Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Rikard Sjöblom`s Gungfly
Alone Together
Demo

Profanity (GER)
Fragments Of Solace
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/01/21
WARDRUNA
Kvitravn

22/01/21
JASON BIELER AND THE BARON VON BIELSKI ORCHESTRA
Songs for the Apocalypse

22/01/21
PHANTOM ELITE
Titanium

22/01/21
CONVICTION
Conviction

22/01/21
HOLY MOTHER
Face This Burn

22/01/21
ASPHYX
Necroceros

22/01/21
EKTOMORF
Reborn

22/01/21
WIG WAM
Never Say Die

22/01/21
STEVE HACKETT
Under A Mediterranean Sky

22/01/21
GRIMA
Rotten Garden

CONCERTI

20/01/21
SHADOW OF INTENT + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

06/02/21
MAGNUM + GUEST TBA (CANCELLATA)
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

11/02/21
VENOM INC. + GUESTS
TRAFFIC CLUB - ROMA

12/02/21
VENOM INC. + GUESTS
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

13/02/21
VENOM INC. + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

17/02/21
IMONOLITH + TBA
BARRIO'S CAFE - MILANO

18/02/21
IMONOLITH + LOGICAL TERROR
MK LIVE - CARPI (MO)

19/02/21
THE DEAD DAISIES
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

20/02/21
ANCIENT + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

21/02/21
TURMION KATILOT
LEGEND CLUB - MILANO

Tyr - The Lay Of Thrym
( 4361 letture )
I faroesi Týr, dopo il buono, ma non esaltante, By The Light Of The Northern Star, giungono a un bivio: la prima possibilità è quella di continuare sulla via dell’ultimo disco pubblicato, quindi un heavy/power con tinte folk e viking, oppure tornare a creare immortali sigilli di arte nordica. I quattro musicisti di Torshaven decidono di continuare a battere il sentiero apparentemente più semplice, con risultati, ahinoi, piuttosto discutibili.

The Lay Of Thrym è il sesto lavoro della loro carriera iniziata nel 1998, anch’esso pubblicato dall’austriaca Napalm Records, e segue la strada tracciata dal precedente album, semplificando ulteriormente le composizioni ed enfatizzando maggiormente i cori dei ritornelli, per avere, alla fine, più orecchiabili e facilmente assimilabili che perdono definitivamente quel fascino di “vichinghi delle Isole Fær Øer” che fin da inizio carriera li ha sempre contraddistinti. Eppure la formazione è stabile da anni, le fonti d’ispirazione sono sempre le stesse e il cantante, nonché maggior compositore Heri Joensen, ha recentemente avuto modo di sfogare la sua passione per l’heavy prog con il (buon) disco degli Heljareyga. Viene quindi da pensare che The Lay Of Thrym sia esattamente ciò che i Týr vogliono suonare, o, come i maligni ipotizzano, è esattamente ciò che la Napalm Records vuole sentire dai propri guerrieri del nord.

Le coordinate stilistiche che segue The Lay Of Thrym sono chiare fin dall’opener Flames Of The Free: ritmo medio-alto, riff potenti, cori virili. Il brano in se è piacevole, anche se - una a caso - The Edge era ben altra cosa, ma da allora sono passati otto anni e oggi le cose stanno in maniera ben diversa. Molto meglio Shadow Of The Swastika, canzone maggiormente vicina ai vecchi classici del repertorio dei Týr, in cui chitarre e melodie nordiche creano un’ottima atmosfera, ben assecondate dalle semplici ma azzeccate linee vocali di Heri Joensen, cantante dotato di un timbro personale ed espressivo, ormai vero marchio di fabbrica dei Týr. Take Your Tyrant è il brano usato come anteprima dell’album: pessima scelta in quanto è una canzone mediocre e piatta. Con Evening Star i quattro faroesi provano la via della power ballad dopo aver dato alle stampe quel gioiellino di Ragnarok, traccia presente nell’omonimo album del 2006. Eguagliare la magia di quel pezzo è praticamente impossibile, però i Týr riescono ad estrarre dal cilindro (o dovrei dire elmo?) una composizione di buon gusto, dotata di un ottimo appeal. Molto scolastica Hall Of Freedom, lirica che ripropone lo schema compositivo dell’opener; stesso si può dire di Nine Worlds Of Lore, altra canzone che non aggiunge niente di positivo a The Lay Of Thrym, ma che anzi danneggia l’economia dell’album, già di per se non eccellente. Un bel riff pesante apre Fields Of The Fallen, canzone che prosegue a suon di rallentamenti pre-chorus e un ritornello che, seppure molto leggero, risulta essere molto convincente. Molto bella – finalmente, verrebbe da dire – la lunga parte strumentale, dove la tecnica e il buon gusto dei due chitarristi Joensen e Terji Skibenæs viene finalmente messa in risalto. Con le seguenti Konning Hans e Ellindur Bóndi Á Jadri si torna ad ascoltare i Týr impegnati nella loro lingua, il che non può che far piacere, visto che sono i brani maggiormente folk, più vicini allo stile che li ha resi famosi in Europa anni fa a suon di Regin Smiður, Ramund Hin Unge, Torsteins Kvaedi e Sinklars Vísa. Come per magia anche la musica cambia, essendo maggiormente oscura e ricca di venature progressive, elementi che caratterizzavano il songwriting dei passati (capo)lavori. Konning Hans è un brano dall’incedere lento e dark, affascinante e sognante grazie alle stupende melodie chitarristiche prese dalla musica folkloristica dei loro antenati. Maggiormente veloce è la bella Ellindur Bóndi Á Jadri, quasi una filastrocca nella metrica, impreziosita da deliziosi motivi della tradizione faroese. Chiude il disco, in maniera convincente, The Lay Of Thrym, probabilmente la canzone migliore dell’intero cd: atmosfere nordiche s’intrecciano con riff epici e un ottimo assolo di chitarra a sostegno di un songwriting finalmente di grande qualità.
L’edizione digipack prevede due bonus track, concepite entrambe come omaggio all’immortale Ronnie James Dio: I (Black Sabbath) e Stargazer (Rainbow) sono dei classici della discografia del musicista italoamericano. Nel primo pezzo, estratto da Dehumanizer del 1992, seguono di pari passo i riff di Tony Iommi, mentre, nel brano del micidiale duo Blackmore/Dio osano maggiormente, personalizzando con gusto le favolose note tratte da Rising.

La produzione ad opera di Jacob Hansen, pur essendo oggettivamente ben realizzata, non mi convince più di tanto: le asce sono troppo fine (rimpiango le chitarre grasse di Eric The Red) e il tutto suona con un senso di plasticosità che non mi piace proprio. Le tinte oscure dei colori della bella copertina e l’immagine forte della testa spaccata di Thrym contrastano con la musica, a volte fin troppo elementare e ariosa. La front cover raffigura Thor che brandisce con rabbia il suo martello dopo aver ucciso Thrym, re dei giganti Jötunn, colpevole di avergli rubato Mjollnir e successivamente chiesto come riscatto la dea Freyja, avendone intenzione di sposarla; il suo piano però non va in porto e la vendetta di Thor è crudele: al ricevimento del matrimonio Thor massacra, oltre a Thrym, anche la sorella e tutti i parenti Jotnar presenti alla cerimonia.

Il disco scorre via velocemente, lasciando pochi ricordi – buoni o cattivi che siano, fa lo stesso - all’ascoltatore: il nuovo corso dei Týr probabilmente sarà apprezzato da chi è maggiormente appassionato di power metal che di viking, lasciando a quest’ultimi l’amaro in bocca durante le banalotte Take Your Tyrant e Nine Worlds Of Lore, e facendo riaccendere la fiamma con Konning Hans e Ellindur Bóndi Á Jadri (non a caso le uniche due non in inglese): troppo poco per giustificare l’acquisto dell’album.
Nonostante la parziale delusione non riesco però a non dare la sufficienza a The Lay Of Thrym.



VOTO RECENSORE
60
VOTO LETTORI
61.87 su 57 voti [ VOTA]
Ragnarok 79
Sabato 9 Novembre 2013, 12.44.34
18
Non sono d'accordo, secondo me questo è un disco con i contro-maroni e merita tranquillamente 80
andreastark
Giovedì 10 Ottobre 2013, 12.35.39
17
Fabriziomagno forse secondo te le canzoni sono scarse ma come ho già ribadito menomale che il resto d'Europa non la pensa così ed ha dato a questo disco il giusto valore....e quindi come sempre grandi Tyr
fabriziomagno
Domenica 15 Settembre 2013, 16.10.40
16
ciao andrea, mischi e confondi un bel po' di cose. giusto per smontare la tua tesi di complotto sulle voci pulite ("screaming pulito" cos'è?), leggi le mie recensione su otyg, heidevolk, falconer, metsatoll, odroerir o fejd, tutte voci pulite e voti alti. qui il voto è basso per i motivi spiegati nella recensione: le canzoni sono scarse. se avessi recensito eric the red o ragnarok il voto sarebbe sul 90, il nuovo valkyrja lo valuto intorno al 70-75.
AndreA
Sabato 14 Settembre 2013, 9.51.46
15
Ho capito solo che su Metallized (anche facendo una media di voti che si dà ad un album 'power' o peggio ancora 'epic metal') che quando si tratta di Death, o ancora piu evidente lo sludge metal o il doom i voti skizzano alle stelle (poi li ascolti e sono monoliti inascoltabili). Quando si tratta di power/epic i voti e i commenti arrivano difficilmente sopra il 75. SICURO MI SBAGLIO IO, PER CARITA'. Però sto starlo mi rimane anche su questa stessa recensione. Che vi devo dire, personalmente il gutturale mi fà totalmente schifo e spesso rosico quando sento musica sublime rovinata da una voce catarroide e alla sandro ciotti col mal di pancia.) Perciò W i Tyr con screaming puliti. Ora mi attendo solo i Gorgoroth o i Marduk ripuliti e sarò felicissimo. Detto ciò.......W i TYR!!!!
Marco
Domenica 19 Febbraio 2012, 22.17.58
14
c'ha ragione fabriziomagno, il disco è piatto e rompe con le canzoncine mezze power, gli do al massimo 63.
ANDREASTARK
Giovedì 24 Novembre 2011, 11.11.37
13
RECENSIONE 60????????????? VOTO MEDIO 68,84????????????? MA COSA VI SIETE FUMATI??????? QUESTO E' IL DISCO DELL'ANNO ED E' UN DISCO FENOMENALE!!!!!!!!!! menomale che nel resto d'Europa se ne sono accorti......l'Italia è proprio un posto bizzarro, infatti quell'ignobile porcheria di Lulu dei metallica è in classifica al settimo posto mentre nel resto d'europa è decisamente più indietro.... 60!?!?!?!? IL VOTO DEVE ESSERE 90 ALTRIMENTI STIAMO PARLANDO DI UN'ALTRA COSA!!!!
JohnFogna
Mercoledì 12 Ottobre 2011, 11.55.22
12
Li ho sempre seguiti fin dal loro primo disco e personalmente credo che siano migliorati col tempo. Questo ultimo lo reputo il punto più alto della loro discografia. Canzoni ispiratissime e molto coinvolgenti.
enry
Venerdì 17 Giugno 2011, 19.31.38
11
Non è assolutamente l'unica recensione negativa, su più di una rivista si è beccato una sufficienza stiracchiata. E personalmente sono d'accordo, disco fiacco e davvero poco ispirato, lontano anni luce dai primi lavori.
Edylc
Venerdì 17 Giugno 2011, 18.36.34
10
Stargazer non si può sentire...
Cydonshred
Venerdì 17 Giugno 2011, 18.01.25
9
Non si stupisca nessuno se chi è affezionato alla prima produzione della band boccia questo disco. L'ultima prova è deludente per chi conosce bene la prima produzione. Secondo me la Napalm gli impone una via più easy. Io sono d'accordo col recensore.Io ho sempre trovato i Tyr molto più interessanti di tutte le band viking che per la maggior parte sono molto modena city ramblers pippiripì pippiripò e molto black epico Am F C G. Si stanno impantando in una palude di banalità.
Fulvio
Venerdì 17 Giugno 2011, 12.33.22
8
Forse è l'unica recensione brutta che ho letto fino ad ora su quest'album. E devo dire di non essere assolutamente concorde con il voto di Giosuè (hey è anche il mio secondo nome XD). Io ero un pauerotto eoni or sono...ma l'album mi piace moltissimo. Forse una volta i generi erano più definiti, mentre ora è un mischiotto unico. Sinceramente non ci vedo nulla di Pauer (ma forse è perchè appunto sono legato alla vecchia concezione di questo genere)nell'ultimo lavoro dei Tyr.
EdoCFH
Venerdì 17 Giugno 2011, 8.31.18
7
epic/power/viking metal a parte le connotazione che vogliamo dargli,di POWER METAL COSì PERSONALE ED ISPIRATO NON SE NE VEDEVA DA 15 ANNI....OLTRE AI SOLITI NOMI (FORSE.)
Suennio
Venerdì 17 Giugno 2011, 6.47.50
6
Veramente gran bell'album,non capisco questa recensione.Pacchiani sì,ma è nel contratto,ma ce ne fossero di così nel panorama epic
Arvssynd
Giovedì 16 Giugno 2011, 23.56.45
5
Forse li abbiamo persi...
alzailcorno93
Giovedì 16 Giugno 2011, 23.31.45
4
ho paura ad ascoltarli adesso...se penso ai tyr mi vengono in mente i loro primi grandi album e sinceramente preferisco tenermi quel ricordo di loro
Feanor
Giovedì 16 Giugno 2011, 22.25.03
3
Sostanzialmente d'accordo.
Renaz
Giovedì 16 Giugno 2011, 22.16.29
2
ahi ahi.
NagasH
Giovedì 16 Giugno 2011, 22.00.41
1
Pacchiani come mai avrei pronosticato ai tempi di Eric The Red...ma questi hanno gusto, qualsiasi cosa decidano di fare.
INFORMAZIONI
2011
Napalm Records
Viking
Tracklist
1. Flames Of The Free
2. Shadow Of The Swastika
3. Take Your Tyrant
4. Evening Star
5. Hall Of Freedom
6. Fields Of The Fallen
7. Konning Hans
8. Ellindur Bóndi Á Jadri
9. Nine Worlds Of Lore
10. The Lay Of Thrym
11. I [Black Sabbath cover, bonus track]
12. Stargazer [Rainbow cover, bonus track]
Line Up
Heri Joensen - voce, chitarra
Terji Skibenæs - chitarra
Gunnar H. Thomsen - basso
Kári Streymoy - batteria
 
RECENSIONI
60
75
89
85
80
ARTICOLI
22/03/2018
Live Report
SATYRICON
Largo Venue, Roma, 17/03/2018
01/03/2018
Live Report
ANGEL WITCH + ANGEL MARTYR + FORGED IN BLOOD
Dagda Live Club, Retorbido (PV), 24/02/2018
27/02/2017
Intervista
HOLY MARTYR
Attitudine eroica
25/05/2015
Live Report
TYR
Skúlagarðurin, Hov, isole Fær Øer, 16/05/2015
26/10/2013
Intervista
TYR
Un pacchetto turistico norreno
28/09/2013
Live Report
FINNTROLL + TÝR + SKÁLMÖLD
Rock'N'Roll Arena, Romagnano Sesia (NO), 24/09/2013
19/10/2006
Intervista
SATYRICON
Parla Satyr
17/03/2003
Live Report
SATYRICON + KHOLD
New Age, Roncade (TV), 14/03/2003
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]