Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Ghost
Prequelle
Demo

SpellBlast
Of Gold and Guns
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

20/06/18
HAENESY
Katrusza

22/06/18
KHEMMIS
Desolation

22/06/18
WOLFEN RELOADED
Chaiging Time

22/06/18
HAKEN
L-1VE

22/06/18
IMPENDING ROOM
The Sin And Doom Vol. II

22/06/18
ART OF DECEPTION
Path of Trees

22/06/18
MARTYR LUCIFER
Gazing at the Flocks

22/06/18
ARSTIDIR
Nivalis

22/06/18
THE HERETIC ORDER
Evil Rising

22/06/18
THE SEA WITHIN
The Sea Within

CONCERTI

18/06/18
MESHUGGAH + DESTRAGE
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

18/06/18
CONVERGE + CORROSION OF CONFORMITY
ORION - ROMA

19/06/18
MARILYN MANSON + GUEST TBA
IPPODROMO SAN SIRO - MILANO

19/06/18
MESHUGGAH + DESTRAGE
ORION - ROMA

19/06/18
UNDEROATH + CROSSFAITH
ZONA ROVERI - BOLOGNA

20/06/18
MESHUGGAH + DESTRAGE
ESTRAGON - BOLOGNA

20/06/18
UNDEROATH + CROSSFAITH
MAGAZZINI GENERALI - MILANO

21/06/18
ANAL VOMIT + FINGERNAILS + ASPHALTATOR
TRAFFIC CLUB - ROMA

22/06/18
PEARL JAM
I-DAYS FESTIVAL - RHO (MI)

22/06/18
ANAL VOMIT + LECTERN + GUEST
CIRCUS - SCANDICCI (FI)

Raven - The Pack Is Back
( 2939 letture )
Nella biografia di quasi tutte le band del passato possiamo identificare un periodo di “commercializzazione” del sound, è successo davvero a tutti: qualcuno ha ottenuto i risultati sperati, altri no. E se grandi gruppi sono riusciti a creare album che hanno trovato un ottimo riscontro in termine di vendite senza per questo andare ad intaccare la qualità generale del lavoro, questo discorso non vale per The Pack Is Back dei Raven.

Correva l’anno 1986, la formazione di Newcastle arrivava dal successo del precedente Stay Hard e dall’ancora più grande All For One, e come tutti voi ricorderete era l’anno dei synth, i Judas Priest tentavano il colpaccio con il mezzo flop che fu Turbo mentre gli Iron Maiden ci deliziavano con le futuristiche cavalcate di Somewhere In Time, e nemmeno i Raven furono immuni al fascino dell’innovazione. Tuttavia, se dovessi accostare il risultato ad uno dei dischi sopraccitati sicuramente sceglierei quello dei Judas: L’apporto del synth è davvero fuori luogo, quando compare, e spesso sembra forzato, mentre dal punto di vista del songwriting i nostri tentano un approccio più immediato e, come anticipato, di stampo commerciale, con tutte le conseguenze negative che questo può comportare nell’ambiente HM. Indipendentemente da qualsiasi scelta di marketing, la qualità dei pezzi non è nemmeno sufficiente e sebbene la title track, forse una delle poche canzoni da salvare di tutto il disco, sia piacevole e si lasci ascoltare bene, le delusioni non tardano ad arrivare: Gimme Some Lovin’ (cover di una famosa canzone anni ’60) era davvero evitabile, Screamin’ Down the House è anonima e scorre senza lasciare nessun tipo di emozione residua mentre Young Blood, se non altro, ha il merito di alzare un po’ il ritmo, ma questa volta interviene la produzione (oltre ai soliti sporadici synth in sottofondo) a depotenziare sia le chitarre che la base ritmica e a renderla inoffensiva. La seguente Hyperactive è una presa in giro (se ci si mettono anche le trombette da disco dance è davvero troppo) e Rock Dog sembra un pezzo scartato dagli AC/DC e riciclato. Il resto del platter scivola lentamente senza nulla aggiungere né di buono né di malvagio, ma navigando in livelli qualitativi davvero bassi senza riuscire a salvare l’album dall’oblio più totale.

In conclusione, un grande passo falso da parte dei Raven (che non otterranno nemmeno il successo commerciale sperato, a dimostrazione che è proprio la qualità a mancare), di cui si può salvare davvero pochissimo se non niente: i ritornelli-coretto, le chitarre in modalità ronzio e la noia fanno da padroni per una mezzora abbondante e si ha sempre l’impressione di ascoltare un disco di hard rock da classifica. Ma non tutte le colpe sono imputabili alla produzione: il songwriting è davvero povero di ispirazione, più di metà album è letteralmente di troppo, mentre l’altra metà scivola via in maniera anonima e si ha davvero l’impressione che i Raven abbiano tentato un approccio in sede di composizione superficiale e commerciale, senza riuscire comunque nell’intento. Tutta la band appare davvero sottotono e fuori forma, meglio allora tornare ad ascoltare Athletic Rock e rimpiangere i bei tempi andati, che sembrano lontanissimi se paragoniamo dischi come Wiped Out e All For One a questo The Pack Is Back.



VOTO RECENSORE
40
VOTO LETTORI
29.73 su 19 voti [ VOTA]
Iron ozzy
Mercoledì 5 Giugno 2013, 14.20.49
2
commerciale al massimo e a tratti sperimentale. Hanno puntato tutto sulla prima... ed hanno fatto cilecca, secondo me, se avessero puntato di più sul lato sperimentale, aggiungendoci magari un tocco di speed e pesantezza, proseguendo e pompando il lavoro fatto in stay hard, questo sarebbe un discreto album marchiato RAVEN
blackie
Sabato 1 Ottobre 2011, 14.57.04
1
questa e la dimostrazione che il commercializzarsi per vendere di piu non sempre paga.non ce niente dei raven solo 3 rincoglioniti che sognano di conquistare facilmente le classifiche.e il fatto che il disco abbia fatto schifo in termini di vendite e la prova che anche i fans piu accaniti li abbiano abbandonati in quel periodo.
INFORMAZIONI
1986
Atlantic Records
Hard Rock
Tracklist
1. The Pack Is Back
2. Gimme Some Lovin'
3. Screaming Down the House
4. Young Blood
5. Hyperactive
6. Rock Dogs
7. Don't Let it Die
8. Get Into Your Car and Drive
9. All I Need
10. Nightmare Ride
Line Up
John Gallagher (Basso, Voce)
Mark Gallagher (Chitarra)
Rob "Wacko" Hunter (Batteria)
 
RECENSIONI
79
75
40
85
89
88
88
ARTICOLI
20/05/2017
Live Report
KISS + RAVENEYE
Pala Alpitour, Torino, 15/05/2017
27/07/2016
Live Report
IRON MAIDEN + THE RAVEN AGE
Lisbona/Assago (MI), 11-22/07/2016
16/06/2015
Live Report
MASTODON + THE RAVEN AGE
Estragon, Bologna - 10/06/15
02/04/2015
Intervista
RAVEN
Sempre oltre i limiti
27/04/2010
Intervista
RAVEN
Ancora atletici, ancora metallici
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]