Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Psychotic Waltz
The God-Shaped Void
Demo

Ira Green
7
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

21/02/20
BIFF BYFORD
School Of Hard Knocks

21/02/20
PAIN CITY
Rock And Roll Hearts

21/02/20
VINNIE MOORE
Soul Shifter

21/02/20
VERIKALPA
Tuoppitanssi

21/02/20
H.E.A.T
H.E.A.T

21/02/20
OZZY OSBOURNE
Ordinary Man

21/02/20
SECRET RULE
Against

21/02/20
INVOCATION
Attunement to Death

21/02/20
ISLE OF THE CROSS
Excelsis

21/02/20
DEMONS & WIZARDS
III

CONCERTI

21/02/20
LORDI + TARCHON FIST + FLESH ROXON
REVOLVER - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

21/02/20
NANOWAR OF STEEL
VOX CLUB - NONANTOLA (MO)

21/02/20
ASPHODELIA + GUESTS
EXTREME FOVEA ATTACK - FOGGIA

21/02/20
WICKED ASYLUM + VIOLAFUEL
DEDOLOR MUSIC HEADQUARTER - ROVELLASCA (CO)

22/02/20
STIGE FEST
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

22/02/20
UNEARTH + PRONG + DUST BOLT
LEGEND CLUB - MILANO

22/02/20
NANOWAR OF STEEL
LARGO VENUE - ROMA

22/02/20
OTTONE PESANTE
ZIGGY CLUB - TORINO

22/02/20
GLI ATROCI
VIDIA CLUB - CESENA (FC)

22/02/20
CRIPPLE BASTARDS + GUESTS
MK LIVE CLUB - CARPI (MO)

Alastor - Demon Attack
( 2229 letture )
Gli Alastor sono un gruppo portoghese formatosi nel 1988 e ruotante attorno al chitarrista e leader carismatico JA aka Desecrator. Dopo svariati anni di assenza dalle scene tornano alla ribalta con l’album Demon Attack che contiene undici nuovi pezzi, più come appetitoso bonus l’intero primo album Gates Of Darkness risalente al 1996.

La proposta musicale di questo combo si attesta nettamente sul canonico black/thrash dei primordi con influenze a tratti imbarazzanti di formazioni storiche come Venom e Slayer. Si tratta infatti di un lavoro che, se fosse stato pubblicato nel periodo d’oro del genere, quello di Welcome To Hell e Show No Mercy tanto per citare due autentici must, avrebbe avuto una sua oggettiva valenza; francamente, però, nell’anno di grazia 2011 seguire pedissequamente in maniera quasi ossessiva quelle medesime direttrici musicali appare non soltanto anacronistico, ma soprattutto inutile. I nostri baldi portoghesi ci hanno anche regalato l’ebbrezza di due cover (Red Hot estrapolata da Shout At The Devil dei Mötley Crüe e Children Of the Grave, conosciutissimo capolavoro sabbathiano) con il risultato di svilire ancor di più il risultato complessivo: improponibile qualsiasi termine di paragone e non aggiungo altro perché sono a rischio bestemmie. I pezzi -date per mera curiosità un’occhiata ai titoli perché sono di una banalità allucinante- non lasciano spazio a possibili varianti al solito consolidato trito e ritrito cliché composto da riff assassini e veloci, dal vocalism in puro stile black di GC -impegnato ad urlare liriche intrise di satanismo all’inverosimile- e dalla sezione ritmica che svolge il suo compitino in modo assolutamente accademico. I momenti migliori si apprezzano negli assoli di chitarra disseminati qua e là che pongono in evidenza una valida capacità tecnica complessiva. Difficile parlare dei singoli brani perché in linea di massima dovrei ripetermi inutilmente con il rischio di annoiare il lettore, posso, però, affermare che la qualità complessiva di Gates Of Darkness risulta addirittura superiore a quella delle altre tracks di Demon Attack, fatto che non fa che peggiorare in un certo qual modo il giudizio complessivo su questa evitabilissima band.

In conclusione Demon Attack è un full lenght destinato unicamente agli inguaribili nostalgici che vogliono rivivere a tutti i costi le atmosfere magiche del black di un tempo: forse, chissà, gli Alastor hanno in realtà solo tale obiettivo, e magari riusciranno anche nell’intento di accontentare buona parte dei nostalgici. Personalmente lo ritengo un platter totalmente superfluo e poco coraggioso. Chiosa finale: nella mitologia greca classica Alastor era il soprannome di Zeus punitore delle malefatte e giudice universale; prenderà, quindi, provvedimenti anche contro JA e compagni?



VOTO RECENSORE
50
VOTO LETTORI
36.80 su 26 voti [ VOTA]
Hermann 60
Martedì 19 Luglio 2016, 13.48.04
2
Sono un nostalgico del black/thrash metal di un tempo quindi questo disco mi piace e gli piazzo un bel 75
BILLOROCK fci.
Giovedì 9 Giugno 2011, 13.28.27
1
beh mi sembra un voto un pò crudele.... per una band portoghese, paese che non è certo una fucina di gruppi metal!!
INFORMAZIONI
2011
War Productions
Thrash/Black
Tracklist
01 - Antes do Ataque
02 - Pura Devastação
03 - Evocação a Lilith
04 - Necromante
05 - As Portas do Inferno
06 - Hino Funebre
07 - Fogo e Sangue
08 - Orgia Nocturna
09 - A Mão esquerda de Deus
10 - Red Hot (Mötley Crüe cover)
11 - Depois do Ataque
12 - Through the Gates
13 - Sacrifice to Satan
14 - Hell on Earth
15 - No Exorcism
16 - Bestial Wrath of the Antichrist
17 - Possessed by Darkness
18 - Children of the Grave (Black Sabbath cover)
19 - Spawn of evil
Line Up
JA – Guitars
NS – Guitars
GC - Vox and bass
FS - Drums
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]