo disco ha diviso la critica aspettatevi di ascoltare il nuovo The Lord Of Steel...
il vichingo
Domenica 24 Giugno 2012, 10.40.42
47
Grande Samba! Concordo!
Thunder In The Sky
Domenica 24 Giugno 2012, 9.51.54
46
Giusto certi mocciosi bisogna riportali sulla retta via !!!!
Sambalzalzal
Domenica 24 Giugno 2012, 8.16.08
45
Grandioso album. Critiche a parte, tanti di quelli che le muovono all'epoca o ancora non erano nati o ascoltavano i brani dello zecchino d'oro con quella troia di cristina d'avena. In anni in cui spopolavano quei mongoloidi dei Nirvana e in cui gente come Iron Maiden si era persa le palle per strada i Manowar pubblicano una canzone come Achilles. Leggo assurdità in giro... che 10 minuti della canzone sono "inutili", che tecnicamente Rhino non era "nulla di che". Rispondo: ma voi che avete fatto di meglio? Rispetto e che cazzo!!!
blackie
Martedì 20 Marzo 2012, 12.51.26
44
concordo che achilles in alcuni pezzi rompa dawero le palle e questo e tipico dei manowar,ma nel complesso e un ottimo disco.
il vichingo
Mercoledì 22 Febbraio 2012, 11.00.56
43
Be dai cazzo dire che la musica dei Manowar è costruita a tavolino questo proprio no!
matteo36
Mercoledì 22 Febbraio 2012, 10.52.40
42
la formuletta propinata dai manowar , nella loro ormai ultratrentennale carriera è -a mio parere- piuttosto semplice.il trucco consiste nell'alternare nella loro discografia e dentro i loro album, un aspetto più rocknroll allegrotto e un aspetto più epic e marziale.esempio: battle hymns grandioso disco d'esordio composto perlopiù da sparate rockeggianti su cui spiccano le maestose battle hymn e dark avenger.l 'esempio opposto ce lo può fornire into glory ride o proprio questo triumph of steel , dischi in cui e maggiomente accentuato l' aspetto epic a discapito del lato denim&leather e motociclette. cmq apparte tutto questo 85 . da avere anche il successivo louder than hell.
LAMBRUSCORE
Domenica 18 Dicembre 2011, 15.41.56
41
batteristi qua? musica falsa, costruita a tavolino, se volete dei batteristi in carne ed ossa, frequentate i clubs o i centri sociali, lì sentirete suonare gli strumenti, non contano i generi, ho visto tanti gruppi blues o jazz, ad esempio, anche se amo il punk ,il thrash, death, crust, ecc....
Celtic Warrior
Sabato 8 Ottobre 2011, 12.56.35
40
Ottimo album dei Maestosi Manowar , band che ha insegnato a suonare l Epic Metal . voto 90 .
The sinner
Sabato 20 Agosto 2011, 2.11.11
39
Permettimi di dissentire al 50% sulla tua recensione. "Triumph of steel" è assieme ad "Into glory ride" "Battle hymns" e "Kings of metal" un album di cui i Manowar possono andare orgogliosi...Seguo la band sin dagli esordi e semmai gli ultimi anni di Joey e soci possono essere criticati (compositivamente parlando) visto l'andazzo troppo poco epico ed esageratamente sinfonico...ma credo su questo tu sia d'accordo...La suite "Achilles......." è un'opera d'arte EPICA con interludi melodici e gloriose sferzate metalliche nell'apoteosi finale di "The glory of Achilles". Posso convenire con te che il momento meno riuscito sia l'interludio di basso "The desecration of Hector' body" ma per il resto la suite è una vera cavalcata epica. Tutto il resto del disco si mantiene su livelli più che eccellenti con una "Spirit horse..." una "Demon's whip" e una "Master of the wind" da antologia...Magari i Manowar sfornassero ancora capolavori del genere....ma non sono qui per criticarli visto e considerato la loro grandiosa discografia che per me si è conclusa in pompa magna proprio con "Triumph of steel".....quel che ne è venuto dopo è quasi superfluo!!
Master of Reality
Domenica 31 Luglio 2011, 22.05.49
38
Achilles, Agony and Ectasy in Eight Parts = 3.5; Metal Warriors = 6.5; Ride the Dragon = 6.5; Spirit Horse of the Cherokee = 6.5; Burning = 5; The Power of Thy Sword = 5.5; The Demon's Whip = 5; Master of the Wind = 9; Voto album = 6
Rashomon
Mercoledì 27 Luglio 2011, 18.43.09
37
Raramente mi sono trovato così d'accordo con una recensione. Il disco contiene un grande pezzo ("Power Of Thy Sword"). una manciata di pezzi che vanno dal carino al buono ("Metal Warrors", "Spirit Horse Of The Cherokee" e alcune parti della mastodontica canzone iniziale) e un'altra manciata di brani che o sono dei puri riempitivi o al massimo raggiungono la qualifica di canzoni mediocri. A pensarci bene, forse 76 come voto è pure troppo alto. Vale 70 e non di più. Ps: anche io mi sono lasciato fregare da una delle tante recensioni entusiastiche che questo disco ha ottenuto su internet e l'ho comprato a scatola chiusa. Da quel momento, non compro mai niente senza un ascolto propedeutico.
metalhammer
Venerdì 1 Luglio 2011, 23.33.08
36
Ma capite ke qst album è uscito nell'era "grunge n'roses", qnd il metal era in crisi?!!! Ci volevano attributi di STEEL x concepire un album del genere! Qst album lo paragono, per il coraggio di averlo pubblicato in un periodo difficile x mlt band, a "Fear of the Dark" dei Iron Maiden e "Painkiller" dei Judas Priest. E' la ripresa di sonorità epic classiche dopo due album buoni (FTW e KOM) ma meno Epic rispetto ai primi capolavori.
jena
Venerdì 3 Giugno 2011, 14.21.41
35
Io l'ho preso quando è uscito, nell'Ottobre del 1992. Al tempo ero anche io un Truemetalfirebloodsteeleccecc, e lo sono stato fino al disco successivo, del 1996, che per me è una cagata pazzesca, come i "lavori " successivi. La mia opinione, soppesata da quasi 20 anni di ascolti, è che in realtà il loro apice lo avevano già raggiunto con KOM, e non si poteva fare altro che scendere. Ad ogni modo lo riascolto ancora ( non tutto assieme : non ce l'ho mai fatta ), brani come MW, MOTW, POTS non si dimenticano. Invece merdine come RTD e TSW si dimenticano, eccome. Ma è stata colpa dell'avvento del cd, non loro.
Mr.Darcy85
Venerdì 3 Giugno 2011, 11.56.07
34
@zarat : guarda non voglio fare polemiche,leggo spesso tue recensioni e stimo molto il lavoro che fai,inoltre non farei polemica su un gruppo di cui non sono uno dei massimi fan (anzi) ma molti siti non direttamente collegati al metal ( allmusic.com) e molti legati al metal (truemetal) definiscono questo album uno dei classici della band,per questo non credo di essere l'unico a reputarlo tale...non ha senso che io mi metta a fare ricerche su internet ma credo di poter dire che il tuo sia uno dei voti più bassi a questo album (prendendo a esempio altri recensori di album dei manowar che non siano ne di parte ne contro,ovvio che se vado su happyraggee.it magari gli danno meno)...specifico che non è una critica al tuo modo di recensire ma semplicemente un'opinione..
Zarathustra
Giovedì 2 Giugno 2011, 21.56.04
33
Guardare il web per i Manowar dà impressioni fallaci: o uno trova difensori del VeroMetallo che sparano votoni senza cognizione di causa, oppure haters che criticano a prescindere. Io (che pure sono un fan dei Manowar) mi ritengo equilibrato - poi uno è liberissimo di esaltarsi con Ride the Dragon e Burning, ma il valore oggettivo dei pezzi resta quello che è. Di "oltre i limiti" c'è solo una traccia, l'opener, che dura ventotto minuti di cui dieci manifestamente inutili...di che stiamo parlando?
BURNING EYE
Giovedì 2 Giugno 2011, 19.59.45
32
in realtà questo è un classico dei manowar risaputamente , e ti confesso che dopo averlo ascoltato poche volte avevo la tua stessa impressione di completezza, ma poi col tempo ogni nota ha trovato il suo spazio e il senso dell' album mi si è mostratro chiaro davanti ai miei occhi : i manowar volevano spingersi ai propri limiti e ci sono riusciti . inoltre viene meno l' analisi delle tracce che nella tua opinione sarebbero non all' altezza ma alla fine si andrebbe sul personale. ps :into glory ride e kings of metal sono belli ma hanno uno stile molto diverso (anche tra loro) , sarebbe come confrontare a matter of life and death e powerslave SE VUOI VISITA ALRI SITI E SCOPRIRAI CHE TUTTI LA PENSANO COME ME
Zarathustra
Giovedì 2 Giugno 2011, 15.44.07
31
@Mr. Darcy85: in realtà mi pare che tu sia uno dei pochi a considerare questo disco un "classico"...e solo se la mia recensione fosse davvero soggettiva potrei, che ne so, considerarlo migliore di un Kings of Metal o di un Into Glory Ride. @Antonio: New Metal Leader era pallosetto, il secondo non l'ho ancora sentito ^_^ e...permettimi, ma qualsiasi disco dei System of a Down è migliore di Triumph of Steel, heavy o non heavy
Antonio Bravebard
Giovedì 2 Giugno 2011, 14.57.52
30
Con la dipartita di Ross The Boss i Manowar hanno perso il loro migliore songwriter nonchè colui che riusciva a mescolare atmosfere puramente Heavy Rock di stampo USA (Kiss etc....) con l'epic metal proposto dal gruppo. I due dischi solisti di Ross The Boss suonano molto più Manowar dei dischi dei Manowar stessi post Kings Of Metal!! Riascoltavo l'altro giorno "The Triumph Of Steel" e dopo averlo tollerato fino alla fine ho deciso a malincuore che il disco è proprio brutto ....... chiaramente qualche pezzo si fa distinguere (il mestiere c'è) ma alla fine rimani con un sentore di qualcosa di incompiuto. Comunque meglio questo di un qualsiasi disco dei S.O.a.D. ....... almeno questo è Heavy Metal !!!
Mr.Darcy85
Giovedì 2 Giugno 2011, 13.03.20
29
76 per me è ridicolo....rispetto le idee di filippo come quelle di tuttti (è stato previdente nel finale in cui precede quanto sto per dire) ma credo che il suo voto dovrebbe tenere conto anche di quelli che come me ritengono quest'album il migliore della band....ok le recensioni sono soggettive,ma quando si parla di classici forse dovrebbero esserlo un pò meno... per me voto 90
Er Trucido
Martedì 31 Maggio 2011, 16.11.49
28
Se devo dire la verità anche a me non dispiace Metal Warriors, è solo che, come dice Filippo in recensione, a livello lirico stride un po' con Achilles che la precede
Zarathustra
Martedì 31 Maggio 2011, 10.32.31
27
@Olof: non dispiace neanche a me Metal Warriors
Olof
Martedì 31 Maggio 2011, 10.24.39
26
Ps. recensione ottima e divertente, concordo pure sul voto, alla fine è un album da 7.5
Olof
Martedì 31 Maggio 2011, 10.22.05
25
Ora sarò sommerso di fischi, ma a me metal warriors piace, e pure abbastanza! x quanto riguarda gli "assoli" di basso e batteria su achilles, ecc. provo a spezzare una lancia in loro favore: Potrebbe essere un tentativo (fallito miseramente, siamo tutti d' accordo su questo) di sperimentare qualcosa di nuovo? senza provare, non può esistere progresso, io la vedo così...
BILLOROCK fci.
Martedì 31 Maggio 2011, 7.40.45
24
i mitici manowar, sono uno di quei gruppi che hanno sonorità particolari, un pò epic metal, come direste voi... quindi certe produzioni, risultano ad alcuni essere sottotono!! ad esempio, lament of the kings, è una ballad quasi lirica che va in netta contrapposizione a, blood of a kings, che invece è un pezzo metal per eccellenza.... manowar living on the road !!!
si come no
Lunedì 30 Maggio 2011, 21.16.39
23
Mi stanno proprio sul cazzo i Manowar!
Dave Insane
Lunedì 30 Maggio 2011, 14.31.30
22
almeno qui c'è Rhino che va via di doppia cassa che è un piacere, solo per questo dovrebbe essere considerato l'album migliore dei manowar
Bloody Karma
Lunedì 30 Maggio 2011, 11.02.01
21
un paio di fillers...ma lo trovo un grande disco, peccato che non hanno mantenuto rhino alla batteria
Painkiller
Lunedì 30 Maggio 2011, 9.22.46
20
Produzione imperfetta, qualche bella idea e qualche caduta profonda. Non il massimo ma nemmeno il peggio possibile. 65
AL
Lunedì 30 Maggio 2011, 9.18.02
19
buon album per una band che non mi ha mai fatto impazzire. concordo con il voto di Filippo. master of the wind secondo me è divina.
Franky1117
Domenica 29 Maggio 2011, 13.38.49
18
disco effettivamente di transizione e molto disomogeneo; comunque l'ultimo almeno dignitoso del gruppo. Strepitosa masters of the wind, ottime ride the dragon e power of thy sword. su achilles mi chiedo come cazzo si faccia ad inserire in una canzone che potenzialmente potrebbe essere una delle migliori del gruppo, almeno 10 minuti di quegli orrendi rumori (non li definisco certo assoli) di basso e batteria, secondo me una roba del genere è da pazzi completamente. Comunque concordo in tutto e per tutto nell'ottimissima recensione, a parte forse il voto (io avrei dato 70)
Er Trucido
Domenica 29 Maggio 2011, 12.29.51
17
Sono sempre stato affezionato a questo disco e lo sono tutt'ora, concordo con Filippo sul fatto che sia di transizione, infatti penso che sia il più duro scritto dai Manowar. Però il suono del rullante di Rhino fa veramente pietà, mi sa che i Metallica di St.Anger si sono ispirati a questo
Electric Warrior
Domenica 29 Maggio 2011, 9.29.08
16
Ottima recensione. Disco mai piaciuto, come il gruppo.
Room 101
Sabato 28 Maggio 2011, 23.05.06
15
Concordo sul pessimo bassista...o meglio: è un discreto chitarrista con due corde in meno...per il resto non ho mai capito se il comportamento e le sparate fanno parte del personaggio (allora è davvero un grande attore) o se ci crede davvero alle cose che dice...come manager è capace però a volte è troppo dispotico (con il roster Magic Circle come nel caso Rhapsody) e a volte certe operazioni tipo quell'orrore di Father in settordicimila lingue le potrebbe evitare... E sta parlando uno che ha scoperto il metal con i Manowar XD
Nightblast
Sabato 28 Maggio 2011, 22.26.44
14
Io De Maio l'ho conosciuto al Gods of Metal...Persona molto competente non c'è che dire...Come bassista è a dir poco 'na chiavica, ma è un manager senza dubbio. Inoltre ha saputo costruirsi un personaggio, prova ne sia che ogni volta che si parla di lui si scatena il putiferio...
Radamanthis
Sabato 28 Maggio 2011, 20.29.21
13
Non ho avuto il piacere di conoscere Mr. De Maio, quindi non è che posso giudicarlo (e comunque anche se l'avessi conosciuto non sono nessuno per poterlo giudicare) ma così, a pelle, in base ai suoi atteggiamenti, alle sue interviste, al suo modo di fare un pò sulle palle mi sta...poi magari è la persona piu' simpatica e gentile del mondo ma la mia impressione (superficiale) è questa!
Frankiss
Sabato 28 Maggio 2011, 17.02.54
12
@Zara...con me è stato simpatico....io posso, ovviamente, parlare solo x la mia esperienza...e non ero lì come fan ma come addetto ai lavori...
BURNING EYE
Sabato 28 Maggio 2011, 16.54.12
11
anche lui ha fatto i suoi errori ma non è certo un mostro assetato di soldi come alcuni dicono , è un musicista di quelli doc , mi ricorda molto steve degli iron anche se con uno stile diverso : steve spadroneggia tirannicamente i maiden , e demaio spadroneggia (tirannicamente) i manowar .
Zarathustra
Sabato 28 Maggio 2011, 16.50.32
10
@Frankiss: di DeMaio mi hanno parlato tutti male...
Frankiss
Sabato 28 Maggio 2011, 16.40.44
9
Conoscerli dietro le quinte e nei camerini è stato divertente...personaggi particolari e molto meno seriosi di quanto si immagini...
BILLOROCK fci.
Sabato 28 Maggio 2011, 14.52.14
8
porca....... guardate la media di voti : 666....
Flag Of Hate
Sabato 28 Maggio 2011, 14.44.28
7
Ma che domande.... Giuliano Pisapia, e chi altri?? 8-)
BURNING EYE
Sabato 28 Maggio 2011, 14.42.48
6
album al top , epic metal veloce e devastante , incredibile achilles agony and ecstasy e magnifico tutto l' album anche le tracks lente e maligne sono da 90 . 76 .......mah .......e vedo che la media utenti è 45, io ho messo 90 , chi è che avrebbe messo 0??
Nightblast
Sabato 28 Maggio 2011, 14.04.57
5
3-4 canzoni valide. Il resto è musica davvero banale.
BILLOROCK fci.
Sabato 28 Maggio 2011, 13.28.09
4
radamanthis: concordo, kings of metal è stata la loro consacrazione.....!! bood of the kings...
Radamanthis
Sabato 28 Maggio 2011, 13.19.24
3
Beh, c'è da dire che dopo Kings of metal qualsiasi uscita sarebbe stata inferiore e non minimamente comparabile con il masterpiece precedente. detto ciò questo disco, a mio parere, supera di poco la sufficienza, risultando in piu' punti piatto ma soprattutto, come dice Filippo in recensione, di transizione. Comunque contiene 2/3 brani tra i migliori della storia della band come The Power of Thy Sword, Achilles, Agony and Ecstasy in Eight Parts e la ballatona Master of the wind. Ma comunque 3 canzoni non sono sufficienti per togliere un modesto 65 a questo album.
BILLOROCK fci.
Sabato 28 Maggio 2011, 13.13.15
2
epici manowar... living on the road
Lizard
Sabato 28 Maggio 2011, 13.11.50
1
Concordo, sottoscrivo e condivido.
INFORMAZIONI
1992
Atlantic Records
Epic
Tracklist
1. Achilles, Agony and Ecstasy in Eight Parts
2. Metal Warriors
3. Ride the Dragon
4. Spirit of the Cherokee
5. Burning
6. The Power of Thy Sword
7. The Demon's Whip
8. Master of the Wind
Line Up
Eric Adams (Vocals)
David Shankle (Guitar)
Joey DeMaio (Bass Guitar)
"Rhino" (Drums)
 
RECENSIONI
62
83
s.v.
60
68
s.v.
80
73
76
95
91
93
95
89
82
ARTICOLI
01/12/2017
Live Report
MANOWAR
Zenith, Monaco di Baviera (Germania), 25/11/2017
01/11/2012
Articolo
MANOWAR
Over the Top - Uno sguardo sotto al pelo
4/05/07
Live Report
MANOWAR + RHAPSODY + HOLYHELL
Hans-Martin Schleierhalle, Stuttgart (GER), 31/03/2007
06/11/2006
Intervista
MANOWAR
Parlano Eric Adams e Karl Logan
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]