Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Premiata Forneria Marconi
Emotional Tattoos
Demo

Rust
Rust
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/11/17
HYPERION
Dangerous Days

24/11/17
ALMANAC
Kingslayer

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
DEGIAL
Predator Reign

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
TAAKE
Kong Vinter

CONCERTI

22/11/17
MARILYN MANSON + GUEST
PALA ALPITOUR - TORINO

22/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

23/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
QUIRINETTA - ROMA

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

24/11/17
6TH COUNTED MURDER + KALIAGE
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

24/11/17
UFOMAMMUT + GUESTS
EREMO CLUB - MOLFETTA (BA)

25/11/17
THE MODERN AGE SLAVERY + DESPITE EXILE + AMBER TOWN
LA TENDA - MODENA

25/11/17
COUNCIL OF RATS + NIDO DI VESPE + MALLOY
CASEIFICIO LA ROSA - POVIGLIO (RE)

In Legend - Ballads地達ullets
( 1964 letture )
Un esperimento fuori dal comune -una mano d'acciaio coperta da un guanto di seta. Con un po' di poeticit si pu cos definire l'album di debutto degli In Legend, la band tirata su da Bastian Emig (per chi non lo sapesse, batterista dei Van Canto). Vogliate perdonarmi l'attacco verseggiante, ma parlando di un ibrido cos altamente raffinato era necessario. L'album si pone infatti come un esperimento di "piano metal", ovvero una contaminazione tra le sonorit power e epic, normalmente armate di chitarre dure e di batteria impetuosa, con il suono incantevole del pianoforte. Non si tratta certo della prima esperienza in cui questi strumenti si incontrano, ma si pu dire che in Ballads'n' Bullets le due dimensioni musicali trovano una vera e propria sincronia puntuale: bilanciando gli strumenti e mantenendo solo basso e batteria affianco al piano si arriva a poter creare brani tanto duri e trascinanti quanto dolci ed avvolgenti e si crea un crocevia tra evoluzione e tradizione che lo rende un pezzo raro.

Come ci ha raccontato lo stesso Bastian Emig, si tratta di un progetto ambizioso che affonda le sue radici gi da lungo tempo nella mente vulcanica del musicista: pare che l'idea abbia addirittura avuto una svolta reale tra le fumose atmosfere di un viaggio in Cina dieci anni fa. Il risultato sono quattordici brani, diversi l'uno dall'altro, in cui le possibilit virtuosistiche degli strumenti vengono esaltate tanto dal gi citato "equilibrio" che si viene a creare, quanto dalle prodezze canore. E ce n' per tutti i gusti: si comincia da Heaven Inside, in cui il piano prende immediatamente possesso con toni duri ma armonici; il pezzo ha una sorta di movimento ascendente e la musica si amalgama bene con la voce carismatica di Bastian e con un ottimo lavoro di basso, riuscendo ad essere avvolgente ed ispirante -qualit adatte ad un brano di apertura. Superato questo si aprono le porte alla devastazione con Pandemonium, dove i tasti sono implacabili e creano una specie di ballo senza controllo, definita "pura follia". Un lato speciale di questo album il fatto che l'uso di uno strumento (anzi, dello strumento dominante) in un modo fuorvia l'ascoltatore per poi catapultarlo in una realt completamente opposta. E' l'esempio di Elekb, in cui per pochi secondi sembra di ritovarsi ad ascoltare Debussy, per poi arrivare ad un brano estremamente ritmato e duro, dotato tuttavia di un ritornello che di nuovo guarda in alto, per tonalit e per il messaggio. Si scende nella delicatezza di un brano quasi romantico con At Her Side -dove la voce di Emig diventa velluto- per passare a Vortex, brano che non sfigurerebbe in una classifica di rock attuale (anche se ovviamente si avverte sempre la raffinatezza del piano sotto la voce). Con un velo di tristezza Life Is Up To You riapre alla bellezza di una armonia creata tra il piano e la batteria (che sembra condurre) e tra due voci che cantano il coinvolgente ritornello in due toni. L'inizio pi particolare quello di The Healer (brano passionale e veloce in possesso di una melodia inconfondibile), dotato di note sintetizzate che arrivano all'orecchio come gocce di suono puro. In Yue, l'unico pezzo strumentale di solo pianforte, il ritmo si ferma per cinque minuti esatti e si assapora la bravura di un gioco alla Ludovico Einaudi. Gioca anche con il rock Soul Apart, che per concede attimi di respiro accompagnati da acuti vocali, batteria e, naturalmente, il piano. Infine, non poteva mancare un omaggio dai Van Canto con la presenza della voce "di cristallo" di Inga Scharf che duetta con Bastian nella gotica Stardust.

Sia con il suo titolo (il gioco di parole "ballate e proiettili in inglese riesce meglio) sia con il suo buon lavoro di artwork, di cui la band si dice alquanto fiera, Ballads'n'Bullets si presenta come un album a met ma tecnicamente elevato, un percorso musicale in cui si toccano praticamente tutti i momenti della musica, restando sempre ancorati al metal che funge da perno. La capacit di un album di riuscire a creare la simultaneit, tanto nei risultati artistici che sensoriali, merce rara; per questo il progetto del piano-metal risulta come insolito e magnifico, dedicato a tutti quelli che cercano qualcosa di diverso e emotivamente coinvolgente. Cercando di carpire anche il bel significato che gli In Legend hanno voluto inserire: "Non chiamarlo il tuo sogno, ma rendilo la tua vita."



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
37.92 su 27 voti [ VOTA]
fabio II
Luned 1 Agosto 2011, 13.38.34
2
Ho comprato il cd a fine sett. e li trovo molto ispirati; creano un'effettistica metal senza usare lo stumento perno ( un p come i Quatermass per il rock nei '70 ) ed hanno ottime melodie che potranno piacere sia ai fans del power che del class. Se vi capita concedetegli almeno un ascolto
Disimaco
Venerd 24 Giugno 2011, 0.34.00
1
L'intero album ascoltabile in streaming sul sito ufficiale della band. Da ascoltare con le cuffie in ufficio cercando di non fare headbanging per non farsi sgamare. O in metro. O in casa a volume proibitivo. Eccezionale.
INFORMAZIONI
2011
SPV/Steamhammer
Power
Tracklist
1. Heaven Inside
2. Pandemonium
3. Elekb
4. At Her Side
5. Vortex
6. Life Is Up To You
7. The Healer (inkl. Remedy)
8. Yue
9. Soul Apart
10. Stardust (feat. Inga of Van Canto)
11. A Hanging Matter
12. Prestinate
13. Heya
14. Universe
Line Up
Bastian Emig (Piano, Vocals)
Daniel Wicke (Bass Guitar)
Dennis Otto (Drums)
 
RECENSIONI
ARTICOLI
27/05/2011
Intervista
IN LEGEND
Pianoforte, ballate e proiettili
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]