Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Striker
Play to Win
Demo

BlurryCloud
Pedesis
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

21/01/19
NOCTAMBULIST
Atmospheres of Desolation

21/01/19
VILE APPARITION
Depravity Ordained

21/01/19
RAVENOUS DEATH
Chapters of an Evil Transition

22/01/19
DREAM THEATER
Distance Over Time

22/01/19
DARK MIRROR OV TRAGEDY
The Lord Ov Shadows

25/01/19
SWALLOW THE SUN
When a Shadow is Forced Into the Light

25/01/19
MALAMORTE
Hell for All

25/01/19
CRYING STEEL
Steel Alive

25/01/19
CORRODED
Bitter

25/01/19
KING DIAMOND
Songs For The Dead Live

CONCERTI

19/01/19
DON BROCO
LEGEND CLUB - MILANO

19/01/19
TERRORIZER + SKELETAL REMAINS + DE PROFUNDIS + GUEST
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

25/01/19
EMBRYO
HAPPY DAYS PUB - NAPOLI

25/01/19
TOTHEM + SOUND STORM + ELARMIR
JAILBREAK - ROMA

25/01/19
NODE + FIVE MINUTES HATE
MADHOUSE PUB - MORNAGO (VA)

25/01/19
ARCANA OPERA + CONSTRAINT
ARCI TOM - MANTOVA

25/01/19
MILL OF STONE + GUEST
GALIVM GARAGE - PIEVE DI SOLIGO (TV)

26/01/19
EMBRYO + COEXISTENCE + DRANEKS ORDEN
FUCKSIA - ROMA

26/01/19
DISTRUZIONE + ERESIA + DESCEND INTO MAELSTROM
THE FACTORY - AZZANO VENETO (VERONA)

26/01/19
SOUND STORM + KANTICA + REVENIENCE
OFFICINE SONORE - VERCELLI

Laaz Rockit - Know Your Enemy
( 2348 letture )
Know Your Enemy, pubblicato nel 1987, è il terzo album in studio degli statunitensi Lääz Rockit e riveste un’importanza fondamentale nella storia di questo gruppo erroneamente ritenuto di seconda fascia nel movimento thrash; il disco, infatti, rappresenterà il reale punto di svolta della loro carriera. Le precedenti due release (City's Gonna Burn e No Stranger To Danger) ristagnavano maggiormente su canoni più consoni all’heavy metal, si trattava di lavori apprezzabili, specie il primo, ma non di certo eccellevano per brillantezza; in Know Your Enemy il salto di qualità risulta evidente grazie ad un sound notevolmente più arcigno che ammicca in maniera più marcata al thrash style di matrice americana che in quegli anni imperversava. La band di Oakland decide, quindi, di cambiare marcia prediligendo ritmiche più serrate (quelle che inducono l’ascoltatore a scuotere veementemente la testa fino a che il dolore alla cervicale ti costringe alla resa!).

L’album è valido ravvisandosi solo in rari momenti composizioni meno efficaci (non mi hanno mai troppo garbato, ad esempio, le inconcludenti Say Goodbye M.F e la conclusiva Shit's Ugly) ed ancora oggi a distanza di tanti anni si lascia ammirare per alcuni spunti davvero interessanti. Il lavoro alle chitarre del duo Jellum/Kettner è magistrale (godetevi la strumentale Mad Axe Attack, una cascata di note straripante), la sezione ritmica pesta a dovere e l’ugola abrasiva di Michael Coons ti travolge letteralmente. Già Last Breath, posta subito dopo il tenebroso intro Demolition, è un gustoso assaggio di quanto predetto per mezzo di un riffing a dir poco rabbioso e ad uno splendido refrain; Euroshima non è da meno per l’incedere martellante e con delle parti vocali intriganti; la lunga Most Dangerous Game ha un inizio melodico, ma poi aumenta d’intensità fino all’eccellente serie vertiginosa di assoli di chitarra (il brano si chiude, poi, con un sound piacevolmente pacato) ed ancora si sale di tono con Shot To Hell con uno scatenato Coons e Self Destruct per merito di un eccezionale refrain. Bello l’arpeggio introduttivo di Means To An End, song che si snoda successivamente in un mid tempo accattivante, mentre I’m Electric è una piacevole canzone tipicamente heavy che rammenta un po’ lo stile dei Judas Priest.

Know Your Enemy non è il miglior album dei Lääz Rockit -riconoscimento che, a mio avviso, merita Nothing’$ $acred del 1991- tuttavia è un full length che va riscoperto passato troppo in sordina rispetto al suo reale valore artistico; d’altronde i Lääz Rockit stessi meriterebbero una maggior considerazione in quanto anche superficialmente tutte le attenzioni all’epoca erano riversate verso altri gruppi quali Overkill e Exodus: è uno sbaglio commesso anche da me al quale va posto rimedio. Io mi sono pentito, e voi?



VOTO RECENSORE
83
VOTO LETTORI
56.61 su 26 voti [ VOTA]
hm is the law
Venerdì 8 Luglio 2011, 15.17.37
8
@ Er Trucido: infatti per me è l'outro il vero problema di quest'album.
Er Trucido
Venerdì 8 Luglio 2011, 10.09.40
7
Sisi, l'unica cosa che mi fa propendere per uno rispetto che all'altro è la presenza in questo disco dell'outro abbastanza inutile e del solo (di pregevole fattura eh). questione di gusti ovviamente, ma comunque è un discone e la trilogia KYE, AP e N$ deve essere nella discografia di ogni cultore del thrash anni 80
hm is the law
Venerdì 8 Luglio 2011, 10.04.35
6
Eh già anche Annihilation Principle è na mazzata in mezzo ai denti per me sta al pari di KYE
Er Trucido
Giovedì 7 Luglio 2011, 23.57.14
5
Bellissimo disco, il mio preferito è il successivo Annihilation Principle, ma questo è veramente un album che ogni thrasher che si rispetti deve ascoltare
BILLOROCK fci.
Giovedì 7 Luglio 2011, 20.48.16
4
hm is the law: il vero calcio e la vera musica è una goduria immensa !! rock n roll for ever, brothers....
hm is the law
Giovedì 7 Luglio 2011, 20.29.04
3
@ 100% LAZIO @ BILLOROCK fci.: calcisticamente parlando vi odio, ma vi amo perchè condividete la mia stessa passione per la musica doc (so della Roma per chi non lo avesse capito)
BILLOROCK fci.
Giovedì 7 Luglio 2011, 17.10.13
2
ciao cugino!! ma forza inter
100% LAZIO
Giovedì 7 Luglio 2011, 15.51.39
1
UN DISCO DA PANICO!!!!! 90 E LODE!
INFORMAZIONI
1987
Target Records
Thrash
Tracklist
1. Demolition
2. Last Breath
3. Euroshima
4. Most Dangerous Game
5. Shot To Hell
6. Say Goodbye M.F.
7. Self Destruct
8. Means To An End
9. I'm Electric
10. Mad Axe Attack
11. Shit's Ugly
Line Up
Michael Coons (Voce)
Aaron Jellum (Chitarra)
Phil Kettner (Chitarra)
Willie Lange (Basso)
Victor Agnello (Batteria)
 
RECENSIONI
70
85
83
83
65
70
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]