Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Iamthemorning
The Bell
Demo

Break Me Down
The Pond
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/10/19
PLATEAU SIGMA
Symbols - The Sleeping Harmony of the World Below

25/10/19
JOE BONAMASSA
Live at the Sydney Opera House

25/10/19
VISION DIVINE
When All Heroes Are Dead

25/10/19
ZONAL
Wrecked

25/10/19
EDELLOM
Sirens

25/10/19
RINGS OF SATURN
Gidim

25/10/19
EXMORTUS
Legions of the Undead

25/10/19
CREST OF DARKNESS
The God Of Flesh

25/10/19
STEVE HACKETT
Genesis Revisited Band & Orchestra: Live at the Royal Festival Hal

25/10/19
ANTHONY PHILLIPS
Strings of Light

CONCERTI

20/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
Casa della Musica - Napoli

20/10/19
DEFLORE + MOLOTOY
WISHLIST CLUB - ROMA

20/10/19
NECROFILI + DISEASE
VILLAGGIO CULTURA - ROMA

22/10/19
CELLAR DARLING + FOREVER STILL + OCEANS
LEGEND CLUB - MILANO

23/10/19
FOLKSTONE
ORION - ROMA

23/10/19
PINO SCOTTO
MOB CLUB - PALERMO

25/10/19
MACHINE HEAD
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

25/10/19
INTER ARMA
LIGERA - MILANO

25/10/19
ARBORES AUTUMNALES FESTIVAL
GRIND HOUSE CLUB - PADOVA

25/10/19
FOLKSTONE
VIPER THEATRE - FIRENZE

Nuclear Assault - Handle With Care
( 5536 letture )
Handle With Care è il terzo album dei Nuclear Assault e costituisce, purtroppo, il prematuro canto del cigno di una band che all’epoca sembrava promettere davvero moltissimo. Alcuni lo considerano il loro lavoro migliore -questione su cui si può disquisire-; certamente si tratta di un disco che, pur ricalcando in pratica le medesime peculiarità che contraddistinguevano Game Over e Survive -thrash grezzo e veloce senza compromessi misto ad interessanti elementi hardcore-, risulta all’ascolto più ragionato ed in un certo qual modo meno diretto, quasi a voler imbrigliare l’incredibile irruenza della musica del combo statunitense. Il sound, inoltre, è più sporco e pesante con in risalto il basso distorto di Lilker. Tutto ciò non inficia sostanzialmente il giudizio più che positivo sul full lenght (magari ne uscissero ancora di tale eccellente fattura!), ma secondo il mio metro di giudizio gli preferisco di una spanna Survive proprio per la sia primordiale immediatezza.

L’apertura è affidata alla devastante New Song, un pezzo frenetico, dominato da un riffing straordinario e nel quale si pongono in evidenza sia l’impetuoso drumming di Evans che il potente basso di Lilker; Critical Mass si struttura su di un mid tempo incisivo ed è da menzionare un fulminante assolo di chitarra che ben si innesta con il bel tema portante. In Inherited Hell signoreggiano il vocalism abrasivo di Connelly ed un riff tagliente come un rasoio ben affilato; Surgery è una song più pacata che pone in risalto la maturazione compositiva del gruppo dedito non soltanto ai consueti fraseggi forsennati. In Emergency si apprezzano maggiormente i cambi di tempo, mentre Funky Noise è un breve break strumentale divertente che, per l’appunto, sconfina nel funky; in F# (Wake Up) è la sezione ritmica a farla da padrone ed ancora un micidiale schizofrenico assolo alle sei corde a stordire l’ascoltatore. When Freedom Dies sorprende per l’iniziale andamento cupeggiante, ma con l’irruenta Search And Seizure, introdotta da un rutto di fantozziana memoria, ritorna l’incedere più apprezzato del combo americano –da ricordare l’ottima prova del singer Connelly. Torture Tactics è un brano molto potente con il basso di Lilker ben in evidenza; la brevissima Mother's Day è un omaggio al grind core; alla lunga Trail Of Tears, strutturalmente piuttosto variegata e con un conclusivo arpeggio semiacustico alla sei corde che ci porta al termine dell’album, il compito di chiudere Handle With Care.

Un disco crepuscolare (il thrash stava tramontando per dare spazio al groove ed al death) di oggettiva bellezza e con le con consuete brillanti tematiche a sondo sociopolitico a farla da padrone.
Splendida e sin troppo eloquente la cover che contiene un messaggio estremamente attuale anche a distanza di più di vent’anni: maneggiamo con cura il nostro pianeta se vogliamo evitare la sua prematura distruzione. Meditiamo gente, meditiamo!



VOTO RECENSORE
90
VOTO LETTORI
77.31 su 63 voti [ VOTA]
thrasher
Mercoledì 17 Aprile 2019, 23.29.02
20
Certo, mi ricordo anche di un punk con il chiodo borchiato che continuava a voler saltare sulla gente... Comunque grande concerto bellissimo ricordo
Metal Shock
Mercoledì 17 Aprile 2019, 23.06.04
19
Non sono un bugiardo! Ti ricordi il cantante dei Depressive Age che, ubriaco lontano un chilometro, faceva le capriole sul palco??
thrasher
Mercoledì 17 Aprile 2019, 22.55.36
18
Giura
Metal Shock
Mercoledì 17 Aprile 2019, 22.52.46
17
Io ero uno di quei 50 (Ma anche meno)....🤨
thrasher
Mercoledì 17 Aprile 2019, 22.50.02
16
Li vidi a Torino con i depressive age... Concerto memorabile ci saranno state 50 persone
Silvia
Martedì 31 Ottobre 2017, 20.13.39
15
Grandissimo gruppo anche x me, musica e testi, sempre attuali fra l'altro! Talmente ascoltato che alcuni li ricordo ancora a memoria, hahaha . Comunque concordo col recensore, ottima prova di John! Non do voti perché sono di parte dato il grande valore che avevano x me.
thrasher
Martedì 31 Ottobre 2017, 20.03.41
14
Il Live all hammersmit odeon di questa tournée è da brividi... grande band
ObscureSolstice
Martedì 31 Ottobre 2017, 19.19.16
13
Devastazione...Disordine totale...un pelo con una produzione più curata e mosh roboante per mietere vittime...prendete da terra i caduti e aiutateli a rialzarsi per un nuovo mosh senza sosta da togliere il fiato...correte, correte veloci...la Devastazione Nucleare è in atto...."The way we live we will destroy..every other living thing..‘Til none are left except our race..and then we will destroy ourselves"
LexLutor
Domenica 8 Gennaio 2017, 19.40.35
12
In serie game over e the plague. Quindi handle with care. Ma le sfumature del "meglio" o del "peggio" sono così sottili che tutti e tre stanno su un livello altissimo e pressoché analogo. Un grandissimo album e una produzione obesa, rocciosa e roboante (Randy Burns). Non so se a qualcuno possa dire qualcosa. Ma qua parecchi sudano per avenged sevenchenesó. Bah.
VecchioThrasher
Domenica 8 Novembre 2015, 11.27.00
11
Secondo me quest'album spacca ma anche Game Over e the plague!
Arrraya
Giovedì 20 Marzo 2014, 11.01.50
10
il trittico iniziale è da storia del thrash. Secondo me HWC è un pelino meglio di Survive, piu compatto e matura. Album da risploverare alla grande.
Vitadathrasher
Sabato 14 Settembre 2013, 19.37.53
9
Ho tutti i vinili dei primi 4 dischi ma questo lo preferisco a tutti gli altri, album senza cali, musicisti all'apice della forma, canzoni incazzate di brutto e voce pulita e graffiante. Band superlativa trattata come una realtà underground che in mani migliori avrebbe dato molto di più. Nel 2002 visti a waken suonarono in delle condizioni audio indicibili, poveretti....
LAMBRUSCORE
Sabato 27 Ottobre 2012, 21.17.12
8
Una delle rare volte in cui quoto TUTTI i commenti precedenti....e non contesto niente, hehe....ah no,@thrashanni80: preferisco i primi 2.....
thrashanni80
Domenica 29 Luglio 2012, 20.46.07
7
La loro punta di diamante, ho il vinile sia di questo che di Survive
Northcross1
Venerdì 25 Maggio 2012, 0.54.03
6
Mi chiedo perchè i 3 fantastici dischi degli NA ovvero: questo, Survive e Game Over hanno una media voti utenti cosi bassa... Bho misteri... Comuque questo è un disco spaventoso, potentissimo, suonato davvero bene la voce del singer si fonde perfettamente con le sonorità taglienti della band. Per di più ha un ottima voce. Sono a livello (se non meglio) di band ben più blasonate con il trittico iniziale. Voto 97
Maurizio
Venerdì 27 Gennaio 2012, 17.43.30
5
Disco che ancora oggi è meglio ascoltare quando sono solo in casa perchè sennò scatta la polemica musica-pentolame. vinile comunque assolutamente consigliato ai thrashers dei tempi. le prime tre tracce sono da cervicale.
Blackout
Domenica 26 Giugno 2011, 16.24.37
4
Grande disco! Bravo Fabio!
Ubik
Venerdì 24 Giugno 2011, 22.57.57
3
Stupendo disco. La tripletta iniziale dei NA è assolutamente fantastica con un picco nel secondo disco (Survive)
Er Trucido
Venerdì 24 Giugno 2011, 22.29.19
2
bellissimo disco a partire dalla cover. Molto bella Trail Of tears, ma tutto l'album non ha cali. Peccato che sarà l'ultimo dei Nuclear assault a questi livelli
valereds
Venerdì 24 Giugno 2011, 17.01.53
1
Bellissimo thrash d'altri tempi!
INFORMAZIONI
1989
Relativity/Under One Flag
Thrash
Tracklist
1. New Song
2. Critical Mass
3. Inherited Hell
4. Surgery
5. Emergency
6. Funky Noise
7. F:(Wake Up)
8. When Freedom Dies
9. Search & Seizure
10. Torture Tactics
11. Mother's Day
12. Trail Of Tears
Line Up
John Connelly (Voce, Chitarra)
Anthony Bramante (Chitarra)
Dan Lilker (Basso)
Glenn Evans (Batteria)
 
RECENSIONI
50
60
60
90
92
80
85
ARTICOLI
30/07/2015
Live Report
NUCLEAR ASSAULT + ASSAULTER + ENFORCES
Traffic Club, Roma, 23/07/2015
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]