Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Slipknot
We Are Not Your Kind
Demo

Atlas Entity
Beneath the Cosmic Silence
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

23/08/19
DEADTHRONE
Premonitions

23/08/19
DOMINATION INC.
Memoir 414

23/08/19
LAGERSTEIN
25/7

23/08/19
METH.
Mother of Red Light

23/08/19
ISOLE
Dystopia

23/08/19
DEVIN TOWNSEND
Eras part IV

23/08/19
SACRED REICH
Awakening

23/08/19
ILLDISPOSED
Reveal Your Soul for the Dead

23/08/19
NEMESEA
White Flag

23/08/19
AVIANA
Epicenter

CONCERTI

23/08/19
NECRODEATH + GUESTS
FESTA BIKERS - COLOGNO AL SERIO (BG)

23/08/19
POVOROCK (day 1)
AREA FESTEGGIAMENTI - POVOLETTO (UD)

24/08/19
REZOPHONIC + GUESTS
FESTA BIKERS - COLOGNO AL SERIO (BG)

24/08/19
BREAKING SOUND METAL FEST
SALENTO FUN PARK - MESAGNE (BR)

24/08/19
POVOROCK (day 2)
AREA FESTEGGIAMENTI - POVOLETTO (UD)

24/08/19
METAL REDENTOR FEST
SPAZIO LUPARDINE - PENTIMELE (RC)

25/08/19
BEHEADED + HELION
CIRCOLO SVOLTA - MILANO

30/08/19
DRAKKAROCK (day 1)
VALHALLA PUB - BORGO TICINO (NO)

31/08/19
DRAKKAROCK (day 2)
VALHALLA PUB - BORGO TICINO (NO)

31/08/19
ANGUISH FORCE + GUESTS
ATZWANG METAL FEST - CAMPODAZZO (BZ)

Mechanical Poet - Woodland Prattlers
( 4188 letture )
Si è fatto un gran parlare di questi russi, sia per le aspettative riposte in loro, sia che la Russia non è paese da annoverare tra i paesi più fecondi in campo metal. Perché allora tutto questo polverone? Basta dare un’occhiata alla copertina del disco in questione: non è certo l’immagine che ci si aspetta comprando un album di musica cosiddetta estrema. Ancora prima di ascoltare una sola nota, la quarta di copertina ci informa che il prodotto in nostro possesso non è altro che l’”Original comic book score”, cioè la colonna sonora di un fumetto, che si tratta del libretto del cd. La sola opera grafica meriterebbe il massimo dei voti, perché sembra che tutto sia stato pensato per offrire una splendida confezione alla musica: al posto dei canonici testi e qualche foto del gruppo, la formula usata è quella del fumetto, con i testi delle canzoni come battute dei personaggi. Tutto è stato curato nei minimi particolari, tutto è originale…finora. Non ho ancora inserito il disco nel lettore, ma sono già conquistato…ma cosa aspettarmi? Si parte della prima traccia, l’intro, che nulla toglie e nulla aggiunge al mondo della musica: un intro, e la mia curiosità aumenta. E alla fine l’outro, o “end credits”, come ogni colonna sonora che si rispetti. Il mio viaggio nel loro mondo fatto di arpie, piccoli zombi, anni morenti e troll è finito. Cosa ho trovato? Mi preme precisare che per i Mechanical Poet non riesco a usare il termine prog, ma semmai le loro canzoni vivono di un approccio operistico, dove il cantante si immedesima nei vari personaggi, senza però mai risultare ridicolo, ma dimostrando di essere molto versatile, avendo l’arduo compito di essere interprete dei vari personaggi che compongono l’opera. L’impressione maggiore che mi rimane è che questo disco manchi di solismi, come ad esempio un assolo, ma ciò non è certo un difetto, perché comunque sequenze esclusivamente strumentali non mancano: l’effetto prodotto è una maggiore compattezza e l’ampio respiro che guida l’ispirazione dei Mechanical Poet ne trae giovamento, donando alle loro canzoni una coesione che era facile mancare, data la grande varietà e quantità di idee che si scoprono ascoltandoli. Il risultato è un disco splendido, che porta una ventata di originalità e freschezza. Speriamo non sia un fuoco di paglia.


VOTO RECENSORE
85
VOTO LETTORI
33.4 su 35 voti [ VOTA]
Piappa
Domenica 24 Febbraio 2013, 16.50.15
5
Gran bell'album! Voto 85
Gabriele
Domenica 18 Aprile 2010, 22.39.59
4
capolavoro mostruoso
Rob
Mercoledì 15 Aprile 2009, 16.36.08
3
Disco davvero bello...
NoRemorse
Venerdì 10 Aprile 2009, 15.40.54
2
Mitico questo disco lo ascoltavo un sacco quando era uscito! Adesso è tanto che non lo sento mi avete fatto tornare la voglia! Bellissimo album dalle atmosfere magiche!
Satanasso i vallo lù
Mercoledì 29 Giugno 2005, 18.06.00
1
Genere: Inclassificabile he he he infatti sono davvero pazzi questi russi...grande musica...per tutti coloro che vogliono ascoltare qualcosa di DAVVERO DIVERSO....
INFORMAZIONI
2004
Aural Music
Inclassificabile
Tracklist
1. Stormchild
2. Bogie In The Coal-Hole
3. Echoes Of Earthfolk
4. Strayed Moppet
5. Waving Crowns
6. Mossy Pathways
7. Wild Lilly Lake
8. Liquid Stones
9. Old Year's Merry Funeral
10. Moon Juice
11. Shades On A Casement
12. Swamp-Stamp-Polka
Line Up
Max Samosvat: Voce
Lex Plotnikoff: Riffs
Tom Tokmakoff: Rhytms
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]