Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Psychotic Waltz
The God-Shaped Void
Demo

Ira Green
7
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/02/20
DIESPNEA
Pneuma

28/02/20
BENEATH THE MASSACRE
Fearmonger

28/02/20
LACASTA
Æternvm

28/02/20
NEAERA
Neaera

28/02/20
FLUISTERAARS
Bloem

28/02/20
GAME ZERO
W.A.R. - We Are Right

28/02/20
BLOOD AND SUN
Love & Ashes

28/02/20
SHAKRA
Mad World

28/02/20
OUTLAWS
Dixie Highway

28/02/20
ABHOMINE
Proselyte Parasite Plague

CONCERTI

22/02/20
STIGE FEST
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

22/02/20
UNEARTH + PRONG + DUST BOLT
LEGEND CLUB - MILANO

22/02/20
NANOWAR OF STEEL
LARGO VENUE - ROMA

22/02/20
OTTONE PESANTE
ZIGGY CLUB - TORINO

22/02/20
GLI ATROCI
VIDIA CLUB - CESENA (FC)

22/02/20
CRIPPLE BASTARDS + GUESTS
MK LIVE CLUB - CARPI (MO)

22/02/20
NECROFILI + BRAIDSKILL
SALA FALCONE BORSELLINO - FORMIA (LT)

22/02/20
ESSENZA + GUESTS
BARRAOTTANTAQUATTRO - NOCIGLIA (LE)

23/02/20
EXTREMA
MAGAZZINI GENERALI - MILANO

24/02/20
CROSSFAITH
LEGEND CLUB - MILANO

Wizard`s Beard - Pure Filth
( 1748 letture )
Nati dale ceneri di due bands, i Solitary Mass e gli Agent Of The Morai, gli inglesi Wizard’s Beard sfornano un album di sludge allo stato puro, senza compromessi e in pieno stile (ossimoricamente) dixie.
Questo Pure Filth, dalla copertina psycho-cartoon ma intriso di sonorità di tenebra, sembra essere, a tutti gli effetti, il prodotto di una band allocata tra South Carolina, Georgia o Alabama, stando pure a quanto sentenziano i Wizard’s Beard stessi nel loro website.

Se le releases precedenti erano volte ad un doom fortemente attraversato da venature southern rock, Pure Filth prosegue il cammino iniziato: i quattro imbevono letteralmente i loro brani di influenze disparate, dove i Kyuss viaggiano a braccetto con Janis Joplin, Obituary, Mississippi John Hurt.
Ma non fatevi trarre in inganno: già dai primi accordi di Paint The Skies (vera e propria suite della durata di 8:34) risulta lampante che i quattro inglesi pestano e creano atmosfere altrettanto peste, dove a farla da padrone, tra le loro ispirazioni, sono maggiormente i Corrosion Of Conformity, i Discharge, e, in qualche lampo (vedasi Parasite) persino i The Addicts, tanto per non dimenticare la buona, vecchia scuola britannica. Certo, l’aroma southern c’è, ma distinguibile a piccole dosi.
Se vi piacciono le bastonate lunghe e reiterate, allora non fatevi scappare quel diamante (volutamente lasciato grezzo) di Hemmorhage, che dura “solo” 1 minuto e 46 secondi di violenza o odio brusco. La voce di Chris Hardy è quanto di più rozzo possiate immaginare: ma va bene così, se a supportarlo ci sono l’inossidabile chitarra di Craig Jackson (davvero notevole nel main riff jailbreaking di Painth The Skies) e il potente basso di Neil Travers.

Certo, questi inglesi non hanno inventato o escogitato niente di nuovo; non c’è traccia di ricerca di melodia, di finezze tecniche, ma solo tanto sano e robusto doom.
I Wizard’s Beard ve le suonano in faccia le cose: inutile cercare in questa band quello che mai potrà e vorrà essere.
God save the doom!



VOTO RECENSORE
84
VOTO LETTORI
23.5 su 20 voti [ VOTA]
Sangre
Venerdì 8 Luglio 2011, 9.44.57
4
Grande Ubik!!
Ubik
Mercoledì 6 Luglio 2011, 17.50.52
3
Ascoltato il disco e devo dire che è veramente ottimo. Lo ordinerò al più presto. Voto 80
Sangre
Domenica 3 Luglio 2011, 15.27.25
2
Grazie Ubik!
Ubik
Venerdì 1 Luglio 2011, 17.18.54
1
Interessante! darò un'ascoltata. Bella rece chiara e concisa
INFORMAZIONI
2011
Psychedoomelic Records
Doom
Tracklist
1 - Paint The Skies
2 - Hemorrhage
3 - Parasite
4 - Wizard’s Beard
5 - The Albatross
Line Up
Chris Hardy (vocals)
Craig Jackson (guitar)
Neil Travers (vocals, bass)
Dan Clarke (drums)
 
RECENSIONI
84
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]