Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Candlemass
The Door to Doom
Demo

BlurryCloud
Pedesis
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/03/19
AORATOS
Gods Without Name

22/03/19
DOMINANZ
Let The Death Enter

22/03/19
PSYCHOPUNCH
We Are Just As Welcome As Holy Water In Satans Drink - 22nd anniversary special edition

22/03/19
DYING GORGEOUS LIES
The Hunter and the Prey

22/03/19
FROZEN CROWN
Crowned In Frost

22/03/19
THE TREATMENT
Power Crazy

22/03/19
TERROR OATH
Terror Oath

22/03/19
S91
Along The Sacred Path

22/03/19
ANGEL BLACK
Killing Demons

22/03/19
THE FLAYING
Angry, Undead

CONCERTI

22/03/19
PROSPECTIVE
SATYRICON - ALATRI (FR)

22/03/19
PINO SCOTTO + GUESTS
LA CLAQUE - GENOVA

22/03/19
PROFANAL + EKPYROSIS + CARRION SHREDS
EXENZIA - PRATO

23/03/19
FUROR GALLICO
DAGDA CLUB - RETORBIDO (PV)

23/03/19
IMAGO IMPERII + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

23/03/19
SEPTICFLESH + KRISIUN + DIABOLICAL + XAON
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

23/03/19
HELLUCINATION + GUESTS
EVOL LIVE CLUB - ROMA

23/03/19
NANOWAR OF STEEL
MEPHISTO - ALESSANDRIA

24/03/19
SEPTICFLESH + KRISIUN + DIABOLICAL + XAON
ALCHEMICA - BOLOGNA

24/03/19
INCANTATION + DEFEATED SANITY + GUEST
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

Rhapsody of Fire - From Chaos to Eternity
( 9323 letture )
Anno dopo anno, album dopo album, credo di essere ormai giunto ad una conclusione riguardo ad i Rhapsody Of Fire: o li ami o non li sopporti proprio, a causa di un sound molto ridondante o barocco che dir si voglia, e, soprattutto, di tutta l’ormai arcinota questione delle famose “saghe”. Quando si ha a che fare con band di questo tipo -altri esempi possono essere i Manowar (guarda caso) o gli Anthrax- il recensore deve, a maggior ragione, compiere un processo di alienazione e cercare di osservare il tutto da una posizione distaccata e libera da pregiudizi. Fortunatamente nel mio caso lo sforzo non sarà così immane poiché non mi sono mai lasciato coinvolgere più di tanto dalle avventure del gruppo triestino, non per antipatia personale o per rigetto della musica da esso proposta, bensì per interessi musicali raramente convergenti con tutto ciò -non sono infatti particolarmente appassionato di symphonic metal, anzi, di “Hollywood metal” o “Film-score metal”, per utilizzare i termini indicati dalla band stessa.

From Chaos To Eternity è, stando alle dichiarazioni gruppo, l’ultimo capitolo della Dark Secret Saga, che segue la Emerald Sword Saga, che iniziò nel 1997 con Legendary Tales e riuscì fin da subito a conquistare una folta schiera di fedelissimi fan. Una precisazione, prima di addentrarmi nella recensione vera e propria: l’album conta anche sul featuring di Tom Hess alla chitarra, che diventerà un membro ufficiale a pieno titolo a partire dai live estivi. Proseguendo un percorso già iniziato con il precedente The Frozen Tears Of Angels, i Rhapsody Of Fire rendono il loro sound più aggressivo e meno statico, preferendo molte volte la grinta alla ridondanza ed al trionfo di virtuosismi egregi ma, a tratti, stucchevoli. Comunque sia, il prodotto è sempre lo stesso: metal sinfonico impregnato fino a fondo di atmosfere incantate e sognanti, il vero e proprio marchio di fabbrica della band e, molto spesso, motivo di amore od odio verso di essa da parte di critica e fan. Il platter si apre con una semplice introduzione, che vede protagonista, come ormai da copione, la voce di Christopher Lee (all’ultima collaborazione con il gruppo) e cala subito l’ascoltatore in un etereo mondo fantasy. Seguono tre pezzi di alta qualità, dove il gruppo dimostra ancora una volta tutte le sue abilità tecniche e la capacità di creare ritornelli esplosivi e coinvolgenti; menzione particolare a Tempesta Di Fuoco, nella quale il ricercato testo in lingua autoctona si fonde a meraviglia con la potente strumentazione. Anima Perduta è il primo momento di calo: pezzo teatrale tipico e già sentito altre volte in passato -si ricordi ad esempio Lamento Eroico da Power Of The Dragon Flame. A conferma del discorso sulla maggiore grinta, ecco Aeons Of Raging Darkness che, a dire la verità, mi ha davvero colpito perché dimostra una versatilità che non mi sarei aspettato dai Rhapsody Of Fire: le parti sinfoniche e barocche si riducono per fare spazio a riff più rocciosi e, soprattutto, ad un Fabio Lione mai così “sporco” e aggressivo. Forse l’abbandono delle saghe ed i nuovi album vedranno maggiori canzoni di questo tipo? Staremo a vedere. Allo scialbo mid-tempo I Belong To The Stars (poco più che un filler) segue quella che è probabilmente la hit di From Chaos To Eternity, vale a dire Tornado, tecnicamente eccezionale ed al contempo dotata di una potenza e di un “tiro” decisamente sopra la media, anche grazie ad un eccezionale drum work da parte di Holzwarth. A chiudere l’intera Dark Secret Saga troviamo la suite Heroes Of The Waterfalls’ Kingdom, suddivisa in cinque parti -e qui forse i nostri hanno esagerato, finendo per trasformare un momento conclusivo che voleva e doveva essere suggestivo e sublime in una sorta di mattone. La parte iniziale in italiano, attraversata dal suono di flauti e chitarre acustiche che ci calano in una sorta di ballata medievale, è molto godibile ma le quattro parti successive finiscono, con tutta sincerità, per stancare, anche a causa dell’eccessiva durata del monologo di Christopher Lee.

Tirando le somme finali, From Chaos To Eternity è sicuramente una buona uscita e potrà fare la felicità dei fan della band ma anche di coloro che vi si avvicinano per la prima volta. Tuttavia, considerando che questo album rappresenta la fine di un’era, forse sarebbe stato lecito aspettarsi qualcosa di più, un addio davvero memorabile quale questo, onestamente, non è stato... Qualche mese di lavoro in più, in particolare per quanto riguarda la suite finale, forse non sarebbe guastato; è mancata la cura di qualche dettaglio che avrebbe potuto rendere questo disco un prodotto di qualità elevatissima. Se si considera inoltre lo scarso tempo trascorso dal precedente platter, credo che qualche riserva in più sia lecita. Che i nostri non vedessero l’ora di abbandonare l’epoca delle saghe, le quali rischiavano di imbrigliarne le potenzialità espressive? Ora sono curioso di vedere che strada prenderanno i Rhapsody Of Fire, che restano probabilmente i nostri migliori portabandiera nella scena internazionale.



VOTO RECENSORE
77
VOTO LETTORI
76.86 su 140 voti [ VOTA]
Rob Fleming
Domenica 7 Febbraio 2016, 13.16.18
89
PIù che buono con punte massime nella straordinaria From chaos to Eternity e nella bellissima Anima perduta. Fabio Lione sprizza classe ad ogni sillaba. Una nota per Tempesta di Fuoco. Forse i tempi per un cd intero cantato in italiano sono maturi. Se osassero fin lì... Chissà adesso che lo split s'è consumato (ma per quanto?). 77
Rob Fleming
Domenica 7 Febbraio 2016, 13.16.18
88
PIù che buono con punte massime nella straordinaria From chaos to Eternity e nella bellissima Anima perduta. Fabio Lione sprizza classe ad ogni sillaba. Una nota per Tempesta di Fuoco. Forse i tempi per un cd intero cantato in italiano sono maturi. Se osassero fin lì... Chissà adesso che lo split s'è consumato (ma per quanto?). 77
A.D.S.L.
Martedì 19 Maggio 2015, 8.27.30
87
Ascoltato dopo diverso tempo tutto in una volta... albm rivalutato. Sicuramente tra i migliori della discografia assieme a The Frozen Tears of Angel, anche se tra i due prefeisco The Frozen.....
Enomis
Venerdì 12 Settembre 2014, 19.20.08
86
Uno dei migliori dei Rhapsody; per me vale un 80/85
ensiferum2000
Sabato 7 Dicembre 2013, 15.33.21
85
a quando la rece del nuovo album Dark Wings Of Steel?
powermetaltothend
Venerdì 8 Novembre 2013, 20.51.58
84
non male, veramente non male. Inferiore solo a SoEL ( pt II e pt I ) Per me il voto é un 80 pieno
Andy \\\'71
Martedì 23 Aprile 2013, 18.07.20
83
Bellissimo,ma secondo me inferiore a The Frozen,che ritengo il loro capolavoro,con quelle atmosfere folk che ho apprezzato tantissimo!Cmq un bel 80 abbondante se lo beccano!
ecodont
Venerdì 1 Giugno 2012, 23.55.46
82
ho già recensito quest'album sul mio canale di youtube. è molto più violento, ma allo stesso tempo melodico. consigliato a chiunque voglia cominciare ad ascoltare del buon metal
Cranium
Domenica 18 Dicembre 2011, 14.23.29
81
bravi ma er primo disco, anche senza produzione tirata a lucido, era tutta n artra storia
il vichingo
Lunedì 21 Novembre 2011, 17.14.24
80
@ ASD: Bravo, io e te parliamo la stessa lingua. Per quel che mi riguarda i loro album migliori sono Legendary tales e Power of the Dragonflame ma anche qui non si scherza, Aeons Of Raging Darkness, Tornado e la suite sono dei capolavori. Un 85 come minimo!
ASD
Venerdì 18 Novembre 2011, 22.07.36
79
A mani basse il miglior album prodotto dalla band: il sound non è eccessivamente "coreografico" e pomposo, le orchestrazioni vengono lievemente affievolite. Nell'impostazione del sound, come in The Frozen Tears Of Angels, il sound è molto più heavy, ed assolutamente meno "medieval-folkeggiante", ed Hess è molto più presente negli assoli (a proposito, ve lo siete scordato nella lineup) dando una impostazione più power e meno barocca alla melodia. L'impatto all'ascolto è diretto, e l'album "spacca" dall'inizio alla fine, e le parti lente trasmettono grande enfasi. Rispetto alla produzione precedente, i brani sono inoltre sutturati molto meglio, e l'unico difetto è quello di stupire meno della produzione precedente. Per il futuro spero si continui così, e se i temi trattati non sarnno più vincolati da un concept fantasy, il sound ne gioverà ulteriormente. Pollici in alto: il mio voto è 93. P.S: I Belong To The Stars sembra uscita da un album dei Vision Divine, e questo non poò essere che un complimento!
Moonchild
Sabato 29 Ottobre 2011, 22.48.55
78
Ahhh... quelli che affermano che i Rhapsody (in particolare Turilli) suonano in playback nei live sono semplicemente dei "fantasticatori", nonchè poveri invidiosi che rosicano davanti alle capacità tecniche di Luca!!! PS: per quelli che sostengono che i rhapsody sono per 16enni nerd: prima di sparare certe cazzate contate fino a 10, lavatevi la faccia con acqua fredda e poi rimettetevi a scrivere
Moonchild
Sabato 29 Ottobre 2011, 22.36.17
77
Comunque l'ho riascoltato e posso finalmente dire che come album merita non poco. Le migliori senza dubbio sono Tempesta di Fuoco e Aeons Of Raging Darkness... davvero spettacolari. Lo scream di Fabio Lione mi piace molto... alla fine assegno a quest'album un 84. Sono curioso di vedere il prossimo disco... ora Staropoli non può più appoggiarsi a Turilli e quindi si dovrà arrangiare per quanto riguarda le composizioni.
il vichingo
Venerdì 28 Ottobre 2011, 17.05.12
76
Beh, il recensore sbaglia nel dire che la suite finale è un mattone: rientra nel classico stile dei Rhapsody e a me è piaciuta. Per carità, siamo lontani da suite come Legendary Tales e Gargoyles angel of darkness ma è comunque molto bella. In quanto al voto un 83-85 ci poteva stare in tutta tranquillità. Peccato che Turilli abbia lasciato la band, mi piaceva molto il suo stile.
Moonchild
Martedì 23 Agosto 2011, 14.39.36
75
@ The Judas Priest HellPatrol & Finntrollfan: beh, dai, adesso non esageriamo: non è che tutti gli italiani li sfottono o li ignorano. Diciamo che i Rhapsody spaccano il pubblico in due: o li ami o li odi, con qualche rara via di mezzo. Il vero problema è che i media italiani non danno peso a questa band che, vi piaccia o no, è una delle band più talentuose che abbiamo in Italia... Se invece di proporre certe merdette "new generation" che non sanno neanche cosa suonano proponessero band come questa molti italiani potrebbero conoscerli, e sarebbe una bella cosa perchè i Rhapsody sono una band che merita.
The Judas Priest HellPatrol
Sabato 20 Agosto 2011, 16.21.47
74
Ah.... per quanto riguarda la fama europea, ti correggo Finntrollfan: i Rhapsody of Fire hanno una fama mondiale, sono uno dei gruppi metal anni '90 più famosi al mondo.
The Judas Priest HellPatrol
Sabato 20 Agosto 2011, 16.16.59
73
Finntrollfan: purtroppo ho conosciuto gente che li evita come la peste e va ad ascoltare merdate screamo, Pop-punk (Green day, blink 182) o peggio ancora emocore... e questa gente ha il coraggio di definirsi "true metaller"!! PS: Non ho niente contro questa o quella band, voglio soltanto farvi notare la situazione metal italiana, che è proprio come l'ha descritta Finntrollfan. Credo che sia molto sciocco denigrare una band nostrana del calibro dei rhapsody .....
Finntrollfan
Sabato 20 Agosto 2011, 15.16.41
72
Una delle mie band preferite, sicuramente la band Power che più mi piace (e di band Power ne conosco un sacco, fidatevi). Sono cresciuto con i loro primi 4 album. Mi rende triste il fatto che in Italia molti metallari li snobbano, o peggio, li sfottono per il loro stile "pomposo", chiamiamolo cosi', che non si può definire Metal . Abbiamo uno dei gruppi metal più famosi d'europa e molti nn lo sanno... Come dire.... in Italia abbiamo la buona musica, mancano i buoni ascoltatori però
bosco93
Mercoledì 27 Luglio 2011, 10.43.06
71
Veramente ottimo album, anche se non sono d'accordo con la recensione che propone il pezzo conclusivo come un mattone, a me pare un pezzo epico che chiude degnamente la serie
stefy
Mercoledì 27 Luglio 2011, 10.42.29
70
ah dimenticavo ( non è scritto nella rece) io in negozio ho trovato solo la versione speciale (o booklet come cavolo volete chiamarla). cè una canzone inedita alla fine. flash of the blade del mitico powerslave (non mi degno neanche di dire di chi è questo disco). in effetti la canzone suona bene anche cantata da fabio lione e forse la preferisco a quella originale ottima aggiunta rhapsody
stefy
Mercoledì 27 Luglio 2011, 10.37.22
69
@ Fabio: a me invece a dato l'impressione di un disco composto praticamente solo con l'abilità di un compositore professionista mancando invece di quella scintilla di ispirazione che secondo me ci vuole in ogni disco ben fatto. certo il disco a parer mio è ben fatto (e io lo preferisco anche qualcosina di più a frozen tears of...) tuttavia è solo un compito svolto dannatamente bene. un lavoro di ottima fattura realizzato da persone che ormai hanno una certa esperienza in materia.. nessuna ispirazione o qualche lampo di genio. un pò come una operazione matematica realizzata in modo da essere pulita, rapida e efficace ma nulla di stupefacente. detto in parole povere si sono beccati un 77( in rece, io mi astengo ancora da dare un voto) xkè hanno esperienza. cmnq ottimo disco P.S. a me triumph mi è sempre piaciuto e non ho mai capito le critiche che ha ricevuto
Khaine
Venerdì 15 Luglio 2011, 8.40.39
68
@ Fabio: non mi soffermerei troppo sul voto. Il voto è un'espressione personale che indica il gradimento verso una certa cosa: i motivi sono poi riportati negli scritti.
Fabio
Venerdì 15 Luglio 2011, 8.38.26
67
Album ben fatto, poco da dire. Personalmente però non riesco a dare più di 70, perchè sin dal primo ascolto (e dopo tanti ascolti) mi ha sempre dato l'impressione di un album "affrettato", ben eseguito ma non molto ispirato... Secondo me avrebbero potuto aspettare un po', ma sembra che abbiano voluto cavalcare l'onda di The Frozen Tears of Angels (sicuramente superiore a quest'ultimo lavoro). Anche la produzione mi sembra un po' troppo leggerina. Secondo me, se quest'album vale 77, Triumph or Agony vale 90...
Master
Martedì 28 Giugno 2011, 20.39.07
66
Sìsì, non l'ho ancora ascoltato tante volte ma sembra proprio ben fatto...gli do un 80 meritato! con un po' di scrematura nella suite finale e un inizio di "I belong to the stars" un po' meno pacchiano poteva anche starci qualche punticino in più!
raptus
Martedì 28 Giugno 2011, 19.21.49
65
@ satanasso: completamente d'accordo con te!! Un solo appunto: questi che snobbano il genere di solito non ascoltano pop ma metal estremo "satanico" o groar metal ...chi ha orecchie per intendere intenda...c'è una bellissima pagina su facebook che li descrive perfettamente
satanasso
Martedì 28 Giugno 2011, 17.55.32
64
premessa: non ho ancora ascoltato il cd ma vado OT poichè mi sono rotto di idiozie del tipo "non si possono ascoltare i Rhapsody / Alestorm / ecc se si ha più di 14 anni perchè parlano di dragoni / pirati / quelcazzochevolete"....e meno male che il pubblico metal dovrebbe essere quello più open minded e progressista... ma come si può essere così supponenti e snob da pretendere di decidere quali tematiche o generi sono "adulti" e quali no? quindi anche R.J DIO faceva musica da bambini? che pena...
Sbiriguda
Martedì 28 Giugno 2011, 16.23.47
63
Di sicuro non mancherò e, per inciso, mai mi permettei d'insultare una band che suona dal vivo, stesse anche facendo il peggior concerto della sua carriera!
Room 101
Martedì 28 Giugno 2011, 15.31.13
62
@Sbiriguda: capisco le tue considerazioni se nonostante le brutte esperienze ti capitasse prima o poi la possibilità di ri-vederli dal vivo facci un pensierino magari (e non lo dico solo io ma gli ottimi report degli ultimi concerti)!
Sbiriguda
Martedì 28 Giugno 2011, 14.53.50
61
Rega', che vi devo dire, prima sarò stato sfortunato e ora sarò pure prevenuto, ma credo che il dvd live in Canada sia qualcosa di oggettivamente imbarazzante, concedetemelo. Voglio dire, o le immagini e il sonoro a volte sono fuori sincrono (leggi: improbabile ma, nel caso, prodotto comunque non professionale) oppure c'è davvero qualcosa che non quadra. Io l'ho visto una sera con un caro amico musicista (chitarrista, anche se non proprio "neoclassico" XD) e, nonostante fossimo entrambi un po' alticci, ci siamo fatti delle grasse risate. Detto questo, non mi ritengo un detrattore impietoso dei Rhapsody, al massimo un fan dei loro esordi prima parecchio deluso e poi piuttosto indifferente, cosa che comunque non m'impedisce di trovarli tutto sommato divertenti e godibili, almeno su disco.
Khaine
Martedì 28 Giugno 2011, 13.38.58
60
@ Sbiriguda: io però li vidi live nel 2001 al GOM. Al di là delle orchestazioni mi sembrava tutta opera della band (che ricordo si esibì in una più che buona prestazione, nonostante gli insulti di una parte del pubblico).
raptus
Martedì 28 Giugno 2011, 8.48.45
59
I Rhapsody, o meglio, Turilli che suona in playback? Ahahahah scusate se rido ma credevo fosse una prerogativa della pop questa tecnica. Se fosse anche vero beh, probabilmente avrà avuto le sue ragioni chi lo sa, sarebbe bello se si potessero sapere... comunque sia io un concerto dei Rhapsody dal vivo non l'ho mai visto di buon occhio soprattutto per la parte sinfonica, dai non è tollerabile la classica tastierina o il sample preconfezionato, per fare seriamente i Rhapsody occorre un'intera orchestra sinfonica e di concerti così ne puoi fare gran pochi soprattutto se non hai molti soldi alle spalle. Sarebbe un discorso diverso se avessi anche un paese che ti supporta alle spalle, vedi i Within Temptation, sono riusciti a fare il concerto con la Metropole Orchestra nel loro paese d'origine... sarebbe come vedere i Rhapsody alla Scala (magari io pagherei pure 100 euro per vederlo)
Sbiriguda
Lunedì 27 Giugno 2011, 14.23.21
58
Il problema è che anche agli esordi la band rivendicava fermamente la propria autenticità live, come magari potrebbe fare oggi a ragion veduta, quindi mi si perdonerà un pizzico di giustificata prevenzione, soprattutto perché i primi album strabordavano di una tecnica a quei tempi mai riproposta dal vivo, cosa che non mancò di alimentare il sospetto di qualche "aiutino" esterno addirittura in studio. Insomma, da loro fan sfegatato della primissima ora, io ai Rhapsody finii per metterci un bel crocione sopra, ma ripeto, guardando anni dopo il dvd uscito nell'epoca del disastroso management Magic Circle, obiettivamente grossi miglioramenti non li ho percepiti, quindi suppongo che l'unico modo per diventare un'autentica live band negli ultimissimi anni, possa essere rappresentato solo da un vero e proprio miracolo.
Room 101
Lunedì 27 Giugno 2011, 14.07.33
57
Aggiungo: miglioramenti veri non tecnologici, poi il casino sui samples era probabilmente dovuto (come avevo letto in un'intervista) a tecnici non in grado, con una persona capace e fidata partono sempre al momento giusto e la parte suonata dal vivo non va a farsi benedire
Room 101
Lunedì 27 Giugno 2011, 14.05.30
56
@Sbiriguda: Io ad inizio carriera sinceramente non ho potuto vederli, però posso appunto raccontarti cosa ho visto pochi mesi fa, non ho motivi per non credere a quello che dici, però sono passati tanti anni, sono stati fermi tanti anni, come musicisti ci si migliora sempre con il tempo, se ti capitasse di andare a rivederli oggi ti garantisco che ti accorgeresti dei miglioramenti
Sbiriguda
Lunedì 27 Giugno 2011, 14.01.20
55
Li ho visti un paio di volte ad inizio carriera (si fa per dire, visto che il primo tour degno di questo nome l'hanno fatto dopo il terzo album) e mi è bastato & avanzato, anch'io ero piuttosto vicino e non ho potuto fare a meno di constatare, nonostante il caos imperante dei samples sinfonici, come le parti di Turilli (specialmente gli assoli) fossero registrate di sana pianta e lui facesse finta di suonarle, impressione poi confermata da quell'abominio di dvd che hanno avuto il coraggio di pubblicare non troppi anni fa, il che mi fa dubitare di possibili miracoli tecnici (tecnologici magari sì!) avvenuti nel passato più prossimo.
Room 101
Lunedì 27 Giugno 2011, 13.39.17
54
@Sbiriguda: perdonami se insisto, ma tu li hai visti recentemente dal vivo? Che D.Lerquin sia un grandissimo chitarrista non ci piove ma non puoi dire che Turilli non suona dai ( mi sono fatto un concerto a 4 metri da lui e con i suoni a posto si distinguevano perfettamente le due chitarre). I samples ormai non sono più un qualcosa di contestabile, sono pochissimi ormai i gruppi che non li usano e non sono poi questa cosa terribile (anche perché Staropoli 2 mani ha e quele due le usa benissimo), anzi, è ancora più difficile suonare con quelli di sottofondo perché sbagli un tempo e sei fottuto, a non usarli le soluzioni sarebbero due: i Rhapsody suonano con 4/5 tastieristi, oppure suona solo Staropoli facendo una sola linea di tastiera e compromettendo le canzoni. Che non ti piacciano i Rhapsody ci può benissimo stare per carità però ti prego contestali sui punti su cui sono contestabili (perché ce ne sono)
Sbiriguda
Lunedì 27 Giugno 2011, 13.22.28
53
Il fatto che una critica sia vecchia non la rende meno sensata, anzi, se in tanti anni il difetto che viene criticato non viene corretto ma solo mascherato da accorgimenti tecnici (e da un secondo chitarrista che regge tutta la baracca mentre Turilli FA FINTA DI SUONARE), direi che invece la critica ne esce assai rafforzata.
ZIRON
Venerdì 24 Giugno 2011, 16.49.17
52
recensione imparziale, album da 85 almeno
Salvo
Giovedì 23 Giugno 2011, 19.01.52
51
un dischetto? o mamma mia quante me ne tocca leggere (e tu non leggerle mi consiglierà qualcuno...a saperlo prima ripondo io )
Dorian Gray
Martedì 21 Giugno 2011, 20.14.22
50
Per mè è un dischetto,galleggia solo grazie alla voce di lione.Hanno fatto e possono fare di meglio.Finita questa saga,speriamo ci sorprendino con qualcosa di nuovo coi prossimi dischi.....un nuovo "legendary tales"......
nihei
Martedì 21 Giugno 2011, 19.50.18
49
In generale sono d'accordo con Antrace, ascoltare solo dischi di questo tipo è piuttosto da nerd. Detto questo, io apprezzo moltissimo i Rhapsody, e trovo piacevole ogni tanto "sdrammatizzare" i miei ascolti con qualcosa di più leggero invece di tormentarmi da mane a sera con bordate di death metal perchè solo così si è più Trù. Ottima prova anche in questo caso per i Nostri, leggermente inferiore a The Frozen Tears... ma comunque un lavoro godibilissimo!
Fabio
Martedì 21 Giugno 2011, 13.25.39
48
@ Sbriguda. Hai aggiunto un'altra delle tipiche cazzate alla discussione Potreste sforzarvi di trovare qualcosa di nuovo invece di ripetere sempre le solite cavolate sui Rhapsody.
BFS
Martedì 21 Giugno 2011, 12.07.11
47
Io direi di evitare commenti del c***o sulla copertina e sui testi delle loro canzoni. Ragazzi, i Rhapsody sono una band power metal, una delle migliori al mondo, e sicuramente la migliore in Italia. Giudicate semplicemente come suonano e basta. Quest'album per me si merita un bel 79.
Renaz
Martedì 21 Giugno 2011, 11.57.23
46
va detto però che almeno le armonie vocali registrate potrebbero evitarle, dal vivo...
Radamanthis
Martedì 21 Giugno 2011, 11.46.47
45
Si, sfatiamo una volta per tutte questa cosa che i Rhapsody non suonano dal vivo x favore...suonano eccome!!!
Room 101
Martedì 21 Giugno 2011, 11.41.49
44
Sbiriguda: Perdonate l'intromissione ma suonano sì dal vivo, e chi ha visto un concerto dell'ultimo tour sa di cosa parlo, sono una autentica mazzata in fronte e non perdono certo qualcosa per via di un paio di sample con due linee di tastiera in più
Sbiriguda
Martedì 21 Giugno 2011, 11.24.30
43
@ Fabio: ah, perché dal vivo i Rhapsody suonano?! Non sono mai riuscito ad accorgermene, con tutte le frequenze oberate da nastri e sequencer...
Radamanthis
Martedì 21 Giugno 2011, 10.51.26
42
@Antrace: guarda, io di anni ne ho il doppio di quelli che hai scritto tu e apprezzo questa band, dagli esordi a oggi. Certo che i miei ascolti non solo solo i Rhapsody e spazio un pò su tutti i genere heavy (e oltre che ascoltarli li suono, o meglio canto...). Quando ero 16 enne (poco brufoloso) x la maggiore ascoltavo i Motley Crue e non certo band vicine ai Rhapsody, perchè le tematiche mi "intrippavano" molto di piu'....ma poi ho capito che è giusto spaziare negli ascolti e non fissarsi su un solo genere ed andare al di là di giudizi riguardanti il tema narrato nei brani. Passo tranquillamente da un album degli Slayer a uno dei Led Zeppelin passando per gli Helloween così come provo, nel mio piccolo, a coverizzare prima i Metallica, poi i Maiden ed i Crue nel giro di 10 minuti...quindi ciò che hai scritto, almeno nel mio caso, è altamente inesatto!
Fabio
Martedì 21 Giugno 2011, 9.55.24
41
Che bello leggere le solite ovvietà sui Rhapsody Non l'ho ancora ascoltato, conto di procurarmelo in questi giorni. ps: ho ancora in mente la prestazione di Milano. Ai detrattori a priori dei Rhapsody chiedo di indicarmi qualche altra band italiana o anche europea in grado di stare sul palco e suonare dal vivo come loro. Tralasciando i mitici commenti sulle copertine
Renaz
Martedì 21 Giugno 2011, 9.02.47
40
@Antrace: però se conosci i coboldi sento profumo di coda di paglia
Antrace
Martedì 21 Giugno 2011, 9.00.56
39
no dai seriamente... come si fa ad avere più di 16 anni e ad apprezzare questa band? perchè quello è il target...16enni brufolosi, nerd e in fissa perenne con Warcraft o D&D o altre amenità simili...wow che fighi i dragoni sputafiamme! wow, adesso ti accoppo gli orchi cattivi con la spada di smeraldo del mio paladino! ci mancano solo gli elfi e i coboldi di Benson e poi siamo a posto, ammesso che già non ci siano...pateticamente ridicoli...
The Sentinel
Lunedì 20 Giugno 2011, 18.49.57
38
Non hanno contribuito, l'hanno praticamente creato per primi stabilendone subito, coi primi 2 dischi, dei picchi inarrivabili, anche per loro stessi appunto, che si sono mantenuti cmq sempre degnamente anche nei successivi, e con almeno un altro capolavoro o quasi per quanto mi riguarda, il disco del 2004 come già detto prima. Ma i pezzi singoli eccellenti e con quei ritornelli indovinatissimi che canti subito ma non stancano mai anche coi successivi ascolti, ci sono sempre stati anche nei dischi meno ispirati per fortuna. Il discorso tronfi, pomposi o ridondanti o meno mi pare sempe con poco senso, chi li ama e ama certe atmosfere e un certo modo di fare musica (che non esclude amare alla follia o anche di più pure tutt'altri stili, personalmente per dire ascolto da sempre di tutto o quasi, dall'hard rock anni '70 al grind, e anche varie cose extra-hard/metal come jazz-fusion e altro) di vera "evasione" come poche altre anche all'interno dello stesso hard rock e metal che già lo sono normalmente, li ascolta e segue proprio per quello, non trova nulla "di troppo" insomma, più trascinante, pomposo, "eroico" ed evocativo è un loro disco e più lo amano e li esalta, e se questa caratteristica è unita anche a pezzi scritti, suonati e prodotti alla perfezione come nessun altro pseudo-imitatore è riuscito mai a fare, tanto meglio. Sarebbe come iniziare a lamentarsi solo da un certo disco in poi della grande tecnica usata nei pezzi dai Dream Theater, per fare un esempio, o notare le linee vocali acute o acutissime di Halford o Dickinson solo dopo vari dischi delle rispettive band e tanti altri esempi analoghi si potrebbero fare...ma tutti ugualmente senza un senso e logica appunto.
Rashomon
Lunedì 20 Giugno 2011, 18.38.13
37
Mi pare un buonissimo lavoro per quelli che sono i loro standard. I Rhapsody mi piacevano molto di più nella giovinezza, ma anche adesso posso apprezzare i loro brani ben strutturati e carichi di melodia. In assoluto, possono sembrare troppo ridondanti; ma se li si considera nell'ambito del loro genere di riferimento, di cui hanno contribuito a stabilire le coordinate stilistiche, ci si accorge che sono del tutto adeguati. Disco senz'altro da promuovere.
The Sentinel
Lunedì 20 Giugno 2011, 15.22.32
36
E' in linea come tutte le altre, la copertina, più o meno. E ovviamente "pacchiana" o no è del tutto soggettivo, come ogni altra valutazione qualitativa riguardo musica e arte in genere. Quindi al solito inutile discutere su cose del genere, ognuno la vedrà sempre alla sua maniera.
Warty
Lunedì 20 Giugno 2011, 14.55.05
35
@si come no: Bella roba giudicare un album dalla copertina.
si come no
Lunedì 20 Giugno 2011, 14.31.52
34
La copertina si commenta da sola...pacchiana!
The Sentinel
Lunedì 20 Giugno 2011, 12.15.57
33
Secondo me invece il terzo (ma a seconda del periodo d'ascolto e cmq dal punto di vista della completezza e varietà, oltre che produzione più esagerata e "vera" del solito, lo metto anche al secondo o addirittura primo posto) loro miglior disco di sempre non è né "Dawn..." né tantomeno "Power Of...", che trovo cmq pieni di ottimi pezzi singoli insieme ad altri un po' sotto il loro livello solito, ma "Symphony Of...II - The Dark Secret", quello del 2004. I successivi li ho trovati anch'io, al di là del solito livello formale altissimo nel campo che si mantiene ben sopra a qualsiasi concorrente italiano o estero, un po' sottotono, e con delle auto-citazioni troppo evidenti dal passato in vari pezzi. Quest'ultimo non l'ho ancora sentito, e a dir la verità non ho letto ancora nemmeno questa rece, il discorso suddetto mi è venuto leggendo il commento qui sotto di Ste2239.
Ste2239
Lunedì 20 Giugno 2011, 11.51.48
32
Concordo con Quorth_on, si è perso qualcosa da Power of the dragonflame in poi. questi dischi sono prodotti perfettamente, impeccabili soto tantissimi punti di vista, ma non hanno più quella magia che riusciva a coinvolgere l'ascoltatore, scorrono veloci senza lasciare poi tanto, se voglio ascoltare i Rhapsody e devo scegliere cosa, senza dubbio vado su Legendary Tales, Symphony of Enchanted Lands, Dawn o POTD. Raramente ci sono pezzi degli ultimi dischi che mi siano rimasti particolarmente impressi.
Feanor
Lunedì 20 Giugno 2011, 4.53.48
31
Scusate per le ripetizioni (dannate ripetizioni) del post precedente...comunque il mio voto è un politico 70
Feanor
Lunedì 20 Giugno 2011, 4.31.38
30
Ok, buon disco, ma non si avvicina ai precedenti, e neppure a quello dell'anno passato...peccato. Diciamo che parte bene, ma poi si perde in tecnicismi inutili nella seconda metà e...a me Tornado proprio non piace (diciamo che l'inizio è abbastanza bello, ma poi si perde...) Carina per i primi 10 minuti la suite, ma poi ti accorgi che poteva finire lì. Insomma, mezza delusione...speriamo per il prossimo (e speriamo che non esca l'anno prossimo .-.)
TheInvoker
Domenica 19 Giugno 2011, 21.50.08
29
Ho messo 65.Manca la magia dei primi CD nonostante gli ultimi 2 siano più simili agli esordi.Cercano troppe soluzioni per fare qualcosa di particolare,come lo screaming o il cantato in italiano.Tutte le canzoni hanno troppe pause..... La mia preferita è Tornado.
Octave Man Dhave
Domenica 19 Giugno 2011, 21.38.48
28
Ciao a tutti! Ho ricevuto il pre-order ad inizio settimana ed ormai sono passati almeno 20 o 30 ascolti dell'intero album. Il parziale ascolto mi aveva colpito e man mano che lo sentivo coglievo tutte le sfumature e ne rimanevo sempre più affascinato. Conclusione: sono dell'idea che sia uno dei migliori album che abbiano mai fatto. Sono un accanito loro fan da 10 anni e posso dire che non mi hanno assolutamente deluso. Riguardo alla recensione non concordo sul fatto che il pezzo finale dell'album sia noioso. L'ho trovato il perfetto finale! Di una epicità eccezionale. Adoro anche l'inserimento delle parti parlate e teatrali accompagnate da impeccabili musiche. Non è da un ascolto, ma da molti, altrimenti si rischia di etichettarlo per ciò che non è. Conclusione: non è un album facilmente digeribile, ma una volta che lo si è capito ed assimilato risulta quasi perfetto.
Quorth_on
Domenica 19 Giugno 2011, 21.34.43
27
Ah, non ero a conoscenza dalla tenzone tra friulani e triestini
golden boy
Domenica 19 Giugno 2011, 21.28.44
26
@quorth_on: se un triestino legge il tuo commento ti ammazza friulani????
Quorth_on
Domenica 19 Giugno 2011, 21.20.20
25
Condivido in toto il commento di Andrea. L'ultimo vero grande disco dei Rhapsody è Power of the Dragonflame; da quel momento in poi tanti alti (soel2 e gli ultimi due sono buoni) e bassi (triumph, l'inutile live, the cold embrace of fear). La svolta stilistica ha favortio la potenza mandando a rotoli la ricerca della melodia. From Chaos to Eternity, (così come The Frozen Tears of Angels) ne è esempio lampante: canzoni dirette e senza fronzoli in cui spicca il lato sinfonico (Tornado mi fa eiaculare precocemente), perfette in sede live, ma povere dal lato "magico", fattore che ha reso grandi i friulani. Gli ultimi dischi sono come la classica donna che di sera ti sembra la più figa del mondo e il mattino dopo, passata la sbornia (alcolica ed emotiva), si scopre come niente di speciale. Penso che i voti alti, e parlo da puro fanboy, siano frutto di eccessivo "amore".
Renaz
Domenica 19 Giugno 2011, 11.38.54
24
@Salvo: difficile rivendere gli acquisti digitali
Salvo
Domenica 19 Giugno 2011, 11.30.52
23
immagino allora che lo rivenderai...
Renaz
Domenica 19 Giugno 2011, 11.27.46
22
Non sono neanche riuscito ad arrivare alla fine del CD...
HyperX
Domenica 19 Giugno 2011, 11.24.38
21
@golden boy confermo, ho trovato anche alcune recensioni piu` critiche di questa. Si vede che Google ancora non le vedeva... Per quanto mi riguarda sono legatissimo alla Emeral Sword Saga (quindi fino a Power of the Dragonflame), ritengo Triumph or Agony il punto piu` basso e meno ispirato della discografia dei triestini e il penultimo The Frozen Tears of Angels una rinascita vera e propria nella quale onestamente non ci contavo piu` di tanto. Il nuovo corso della band mi piace e sono proprio curioso di vedere cosa combineranno Turilli e Staropoli da qui in avanti...
Andrea
Domenica 19 Giugno 2011, 10.44.06
20
Commento personale: io che i Rhapsody li ho conosciuti quando uscì LEGENDARY TALES più di dieci anni fa, quando ancora erano una band triestina di sconosciuti che si affacciava al mondo discografico ben so la magia che quel disco e il suo successore SYMPHONY OF ENCHANTED LANDS recavano con sè. Col tempo quella magia si è persa. Dopo SYMPHONY 2 per quanto mi riguarda il discorso Rhapsody si è definitivamente chiuso. Ora sfornano album tecnicamente perfetti, con produzioni mostruose, arrangiamenti da oscar... ma io rimpiango le canzoni, quella che ti toccavano il cuore come Rage of the Winter, Legendary Tales, Eternal Glory, Symphony of Enchanted Lands, Dawn of Victory. NEgli ultmi 3 album di Turilli e soci dei Rhapsody che piacevano a me non è rimasto nulla. Detto questo, giù il cappello a una band di veri professionisti che tiene alto il nome del metal italiano nel mondo come mai nessuno prima!
golden boy
Domenica 19 Giugno 2011, 4.19.01
19
@HyperX: per essere precisi, se spulci in giro per la rete noterai che ci sono anche voti più bassi. e comunque ragazzi 77 è un voto più che buono in fin dei conti, è un'ampia promozione.però chi fa il recensore sa che mettere d'accordo tutti i lettori è un'impresa pressochè impossibile.l'importante è che i giudizi difformi siano espressi con pacatezza come fatto finora..
Castiel
Domenica 19 Giugno 2011, 2.16.04
18
Così poco? °-°
Feanor
Sabato 18 Giugno 2011, 23.43.44
17
Lo devo sentire meglio, ma sembra molto bello, anche se meno rispetto al precedente.
Salvo
Sabato 18 Giugno 2011, 16.37.03
16
beh, si, il recensore è stato un pò tirchio con il voto. almeno 80 pieno si poteva dare ad occhi chiusi.
HyperX
Sabato 18 Giugno 2011, 14.34.18
15
Ho ordinato il disco e attendo con impazienza di ascoltarlo con attenzione. Tra le varie recensioni uscite questa riporta il voto più basso. Stranamente rispetto a qualche anno fa anche le testate italiane parlano strabene di questo disco così come fu l'anno scorso con The Frozen Tears of Angels. Anche all'estero c'è grande entusiasmo, non posso ovviamente fare i nomi dei siti stranieri, ma date un'occhiata. I RoF sono amatissimi e questo non può che farmi piacere essendo uno di quei gruppi che ho amato fin dai tempi di Legendary Tales quando ero solo un pischello capellone al primo anno di liceo. Al di là dei gusti, credo che di band di questo calibro in giro non ce ne siano molte e da italiano che si ricorda di come anni fa il metal italiano era bistrattato e spesso deriso non può che farmi grande piacere. Un saluto a tutti.
black788
Sabato 18 Giugno 2011, 13.50.26
14
Scusate ma 77 a me pare poco, questa disco merita almeno 85 se non di più. Francamente mi sembra pochino.
Radamanthis
Sabato 18 Giugno 2011, 11.44.25
13
Ah, una nota anche per quel grande personaggio che è Lee...dispiace che non narrerà piu' su un disco dei Rhapsody ma giu' il cappello di fronte a questa grande voce narrante!
Radamanthis
Sabato 18 Giugno 2011, 11.38.02
12
Dopo quasi 1 giorno di ascolto ininterrotto ecco il mio responso: disco di pregevolissima fattura, della Symphony of enchanted lands pt. II (dal 2004 a oggi) il disco migliore in assoluto, raggiunge vette simili ai primi storici dischi della band. Un plauso particolare a Staropoli che fa un sontuoso lavoro di orchestrazioni ed arrangiamenti vari e una nota particolare a Fabio Lione: enrico86 al post 6 dice parole giustissime: "il cantante piu versatile dal teatrale al melodico, dai growl all'operistico" veramente spettacolare! Detto ciò non sono quindi d'accordo col voto (e in parte con la rece) di un disco molto ispirato, veloce e diretto, leggere orchestrazioni (non pacchiane ma azzeccatissime) e molto dinamico! Non sarà il loro migliore ma un 85 non glielo togli nessuno!
enry
Sabato 18 Giugno 2011, 7.24.49
11
E dire che basterebbe poco...riduzione delle parti sinfoniche/pompose (belle quanto volete ma ormai io non le reggo più), chitarre in primo piano, aumento della velocità e un Lione che viaggia costantemente fra clean e scream (e non solo in un brano). Che dire, alla fine sentirò e FORSE prenderò anche questo, ma il rischio che dopo un mese finisca nel dimenticatoio è come al solito molto alto.
ROSSMETAL65
Sabato 18 Giugno 2011, 0.43.28
10
Ottimo,veramente ottimo,insomma gran bel disco.Saga o non saga,hanno colpito veramente il bersaglio.
Quorth_on
Venerdì 17 Giugno 2011, 22.53.30
9
Carino ma mi aspettavo molto di meglio. Sto Chaos, di fatto, è meno ispirato di Triumph (che considero il peggiore), ma almeno scopre dinamismo e velocità. Tre brani top: Tempesta di Fuoco, Aeons of Raging Darkness e Tornado. La ballata è oscena. La suite è la meno riuscita di sempre, però la prima parte (Lo Spirito Della Foresta) è sontuosa.
Salvo
Venerdì 17 Giugno 2011, 22.14.56
8
tutti hanno svolto ottimamente il loro compito, ma Lione è qualcosa di impressionate. la cover dei Maiden nalla versione limited è fantastica e quasi quasi la preferisco all'originale.
enrico86
Venerdì 17 Giugno 2011, 22.09.38
7
mah...con questo disco i rhapsody secondo me raggiungono l'apice della loro creatività, colpendo con pezzi classici (la titletrack, tornado)e con pezzi piu eretici se cosi si puo dire (aeons of raging darkness, ghost of forgotten worlds, i belong to the stars). Secondo me il voto della recensione non rende giustizia al valore effettivo di questo disco, molto vario, con arrangiamenti che altre band piu blasonate ormai si possono solo sognare (il lavoro chitarristico è semplicememnte fenomenale). Una nota particolare per Lione: io sinceramente non ho mai sentito un cantante piu versatile di lui: dal teatrale al melodico, dai growl all'operistico, sinceramente non mi viene in mente alcun cantante nella storia del metal capace di colpire efficacemente di diritto e di rovescio come il cantante dei rhapsody. Voto: 9,5. Disco dell'anno in campo power, a meno di grandi sorprese nella seconda metà del 2011
Cosmo
Venerdì 17 Giugno 2011, 21.56.57
6
Ho abbassato x sbaglio la media, cmq chissene. Ottimo disco.
Salvo
Venerdì 17 Giugno 2011, 21.48.37
5
il disco è molto bello, altro che pacchiano. ce ne vuole di ignoranza per affermare certe cose, vatti ad ascoltare lady gaga va...
si come no
Venerdì 17 Giugno 2011, 21.29.30
4
Al pacchiano non c'è mai fine!
Warty
Venerdì 17 Giugno 2011, 19.12.15
3
Gran bel discone, finalmente un disco dei Rhapsody che non mi fa annoiare dopo qualche ascolto (escludendo il precedente). Peccato per I Belong To The Stars, che è davvero scarsa (l'intro sembra provenire dall'ex side-project di Lione, "J. Storm"). A me inoltre la suite finale piace molto (anche se condivido in parte sulla lunghezza del monologo di Lee). Da me si becca un bell'85!
Enrico
Venerdì 17 Giugno 2011, 18.51.25
2
Voto utenti 42.5? ridicolo il disco è bello.
Room 101
Venerdì 17 Giugno 2011, 18.07.55
1
Pare interessante cercherò di procurarmelo a breve !
INFORMAZIONI
2011
Nuclear Blast
Power/Symphonic
Tracklist
01. Ad Infinitum
02. From Chaos To Eternity
03. Tempesta Di Fuoco
04. Ghosts Of Forgotten Worlds
05. Anima Perduta
06. Aeons Of Raging Darkness
07. I Belong To The Stars
08. Tornado
09. Heroes Of The Waterfalls’ Kingdom
I. Lo Spirito Della Foresta
 II. Realm Of Sacred Waterfalls
III. Thanor's Awakening
 IV. Northern Skies Enflamed
 V. The Splendour Of Angels' Glory (A Final Revelation)
Line Up
Fabio Lione - voce
Luca Turilli - chitarra
Alessandro Staropoli - tastiere
Patrice Guers - basso
Alex Holzwarth - batteria
 
RECENSIONI
65
76
66
77
81
50
s.v.
70
ARTICOLI
08/02/2019
Intervista
RHAPSODY OF FIRE
Alex Staropoli ci presenta il nuovo album
27/10/2017
Live Report
ORDEN OGAN + RHAPSODY OF FIRE + UNLEASH THE ARCHERS
New Age, Roncade (TV), 24/10/2017
04/08/2017
Live Report
RHAPSODY OF FIRE + THEODASIA + FIST OF RAGE
Trieste Summer Rock Festival, Castel San Giusto (TS), 29/07/2017
16/06/2017
Intervista
RHAPSODY OF FIRE
Più vivi e vegeti che mai
14/12/2015
Intervista
RHAPSODY OF FIRE
Into the Legend!
03/05/2012
Intervista
RHAPSODY OF FIRE
Prima e dopo Luca Turilli
15/04/2012
Live Report
RHAPSODY OF FIRE + KALEDON + BEJELIT
New Age, Roncade (TV), 14/04/2012
06/09/2011
Intervista
RHAPSODY OF FIRE
Fabio Lione ci parla della band
05/03/2011
Live Report
RHAPSODY OF FIRE + VISIONS OF ATLANTIS + VEXILLUM
Roma/Milano, Atlantico/Alcatraz, 26-28/02/2011
08/05/2010
Intervista
RHAPSODY OF FIRE
Il futuro dell'Hollywood Metal
14/09/2006
Intervista
RHAPSODY OF FIRE
Parla Alessandro Staropoli
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]