Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Amorphis
Queen of Time
Demo

Below a Silent Sky
A View from Afar
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

25/05/18
SKYBORNE REVERIES
Winter Lights

25/05/18
SCIENCE OF DISORDER
Private Hell

25/05/18
SPACE ELEVATOR
Space Elevator II

25/05/18
MICAWBER
Beyond The Reach Of Flame

25/05/18
FILII NIGRANTIUM INFERNALIUM
Hóstia

25/05/18
BLEEDING THROUGH
Love Will Kill All

25/05/18
DJEVELKULT
Når Avgrunnen Åpnes

25/05/18
FORGED IN BLOOD
Forged in Blood

25/05/18
LIV SIN
Inverted - EP

25/05/18
ABHOR
Occulta ReligiO

CONCERTI

25/05/18
CIRCUS MAXIMUS + ANGEL MARTYR + NEW HORIZONS (ANNULLATO!)
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

25/05/18
MORTIIS + GUESTS
OFFICINE SONORE - VERCELLI

25/05/18
ALKYMENIA + ANCIENT DOME + RAWFOIL
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

25/05/18
METAL QUEEN FESTIVAL (day 1)
SALONE POLIVALENTE - STRAMBINO (TO)

25/05/18
CORAM LETHE + SYMBIOTIC + CELEPHAIS
EXENZIA - PRATO

25/05/18
THE CRUEL INTENTIONS + SPEED STROKE + LETHAL IDOLS
GRIND HOUSE CLUB - PADOVA

26/05/18
CIRCUS MAXIMUS + ANGEL MARTYR (ANNULLATO!)
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

26/05/18
MILADY METAL FEST
ARCI TOM - MANTOVA

26/05/18
SAILING TO NOWHERE
BLACK OUT - ROMA

26/05/18
DON BROCO
SERRAGLIO LIVE - MILANO

Loudness - The Law of Devil’s Land
( 5167 letture )
Heavy Metal e samurai, un incontro suggestivo e insolito, un connubio splendidamente sposato dai Loudness, la band di maggior impatto -carisma, classe, longevità- mai partorita dal paese del Sol Levante. Superate le scorie del debutto, l'ancora acerbo The Birthday Eve, con il già più valido Devil Soldier, la formazione di Osaka torna a colpire duro, dimostrando di aver ben recepito il messaggio portante dell'heavy metal occidentale e di saperlo riproporre con orgoglio e competenza ai piedi del monte Fuji (e dagli con gli stereotipi). Indubbiamente questa é la più fervida realtà mai partorita dal mondo orientale in ambito heavy: una band che crescerà sistematicamente release dopo release, prima di confermarsi anche alle opposte latitudini con una svolta più tendente ai canoni americani di quello che intendiamo come metallo classico. Ma questa é un'altra storia, perché ora é degli albori di questo ensemble che ci occuperemo: rff rocciosi ed assoli ultramelodici sono alla base di un sound imperniato attorno al lavoro alle sei corde di Akira Takasaki, chitarrista delizioso sui cui spartiti vengono stese le liriche in lingua madre di Minoru Niihara, più convincenti che in passato; questo permette ai Nostri di raggiungere nel terzo disco, The Law of Devil's Island, un risultato finale affascinante e di livello.

L'album contiene pezzi dal buon 'tiro', coinvolgenti e spesso incalzanti nella ritmica, molto compatti ed, ancora una volta, contraddistinti da una forte dose di melodia, affidati ad una produzione valida ed incoraggiante, il riffing si fa sempre più corposo ed heavy, ed anche la voce, pur mantenendo la tipica modulazione nasale e lamentosa tipica dei singer giapponesi, risulta più coinvolgente ed orecchiabile. I fiammanti guitar solos di Takasaki si fanno qui ancor più maturi e metallizzati che in precedenza, fluidi, cristallini e veloci, affiancati da un drumwork compatto e sugli scudi, molto pulito ed asciutto nel suono. La combinazione di suoni, strumenti, sezioni di 'intermezzo' e linee vocali si fa assai gradevole, con il combo nipponico che dà finalmente l'idea di essere un vero team e non solo un insieme di singoli come era parso nel disco d'esordio. Nella proposta dei quattro orientali non manca mai la vivacità, la melodia, peculiarità che rendono l'heavy metal qui proposto assai orecchiabile e capace di flirtare con l'hard rock più che con i sinistri e anthemici inni priestiani o maideniani, pur se rivestito di una scintillante componente d'acciaio, che cola ad alte temperature dalla chitarra di Takasaki; la band si alterna tra midtime e schegge più rapide, scoppiettanti, colorate e decisamente catchy, allegre e vivacissime, per un totale di nove pezzi e quarantadue minutui abbondanti di buona musica. Ancora una volta, però, l'artwork di copertina è assai pacchiano e esteticamente non meraviglioso. L'album entra nel vivo, dopo il corale introduttivo Theme of Loudness, con i pezzi più speed e diretti dislocati lungo la tracklist: In the Mirror, dal coinvolgente chorus vocale, la titletrack -assai catchy, accattivante e vocalmente scoppiettante- e la conclusiva Speed, il cui titolo è di per sè assai eloquente. Ma i Nostri sanno farsi valere anche con pezzi meno rapidi, trainati da refrain vocali molto canticchiabili e talvolta quasi da sigla di cartone animato (Show Me the Way) o capaci di sintetizzare nel giro di pochi minuti sonorità mainstream con sprazzi progressivi nelle trame chitarristiche (I Wish You Were Here), talvolta strizzando l'occhio a tinte più cupe e ballate lente (Mr. Yes Man, che cresce in concomitanza del chorus) e non disdegnando l'atipico utilizzo di cori e di una timbrica vocale a tratti più ruvida (Sleepless Night), fatto assai insolito per le corde di Niihara). Il passaggio più metallico del lotto risulta essere Black Wall, con pregevoli architetture culminanti in un guitar solo molto intenso.

Ampiamente superate, dunque, le incertezze degli esordi, levigate negli angoli più grezzi -legati soprattutto alle vocals, al songwriting e al concetto di 'collettivo'- e forti di un sound portato a livelli eccelsi dal chitarrismo di Takasaki, i Loudness si caricano sulle spalle l'intero movimento asiatico e, pur non essendo ancora americanizzati nello stile -ma, anzi, mantenendo quel flavour 'casereccio' e fortemente genuino, passionale, anomalo, se vogliamo, vista la provenienza- sfornano un signor disco, pregno di melodie ed heaviness, mantenendo rispettosamente i contatti con le proprie radici, anche attraverso le eleganti e assai naif liriche in lingua madre di Niihara, autore di una prova incoraggiante che non soffre -anzi ne viene esaltata- della pronuncia e della modulazione della sua voce. Di Takasaki s'è già detto ampiamente: performance gustosa, tecnica sopraffina, scale veloci e vertiginose, pulizia e gusto melodico al pari di tanti grandi guitar hero occidentali. Album importante nella carriera dello storico act nipponico.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
80.60 su 83 voti [ VOTA]
rob 75
Domenica 22 Marzo 2015, 18.57.36
4
sicuramente un grande disco,sono felice di aver trovato una copia di questo lavoro ( insieme al precedente devil soldier ) a poco prezzo in un mercatino: uno dei migliori affari mai fatti in ambito musicale
fabio
Mercoledì 16 Maggio 2012, 0.03.44
3
IL 35,90 dei lettori non ci sta..
ASD
Sabato 31 Dicembre 2011, 12.47.38
2
Grandissimo album! Secondo me uno dei migliori dei Loudness! Band che ha fatto grandi album in generale! voto :89
The Nightcomer
Giovedì 8 Dicembre 2011, 12.19.07
1
Gran bel disco anche questo! A differenza di altre bands di metal classico, che talvolta vengono ricordate per un solo album di qualità, i Loudness hanno saputo confermarsi in più di qualche uscita discografica. Questo aspetto va ricordato, a mio avviso.
INFORMAZIONI
1983
Columbia Records
Heavy
Tracklist
1. Theme of Loudness
2. In the Mirror
3. Show Me the Way
4. I Wish You Were Here
5. Mr. Yes Man
6. The Law of Devil's Land
7. Black Wall
8. Sleepless Night
9. Speed
Line Up
Minoru Niihara (Voce)
Akira Takasaki (Chitarra)
Masayoshi Yamashita (Basso)
Munetaka Higuchi (Batteria)
 
RECENSIONI
71
78
78
80
81
86
80
80
62
ARTICOLI
13/02/2015
Articolo
LOUDNESS WAR
L'insensata guerra dei decibel
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]