Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Premiata Forneria Marconi
Emotional Tattoos
Demo

Cortex Complex
Memoirs of an Apocalypse
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/11/17
ALMANAC
Kingslayer

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
TAAKE
Kong Vinter

24/11/17
HOUSTON
III

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
GENUS ORDINIS DEI
Great Olden Dynasty

CONCERTI

23/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
QUIRINETTA - ROMA

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS ----> ANNULLATO!
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

24/11/17
6TH COUNTED MURDER + KALIAGE
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

24/11/17
UFOMAMMUT + GUESTS
EREMO CLUB - MOLFETTA (BA)

24/11/17
INDACO + MOUNTAINS OF THE SUN
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

24/11/17
SHAMELESS + TUFF
DEDOLOR - ROVELLASCA (CO)

25/11/17
THE MODERN AGE SLAVERY + DESPITE EXILE + AMBER TOWN
LA TENDA - MODENA

25/11/17
COUNCIL OF RATS + NIDO DI VESPE + MALLOY
CASEIFICIO LA ROSA - POVIGLIO (RE)

Saxon - Call To Arms
( 7783 letture )
Accompagnato da una delle copertine più brutte che la musica ricordi, Call To Arms è, ad oggi, il miglior disco heavy del 2011. Per una volta, in pratica, hanno ragione pubblicità, presskit, interviste e persino le recensioni sulle riviste (questo veramente un caso unico), quando dicono che i Saxon stanno vivendo una seconda jeunesse dorée, guidati più che mai da Biff Byford, leggenda vivente del rock inglese. Oggi, a trentadue anni dal debutto, i Saxon sono aristocrazia metallara a tutti gli effetti, e noi siamo felicissimi di dimenticare una carriera non sempre straordinaria (Destiny? Mai sentito...) per celebrare dei veri guerrieri, uomini di carne e sangue come tutti noi che sono però Storia.

Inutile quasi che mi metta a parlare di sound: se non conoscete i Saxon dovete mettere il cappello con le orecchie d'asino e ascoltare Strong Arm of The Law (1980, ragazzi, NWOBHM piena) dietro la lavagna. Quello che invece è interessante notare è il fattore-produzione: con Biff e Toby Jepson dietro la console, il muro sonoro eretto dal quintetto inglese acquista una compattezza senza precedenti (anche se a volte le parti vocali spiccano un po' troppo in termini di volume), creando un efficace mix di feeling e modernità. Giusto per ribadire, in caso ce ne fosse ancora bisogno, che suonare old school non significa cercare di ricreare quel caratteristico effetto dato dalla combinazione di uno scantinato umido e di un registratorino giapponese da cento euro quanto, piuttosto, la ricerca di un'atmosfera che renda merito all'età dei musicisti. Sembrerà assurdo, ma la forza dei Saxon è proprio quella di non poter sembrare giovani: questo permette di avere un volto immortale, e tra le due so cosa preferisco. Rispetto anche alla produzione più recente, spicca a occhio nudo la scelta lirica improntata da una parte sul ricordo di valori classicamente NWOBHM (Back in 79, al cui coro hanno partecipato 79 fan, è Denim and Leather riveduta e corretta) o tipici dei cinque dello Yorkshire (Ballad For The Working Man), dall'altra sul recupero di una vena mitologico-geurresca che ha sporadicamente fatto capolino nella produzione della band. Così, a partire dal primo singolo Hammer of The Gods, passando per Mists of Avalon e arrivando alla title-track (con annessa strepitosa versione orchestrale), la mitologia norrena è piegata al verbo saxoniano -una vita di lotta perenne, che è la guerra del lavoratore che deve tirare avanti, e non un polpettone pseudo-fantasy, si badi. Quando ai cinque guerrieri si unisce la tastiera di Don Airey, poi, c'è davvero un senso di magia che traspare (e pensare che quando i Saxon erano giovani l'idea di mettere tastiere in un disco heavy era considerata ridicola...) e nobilita le strutture sonore.

Biff e soci chiamano alle armi, e si spera che i fan rispondano in massa a una delle istituzioni leggendarie del metal che ancora vive a testa alta, nonostante (o forse proprio a causa di) tutte le difficoltà incontrate in una carriera di trentadue anni che ci consegna una band quasi feroce nella sua energia, quasi perfetta nelle sue espressioni creative. Non è da me lanciarmi in proclami che esaltano lo spirito sacro del vero metallo, e non è da me giudicare una band per il suo passato (anche a costo di essere severo più del dovuto): conta solo il presente, il disco in quanto tale, e credetemi, Call to Arms vale il prezzo del biglietto, tanto che lo consiglierei anche a chi, venuto da Marte, mi chiedesse un album rappresentativo dei Saxon.



VOTO RECENSORE
86
VOTO LETTORI
69.16 su 54 voti [ VOTA]
THOR OF VALHALLA
Lunedì 25 Febbraio 2013, 23.16.59
21
Non è da tutti dopo più di 30 anni di onorevolissima carriera riuscire a comporre ancora grandissimi dischi ma i Saxon ci riescono benissimo!!!!Ma quanto spacca Hammer of the gods!!!!!!!!Dopo che lo avevano fatto i Manowar nel 2002 adesso tocca ai Saxon richiamare i metallari alle armi!!!!!!!
Cujo
Venerdì 25 Gennaio 2013, 19.35.03
20
Che band !! disco stupendo !! voto 90 bellissimi tutti i brani ciao
celtic warrior
Venerdì 29 Giugno 2012, 21.33.04
19
Come non quotare l'utente ladyEvil ? una band ed un disco veramente eccezionali !!!! 90 secco !!!
leo 011
Mercoledì 28 Dicembre 2011, 13.12.37
18
grandissimi saxon....!!!!!! rock sempre !!!!
blackie
Sabato 19 Novembre 2011, 12.53.22
17
stupendo x me il miglior album del 2011.biff non smettera mai di entusiasmarmi,canzoni eccellenti tutto l album su livelli altissimi.grandioso!!!!
ladyEvil
Sabato 29 Ottobre 2011, 0.24.32
16
Comprato pochi giorni fa, non lo avevo ancora ascoltato...bellissimo!non riesco a smettere di ascoltarlo!
MAIDEN 65
Mercoledì 3 Agosto 2011, 12.55.10
15
In pochi nell’heavy metal sono riusciti a raggiungere i numeri ed i traguardi ottenuti dai britannici Saxon: diciannove album in studio sono un traguardo considerevole considerata anche la qualità media degli episodi che compongono la sterminata discografia del quintetto inglese. IMMORTALI.
jek
Lunedì 11 Luglio 2011, 20.53.08
14
Che cavalcata. Certo che sti vecchietti pestano ancora. Grande disco.
sexon
Sabato 18 Giugno 2011, 11.37.45
13
in perfetto stile saxoniano...grazie Biff e soci
MAIDEN 65
Lunedì 13 Giugno 2011, 20.24.17
12
The Eagle Has Landed
Marietti
Mercoledì 8 Giugno 2011, 22.06.37
11
lcaspita, mia hanno davvero sorpreso! Non li seguivo da tanto tempo ma questo disco mi lascia a bocca aperta. Complimentissimi, è veramente un gran bel disco!
Ivano68
Martedì 7 Giugno 2011, 19.08.42
10
Altro album memorabile dei granitici e mitici Saxon. Non c'è una canzone che non sia grandiosa. Perfetta anche la qualità di registrazione, la voce di Biff è ineguagliabile. Chi critica i Saxon o è prevenuto nei loro confronti o non comprende la vera musica metal anglosassone. Ottimo lavoro Saxon...continuate così!
biker mouse from Mars
Martedì 7 Giugno 2011, 11.04.15
9
come non quotare l'utente Radamanthis qui sotto? un disco ed una band veramente ecceZZZZionali!!
Radamanthis
Lunedì 6 Giugno 2011, 23.47.37
8
Finito di ascoltare proprio ora...me lo sono studiato in serata / sera...che dire? Spettacolare! Disco con i controcogl..., i Saxon stanno vivendo una seconda giovinezza: dal 2004 con Lionheart hanno sfornato un poker d'assi eccezzionale! Alla faccia dei vecchietti....bravi davvero!
Aldkiller
Lunedì 6 Giugno 2011, 0.40.21
7
Disco con le PALLE CUBICHE....Onore ai Saxon! Immortali....
Rashomon
Domenica 5 Giugno 2011, 22.09.42
6
Indubbiamente un buon disco
Luke_Skywalker_666
Domenica 5 Giugno 2011, 1.22.27
5
Gran bel disco !!! Superiore a tutta la loro recente produzione che già di per se non era malaccio, ma questo è decisamente meglio!!! La band sembra jammare con lo spettro dei Thin Lizzy in "Ballad For The Working Man" canzone capolavoro... (speriamo esca anche in vinile)
Riccardo
Sabato 4 Giugno 2011, 19.56.43
4
Lionheart, The Inner Sanctum, Into the Labirynth e ora questo. Credo che a livello compositivo i Saxon siano il gruppo "storico" più in forma di tutto il panorama metal. La NWOBHM non muore MAI!
zoso82
Sabato 4 Giugno 2011, 13.15.27
3
dimostrazione che ci sono ancora band della nwobhm che sanno comporre ancora ottimi dischi. (comunque la copertina non mi dispiace).
Radamanthis
Sabato 4 Giugno 2011, 0.10.56
2
Non vedo l'ora di ascoltarlo...già la rece i ha fatto venire ancor piu' voglia...non vedo l'ora...
Subhuman
Venerdì 3 Giugno 2011, 22.21.34
1
Ottimo, me lo ascolterò al più presto!
INFORMAZIONI
2011
EMI
Heavy
Tracklist
1. Hammer of the Gods
2. Back in '79
3. Surviving Against the Odds
4. Mists of Avalon
5. Call to Arms
6. Chasing the Bullet
7. Afterburner
8. When Doomsday Comes (Hybrid Theory)
9. No Rest for the Wicked
10. Ballad for the Working Man
11. Call to Arms (Orchestral Version)
Line Up
Biff Byford (Voce)
Doug Scarratt (Chitarra)
Paul Quinn (Chitarra)
Nibbs Carter (Basso)
Nigel Glockler (Batteria)
 
RECENSIONI
77
73
80
73
85
76
86
77
75
75
74
70
72
80
78
92
92
65
ARTICOLI
19/12/2016
Live Report
SAXON + OVERTURES
Live Club, Trezzo sull’Adda (MI) - 14/12/2016
04/07/2013
Intervista
SAXON
Biff Byford ai nostri microfoni
26/05/2011
Live Report
SAXON + CRIMES OF PASSION + VANDERBUYST
New Age, Roncade (TV), 26/05/2011
07/05/2007
Intervista
SAXON
La data di Roma
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]