Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Premiata Forneria Marconi
Emotional Tattoos
Demo

Rust
Rust
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/11/17
HYPERION
Dangerous Days

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
WILDNESS
Wildness

24/11/17
HOUSTON
III

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
DEGIAL
Predator Reign

CONCERTI

19/11/17
CRIPPLED BLACK PHOENIX + EARTH ELECTRIC + JONATHAN HULTEN
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

19/11/17
ROCK TOWERS FESTIVAL
ESTRAGON - BOLOGNA

19/11/17
BACKYARD BABIES + GUESTS
LAND OF FREEDOM - LEGNANO (MI)

19/11/17
SOULS OF DIOTIMA
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

22/11/17
MARILYN MANSON + GUEST
PALA ALPITOUR - TORINO

22/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

23/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
QUIRINETTA - ROMA

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

Saxon - Wheels of Steel
( 8490 letture )
Il 5 maggio del 1980 arriva nei negozi di dischi il secondo album degli inglesi Saxon. L’effetto prodotto dal disco è più o meno quello di una deflagrazione di tritolo dentro una cristalleria -sembra quasi incredibile che a distanza esatta di un anno questo fosse lo stesso gruppo che aveva pubblicato un timido esordio tinto di hard rock settantiano. Uscito appena un mese dopo il debut degli Iron Maiden, Wheels of Steel è, a tutti gli effetti, una delle uscite più importanti e significative dell’heavy metal, bandiera della NWOBHM e classico assoluto ed intramontabile del genere.

Come detto, i progressi rispetto all’omonimo debutto sono assolutamente evidenti: la sezione ritmica di Steve Dawson e Pete Gill, in particolare, “ruba” il segreto della velocità ai Motorhead e spinge i brani del gruppo verso una dinamicità e ritmi assolutamente forsennati, che ben si sposano con le tematiche espresse nelle canzoni. Gang, moto, autostrade e tanto, tanto denim & leather che rimanda al Selvaggio interpretato da Marlon Brando nel 1954, questi i temi affrontati dalla band, che non si fa mancare comunque qualche inflessione più romantica in Suzie Hold On e See The Light Shining. Il resto è un tripudio di vita da strada fino all’armageddon di Machine Gun, brano durissimo chiuso da un finale infuocato e pauroso, ottimamente esplicativo dell’orrore e dello smarrimento provocato dalle tremende raffiche dell’arma. Degna prosecuzione della Machine Gun di Jimi Hendrix, la canzone si innalza come vertice espressivo di un disco comunque compatto e tutto assieme di grande qualità. Non ci sono punti deboli in Wheels of Steel e tutte le canzoni qui contenute sono classici della band: i ritmi indiavolati di canzoni come Motorcycle Man e Freeway Mad si affiancano ai tipici anthem da urlare durante le esibizioni dal vivo e, in questo senso, la titletrack è tuttora utilizzata dalla band a distanza di trent’anni con questo scopo. In mezzo a tanta veemenza heavy metal troviamo un brano che è sicuramente tra i preferiti dai fans del gruppo come 747 (Strangers In The Night), tipicamente hard rock nella struttura e nel refrain che sembra richiamare i conterranei UFO.

Riascoltato oggi, l’album non ha perso nulla del suo vigore ed anche se decenni di watt esasperati hanno sicuramente stemperato l’assalto sonoro condotto dalla band, rendendolo un ascolto “classico” e finanche morbido rispetto ai canoni odierni, non si può negarne il fascino assoluto e il notevole piacere di ascolto. La produzione del veterano Eddie Hinton non è di quelle memorabili e purtroppo nella sua pulizia finisce per svuotare anche eccessivamente l’aggressività dei riff e dei soli prodotti dal duo Oliver/Quinn. L’ugola del grande Biff, pur senza grandi coloriture e con un bagaglio espressivo piuttosto limitato, conferisce carisma e carattere a liriche assolutamente naive che ormai sono bagaglio culturale collettivo. Inutile girare ancora attorno al punto, i Saxon sono uno dei gruppi più amati in assoluto dai fan del metal, uno dei pochi emersi durante la gloriosa stagione della NWOBHM a rimanere in sella nonostante i momenti difficili e le non eccelse qualità tecniche. Wheels of Steel è uno dei dischi che hanno contribuito alla nascita di un genere e che hanno agevolato il suo successo e il suo radicamento nell’immaginario di più generazioni di giovani ribelli e conserva a tutt’oggi il suo valore che, anzi, il tempo non ha fatto che aumentare. Se non avete questo disco, non siete metallari.



VOTO RECENSORE
92
VOTO LETTORI
79.54 su 96 voti [ VOTA]
Fabio Rasta
Sabato 8 Aprile 2017, 8.23.10
96
X Giaxomo: l'argomento è OT, troppo; x non beccarci il cazziatone cerco di rimanere sui binari e il + conciso possibile xchè sono considerazioni che portano ovunque. La forza degli AC/DC è proprio quella della semplicità tipica del primo Blues. Gli idoli di Malcolm e Angus sono/erano MUDDY WATERS, KEITH RICHARDS (X MALCOLM), ma soprattutto CHUCK BERRY, uno degli inventori del R'n'R. Blues e R'n'R, generi semplici, ma basati su un intenso groove, cui gli statunitensi sono + avezzi ad ascoltare avendocelo ormai nel DNA. X quello ti suonano vecchi. E ti spiega le vendite. BIFF e soci avevano idoli e ispirazioni diverse e, a parte HENDRIX x OLIVER, come dici te + settantiane. Se tu ti sparassi come me pere di ROBERT JOHNSON, SKIP JAMES, SON HOUSE e via dicendo, capiresti anche LP come Ballbreaker, criticati alla stragrande, ma per me VERY BLUESY! E' musica da camionisti,redneck,working class, bevitori e gente dura. I (primi) SAXON sono street fightin' gang, motoraduni, bevute e risse, ribellione giovanile e casini vari. Tutti accomunati però da una passione x le donne!!! E qua mi fermo... xchè si va troppo OT.
Giaxomo
Venerdì 7 Aprile 2017, 18.37.57
95
@Rob Fleming: sei stato semplicemente ILLUMINANTE. Complimenti pure da parte mia, ecco perché amo questo sito. @Fabio: io a grandi linee la penso come te, purtroppo tocchi un tasto dolente perché rischierei di diventare logorroico e di andare OT. Il confine tra due correnti è sempre labile agli albori della nascita di un genere (vedi Back in Black) rispetto a ciò che lo precede. Così nella musica, così nella letteratura. Sento e leggo spesso che ci sono album cosidetti "frattura". L'esordio degli Iron Maiden, Ace of Spades, ecc ecc. No, è assolutamente sbagliato. È solo un "qualcosa" che prosegue / rallenta / estremizza / velocizza "qualcosa" di già esistente. Ma il retaggio rimane. Almeno qui, spero di trovarmi con tutti (all'unanimità). Tornando alla tua domanda? Come forse avrai letto qualche giorno fa sotto "Killers", degli anni '70-'80 non butto via niente, eccetto gli AC/DC. Gli AC/DC che apprezzo con Bon Scott, mentre con Brian Johnson li associo troppo alle ferie di paese. Non me ne vogliate ma li ho uditi troppe, troppe volte in macchina di "tamarri" (per usare un eufemismo) che il parallelismo ormai mi vien spontaneo. Certo, non mi lascio influenzare dall'ascoltatore medio ma li vedo come dei "semplici". Ripeto, non voglio offendere nessuno, vengo qui in pace ma nel '70 e '80 c'era di meglio. Molti di voi, lì e qui presenti, potranno confermarmelo e gentilmente spiegarmi quel mare infinito di copie vendute. Quindi? Quindi Saxon e Biff Byfford tutta la vita! Il poker iniziale non ha nulla da invidiare alla produzione post-Scott, però...però...la maggiore accessibilità dei fratelli Young li ha messi in secondo piano, o forse terzo, o forse quarto. Tutto ciò è paradossale se si pensa a quanto vecchi suonassero già allora gli AC/DC e quanto "ottantiano" fosse il sound dei Saxon, seppur, come dici tu, ancorato all'hard rock settantiano.
Fabio Rasta
Venerdì 7 Aprile 2017, 12.48.35
94
P.S. Complimenti! Non erano facili da trovare.
Fabio Rasta
Venerdì 7 Aprile 2017, 12.42.10
93
Visti!!! Vero!!! Confermo! E il cantante potrebbe essere un prototipo di Di'Anno. Una specie di Paul Rodgers + aggressivo. Belli.
Rob Fleming
Venerdì 7 Aprile 2017, 12.29.35
92
Running free è "leggermente" ispirata (nelle linee di basso) a Radar Love, che è un brano del '73, dei magnifici, sublimi, fantastici Golden Earring.
Fabio Rasta
Venerdì 7 Aprile 2017, 11.38.19
91
Di nuovo Rob!!! Non sono del tuo parere alcuni commentatori ormai vetusti qui sui SAXON (2012), ma che imperversano in altre pagine, che imputano alla famigerata pentatonica, il fallimento su tutta la linea di Band come i Nostri qua. X Tino: nessuno ti convincerà mai del contrario di quanto affermi, il confine tra Hard ed Heavy è talvolta così sottile... come nel caso proprio di Back In Black (X questo parlavo di intruso al 69). Infatti non ci proverò nemmeno. invece nei pazzi dei MAIDEN che hai citato, a parte Running Free, che pare anche sia riciclata da un vecchio pezzo dei SAMSON, proprio definirli "puro R'n'R" anche se dopato, perdonami ma è un po' azzardato! E non credo solo x me. Saludos!!!
Psychosys
Venerdì 7 Aprile 2017, 10.47.18
90
Per quanto mi riguarda gli Ac\Dc non sono mai stati Heavy Metal (e mai lo saranno) ma semplice e puro Hard Rock con forti contaminazioni Blues e Rock 'N Roll. I Saxon invece pionieri dell'Heavy Metal, con qualche reminescenza anni '70, ma comunque con un sound che inquadra bene la scena degli '80.
Rob Fleming
Venerdì 7 Aprile 2017, 10.25.10
89
La pentatonica è come il blues. E' la più facile da suonare. La differenza sta nel COME la suoni; le note che scegli; quante ne scegli. E lì non è affatto facile, altrimenti Eric Clapton non sarebbe "God", ma uno dei tanti. Lungi da me imbastire una discussione sulle scale o sul blues che poco o nulla hanno a che fare con i Saxon. Gruppo di cui, però ammetto, ho solo 3 album. Mi piacciono, ma non mi hanno cambiato la vita.
tino
Venerdì 7 Aprile 2017, 9.58.58
88
Scusate se devo insistere sull’ennesima bestemmia ma secondo me back in black (e il successivo) è patrimonio indiscutibile dell’heavy metal. Ora è un album che va di moda e lo ascoltano praticamente tutti (e per fortuna dico io) e viene generalmente classificato hard rock, ma all’epoca quando sentì hells bells con quei suoni e soprattutto con quella voce aspra e incazzata, non potei che impressionarmi ed accomunarlo alle cose più dure che ascoltavo all’epoca. Inoltre le sonorità erano e rimangono molto moderne, a differenza di roba più comunemente definita hard rock che non apprezzavo allora ed ho rivalutato solo in età più adulta (black sabbath, zeppelin, purple, primi ac dc). Poi anche se gli acdc hanno passaporto australiano, sono comunque quasi tutti britannici o di origine britannica e quindi patrimonio albionico, un po’ come celtic frost o coroner che nonostante la carta d’identità elvetica sono considerati da sempre patrimonio germanico. Poi, tornando ai saxon, loro si allineano alla corrente rock’n’roll oriented degli acdc johnsoniani meno blues e più moderni, forse un po’ più aggressivi, ma non di quel tanto. Brani come stand up and be counted, wheels of steel, motorcycle man, machine gun, freeway mad, street fightin, sono puro e semplice rock’n’roll, di quello che si potrebbe tranquillamente ballare alla happy days. A dire il vero anche i primi due album dei maiden avevano pezzi di puro rock’n’roll dopato, mi viene in mente running free, charlotte the harlot, another life, drifter, purgatory, murders in the rue morgue, innocent exile, sanctuary,
Fabio Rasta
Venerdì 7 Aprile 2017, 9.44.56
87
Ah! Giaxomo, però non si finisce mai di imparare. X esempio prima di risponderti ho dovuto andare a vedere chi era Petrucci x evitare smarroni. Vedi... sono cresciuto x strada ma vivo nei boschi e faccio l'eremita da molti anni oramai, e solo x caso e grazie ad un lavoro + "morbido", grazie al quale mi appoggio a internet, ho scoperto la "bibbia" METALLIZED. Questo ha approfondito le mie analisi antropologiche, che, come vedi, non fa solo Raven con i suoi macchiavellici pesci d'aprile. Tornando a noi, mi fa piacere che la mia crociata "salviamo la pentatonica" sia appogiata da qualcuno. Uniti si vince! Scherzi a parte... mi interessa la tua su Wheels Of Steel, soprattutto se sei giovane, il passato è le nostre radici. Stretta di mano!!! P.S. I virtuosi non li critico, anzi, li invidio un po'. Però mi annoiano a morte!!!
Giaxomo
Venerdì 7 Aprile 2017, 9.05.28
86
@Fabio Rasta: Grandissima analisi, si vede che macini il genere (e le relative sfumature) da un sacco di tempo! Chi non apprezza la pentatonica, si merita Petrucci 8 ore di fila senza pausa. Non il Petrucci degli esordi, bensì quello degli ultimi 3 album Fabio certo che in quel 1980 ce n'era per tutti i gusti e palati!
Fabio Rasta
Venerdì 7 Aprile 2017, 8.41.50
85
Bisogna vedere cosa si intende x classe. I SAXON vengono spessissimo paragonati in questo modo agli IRON, l'ho sentito almeno un centinaio di volte. Ma si parla di due approcci totalmente diversi. Se nei MAIDEN la base è dettata dal virtuoso basso di HARRIS unito alle funamboliche evoluzioni del batterista, nei SAXON, almeno nei primi, il ritmo è dettato dal basso pulsante di STEVE DAWSON, con un ritmo di batteria "alla PHIL RUDD accelerato". Questo xchè, come sottolinea terzo menati, la loro musica era intrisa di quel R'n'Blues di cui negli IRON si era persa quasi ogni traccia. Tutto questo mi ha portato ad una riflessione: non sarà che il prototipo del fan "a oltranza" dei MAIDEN, detesti, o quantomeno non concepisca, il vecchio dettame Blues, mentre chi apprezza anche SAXON e MOTÖRHEAD, giusto per rimanere in tema, sia + propenso, o + legato, rispetto ai primi, ad un approccio "settantiano", potendo apprezzare in tal modo sia l'una che l'altra corrente? E' un mio pensiero che però, leggendo da un po' i commenti vari sul sito, ha preso sempre + forma. A partire già da uno dei miei primi increduli commenti (56). Qualcuno ha qualche idea in proposito sul xchè certa gente odia così svisceratamente la scala pentatonica? Sono gli stessi che fanno a pezzi KIRK HAMMETT nei commenti sui METALLICA.... Saluti. STAND UP AND BE COUNTED!!
nonchalance
Giovedì 6 Aprile 2017, 19.00.25
84
Neanche a me interessa più di tanto la tecnica, se fine a se stessa..però, non si può negare che, sia Iron Maiden che Judas Priest, pur non facendo chissà quali acrobazie, suonavano con più classe degli stessi Saxon. - Io, piuttosto, escluderei AC/DC e Motorhead dalla lista: entrambi hard rock e, i primi non proprio di tradizione "inglese". Anche se non appertenenti alla scuola funambolica dei vari Deep Purple o Led Zeppelin, sempre di hard rock si tratta..più che di heavy metal!
terzo menati
Giovedì 6 Aprile 2017, 18.53.48
83
Un saluto Fabio. I saxon erano rock n roll puro metallizzato e suonano oggi più freschi che mai. Wheels un capolavoro anche se di poco preferisco strong arm
Fabio Rasta
Giovedì 6 Aprile 2017, 18.50.05
82
X terzo menati: hai centrato il punto, In questo caso sono le canzoni a fare la differenza, e, se mi concedi, la credibilità con la quale le proponi. Un saluto anche a te!
Fabio Rasta
Giovedì 6 Aprile 2017, 18.44.23
81
Come avrai capito, non sono mai stato un fanatico della tecnica, prediligendo l'energia e il gusto. Ma quando questi vanno a braccetto con la bravura e il talento (come RANDY RHOADS, già che hai citato il mitico esordio di OZZY), beh li nun se battono... Il periodo dei SAXON "glam" fuori tempo massimo lo ricordo bene purtroppo, e "ridicolizzati" è proprio la parola giusta. Saluti!
terzo menati
Giovedì 6 Aprile 2017, 18.29.07
80
Per me non basta esserci stati per essere accomunati. On through the night non mi sembra niente di che paragonato ai successivi high and dry.e soprattutto pyromania. Idem gli Angel witch. Non li ascoltavo allora, non li ascolto ora e non sono stati fondamentali per la mia formazione personale...ovviamente è la mia opinione. I saxon non saranno mai stati dei fenomeni ma avevano le canzoni...e che canzoni
nonchalance
Giovedì 6 Aprile 2017, 18.21.48
79
Mentre, invece, sugli album "fondamentali" di quell'anno lì, io ci metterei anche "Angel Witch" - "Heaven and Hell" - "On Through the Night" - "Blizzard of Ozz". Subito dopo arrivarono i vari Diamond Head, Demon, Raven e Venom a modificare le coordinate del genere.
nonchalance
Giovedì 6 Aprile 2017, 17.49.29
78
Bah, cosa ti posso dire: quelli usciti per la EMI li ho tutti e, mi piacciono anche quelli cosiddetti commerciali. Ovviamente, i migliori sono quelli del trittico "Wheels of Steel" - "Strong Arm of the Law" - "Denim and Leather". Poi, per alcune scelte sbagliate e per la voglia di sfondare a tutti i costi negli U.S.A., si sono sia snaturati che ridicolizzati e, hanno perso entrambi gli schieramenti che li sostenevano. Io, comunque, li ho sempre considerati inferiori a tutti gli altri..per il semplice fatto che, non si sono nè "raffinati" e ne hanno migliorato le loro capacità esecutive! O meglio: non sono mai stati dei mostri di tecnica e non hanno mai progredito, sempre rispetto ai colleghi più nobili. Quindi, la colpa può essere imputata direttamente agli stessi membri della band..
Fabio Rasta
Giovedì 6 Aprile 2017, 15.56.47
77
Ciao nonchalance. E' vero! Non sono mai stato colto. E neanche un' aquila. Ma me ne faccio una ragione. Ma qualcosa sui SAXON scrivila anche te già che ci sei.
nonchalance
Giovedì 6 Aprile 2017, 14.49.18
76
@Fabio Rasta: E già..che peccato! Ma, mi sa che, anche il significato di "nonchalance" e "rancore" non ti sia tanto chiaro.. Comunque, qua non si parla di medicina. Ciao!
Fabio Rasta
Giovedì 6 Aprile 2017, 14.17.08
75
Che peccato che una discussione interessante si riduca a una lezione di italiano. Se si capisce il senso basta e avanza. Il postumo, ad esempio in medicina, è svicolato all'idea della morte. Se stiamo agguardare (fatto apposta) tutte le inezie chiudiamo tutti i siti d'Italia. X nonchalance.... senza rancore... con nonchalance.....
nonchalance
Martedì 4 Aprile 2017, 19.59.44
74
Comunque, "postumo" si usa quando l'autore è morto prima dell'uscita dell'opera..
Fabio Rasta
Martedì 4 Aprile 2017, 18.54.37
73
Ciao Rob! La scelta di British è legata al famoso Poker targato 1980! Anch'io adoro Screaming, ma è postumo; era trascorsa un'epoca intera (e un quantomeno bizzarro Point Of Entry) fra i due anni che passano tra l'uno e l'altro. Tutto lì... Stretta di mano.... A proposito, se torni su Ace Of Spades scoprirai che la pensiamo allo stesso modo. Invece appena potrò andrò a leggere le tue sui JUDAS. Purtroppo adesso devo scappare ma ci ribecchiamo senz'altro. Suerte..........
Rob Fleming
Martedì 4 Aprile 2017, 18.37.51
72
@Fabio Rasta: nessuna questione sul debutto dei Maiden e Ace of Spades (e sono d'accordissimo su quanto scrivi sui Motorhead). Non sono d'accordo sulla scelta di British Steel per le ragioni che ho espresso nell'apposita recensione. Screaming for Vengeance E', per me, l'album HM dei Priest; dall'inizio alla fine. Ma son quisquiglie. Sicuro Wheels of steel lo è. E molto.
Fabio Rasta
Martedì 4 Aprile 2017, 17.27.13
71
Ciao Tino. No, lo so..... intruso xchè e caso a sè. Sui motivi ci si potrebbe scrivere una tesi di laurea, un libro mastro, un trattato... X non andare troppo OT ti risponderei che il mio ipotetico poker parla di HM, e Back In Black NON è Heavy Metal. Lo è "solo un Po'". Anche i MOTÖRHEAD non sono HM, però lo è Ace Of Spades. Come ti sembra come spiegazione? Attendo riscontri...
tino
Martedì 4 Aprile 2017, 17.12.02
70
sono d'accordo. Ma back in black non è un intruso, è una trave portante, più di highway to hell.
Fabio Rasta
Martedì 4 Aprile 2017, 17.06.38
69
X me è veramente un mistero il fatto che questi SAXON siano usciti dall'olimpo dei grandi nomi, sia fra le nuove leve, sia tra i veterani che avrebbero il compito di "instradare" queste ultime, così come i vecchi Rockers fecero con me a suo tempo. Eppure tra British Steel, Ace of Spades, Iron Maiden e Back In Black (anche se questo fa caso a parte), non può e non deve mancare Wheels Of Steels. Se togliamo infatti "l'intruso" Back In Black", non possiamo non notare come il poker d'assi che definì i vari dettami del genere, sia incompleto senza i Motorcycle Men. Questo LP è patrimonio dell'umanità e capolavoro al pari degli altri citati, ma inspiegabilmente scomparso dall'immaginario collettivo. Quasi come stessimo parlando dei Tygers Of Pan Tang, bravissimi, x carità, ma già di nicchia all'epoca. E' nostro dovere, parlo dei + anziani, continuare a promulgare questo disco al pari degli altri x far si che non vada nel dimenticatoio. Sarebbe un vero delitto. Saluti a tutti!
Burning Eye
Martedì 4 Ottobre 2016, 21.46.40
68
Il primo dei Saxon che presi e fu amore.
Mulo
Lunedì 26 Settembre 2016, 14.27.02
67
Discone questo,gtan tiro x il 1980 e poi c'è 747... 95/100
Hermann 60
Giovedì 8 Settembre 2016, 15.32.52
66
Ma cazzo @Jonny se continui a fare dei commenti del genere c'è il rischio di vederti tra i recensori di Metalized. Non è una presa per il culo, complimenti, io con due righe di commento ho liquidato un disco del genere, Meno male che ci hai pensato tu a valorizzarlo a pieno. un metalsaluto a te e a tutti imetallari.
terzo menati
Martedì 9 Agosto 2016, 21.32.57
65
Anche io sottoscrivo pure le virgole jonny. Hai fatto un'ottima sintesi
jonny
Martedì 9 Agosto 2016, 21.29.04
64
La penso come te terzo menati, anchhe io considero Strong Arm of The Law il loro apice, da 100 anche per me, ma anche in questo ci sono canzoni che mi fanno impazzire come Motorcycle Man, brano sfrecciante come una moto, con quel rombo di motore affiancato da un riff strappaneuroni di Oliver e una prova vocale di Biff veramente eccelsa, impreziosita da assoli mozzafiato del duo di chitarre Quinn-Oliver, tanto di cappello a cotanta maestria, per non parlare del brano di chiusura Machine gun, alta bomba da toglierti il fiato, velocita' e potenza motorhefiane che si sposano con l 'immensa classe dei Saxon, strepitosa nella sua portata, gli fa da contraltare in opposto la lenta , romantica e melodica Suzie Hold On, ricca di tecnica e sensibilita' affascinanti, fantastica anche Freeway Mad, con quel magico intro di batteria di Gill ad aprire il brano che poi prende ritmi sostenuti e diventa pura goduria sonora, classici da antologia poi la titletrack e 747, la titletrack e' un vero e proprio inno heavy stupendo, retrogusto alla Ted Nugent innestato sulla personalita' sonora tutta made in Saxon, tanto di complimenti e aplausi scroscianti a questi signori della NWOBHM, uno stile inconfondibile, hard rock e heavy metal che si fondono , chitarre , basso e batteria perfetti, mi mandono in estasi i loro tipici riffa taglienti,e al contempo rocciosi, e potenti suonati con un bibrato particolare e molta , molta ed efficente personalita'.Un vero peccato per me essermeli persi a sto giro, avrei boluto rivederli.Gran bel album.Grandi Saxon.
terzo menati
Martedì 9 Agosto 2016, 20.04.58
63
Il mio 100 e' per strong arm na questo e' per me da 98, idem denim and leather.
Psychosys
Martedì 9 Agosto 2016, 19.51.08
62
Il mio preferito è Denim And Lether, ma i primi tre dei Saxon sono tutti storia. 88\100
Robby
Martedì 9 Agosto 2016, 19.09.44
61
@simo, offri almeno delle motivazioni.
HERMANN 60
Sabato 4 Giugno 2016, 18.02.40
60
Il mio gruppo preferito, insieme ai Maiden, della mia gioventù, li vidi a Torino durante il tour per questo album, bei tempi, avevo ancora i capelli e bengavo come un pazzo:Album storico 90
rik bay area thrash
Martedì 24 Maggio 2016, 16.21.10
59
io posseggo questo album ! e quindi sono metallaro ! Ahahah .... a parte la battutaccia è innegabile il valore storico e qualitativo di questo album. Per me all' epoca erano i più veloci e 'cattivi' diciamo che erano i 'thrasher' della situazione. Certo che quello che dico va contestualizzato, siamo nel 1980, non scordiamolo e con quello che si ascolta oggigiorno può sembrare eccessiva la mia affermazione. L'album nel suo complesso è di livello eccelso e anche a distanza di tre decenni fa sempre la sua bellissima figura. La setlist dei concerti dei saxon attinge non poco da questo memorabile vinile per la qualità delle song contenute. Grandi saxon !
Rob Fleming
Domenica 7 Febbraio 2016, 16.44.02
58
Un classico dell'HM. 747 è un brano epocale ed il resto non è da meno. 80
Raven
Giovedì 21 Gennaio 2016, 20.22.42
57
Oggi mi sono ricomprato il vinile che si era deteriorato anni fa
Fabio Rasta
Venerdì 23 Ottobre 2015, 10.18.07
56
Commento n° 32 del 30/12/12: ma che gli avrà mai fatto la pentatonica a certi???!!!.... Magari bastasse parlare di moto e saltare sul palco per avere successo... altro che Hall of Fame, a quest'ora sarei nel Vallhalla.... SEE THE LIGHT SHINING!!! ... suerte para todos!!!
Peppe
Mercoledì 7 Ottobre 2015, 6.49.52
55
Diciamo così: se quest album avesse incluso pure princess of The night, avrebbe ricevuto il NOBEL PER IL METAL!
VecchioThrasher
Mercoledì 9 Settembre 2015, 12.37.13
54
Bel album!
simo
Giovedì 6 Agosto 2015, 0.20.54
53
Allora fiero di non essere metallaro
Mulo
Mercoledì 5 Agosto 2015, 22.54.04
52
Ma quale capolavoro! Buon disco ma i capolavori usciti nel 1980 sono altri ( "heaven and hell","angel witch","iron maiden","british steel","blizzard of ozz")
Ad Astra
Mercoledì 5 Agosto 2015, 22.10.04
51
E' come commentare British Steel: Signori ecco servito l'Heavy Metal. Sei sei Metallaro e non li conosci, qualcosa non quadra...
steveout
Venerdì 8 Maggio 2015, 19.46.57
50
senza dubbio , album che contienente il cosidetto CAPOLAVORO , O FORZE PIU DI UNO .... brani come 747 o come wheels of steel - suzy hold on .... rappresentano molto nel mondo del rock e del metal , non fossilizzatevi , ed aprire gli orizzonti, con voglia di scoprire , allora sicuramente , scoprirai che questa band,è una grande band , che fa una grande musica ,, e che non dimenticherai mai piu . NELLA LORO DISCOGRAFIA , PUOI TRANQUILLAMENTE RAGGRUPPARE DEI BRANI , DA FORMARE UNA LISTA MERAVIGLIOSA, DI GRANDE MUSICA , E CON UNA GRANDE VOCE , CHE NON è SOTTO DI NESSUNO , MA BENSI SOPRA GLI ALTRI.
Metallo Berico 1984
Mercoledì 24 Dicembre 2014, 0.36.23
49
Pur ascoltando HM da molti anni mi sono accostato COLPEVOLMENTE in ritardo ai Saxon. Grande album, grande band... semplicemente la Storia!
dario
Domenica 28 Settembre 2014, 12.17.09
48
Album eccezionale al pari di Strong arm of the law. Ogni ascolto è un tuffo nel passato a testimoniare la grandezza della old school. Voto 90.
Weston-super-Mare
Domenica 28 Settembre 2014, 10.34.09
47
Io li adoro, soprattutto i primi album fino al live dell'82. Questo è un grandissimo album di puro heavy metal old school.
Philosopher3815
Lunedì 28 Luglio 2014, 23.38.58
46
I Saxon suonano hard'n heavy,ma lo fanno in un modo che risente molto del piu' classico rock'n roll,un metal tutto loro! non è da tutti
matteo38
Domenica 27 Luglio 2014, 12.35.37
45
quello che qualche commento sotto scrive x è abbastanza vero. peccato che non abbia avuto il coraggio di metterci il suo "vero nic" ma tant'è. la matrice acdc nei saxon degli 80's è molto presente inutile negarlo . nno sono però per nulla daccordo però sull'importanza che x attribuisce a questa band( a mio parere) sicuramente paragonabile se nno uguale a maiden e sabbath. il voto per wheels of steel è minimo 85.
D A X
Sabato 30 Novembre 2013, 0.31.28
44
Totale!! Da avere assolutamente in casa, in triplice copia, giusto per star sicuri.
macho68
Domenica 20 Ottobre 2013, 19.13.42
43
Pietra miliare per tutti i vecchi metallari e consigliato vivamente hai nuovi....insieme a Strong arm of the law da avere assolutamente....personalmente non mi è dispiaciuto neanche Power and the glory
DP
Domenica 20 Ottobre 2013, 14.33.11
42
classico alla Saxon. L'importanza di questo disco , oltre ad essere un piu' che buon lavoro metal a tratti ottimo, e' che con "Wheels Of Steel" si intraprendera' in modo deciso la giusta strada che culminera' con "Strong Arm Of The Law" vertice della band inglese. Rock ' on
davide
Mercoledì 18 Settembre 2013, 21.54.28
41
concordo perfettamente il commento di x gli album dei saxson sembrano tutti uguali comunque voto 78
THOR OF VALHALLA
Lunedì 25 Febbraio 2013, 23.13.19
40
Pochi cazzi,io gli darei 100 tondi questo disco è una pietra miliare dell'heavy metal e ogni vero metallaro dovrebbe averlo nella sua collezione di cd o vinili.Wheels of steel,Motorcycle man e 747 sono tre pezzi che rimarranno per sempre nella storia dell'heavy metal!!!!!!
jek
Mercoledì 2 Gennaio 2013, 20.09.04
39
Concordo al 100% con Nightcomer
il vichingo
Martedì 1 Gennaio 2013, 10.16.43
38
Sono d'accordo anch'io con Nightcomer e, per inciso, questo disco è un capolavoro assoluto! Ciao Celtic, contento di rileggerti, e buon anno a tutti!
Celtic Warrior
Martedì 1 Gennaio 2013, 9.52.42
37
Concordo con The Nightcomer, poi sinceramente i Saxon sono una di quelle band che dal vivo rendono il doppio e coinvolgono il pubblico come in pochi sanno fare , quindi mi chiedo che concerto abbia visto mister X , probabilmente i Saxon non gli piacciono a prescindere .
The Nightcomer
Domenica 30 Dicembre 2012, 22.13.58
36
@ X: con tutto il rispetto, sto chiedendomi quanti anni hai. E poi chi ha detto che la musica, per essere di qualità, debba sempre essere sopraffina a livello di composizione ed esecuzione? A volte la semplicità vale molto più di mille arzigogoli o sterili virtuosismi, senza contare che per esprimere un giudizio si deve contestualizzare. Salvo poche eccezioni, non mi risulta che i gruppi inglesi di quel periodo si discostassero dalla tendenza minimalista; il resto è solo questione di gusti.
lele
Domenica 30 Dicembre 2012, 21.14.49
35
grande disco grandi concerti fino al 1990 o giù di li.....
CauldronBorn
Domenica 30 Dicembre 2012, 21.07.11
34
Uno degli album più belli della NWOBHM, se non il più rappresentativo. Lo preferisco anche a Strong Arm of the Law. Consiglio con affetto un ascolto approfondito a tutti quelli che non lo conoscono a fondo.
Khaine
Domenica 30 Dicembre 2012, 20.56.41
33
X, sei sicuro di conoscere abbastanza bene i Saxon? Ciascuno ha tutto il diritto del mondo ad esprimere la sua (e ci mancherebbe, anzi, qui siete tutti esortati a farlo!) ma Wheels of Steel è un album molto importante. 747 è uno dei brani più rappresentativi della band.
X
Domenica 30 Dicembre 2012, 20.47.22
32
sarò schietto e abbastanza critico. Mi domando come una band che sa suonare solo la pentatonica come gli AC/DC è annoverata come una delle band più influenti dell'heavy metal inglese... Scusate ma fate il paragone con l'album Iron Maiden, Time to tells no line dei Praying Mantis oppure tornando indietro con tutto quello che hanno sfornato i black sabbath prima formazione. Allora qualcuno potrebbe dire, si ma anche i black hanno metà repertorio che suona sulla pentatonica.. Va bene ma se si sente solo la prima canzone di questo album dei Saxon è pari pari uguale a tutte le altre mille mila canzoni che hanno fatto, stesso giro di accordi, stessi rif, stesso cantato da gallina stridula.. Ecc ecc.. La verità è questa, i Saxon hanno fatto storia solo perchè parlano di motociclette e salivano sul palco facendo un bellissimo show tirandosi per tutto il concerto.. (Visti anche il a Romagnano e uscito dopo la terza canzone). Per vedere uno show vado al circo, spendo la metà e mi diverto di più. Morale.. Gruppo monotono che sconsiglio vivamente.
Vecchio Sunko
Domenica 30 Dicembre 2012, 20.46.30
31
Un gradino sotto Strong Arm Of The Law...Grande disco voto: 90
jek
Domenica 30 Dicembre 2012, 20.20.36
30
Non avevo ancora commentato questo disco? Stupendo 95.
Sambalzalzal
Venerdì 31 Agosto 2012, 14.13.18
29
Ehhhhhhh perlamadonna....... grande album, grandi tempi!!!
The Nightcomer
Lunedì 6 Febbraio 2012, 16.00.35
28
Ciao Fabio e Celtic Warrior; fa sempre piacere trovare estimatori di questi albums storici! Sarò nostalgico, ma non riuscirei ad immaginare la scena metal senza bands come questa... Forse hai ragione Fabio per quanto riguarda "Wheels of Steel" (l'effetto sorpresa che ebbe, l'enorme impatto dei brani, semplici ma freschi ed ispirati, il contributo dato alla N.W.O.B.H.M.)... A volte, per giudicare il valore di un disco sulla distanza, penso ad una cosa: anche non ascoltandolo da tempo, se ricordo bene i classici in esso contenuti... Beh, forse un motivo ci sarà!
Celtic Warrior
Lunedì 6 Febbraio 2012, 15.45.40
27
Grande fabio II Saxon forever !!!
fabio II
Lunedì 6 Febbraio 2012, 15.41.05
26
Ciao Nightcomer e Celtic; beh se uno ascolta heavy e non conosce 'Wheels Of Steel' sarebbe appunto come voler guidare un auto senza ruote ( più tutti gli altri da voi citati, anche se per me questo è proprio, di un pelo, il migliore )
Celtic Warrior
Lunedì 6 Febbraio 2012, 15.35.37
25
Giusto The Nightcomer "The Eagle Has Landed" è un grandissimo live che ascolto ancora molto volentieri
The Nightcomer
Lunedì 6 Febbraio 2012, 15.30.59
24
I Saxon, oltre ad essere autorevoli rappresentanti del periodo N.W.O.B.H.M., con la trilogia costituita da "Wheels of Steel", "Strong Arm Of The Law" e "Denim And Leather" sono antrati, secondo me con pieno diritto, nella storia del metal. Volendo essere più completi, aggiungerei anche il live "The Eagle Has Landed" del 1982.
Celtic Warrior
Lunedì 6 Febbraio 2012, 13.03.24
23
Saxon una band che è la storia del Heavy Metal e che a insegnato come va suonato, tanto in studio quanto e se non di più sul palco . Album che secondo me è un CAPOLAVORO !!!!
Giaxomo
Venerdì 27 Gennaio 2012, 19.21.26
22
Spettacolare, imperdile, pura atmosfera anni '80. (747) Strangers in the night! Divina.
Maurizio
Venerdì 27 Gennaio 2012, 17.33.15
21
Clamoroso per i tempi ma pochi mesi dopo arriverà il loro picco assoluto, Strong Arm of the Law.
Giacomo
Venerdì 6 Gennaio 2012, 11.28.22
20
Comprato a 5 euro e 90.. Semplicemente da panico
MAIDEN 65
Mercoledì 27 Luglio 2011, 18.32.07
19
CAPOLAVORO.
blackie
Martedì 12 Luglio 2011, 1.44.50
18
sono cresciuto con questo capolavoro so nota x nota secondo x secondo!troppe emozioni troppi ricordi un album fondamentale 9 canzoni inarrivabili basti pensare a 747,see the light shinning,motorcycle man e la mitica wheels of steel un gruppo fondamentale grandiosi!mitici!che disco ragazzi......inarrivabile.
N.I.B.
Sabato 11 Giugno 2011, 10.17.57
17
Mamma mia che bei tempi, quando uscivano "Dischi" come questo... ASSOLUTAMENTE DA AVERE...!!
Er Trucido
Venerdì 10 Giugno 2011, 12.29.52
16
Grande classico del nostro genere, da avere. In questo periodo lo vendono a 5 €, chi non ce l'ha si faccia un favore e lo prenda.
AL
Venerdì 10 Giugno 2011, 11.54.24
15
747 la mia preferita in assoluto. devo dire però che questo gruppo è discreto e nulla più..
pep
Mercoledì 8 Giugno 2011, 23.34.01
14
l'a b c dell'hard rock/heavy metal, con questo album si inizia a fare sul serio, indimenticabile.
Echoes
Mercoledì 8 Giugno 2011, 19.50.17
13
anche se gli preferisco di poco Strong arm of the law questo è un akbum che fa concorrenza ai Priest
BILLOROCK fci.
Lunedì 6 Giugno 2011, 11.32.58
12
Questi, sono i nonni del hardrock moderno.... m inginocchio... grandi saxon e grande album !! 80 il voto
Flag Of Hate
Domenica 5 Giugno 2011, 12.44.46
11
Clamoroso. 99/100. Insieme a "Killers" e ad "Angel Witch" è la quintessenza della NWOBHM. Quoto sia la rece (bella come sempre, Lizard!) sia tutti i commenti sottostanti.
Undercover
Domenica 5 Giugno 2011, 12.34.45
10
Storia, non perdo neanche tempo a dire cosa mi piace e cosa no, perché il no non esiste in una release simile.
Radamanthis
Domenica 5 Giugno 2011, 12.07.49
9
Che disco da paura...spettacolare heavy metal puro e duro!
Electric Warrior
Domenica 5 Giugno 2011, 9.50.44
8
concordo con i commenti precedenti. Disco superbo!
LAMBRUSCORE
Domenica 5 Giugno 2011, 8.52.58
7
x lontano:io non sono certo un "vero metallaro" , ma ho il vinile e lo considero un capolavoro, tutti gli amanti del rock in generale devono averlo, secondo me.
Lontano
Sabato 4 Giugno 2011, 21.00.40
6
Un must assoluto che deve presenziare in prima fila nella collezione di un vero metallaro (possibilmente in vinile). Io conobbi i Saxon qualche anno dopo, e il mio spacciatore di vinili dell'epoca, mi consiglio proprio il trittico Wheel / Stron Arm / D&L, che acquistai qualche settimana dopo (15000 lire l'uno, l'equivalente di tre paghette settimanali). Ancora oggi lo ascolto ogni tanto e sempre con piacere
Subhuman
Sabato 4 Giugno 2011, 20.55.02
5
@hm is the law: qualcuno mi ha chiamato?
Frankiss
Sabato 4 Giugno 2011, 20.35.03
4
Un platter della madonna.....saxon rules!!!!
luci di ferro
Sabato 4 Giugno 2011, 20.13.39
3
un MUST del metallo pesante 100/100 da avere!!!!!!!!!!!!
hm is the law
Sabato 4 Giugno 2011, 19.02.48
2
Disco disumano!
Subhuman
Sabato 4 Giugno 2011, 18.52.46
1
Pilastro della religione! La triade sacra 'Wheels of Steel', 'Strong Arm of the Law' e 'Denim and Leather' è di quanto meglio sia stato partorito negli anni '80!
INFORMAZIONI
1980
Carrere Records
Heavy
Tracklist
1. Motorcycle Man  
2. Stand Up and Be Counted  
3. 747 (Strangers in the Night) 
4. Wheels of Steel  
5. Freeway Mad  
6. See the Light Shining  
7. Street Fighting Gang  
8. Suzie Hold On  
9. Machine Gun  
Line Up
Biff Byfford (Voce)
Graham Oliver (Chitarra)
Paul Quinn (Chitarra)
Steve Dawson (Basso)
Pete Gill (Batteria)
 
RECENSIONI
77
73
80
73
85
76
86
77
75
75
74
70
72
80
78
92
92
65
ARTICOLI
19/12/2016
Live Report
SAXON + OVERTURES
Live Club, Trezzo sull’Adda (MI) - 14/12/2016
04/07/2013
Intervista
SAXON
Biff Byford ai nostri microfoni
26/05/2011
Live Report
SAXON + CRIMES OF PASSION + VANDERBUYST
New Age, Roncade (TV), 26/05/2011
07/05/2007
Intervista
SAXON
La data di Roma
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]