Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Premiata Forneria Marconi
Emotional Tattoos
Demo

Cortex Complex
Memoirs of an Apocalypse
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/11/17
HYPERION
Dangerous Days

24/11/17
ALMANAC
Kingslayer

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
DEGIAL
Predator Reign

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
TAAKE
Kong Vinter

CONCERTI

22/11/17
MARILYN MANSON + GUEST
PALA ALPITOUR - TORINO

22/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

23/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
QUIRINETTA - ROMA

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

24/11/17
6TH COUNTED MURDER + KALIAGE
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

24/11/17
UFOMAMMUT + GUESTS
EREMO CLUB - MOLFETTA (BA)

25/11/17
THE MODERN AGE SLAVERY + DESPITE EXILE + AMBER TOWN
LA TENDA - MODENA

25/11/17
COUNCIL OF RATS + NIDO DI VESPE + MALLOY
CASEIFICIO LA ROSA - POVIGLIO (RE)

The Phantom Carriage - New Thing
( 1129 letture )
Il Carretto Fantasma (Körkarlen) è anche un meraviglioso film del ‘21 del registra svedese Victor Sjöström il cui explicit ripercorre, idealmente, il giudizio globale sul debutto discografico dei The Phantom Carriage.

“Signore, lascia che la mia anima maturi prima che venga raccolta.” (Victor Sjöström as David Holm)

Tanto vale per la richiesta del protagonista della pellicola in questione quanto per il quintetto di Poitiers (Francia). Acerbi, eccessivi e, spesso, privi di un reale percorso sonoro, i nostri mettono tanta di quella carne al fuoco da rischiare di bruciarla se non addirittura di servire inavvertitamente (o volontariamente) i tagli meno appetibili.
Black Metal, Jazz, Math-core, Screamo, accordèon, divagazioni pianistiche, fiati e chi più ne ha più ne metta. Il calderone ribollisce denso e straripante di suggestioni stilistiche ben calibrate a volte, totalmente insipide in altre. Le coordinate, anche a detta del promoter, vorrebbero toccare il post-black tinto di jazz dei Deathspell Omega (forse la versione addomesticata), la math music dei conterranei Comity (e per chi conosce la band parigina l’accostamento potrebbe apparire più di inquadramento che non di vera associazione) e a queste andrebbero aggiunte indirettamente tutte le esperienze e sperimentazioni (seppur su generi diversi) di band quali i Farmakon e gli Ephel Duath della “tavolozza del pittore” (non vorrei però incitare al paragone perché in tal caso i transalpini ne uscirebbero a pezzi).

Il brano d’apertura, The Horses Feed Their Birds, parte alla carica con il più classico dei riff black metal che più classico non si può e ci accompagna fino al break punkish e successivo ritornello screamo (leggisi emo stonato). Il brano prosegue tra stop’n’go, alternanza stilistica e risulta, ad attenta analisi, un riuscitissimo e casuale collage di sonorità e arrangiamenti discutibili. La successiva The Wreck Of My Mental Ship porta in primo piano le componenti hardcore (nell’accezione moderna del termine) con l’ennesimo utilizzo delle transizioni già abusate nel brano iniziale. Va però segnalata l’ottima architettura chitarristica della prima strofa. Un brano ben concepito, ma troppo in linea con quanto propone oggi la scena americana in questo ambito (fino a prova contraria questo si presentava come un disco sperimentale).
Con The Monument On Hendrick’s Hill gli echi Comity-iani si fanno largo anche se in maniera fin troppo diluita all’interno del mare magnum post-black. Brano che ad ogni modo si rivela essere tra i più riusciti del platter anche in virtù della buona amalgama stilistica proposta.
Climax di questo New Thing è senza dubbio Black Rain Falls In Drops. L’intro e la strofa jazzy (con tanto di sax) risultano molto godibili e divertenti, il ritornello ben incastrato nell’impalcatura globale. Come però già è capitato in precedenza gli sviluppi della sezione centrale sono confusionari, singolarmente caratterizzati da ottime intuizioni ma prive di un percorso musicologico che ne giustifichi l’utilizzo se non per fini dimostrativi. Il finale del brano dimostra infatti quanto le soluzioni più ragionate donino maggiore spessore alla proposta del quintetto francese.
Les Fantômes Se Cachent Pour Pleurer è un breve e riuscito momento di svago musicale nel quale si susseguono pattern ritmici (blast beats, doppia cassa) sotto una polka in pieno stile chanson d’accordèon. Altrettanto breve è la successiva Our Roses più inquadrata nello stile fin qui proposto dal combo.
La chiusura è affidata a 16-04-10 brano a suo modo riassuntivo, riesplora (senza soluzione di continuità) quanto proposto, dai furenti passaggi black ai break punkish, dagli intermezzi math-core fino alla breve e trasportante chiusura affidata al pianoforte.

I The Phantom Carriage sono una buona band composta da musicisti tecnicamente molto preparati, hanno spunti e idee singolarmente convincenti ma mancano ancora, a mio modo di vedere, di maturità e amalgama nella proposta già di suo molto eterogenea. L’utilizzo di uno stile rispetto ad un altro, di una sfumatura rispetto ad un’altra, è spesso pura estetica (e come già detto a tratti anti-estetica) e scevra di alcuna funzionalità rispetto agli umori e alle sensazioni che si vorrebbero trasmettere. Personalmente poi ho trovato totalmente fuori contesto le clean vocals “americane” che, inevitabilmente concorrono a far risultare il prodotto finale eccessivamente “tamarro” quando, in realtà, questo vorrebbe essere raffinato.

Un buon inizio sicuramente che se da un lato è da premiare, dall’altro trasmette la sgradevole sensazione di strada senza uscita. Niente di irrecuperabile, a patto che ci sia non solo la maturità musicale utile a far evolvere la propria proposta, secondo i proprio intenti, ma anche la maturità artistica necessaria a fare, se doveroso, un passo indietro.

“Ciascuno chiama idee chiare quelle che hanno lo stesso grado di confusione delle sue” (Marcel Proust)



VOTO RECENSORE
65
VOTO LETTORI
19.41 su 17 voti [ VOTA]
Malleus
Mercoledì 6 Luglio 2011, 15.32.15
1
si però 100 all'artwork
INFORMAZIONI
2011
Throatruiner Records/Swarm Of Nails
Inclassificabile
Tracklist
01. The Horses Feed Their Birds
02. The Wreck Of My Mental Ship
03. The Monument On Hendrick's Hill
04. Black Rain Falls In Drops
05. Les Fantômes Se Cachent Pour Pleurer
06. Our Roses
07. 16-04-10
Line Up
Thieu - Vocals
Max - Guitars
Antoine - Guitars
Yann - Bass
Simon – Drums/Backing Vocals
 
RECENSIONI
65
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]